Ca­saPound apre la cen­te­si­ma se­de

Il mo­vi­men­to ar­ri­va pu­re a Ca­glia­ri. Boom di iscrit­ti, che pas­sa­no da 7mi­la a 20mi­la

Libero - - Italia - ILA­RIA PEDRALI

Ca­saPound fa cen­to. Nei gior­ni scor­si è sta­ta inau­gu­ra­ta a Ca­glia­ri, tra le pro­te­ste del­la si­ni­stra e dei cen­tri so­cia­li, la se­de nu­me­ro 100 del mo­vi­men­to. «Ci con­te­sta­no il fat­to di esi­ste­re», af­fer­ma il lea­der di Ca­saPound Ita­lia, Gian­lu­ca Ian­no­ne, che pro­va a spie­ga­re il suc­ces­so del­la sua crea­tu­ra, na­ta a Ro­ma nel lon­ta­no 2003 con l’oc­cu­pa­zio­ne di un pa­laz­zo in via Na­po­leo­ne III, nel mul­tiet­ni­co quar­tie­re dell’Esqui­li­no. «La si­ni­stra ce l’ha con noi per­ché lo­ro vo­glio­no il con­trol­lo del di­sa­gio so­cia­le, fan­no fin­ta di ri­sol­ver­lo e di tro­va­re so­lu­zio­ni ma il po­po­lo non è stu­pi­do e or­mai se n’è ac­cor­to. La bat­ta­glia per lo ius so­li ne è l’esem­pio più lam­pan­te. Ca­saPound crea so­lu­zio­ni di so­li­da­ri­smo so­cia­le al­ter­na­ti­ve a quel­le del­la si­ni­stra e que­sto si­gni­fi­ca per lo­ro una per­di­ta del con­sen­so». Le co­se non van­no me­glio da de­stra: «La de­stra, an­che quel­la più estre­ma, in­ve­ce, ce l’ha con noi per­ché noi sia­mo quel­lo che lo­ro non so­no mai riu­sci­ti a di­ven­ta­re». Già. Per­ché Ca­saPound nel gi­ro di un an­no è riu­sci­ta qua­si a tri­pli­ca­re il nu­me­ro dei sui mi­li­tan­ti, pas­san­do dai 7mi­la tes­se­ra­ti del 2016 ai 20mi­la di que­st’an­no. Da quan­do Ca­saPound è na­to uf­fi­cial­men­te co­me mo­vi­men­to, nel 2008, so­no sta­te aper­te se­di con il rit­mo, in me­dia, di una al me­se. Vi­sto il for­te ra­di­ca­men­to sul ter­ri­to­rio e la vi­ci­nan­za agli ita­lia­ni più di­sa­gia­ti, le se­di spes­so sor­go­no in pe­ri­fe­ria. Il Lazio la fa da pa­dro­ne per nu­me­ro di se­di, poi c’è la To­sca­na, l’Abruz­zo, l’Um­bria. Tut­te si au­to­fi­nan­zia­no, me­dian­te la mi­li­tan­za, il tes­se­ra­men­to, la ven­di­ta di gad­get, il vo­lon­ta­ria­to. Ba­sti pen­sa­re che nel­la se­de sto­ri­ca di via Na­po­leo­ne III non esi­sto­no le chia­vi del pa­laz­zo: c’è sem­pre un vo­lon­ta­rio che a tur­no fa ser­vi­zio di por­ti­ne­ria. Ogni se­de è an­che un pun­to di ri­fe­ri­men­to per la po­po­la­zio­ne: ol­tre ad ave­re un pub, qui ven­go­no di­stri­bui­ti i pac­chi ali­men­ta­ri al­le fa­mi­glie ita­lia­ne in dif­fi­col­tà.

Pa­ral­le­la­men­te al­la cre­sci­ta del mo­vi­men­to è cre­sciu­to an­che il con­sen­so elet­to­ra­le di Ca­saPound. «La gen­te si in­cu­rio­si­sce e poi si in­na­mo­ra di noi», spie­ga Ian­no­ne, a cui fa

eco il vi­ce­pre­si­den­te Si­mo­ne Di Ste­fa­no: «Più ci co­no­sco­no più at­ti­ria­mo con­sen­si ed è per que­sto che Cpi è esclu­sa dai me­dia tra­di­zio­na­li. Per que­sto sia­mo noi ad aver in­vi­ta­to i gran­di me­dia nel­la no­stra se­de cen­tra­le a Ro­ma per con­fron­tar­ci sui te­mi im­por­tan­ti. I gran­di me­dia ci di­co­no “prima fa­te i ri­sul­ta­ti e poi di voi par­le­re­mo”, an­che se in real­tà noi sia­mo si­cu­ri che par­le­ran­no di noi ma non fa­ran­no par­la­re noi». I ri­sul­ta­ti al mo­men­to so­no ar­ri­va­ti in va­ri co­mu­ni, in to­ta­le sul ter­ri­to­rio ita­lia­no so­no 11 i con­si­glie­ri elet­ti, tre in To­sca­na, do­ve a Luc­ca Cpi è la ter­za for­za po­li­ti­ca in cit­tà so­pra il Mo­vi­men­to 5 stel­le, tre a Bol­za­no, una a Iser­nia che è an­che la più gio­va­ne con­si­glie­ra d’Ita­lia. E poi in Lom­bar­dia, Um­bria, Pu­glia. Qual­che vi­ce­sin­da­co, co­me quel­lo di Mon­te­li­bret­ti vi­ci­no a Ro­ma, ha re­cen­te­men­te fat­to ou­ting ed è pas­sa­to col mo­vi­men­to. Pre­sto, as­si­cu­ra­no da Cpi, po­treb­be­ro ar­ri­va­re al­tre ade­sio­ni, per­si­no da sin­da­ci.

E poi c’è il ban­co di pro­va di Ostia, che vie­ne con­si­de­ra­to il tram­po­li­no di lan­cio su sca­la na­zio­na­le. Que­sto per­ché la pro­po­sta po­li­ti­ca di Ca­saPound, spie­ga Di Ste­fa­no, è di­ver­sa da quel­le del pa­no­ra­ma at­tua­le: «Dal­la si­ni­stra fi­no al­la Le­ga e al Mo­vi­men­to 5 Stel­le l’obiet­ti­vo è quel­lo di ar­ri­va­re in Par­la­men­to per go­ver­na­re in­sie­me, fa­cen­do fin­ta di li­ti­ga­re. Noi al­lean­ze non ne fa­re­mo. Vo­te­re­mo a fa­vo­re del­le pro­po­ste che ab­brac­cia­no le no­stre bat­ta­glie se qual­cu­no le pro­por­rà ma non da­re­mo car­ta bian­ca al cen­tro­de­stra».

La ri­cet­ta che ha por­ta­to Ca­saPound dal quar­tie­re Esqui­li­no fi­no al­la ri­bal­ta na­zio­na­le è, se­con­do Ian­no­ne, una so­la: «Col tem­po si vie­ne pre­mia­ti, e al­la lun­ga Ca­saPound con­qui­sta la fe­del­tà elet­to­ra­le per­ché è sem­pre pre­sen­te sul ter­ri­to­rio, non so­lo nei me­si di cam­pa­gna elet­to­ra­le, ed è vi­ci­na al­le per­so­ne. È un buon esem­pio e il buon esem­pio è con­ta­gio­so, si imi­ta­no le co­se bel­le. Ca­saPound è sta­ta pro­ta­go­ni­sta di un ve­ro e pro­prio con­ta­gio idea­le per­ché è con­vin­ta che un al­tro mon­do è pos­si­bi­le. Per vol­ta­re pa­gi­na è ne­ces­sa­rio un vo­to uti­le e un vo­to uti­le è un vo­to ri­vo­lu­zio­na­rio. Vo­ta­re Ca­saPound non si­gni­fi­ca espri­me­re un vo­to di pro­te­sta, ma vo­ta­re per il cam­bia­men­to. Noi non ci li­mi­tia­mo ai vaf­fa day, noi dia­mo so­lu­zio­ni e sia­mo strut­tu­ra­ti».

La se­de ro­ma­na di Ca­saPound

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.