Fa­bri­zio Mo­ro: «Svec­chia­re la Rai per cam­bia­re San­re­mo»

Libero - - Spettacoli - FABRIZIA MIRABELLA RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

«Ho ini­zia­to ad una fe­sta di pae­se. Il pal­co? Qua­le pal­co? Suo­na­vo so­pra una fi­la di ta­vo­li­ni da cam­peg­gio at­tac­ca­ti l’uno all’al­tro». Dal 1996 ad og­gi, Fa­bri­zio Mo­ro ha avu­to bi­so­gno so­lo di tre in­gre­dien­ti per di­ven­ta­re uno dei can­tau­to­ri più sti­ma­ti del no­stro Pae­se: co­stan­za, co­rag­gio e una buo­na do­se di hit az­zec­ca­te.

Nel tuo nuo­vo sin­go­lo «An­dia­mo», trat­to dall’al­bum Pa­ce (So­ny), can­ti le fe­ri­te dell’ani­mo uma­no. La tua più pro­fon­da?

«So­no sva­ria­te. E tut­te in un mo­do o nell’al­tro ri­con­du­ci­bi­li al mio la­vo­ro. Le por­te chiu­se, le de­lu­sio­ni, i no - tan­ti - ri­ce­vu­ti. Al­cu­ne me le so­no per­si­no au­to pro­cu­ra­te, quan­do mi co­strin­ge­vo a non get­ta­re la spu­gna».

I tuoi te­sti par­lan­do di ma­fia, giu­sti­zia e per­si­no del ca­so Cuc­chi. Pen­si che la for­ma can­zo­ne pos­sa far ar­ri­va­re mes­sag­gi co­sì pro­fon­di an­che nel 2017? «As­so­lu­ta­men­te. In mol­ti mi scri­vo­no che do­po aver ascol­ta­to i miei pez­zi han­no de­ci­so di in­tra­pren­de­re la car­rie­ra da av­vo­ca­to o stu­dia­re giu­ri­spru­den­za. Non c’è or­go­glio più gran­de».

Co­sa ci vuo­le per svec­chia­re San­re­mo?

«Pen­sa­re più al­la mu­si­ca che al­lo show. Far sì che par­te­ci­pi­no mol­ti gio­va­ni e non so­lo una de­ci­na. Ma tan­to non cam­bia nul­la. In Ita­lia ci so­no sem­pre le so­li­te fac­ce ovun­que: dal­la mu­si­ca al­la po­li­ti­ca. Il pro­ble­ma è che bi­so­gne­reb­be svec­chia­re la Rai per pri­ma».

Me­glio la ga­vet­ta nei pub sot­to ca­sa Fa­bri­zio Mo­ro o un ta­lent?

«Bi­so­gna pren­de­re tut­to ciò che si ha. Riu­sci­te ad en­tra­re ad Ami­ci o X Fac­tor? Poi pe­rò do­ve­te suo­na­re in gi­ro. Per­ché quel­la po­po­la­ri­tà du­ra una man­cia­ta di me­si e poi spa­ri­sci. La ga­vet­ta ti for­ma con­tro le fra­gi­li­tà, ti aiu­ta ad ac­qui­si­re cre­di­bi­li­tà nei con­fron­ti del pub­bli­co. Se non emo­zio­ni la gen­te, la fa­ma non ti aiu­te­rà a riem­pi­re le piaz­ze l’an­no do­po un ta­lent e quel­lo do­po an­co­ra».

Co­sa ne pen­si del­la so­li­tu­di­ne nel mon­do del bu­si­ness mu­si­ca­le?

«Ho un pes­si­mo rap­por­to con la so­li­tu­di­ne. So­no con­trad­dit­to­rio: amo il mio es­se­re in­ti­mi­sta, ma al con­tem­po star so­lo mi spa­ven­ta mol­to. Ho sem­pre bi­so­gno di qual­cu­no: un ami­co, una don­na...».

Con la tua eti­chet­ta di­sco­gra­fi­ca «La Fat­to­ria del Mo­ro Pu­bli­shing» svol­gi an­che at­ti­vi­tà di ta­lent scou­ting. Qua­li ar­ti­sti emer­gen­ti di suc­ces­so ti sa­reb­be pia­ciu­to pro­dur­re?

Hai scrit­to per gli Sta­dio, Noe­mi, Em­ma Mar­ro­ne. La col­la­bo­ra­zio­ne non an­co­ra di­ve­nu­ta real­tà?

«Non rie­sco a scri­ve­re per gli al­tri. Scri­vo sem­pre e so­lo per me, poi sem­mai re­ga­lo il te­sto. Cer­to è che se Va­sco mi chia­mas­se...». Che sen­sa­zio­ni pro­vi sul pal­co? «È la par­te più gra­ti­fi­can­te del mio la­vo­ro. Pri­ma di es­se­re una per­so­na te­le­vi­si­va so­no un ar­ti­sta. Ho bi­so­gno di suo­na­re dal vi­vo. Al­cu­ni ti pro­pon­go­no di can­ta­re in play­back, ma sen­za pia­no­for­te e chi­tar­ra mi sen­to un co­glio­ne».

Se pa­dre di due bim­bi e il di­sco è de­di­ca­to al­la tua fa­mi­glia. Co­me vi­vi la pa­ter­ni­tà da ar­ti­sta sem­pre in gi­ro?

«Non be­ne. Il pen­sie­ro di non po­ter sta­re al lo­ro fian­co mi fa sof­fri­re. E an­che per lo­ro è co­sì. Mio fi­glio si è al­lon­ta­na­to dal­la mu­si­ca pro­prio per que­sto, lo ve­de co­me il mo­ti­vo per cui suo pa­pà è sem­pre via».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.