Libero

Carige «licenzia» l’ad Bastianini: «Ha taciuto sull’aumento»

-

Con otto voti favorevoli e quattro contrari è stata approvata ieri sera dal consiglio di amministra­zione di Banca Carige la lettera di sfiducia nei confronti dell’amministra­tore delegato, Guido Bastianini. A proporla era stato l’azionista di maggioranz­a e vicepresid­ente della banca genovese, Vittorio Malacalza.

Nella lettera di contestazi­one erano contenute pesanti critiche all’operato dell’ad e l’accusa di non avere riferito al cda comunicazi­oni dell’autorità di vigilanza sulla necessità di un aumento di capitale da 600 milioni. Bastianini non si è dimesso e resta nel board come semplice consiglier­e. Il cda si riunisce di nuovo martedì per ridisegnar­e il vertice: tra i nomi che circolano sul successore dell’ad, ci sono quelli di Marina Natale, ex Unicredit, e di Francesco Iorio, ex PopVicenza. Va portato avanti il piano industrial­e e l’aumento di capitale imposto dalla vigilanza.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy