Libero

Martedì i cda degli istituti veneti dovranno alzare bandiera bianca

-

Ultimi giorni drammatici e di flebile speranza per PopVicenza e Veneto Banca. I cda dei due istituti del NordEst si riuniranno martedì e, salvo miracoli, diranno alla vigilanza della Bce che non ci sono soluzioni per il salvataggi­o. Mancano privati disposti a versare 1,2 miliardi di euro per la ricapitali­zzazione supportata dal Tesoro con 4-5 miliardi; e manca la volontà del governo di procedere comunque alla nazionaliz­zazione delle “venete”. Frattanto, va avanti il negoziato di palazzo Chigi con Intesa e Unicredit, chiamate a un intervento di sistema. I due primi gruppi del Paese hanno posto una condizione precisa: o partecipan­o tutti gli istituti di credito italian’ o non si fa nulla. I manager di Vicenza e Montebellu­na si preparano al peggio per chiedere alla Bce come procedere. Tre, sulla carta, le opzioni: bail in, liquidazio­ne ordinata o fallimento. Un bagno di sangue, in tutti e tre i casi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy