Per com­pia­ce­re la Bo­ni­no co­pro­no Ge­sù in chie­sa

Em­ma pon­ti­fi­ca di ac­co­glien­za, ma non ha sa­pu­to ac­co­glie­re la vi­ta den­tro di sé Fi­schia­ti e al­lon­ta­na­ti dal­la par­roc­chia co­lo­ro che han­no evi­den­zia­to il pa­ra­dos­so

Libero - - Da Prima Pagina - di GIANLUCA VENEZIANI

Nien­te, c’è che il cro­ci­fis­so in bel­la mo­stra non ci può più sta­re. Se lo espo­ni in un’au­la sco­la­sti­ca, rischi di of­fen­de­re gli isla­mi­ci. Se lo espo­ni in una chie­sa, rischi di tur­ba­re le co­scien­ze dei non cre­den­ti. Co­sì il cro­ci­fis­so, se­gno di scan­da­lo per i giu­dei e stol­tez­za per i pa­ga­ni, og­gi è di­ve­nu­to og­get­to di scan­da­lo in pri­mo luo­go per i cri­stia­ni, o pre­sun­ti ta­li, che si ver­go­gna­no del­la sua pre­sen­za, lo ri­muo­vo­no dal­le pa­re­ti del­le lo­ro ca­se e chie­se, ne so­no tur­ba­ti o te­mo­no di pro­vo­ca­re con es­so l’al­trui tur­ba­men­to, non co­glien­do più in quel cor­po iner­me il sim­bo­lo dei pec­ca­ti uni­ver­sa­li re­den­ti; né la gran­dez­za del ge­sto di un Dio che è sce­so sul­la Ter­ra fi­no ad ac­cet­ta­re la mor­te di cro­ce; e co­sì di­men­ti­can­do il se­gno e il sen­so stes­so del lo­ro es­se­re cri­stia­ni.

E do­vreb­be por­si se­ria­men­te la do­man­da su co­sa re­sta del suo cri­stia­ne­si­mo don Ma­rio Mar­chio­ri, il par­ro­co del­la chie­sa di San De­fen­den­te a Ron­co di Cos­sa­to (Biel­la) che, in oc­ca­sio­ne dell’in­vi­to in par­roc­chia a Em­ma Bo­ni­no, ha pen­sa­to be­ne di na­scon­de­re il cro­ci­fis­so e oc­cul­ta­re il ta­ber­na­co­lo, ca­so mai l’il­lu­stre ospi­te ne re­stas­se tur­ba­ta. La Ca­sa del Si­gno­re che vie­ne pri­va­ta del vol­to, del cor­po e quin­di del no­me del suo Pro­prie­ta­rio, la Chie­sa che da tem­pio di Cri­sto di­ven­ta spe­lon­ca di lai­ci­sti e pre­ti in odor di ere­sia.

Ma, al di là del ge­sto ter­ri­bi­le (per un cat­to­li­co) e scon­vol­gen­te (per qua­lun­que per­so­na di buon sen­so), è lo stes­so in­vi­to al­la Bo­ni­no a suo­na­re co­me un in­com­pren­si­bi­le se­gno di con­trad­di­zio­ne: lei che ha pre­di­ca­to e pra­ti­ca­to una vi­ta con­tro la Chie­sa cat­to­li­ca, che ha pro­va­to a mi­na­re i fon­da­men­ti cri­stia­ni nel­la vi­ta ci­vi­le a par­ti­re dai te­mi eti­ci (in­di­men­ti­ca­bi­li le sue lot­te per l’eu­ta­na­sia, la le­ga­liz­za­zio­ne del­le dro­ghe), lei che in pri­ma per­so­na si è re­sa pro­ta­go­ni­sta di un cri­mi­ne ri­te­nu­to in­tol­le­ra­bi­le dal­la Chie­sa, l’abor­to, per­di­più in ma­nie­ra rei­te­ra­ta (nel­la sua “car­rie­ra” Em­ma van­ta 10mi­la abor­ti ese­gui­ti con una pom­pa di bi­ci­clet­ta) e non so­lo da ar­te­fi­ce ma an­che da te­sti­mo­ne (la Bo­ni­no si fe­ce met­te­re in­cin­ta per poi abor­ti­re e di­mo­stra­re che non era un dram­ma) ora vie­ne ac­col­ta co­me un’au­to­re­vo­le re­la­tri­ce e una vo­ce da ascol­ta­re per i cri­stia­ni. Al­la fac­cia dell’esem­pio, del mo­del­lo da imi­ta­re, del­la se­que­la di Cri­sto, su cui - mol­to più che sul­le pa­ro­le - si fon­da la vi­ta di un cri­stia­no. E que­sto, som­ma bef­fa, men­tre i cri­stia­ni (quel­li ve­ri) dell’as­so­cia­zio­ne “Ora et la­bo­ra in di­fe­sa del­la vi­ta” che ma­ni­fe­sta­va­no con­tro la pre­sen­za del­la Bo­ni­no, re­sta­va­no fuo­ri dal­la chie­sa, qua­si da reiet­ti, trat­ta­ti da pro­fa­ni in un luo­go sa­cro che ve­ni­va dis­sa­cra­to.

Co­me se non ba­stas­se, ci han­no pen­sa­to i con­te­nu­ti stes­si del­la con­fe­ren­za del­la Bo­ni­no ad ac­cre­sce­re l’in­di­gna­zio­ne. Nel suo mo­no­lo­go

sui mi­gran­ti, sull’ur­gen­za di in­te­gra­zio­ne che fa ca­po al­la cam­pa­gna “Ero stra­nie­ro”, la Bo­ni­no ha fat­to ri­fe­ri­men­to al­la ne­ces­si­tà di sal­va­re vi­te uma­ne, di ac­co­glie­re e tu­te­la­re i di­spe­ra­ti «a me­no che non vo­glia­mo af­fo­gar­li tut­ti nel Me­di­ter­ra­neo» e scon­giu­ra­re co­sì una stra­ge uma­ni­ta­ria. Ma co­me, pro­prio lei, che è sta­ta ar­te­fi­ce di un ve­ro ec­ci­dio, che ha com­mes­so non so­lo un pec­ca­to (per i cre­den­ti) ma an­che un rea­to (per­ché nel 1975,

quan­do si è eser­ci­ta­ta in quel­la pra­ti­ca da “mam­ma­na”, la leg­ge sull’abor­to an­co­ra non esi­ste­va), lei che da don­na non si è pre­sa mai cu­ra del­la vi­ta uma­na na­scen­te, del più in­di­fe­so tra tut­ti, il fe­to, an­zi ha aiu­ta­to a sba­raz­zar­se­ne, ora va in chie­sa a fa­re il pre­di­coz­zo sull’aiu­to ai mi­gran­ti? E chi ha ten­ta­to di se­gna­lar­le que­sto cor­to­cir­cui­to, co­me il co­rag­gio­so gi­ne­co­lo­go pro li­fe Lean­dro Alet­ti, che le ha fat­to pre­sen­te l’as­sur­di­tà di «sen­tir par­la­re di ac­co­glien­za da una che non ac­co­glie i no­stri fi­gli» è sta­to bel­la­men­te som­mer­so dai fi­schi, men­tre chi pro­va­va a par­teg­gia­re per lui, co­me Al­ber­to Ce­rut­ti, vi­ce­pre­si­den­te dell’as­so­cia­zio­ne “Di­fen­de­re la vi­ta con Ma­ria”, è sta­to mol­to de­mo­cra­ti­ca­men­te al­lon­ta­na­to dal­la chie­sa.

Ma, non pa­ga, la Bo­ni­no ha pro­va­to an­che a mi­ni­miz­za­re quel­le sue azio­ni cri­mi­no­se (ed eti­ca­men­te ri­pro­ve­vo­li, lo di­cia­mo a gran vo­ce) co­me fat­te­rel­li pas­sa­ti, co­me qual­co­sa di sor­pas­sa­to e som­mer­so che non è cor­ret­to ri­van­ga­re, «po­le­mi­che di gio­ven­tù, di­scus­sio­ni che pen­sa­vo an­ti­che, che non mi spa­ven­ta­no». E cer­to, è co­me di­re che do­vrem­mo di­men­ti­car­ci del­le 10mi­la per­so­ne am­maz­za­te da Ti­to nel­le foi­be per­ché, in fon­do, do­po è di­ven­ta­to un gran­de sta­ti­sta... In tut­to que­sto ciò che in­di­gna, an­zi di­sgu­sta, mag­gior­men­te è il si­len­zio col­pe­vo­le dell’isti­tu­zio­ne Chie­sa, l’at­teg­gia­men­to re­ni­ten­te e re­ti­cen­te del ve­sco­vo di Biel­la che si li­mi­ta a di­re che «il luo­go era inop­por­tu­no» an­che se i con­te­nu­ti con­di­vi­si­bi­li, e l’as­so­lu­to no com­ment da par­te del­le al­te sfe­re del Vaticano, a par­ti­re da quel Pa­pa Fran­ce­sco che, fi­gu­ria­mo­ci, al­la Bo­ni­no fa chia­ma­te di cor­te­sia, e non sta­rà cer­to a espor­si per un rim­brot­to o una “fat­wa” con­tro il par­ro­co... Ma tut­to tor­na: uo­mi­ni co­me don Mar­chio­ri non so­no lu­pi so­li­ta­ri nel­la chie­sa ber­go­glia­na, “ji­ha­tei­sti” iso­la­ti, ma so­no par­te in­te­gran­te di quell’hu­mus, an­zi il suo pro­dot­to più fre­quen­te, pre­ti che pre­di­ca­no e an­nun­cia­no il Ver­bo sì, ma del Ne­mi­co, che re­ma­no con­tro, che fan­no il gio­co di cri­stia­no­fo­bi e mi­scre­den­ti, che so­prat­tut­to of­fen­do­no e rin­ne­ga­no Lui, l’Uo­mo in Cro­ce del qua­le do­vreb­be­ro es­se­re i rap­pre­sen­tan­ti in Ter­ra. Se, co­me di­ce­va il gran­dis­si­mo En­zo Jan­nac­ci, il Cri­sto ora tor­nas­se tra di noi, di si­cu­ro li pren­de­reb­be im­me­dia­ta­men­te a cal­ci nel cu­lo.

Em­ma Bo­ni­no nel­la chie­sa del Biel­le­se

Comments

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.