Il Pd tas­sa i manager pub­bli­ci che no­mi­na

Un re­go­la­men­to in­ter­no ob­bli­ga gli am­mi­ni­stra­to­ri in­di­ca­ti dai dem a ver­sa­re un con­tri­bu­to che può ar­ri­va­re al 30 per cen­to del­la re­tri­bu­zio­ne. Ma è ne­ces­sa­rio anche se­gui­re un co­di­ce eti­co e la li­nea im­po­sta dal par­ti­to

Libero - - Primo Piano - FRAN­CO BECHIS RIPRODUZIO­NE RISERVATA RIPRODUZIO­NE RISERVATA

In gran par­te dell’Ita­lia la tas­sa è del 10%. In qual­che pro­vin­cia oscil­la fra il 15 e il 18% A Man­to­va pe­rò c’è lo scon­to: 8%. In Ve­ne­to va an­co­ra più di lus­so: 6%. A Sie­na in­ve­ce è una mez­za tra­ge­dia: 30%. Un manager pub­bli­co de­ve sta­re at­ten­to al­le com­po­si­zio­ni del­le giun­te co­mu­na­li, di cit­tà me­tro­po­li­ta­ne, pro­vin­ce e Re­gio­ni. Perché se lì comanda il Pd, scat­ta quel­la tas­sa: una par­te del­lo sti­pen­dio che pren­de­rà per fa­re il pre­si­den­te, l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, il di­ret­to­re ge­ne­ra­le, il con­si­glie­re di am­mi­ni­stra­zio­ne o il re­vi­so­re dei con­ti de­ve es­se­re ver­sa­ta nel­le cas­se lo­ca­li del par­ti­to di cui è se­gre­ta­rio Mat­teo Renzi.

Co­sì è scrit­to nei sin­go­li re­go­la­men­ti fi­nan­zia­ri del Pd, il solo par­ti­to in Ita­lia che sta­bi­li­sce una re­go­la co­sì bor­der li­ne non solo per i pro­pri elet­ti o chia­ma­ti ad in­ca­ri­chi di go­ver­no, ma anche per i «no­mi­na­ti» e i «de­si­gna­ti» con il con­tri­bu­to de­ter­mi­nan­te del par­ti­to ad in­ca­ri­chi in en­ti e so­cie­tà pub­bli­che, per­fi­no di di­rit­to pri­va­to. Una tas­sa im­pro­pria, che po­treb­be ap­pa­ri­re un ri­cat­to ver­so pro­fes­sio­ni­sti e che in­di­ca una con­ce­zio­ne pro­prie­ta­ria dell’en­te pub­bli­co, con il solo pre­gio di ban­di­re ogni ipo­cri­sia. Nei suoi re­go­la­men­ti in­ter­ni il Pd fa piaz­za pu­li­ta di tan­ta re­to­ri­ca che i suoi stes­si espo­nen­ti spar­go­no in di­chia­ra­zio­ni pub­bli­che quan­do si no­mi­na que­sto o quel pro­fes­sio­ni­sta in va­ri cda pub­bli­ci. Con­ta­no ze­ro i gran­di cur­ri­cu­la, sono ne­ga­ti­ve le ca­rat­te­ri­sti­che di in­di­pen­den­za, si ba­da al so­do: se vuoi quel­la pol­tro­na, pri­ma de­vi ga­ran­ti­re al par­ti­to che fa­rà il tuo no­me il ri­tor­no fi­nan­zia­rio, il pa­ga­men­to di quel­la tas­sa. E al­cu­ni re­go­la­men­ti di fe­de­ra­zio­ni Un pas­sag­gio di un re­go­la­men­to in­ter­no al Pd lo­ca­li del Pd pre­ve­do­no espres­sa­men­te, scri­ven­do­la ne­ro su bian­co la pu­ni­zio­ne in ca­so di man­ca­to pa­ga­men­to anche par­zia­le del­la tas­sa «politica»: il ti­zio si può scor­da­re un al­tro in­ca­ri­co pub­bli­co se il Pd sa­rà de­ci­si­vo nel­la scel­ta.

La vet­ta più straor­di­na­ria la toc­ca il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co di Cre­mo­na, che ol­tre al re­go­la­men­to fi­nan­zia­rio per la tas­sa sul no­mi­na­to o de­si­gna­to, ha ap­pro­va­to anche un esi­la­ran­te (non si par­las­se di ar­go­men­ti co­sì se­ri) do­cu­men­to di tre pa­gi­net­te con le «Li­nee gui­da per la scel­ta dei sog­get­ti da in­di­ca­re ai fi­ni del­la no­mi­na nei con­si­gli di am­mi­ni­stra­zio­ne di so­cie­tà pub­bli­che e /o a par­te­ci­pa­zio­ne pub­bli­ca». Il cul­mi­ne si toc­ca nel com­ma 5 del do­cu­men­to sul­le «nor­me di com­por­ta­men­to a cui il no­mi­na­to/a do­vrà at­te­ner­si»: nes­su­na dif­fe­ren­za ses­si­sta in que­sta scel­ta di fa­re car­ta strac­cia di nor­me del co­di­ce ci­vi­le e anche un po’ del co­di­ce pe­na­le ita­lia­no.

Il Pd di Cre­mo­na spie­ga che «una vol­ta ef­fet­tua­ta la de­si­gna­zio­ne il no­mi­na­to do­vrà sot­to­scri­ve­re per ac­cet­ta­zio­ne un do­cu­men­to con­te­nen­te le re­go­le di com­por­ta­men­to che do­vrà adot­ta­re».

Ed ec­co qui le re­go­le che fan­no im­pal­li­di­re i con­trat­ti fir­ma­ti dai can­di­da­ti M5S con la Ca­sa­leg­gio & as­so­cia­ti. Ov­via­men­te c’è espres­sa la tas­sa, vi­sto che il no­mi­na­to in un cda pub­bli­co do­vrà «con­tri­bui­re al so­sten­ta­men­to del Par­ti­to in con­for­mi­tà con quan­to sta­bi­li­to dai re­go­la­men­ti na­zio­na­li e re­gio­na­li», im­pe­gnan­do­si per al­tro a «ri­spet­ta­re il li­mi­te di man­da­to, ov­ve­ro non po­trà ac­cet­ta­re più di due man­da­ti nel me­de­si­mo en­te».

Non solo: il manager po­trà es­se­re anche l’uo­mo gui­da del­la più importante mu­ni­ci­pa­liz­za­ta, che ma­ga­ri è quo­ta­ta in Bor­sa, ma do­vrà ave­re co­me pri­mo ri­fe­ri­men­to il par­ti­to a cui de­ve quell’in­ca­ri­co. Ga­ran­ten­do «la pro­pria di­spo­ni­bi­li­tà ogni qual vol­ta ven­ga chia­ma­to a ren­de­re in­for­ma­zio­ni o co­mu­ni­ca­zio­ni agli or­ga­ni­smi del par­ti­to che lo ri­chie­da­no». Di più: il po­ve­ret­to - pur es­sen­do in re­go­la con i ver­sa­men­ti e mol­to gen­ti­le, do­vrà ri­nun­cia­re ad ogni au­to­no­mia in­tel­let­tua­le. Perché nel con­trat­to con il Pd per es­se­re no­mi­na­to fir­ma una con­di­zio­ne-ca­pe­stro: «nel ca­so di gra­vi dif­for­mi­tà fra le pro­prie scel­te all’in­ter­no del cda di ap­par­te­nen­za e gli orien­ta­men­ti po­li­ti­ci espres­si dal­la se­gre­te­ria pro­vin­cia­le, è do­vu­to un confronto con gli or­ga­ni­smi di de­si­gna­zio­ne».

Il cul­mi­ne pe­rò è un al­tro an­co­ra: il manager do­vrà ga­ran­ti­re al Pd di «te­ne­re una con­dot­ta so­bria e de­co­ro­sa nel­la vi­ta pub­bli­ca e privata». Sì anche privata: il Pd per no­mi­nar­ti in quel cda non vuo­le che tu pos­sa ave­re aman­ti, va­da in di­sco­te­ca, ma­ga­ri be­va qual­che goc­cio in più in una se­ra­ta con ami­ci. E chis­sà se avrà da ri­di­re su qual­che ve­sti­to va­rio­pin­to in va­can­za... dal­la pro­cu­ra di Ci­vi­ta­vec­chia, i mi­li­ta­ri han­no rin­trac­cia­to, cen­si­to e se­que­stra­to ven­ti pom­pe idrau­li­che abu­si­ve. Tu­ba­tu­re po­si­zio­na­te su ter­re­ni pri­va­ti nei Co­mu­ni di Brac­cia­no, An­guil­la­ra e Tre­vi­gna­no che pre­le­va­va­no ac­qua dal lago il­le­gal­men­te. Ai re­spon­sa­bi­li sono sta­ti no­ti­fi­ca­ti ven­ti av­vi­si di ga­ran­zia per in­qui­na­men­to am­bien­ta­le col­po­so. Ope­ra­zio­ne che ha of­fer­to ad Acea l’oc­ca­sio­ne per ti­rar­si an­co­ra una vol­ta fuo­ri dall’emer­gen­za. «Il lago di Brac­cia­no, tra caldo e al­lac­ci abu­si­vi, per­de quo­ta anche in as­sen­za di pre­lie­vi», ha os­ser­va­to Sac­ca­ni. Anche la Chie­sa pro­va a da­re una ma­no, a suo mo­do. Il ve­sco­vo di Rie­ti ha in­fat­ti in­vi­ta­to i sa­cer­do­ti a ce­le­bra­re mes­se “ad pe­ten­dam plu­viam”, co­me si fa­ce­va nel Me­dioe­vo, per in­vo­ca­re la piog­gia.

T.M.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.