Tan­te don­ne sal­va­te gra­tis da Bon­gior­no e Hunziker

Libero - - Attualità -

«Bon­gior­no, as­so­cia­zio­ne o spot?», ti­to­la­va il Fat­to Quo­ti­dia­no il 25 gen­na­io un ar­ti­co­lo scrit­to da Sel­vag­gia Lu­ca­rel­li, in­si­nuan­do in que­sto mo­do che l’as­so­cia­zio­ne an­ti­vio­len­za Dop­pia Di­fe­sa On­lus possa non esi­ste­re nel­la real­tà e co­sti­tui­re un me­ro stra­ta­gem­ma, pe­ral­tro in­fa­me, di spon­so­riz­za­re se stes­se e di rac­co­glie­re fon­di da par­te del­le fon­da­tri­ci, la sho­w­girl Michelle Hunziker e l’av­vo­ca­to Giu­lia Bon­gior­no, le qua­li di spot pub­bli­ci­ta­ri e di de­na­ro non han­no di cer­to bi­so­gno. Lu­ca­rel­li rac­con­ta di ave­re but­ta­to lì un’os­ser­va­zio­ne, par­lan­do con una sua ami­ca a pro­po­si­to del­la can­di­da­tu­ra del­la Bon­gior­no con Le­ga Nord: «Cer­to che è in­stan­ca­bi­le que­sta don­na. Lo stu­dio le­ga­le, le cau­se, la po­li­ti­ca, l’as­so­cia­zio­ne Dop­pia Di­fe­sa con la Hunziker…». Ed ec­co che Lu­ca­rel­li vie­ne il­lu­mi­na­ta dall’ami­ca sul fat­to che «l’as­so­cia­zio­ne non è il pri­mo dei pen­sie­ri» dell’av­vo­ca­to. Già, stu­pi­sce ma ci so­no don­ne che rie­sco­no a fa­re tut­to e an­che be­ne, e que­sto a vol­te ri­sul­ta inac­cet­ta­bi­le. Ed ec­co al­lo­ra che si cer­ca il di­fet­to, l’er­ro­re.

Ep­pu­re so­no cir­ca 20 mi­la, os­sia ol­tre 150 al me­se, le ri­chie­ste di aiu­to o di sem­pli­ce ascol­to che ogni an­no giun­go­no all’as­so­cia­zio­ne, che da quan­do è sta­ta crea­ta, nel 2007, ha for­ni­to gra­tui­ta­men­te con­su­len­za ed as­si­sten­za le­ga­le non­ché so­ste­gno psi­co­lo­gi­co a mi­glia­ia di don­ne. Mol­te di que­ste, do­po la pub­bli­ca­zio­ne del sud­det­to ar­ti­co­lo, in cui l’au­tri­ce ha so­ste­nu­to che Dop­pia Di­fe­sa sia «tut­to fu­mo e nien­te ar­ro­sto» al­la stre­gua di una strut­tu­ra fan­ta­sma con lo­schi in­ten­ti non pre­ci­sa­ti, han­no de­ci­so di rac­con­tar­ci la lo­ro sto­ria do­lo­ro­sa e di co­me l’as­so­cia­zio­ne le ab­bia ac­col­te e so­ste­nu­te nel lun­go e tor­tuo­so per­cor­so che sfo­cia in una vi­ta nuova. Il lo­ro obiet­ti­vo non è quel­lo di di­fen­de­re chi le ha pro­tet­te, ben­sì quel­lo di fa­re in mo­do - me­dian­te i fat­ti - che un cer­to ti­po di stam­pa, che uti­liz­za la penna per con­dur­re cam­pa­gne di odio per­so­na­li, non con­du­ca mi­glia­ia di don­ne mal­trat­ta­te a con­si­de­ra­re l’at­to già di per sé ar­duo di chie­de­re aiu­to un’azio­ne inu­ti­le. «Non sie­te so­le», è que­sto il mes­sag­gio fon­da­men­ta­le che que­ste per­so­ne de­si­de­ra­no lan­cia­re a co­lo­ro che si tro­va­no a vi­ve­re si­tua­zio­ni che sem­bra­no sen­za via d’usci­ta.

«ERO DI­SPE­RA­TA»

«Su con­si­glio di una mia ami­ca, cir­ca un an­no fa mi so­no ri­vol­ta a Dop­pia Di­fe­sa e su­bi­to do­po so­no sta­ta con­tat­ta­ta dall’av­vo­ca­to Bon­gior­no, che mi ha for­ni­to i nu­me­ri per­so­na­li di due le­ga­li che col­la­bo­ra­no con l’as­so­cia­zio­ne, i qua­li mi han­no pre­sta­to as­si­sten­za im­me­dia­ta e an­che not­tur­na. Ero di­spe­ra­ta. Il pri­mo sor­ri­so l’ho in­con­tra­to in sede, do­ve non mi so­no mai sen­ti­ta giu­di­ca­ta», nar­ra S. L., 50 an­ni, che da mol­to tem­po su­bi­va gra­vis­si­mi mal­trat­ta­men­ti in fa­mi­glia. «Mio ma­ri­to è sta­to ar­re­sta­to ed al­lon­ta­na­to da ca­sa. C’è un pro­ce­di­men­to in cor­so. Non è fa­ci­le, ma non so­no più da so­la, quin­di lo af­fron­to con se­re­ni­tà. Se non aves­si avu­to il sup­por­to prov­vi­den­zia­le dell’as­so­cia­zio­ne non ce l’avrei mai fat­ta, non so­lo per­ché ero del tut­to pri­va di mez­zi eco­no­mi­ci ma an­che per­ché ero fra­gi­lis­si­ma dal pun­to di vi­sta emo­ti­vo e psi­co­lo­gi­co», con­ti­nua la si­gno­ra, che spe­ci­fi­ca: «Vor­rei di­re a co­lo­ro che fan­no i con­ti con la vio­len­za da par­te de­gli uo­mi­ni che han­no ama­to e spo­sa­to di far­si co­rag­gio, di non sen­tir­si mai sfi­du­cia­te. Si può vol­ta­re pa­gi­na e ri­co­min­cia­re».

«È do­lo­ro­so que­sto at­tac­co me­dia­ti­co, per­ché ciò che è sta­to det­to non cor­ri­spon­de al ve­ro e nes­su­no lo sa me­glio di me e del­la mia ge­mel­la. Ci è ba­sta­to scri­ve­re una mail cir­ca un an­no e mez­zo fa per es­se­re su­bi­to con­tat­ta­te. La vit­ti­ma non ero io, ben­sì mia so­rel­la, ma co­sa im­por­ta? Quan­do fan­no del ma­le a co­lo­ro che ami la fe­ri­ta brucia an­co­ra di più», di­chia­ra E. R., 25 an­ni, la cui ge­mel­la, quan­do la­vo­ra­va in un pub, era sta­ta abu­sa­ta dal suo da­to­re di la­vo­ro. «So­no co­se che non pen­se­re­sti mai che pos­sa­no ac­ca­de­re pro­prio a te. E poi suc­ce­do­no. Ti ci ri­tro­vi den­tro e sem­bra un ve­ro in­cu­bo. Era­va­mo so­le, lon­ta­ne dal­la fa­mi­glia, sen­za mez­zi. Io stu­dia­vo e l’uni­ca a la­vo­ra­re era lei. Per que­sto mia so­rel­la si era ras­se­gna­ta a non de­nun­cia­re la vio­len­za su­bi­ta. Ave­vo sen­ti­to par­la­re di que­sta as­so­cia­zio­ne in tv e de­ci­si di chia­ma­re, per­ché mai avrei ac­cet­ta­to che lei pie­gas­se la te­sta sep­pel­len­do den­tro lo stomaco que­sto do­lo­re. Il pro­ces­so è in cor­so. È tut­to an­co­ra in sa­li­ta, ma la mia ge­mel­la sta be­ne ed è as­si­sti­ta da­gli av­vo­ca­ti, ab­bia­mo in­tra­pre­so in­sie­me il per­cor­so psi­co­lo­gi­co all’in­ter­no dell’as­so­cia­zio­ne. La co­sa più bel­la che ab­bia­mo im­pa­ra­to nell’ul­ti­mo an­no gra­zie a Dop­pia Di­fe­sa è il co­rag­gio», con­clu­de E.

Di­ver­sa è la sto­ria di Mi­le­na, 27 an­ni, che si è ri­vol­ta a Dop­pia Di­fe­sa nel 2011, a 19 an­ni, quan­do il pro­ce­di­men­to nei con­fron­ti di suo pa­dre era già in cor­so in Sar­de­gna e lei si era ri­tro­va­ta pri­va di di­fe­sa do­po la ri­nun­cia del suo av­vo­ca­to ad un me­se dal­la pri­ma udien­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.