Car­lot­ta, la Du­cia che fa im­paz­zi­re Ca­saPound

Mam­ma e mi­li­tan­te, a Ostia la Chia­ra­lu­ce ha fat­to il re­cord di pre­fe­ren­ze: «Ba­sta con la bal­la dei fa­sci­sti mi­so­gi­ni»

Libero - - Italia - ILA­RIA PEDRALI RIPRODUZIO­NE RISERVATA RIPRODUZIO­NE RISERVATA

L’han­no ri­bat­tez­za­ta La­dy pre­fe­ren­ze, poi­ché al­le re­cen­ti ele­zio­ni al X Mu­ni­ci­pio di Ostia ha fat­to il bot­to, ot­te­nen­do il re­cord di vo­ti. Mai nes­su­no ave­va sa­pu­to fa­re me­glio di lei. È Car­lot­ta Chia­ra­lu­ce, una del­le don­ne di Ca­saPound. Seb­be­ne non sia l’uni­ca, da quan­do 1.788 elet­to­ri l’han­no vo­ta­ta a Ostia gli oc­chi so­no tut­ti pun­ta­ti su di lei, an­che gra­zie al suo av­ve­nen­te aspet­to fi­si­co che per mol­ti è sta­to per­si­no in gra­do di of­fu­sca­re quel­lo di Ni­na Mo­ric. «Mi pa­ra­go­na­no al­la Mo­ric? ’nna­mo be­ne…», scher­za, cer­can­do di nic­chia­re sul­la sua bel­lez­za sot­to­li­nean­do che «al di là dell’aspet­to este­ti­co è il mo­do in cui uno si po­ne che pre­mia, poi un bel vi­so sin­ce­ro dà si­cu­rez­za». La Chia­ra­lu­ce tie­ne an­che a pre­ci­sa­re che di don­ne che fan­no po­li­ti­ca nel mo­vi­men­to ce ne so­no mol­te e tut­te con­ten­te di quel che fan­no. «La don­na in Ca­saPound rom­pe un po’ gli sche­mi. Per­ché le per­so­ne so­no sem­pre abi­tua­te a pen­sa­re che in Cpi fac­cia­no po­li­ti­ca so­lo gli uo­mi­ni e quan­do ve­do­no una don­na la tro­va­no una no­vi­tà. Se poi la don­na in que­stio­ne è an­che ca­pa­ce e pre­pa­ra­ta, fa an­co­ra più ef­fet­to». In ef­fet­ti le don­ne di Ca­saPound so­no mol­te, e nel­le 104 se­di ita­lia­ne non man­ca la pre­sen­za fem­mi­ni­le. Al­cu­ne ri­co­pro­no an­che ruo­li im­por­tan­ti, co­me la por­ta­vo­ce mi­la­ne­se An­ge­la De Ro­sa. «An­che se non c’è una gran­de at­ten­zio­ne me­dia­ti­ca su que­sto aspet­to smon­tia­mo il teo­re­ma del­la mi­so­gi­nia dei fa­sci­sti. Se sei una per­so­na ca­pa­ce e pre­pa­ra­ta, se sei fun­zio­na­le a una cer­ta si­tua­zio­ne e fai il be­ne del mo­vi­men­to vie­ni spro­na­ta a fa­re de­ter­mi­na­te co­se».

La Chia­ra­lu­ce è la com­pa­gna Car­lot­ta Chia­ra­lu­ce du­ran­te una ma­ni­fe­sta­zio­ne di Ca­saPound

di vi­ta di Lu­ca Mar­sel­la, il can­di­da­to del­la tar­ta­ru­ga frec­cia­ta che ha ot­te­nu­to il 9% dei con­sen­si al pri­mo tur­no del­le ele­zio­ni a Ostia, e da lui ha da po­co avu­to un bam­bi­no. Ma non per que­sto ri­nun­cia al suo im­pe­gno at­ti­vo sul ter­ri­to­rio. Do­po­tut­to si sa che die­tro ogni gran­de uo­mo c’è sem­pre una don­na an­cor più gran­de.

Tra il la­vo­ro, an­che quel­lo nell’azien­da di fa­mi­glia ol­tre a quel­lo per gli ita­lia­ni di Ostia, e lo svez­za­men­to del suo bim­bo, La­dy pre­fe­ren­ze non per­de mai di vi­sta il suo im­pe­gno po­li­ti­co, frut­to di un la­vo­ro co­stan­te e con­ti­nuo, fat­to con Mar­sel­la. «Sia­mo sta­ti sem­pre pre­sen­ti e i cit­ta­di­ni han­no pre­mia­to la pre­sen­za sul ter­ri­to­rio do­po que­sti due an­ni di man­ca­ta po­li­ti­ca», con­fi­da men­tre met­te a nan­na il pu­po e in­fi­la

le scar­pe da gin­na­sti­ca per an­da­re a cor­re­re. Per­ché la cor­sa di Car­lot­ta Chia­ra­lu­ce non si fer­ma qui, al­lo sto­ri­co ri­sul­ta­to ot­te­nu­to il 5 no­vem­bre scor­so. Di se stes­sa di­ce di es­se­re un ti­po bat­ta­glie­ro, di pan­cia, che si com­ple­ta con il tem­pe­ra­men­to più pa­ca­to ed equi­li­bra­to di Lu­ca Mar­sel­la. «Man­da in Mu­ni­ci­pio una com­bat­ten­te», è sta­to lo slo­gan per le ele­zio­ni co­mu­na­li. Ma del re­sto «la po­li­ti­ca di Ca­saPound è una po­li­ti­ca di com­bat­ten­ti, per­ché è la po­li­ti­ca del­le azio­ni e dei fat­ti e non del­le chiac­chie­re. Noi non sia­mo quel­li che so­no bra­vi so­lo a sta­re in stra­da con il me­ga­fo­no, ma sia­mo an­che quel­li che in Mu­ni­ci­pio sa­pran­no tra­dur­re in at­ti i fat­ti che già fa­ce­va­mo per stra­da, bi­so­gna di­mo­stra­re di sa­pe­re fa­re la par­te bu­ro­cra­ti­ca. Per que­sto ri­te­nia­mo che man­da­re in Mu­ni­ci­pio un com­bat­ten­te che già co­no­sce il ter­ri­to­rio e che è co­no­sciu­to dal­le per­so­ne che il ter­ri­to­rio lo abi­ta­no sia una ga­ran­zia per un ot­ti­mo la­vo­ro, quel­lo che la po­li­ti­ca non fa». An­cor di più da og­gi, da­to che la sin­da­ca di Ro­ma ha de­ci­so di do­na­re mil­le eu­ro a chi ospi­ta un pro­fu­go. Ma lei non si scom­po­ne: «La Rag­gi non è nuo­va a que­ste co­se, lo ha già fat­to me­si fa con i rom. So­no po­li­ti­che già por­ta­te avan­ti dal sin­da­co Ma­ri­no, che i grillini pro­se­guo­no. Il con­cet­to pri­ma gli ita­lia­ni non è un con­cet­to nel­le cor­de dei grillini co­sì co­me non lo era per il cen­tro­si­ni­stra».

Vi­so pu­li­to, sor­ri­so sin­ce­ro e pi­glio de­ci­so, la Chia­ra­lu­ce ha sa­pu­to far­si ap­prez­za­re da­gli elet­to­ri del li­to­ra­le ro­ma­no e og­gi più che mai ha in­ten­zio­ne di con­ti­nua­re il la­vo­ro fat­to fi­no­ra. E quan­do le si chie­de dei pro­get­ti per il fu­tu­ro non si na­scon­de: «Il ter­ri­to­rio non lo ab­ban­do­no per­ché io Ostia ce l’ho nel san­gue. Poi tra tre an­ni ci sa­ran­no le co­mu­na­li, quin­di di la­vo­ro ce n’è mol­to e va se­gui­to. Con Lu­ca in Mu­ni­ci­pio bi­so­gne­rà or­ga­niz­zar­si e ge­sti­re tut­to in mo­do an­co­ra più ef­fi­ca­ce. Quin­di pen­so che sa­rò più im­pe­gna­ta di pri­ma. Per il re­sto ci so­no le ele­zio­ni re­gio­na­li e le na­zio­na­li. Io so­no a di­spo­si­zio­ne e quel­lo che ser­ve fac­cio. Se do­vrò sup­por­ta­re gli al­tri lo fa­rò vo­len­tie­ri per il be­ne del mo­vi­men­to, se bi­so­gne­rà cor­re­re cor­re­rò». In­tan­to, si al­lac­cia le scar­pe e co­min­cia ad al­le­nar­si per­ché, di­ce, «c’ho da man­te­ne­re il fi­si­co». ele­zio­ni.

Del re­sto i sim­bo­li stan­no crean­do pro­ble­mi non so­lo a si­ni­stra. Un al­tro con­ten­zio­so ri­schia di aprir­si al cen­tro. Pier Fer­di­nan­do Ca­si­ni, in­fat­ti, vuo­le chia­ma­re la li­sta che do­vreb­be al­lear­si con il Pd «I Mo­de­ra­ti». Pec­ca­to che pro­prie­ta­rio di quel mar­chio dal 2006 è Gia­co­mo Por­tas, elet­to de­pu­ta­to nel­le li­ste del Pd, ma lea­der, ap­pun­to, de I Mo­de­ra­ti, una for­ma­zio­ne che in Pie­mon­te fa ri­sul­ta­ti a due ci­fre. A To­ri­no, per esem­pio, ha ot­te­nu­to al­le ul­ti­me Am­mi­ni­stra­ti­ve il 10%. Un bot­ti­no di cui il Pd, se vuo­le vin­ce­re i col­le­gi, avrà bi­so­gno. Pe­ral­tro la ti­to­la­ri­tà del no­me è sta­ta con­fer­ma­ta da una sen­ten­za del 2009, do­po che il mo­vi­men­to di Por­tas fe­ce ri­cor­so con­tro una li­sta che ave­va uti­liz­za­to il no­me Mo­de­ra­ti. Se Ca­si­ni vuo­le usa­re quel no­me do­vrà tro­va­re un ac­cor­do con lui.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.