Am­ba­scia­to­re afri­ca­no un­to­re di Aids in Ita­lia?

Un do­cu­men­to ac­cu­sa il rap­pre­sen­tan­te del Ca­me­run a Roma di ave­re rap­por­ti non pro­tet­ti con mol­te don­ne

Libero - - Da Prima Pagina - Di AZ­ZUR­RA N. BARBUTO

Go­do­no di sva­ria­te im­mu­ni­tà nell’eser­ci­zio del­le fun­zio­ni, tra cui quel­la dal­la giu­ri­sdi­zio­ne pe­na­le e ci­vi­le, i ran­ghi più ele­va­ti del cor­po di­plo­ma­ti­co ac­cre­di­ta­to in un de­ter­mi­na­to Pae­se ri­ce­ven­te. For­se l’am­ba­scia­to­re del Ca­me­run a Roma, Do­mi­ni­que Awo­no Es­sa­ma, avrà (...)

(...) pen­sa­to che ta­le sta­tus lo ren­des­se del tut­to in­toc­ca­bi­le con­sen­ten­do­gli di dan­neg­gia­re in mo­do ir­re­pa­ra­bi­le la sa­lu­te del­le don­ne che so­no sta­te a let­to con lui, al­le qua­li ha ce­la­to di es­se­re sie­ro­po­si­ti­vo, pur es­sen­do­ne egli al cor­ren­te. Que­sto ri­sul­ta da un do­cu­men­to giun­to nel­le no­stre ma­ni in cui ap­pa­io­no no­mi e co­gno­mi non­ché re­ca­pi­ti del­le con­ta­gia­te, tra cui fi­gu­ra­no si­gno­re che la­vo­ra­no all’in­ter­no dell’am­ba­scia­ta stes­sa e per­si­no due pro­fes­sio­ni­ste, una del set­to­re po­li­ti­co e l’al­tra sa­ni­ta­rio, che avreb­be­ro avu­to rap­por­ti ses­sua­li non pro­tet­ti con l’am­ba­scia­to­re. Da­ta la gra­vi­tà dei fat­ti se­gna­la­ti non pos­sia­mo esi­mer­ci dal ren­der­li no­ti, an­che per­ché so­no in gio­co la sa­lu­te pub­bli­ca e la vi­ta di per­so­ne in­no­cen­ti, in­clu­si bam­bi­ni che sa­reb­be­ro na­ti dai con­giun­gi­men­ti tra il de­le­ga­to e le sue vit­ti­me, se­con­do quan­to ci è sta­to rac­con­ta­to da in­di­vi­dui in­for­ma­ti su co­de­ste vi­cen­de.

Es­sa­ma sa­reb­be un un­to­re ed avreb­be in­fet­ta­to con­sa­pe­vol­men­te le sue aman­ti fis­se ed oc­ca­sio­na­li, «spar­se qua e là nel La­zio e in altre re­gio­ni del Cen­tro-Nord. Ri­te­nia­mo co­mun­que che le vit­ti­me sia­mo mol­to nu­me­ro­se ed au­men­ti­no di giorno in giorno per­ché l’am­ba­scia­to­re con­ti­nua vo­lon­ta­ria­men­te ad ave­re rap­por­ti ses­sua­li non pro­tet­ti, ne­gan­do o na­scon­den­do la pro­pria sie­ro­po­si­ti­vi­tà. Det­to con­ta­gio si pro­trae da mol­to tem­po, pro­ba­bil­men­te già dal me­se di gen­na­io 2009, quan­do il di­plo­ma­ti­co è giun­to a Roma», si leg­ge sul­le car­te.

FON­TI IN­FOR­MA­TE

La co­mu­ni­tà ca­me­ru­nen­se, così come il go­ver­no del Pae­se afri­ca­no, non igno­re­reb­be­ro la con­dot­ta dell’am­ba­scia­to­re, il qua­le pe­rò con­ti­nua a ri­co­pri­re il suo ruo­lo e a con­su­ma­re ses­so sen­za pre­cau­zio­ni, se­con­do quan­to af­fer­ma­no per­so­ne in­for­ma­te sui fat­ti e stan­do a quan­to si leg­ge sul ver­ba­le in cir­co­la­zio­ne. «Il suo obiettivo è con­ta­gia­re il mag­gior numero di in­di­vi­dui, di en­tram­bi i ses­si», ci ha ri­fe­ri­to una fon­te po­li­ti­ca au­to­re­vo­le che fa par­te del cor­po di­plo­ma­ti­co del­la Na­zio­ne afri­ca­na e che solo per ora, al fi­ne di sal­va­guar­da­re la sua po­si­zio­ne la­vo­ra­ti­va, ha chie­sto di re­sta­re ano­ni­ma. «Tutti san­no ma nes­su­no parla. Ho già de­nun­cia­to nel 2017, sia ai ser­vi­zi se­gre­ti ita­lia­ni che al go­ver­no del Ca­me­run, que­sta si­tua­zio­ne. Ep­pu­re non c’è sta­to al­cun in­ter­ven­to ri­so­lu­ti­vo. Ogni an­no, a set­tem­bre, ar­ri­va­no dall’Afri­ca nu­me­ro­si stu­den­ti per fre­quen­ta­re in Ita­lia l’Università. L’am­ba­scia­ta è il lo­ro pun­to di ri­fe­ri­men­to. Que­sti gio­va­ni so­no a ri­schio, per­ché non han­no la for­za di sot­trar­si al potere che vie­ne eser­ci­ta­to su di lo­ro da una fi­gu­ra im­por­tan­te come quel­la del fun­zio­na­rio. Chi ha il potere in Ca­me­run si per­met­te di ap­pro­fit­ta­re di chiun­que, si sen­te au­to­riz­za­to a far­lo», con­ti­nua il no­stro in­for­ma­to­re, che so­stie­ne di ave­re a cuo­re la sor­te di que­ste in­ge­nue fan­ciul­le.

«È dif­fi­ci­le per chi è na­to in uno Sta­to de­mo­cra­ti­co com­pren­de­re quel sen­ti­men­to di paura che op­pri­me i ca­me­ru­nen­si, che vi­vo­no sul­la lo­ro pel­le un re­gi­me dit­ta­to­ria­le. Io me ne fre­go, non te­mo ri­tor­sio­ni, è giun­to il mo­men­to di ur­la­re la ve­ri­tà af­fin­ché il con­ta­gio ven­ga bloc­ca­to. Dob­bia­mo fa­re qual­co­sa per pro­teg­ge­re que­sti in­di­fe­si», ha di­chia­ra­to Fran­klin Tjol, ex presidente dell’as­so­cia­zio­ne dei ca­me­ru­nen­si di Roma.

Af­fer­ma in­ve­ce di non sa­pe­re nulla di ciò che com­bi­na l’am­ba­scia­to­re sot­to le len­zuo­la il suo au­ti­sta, Vic­tor, pri­ma li­cen­zia­to e di re­cen­te as­sun­to nuo­va­men­te da Es­sa­ma. Vic­tor ri­sul­ta in­sie­me a Fran­klin Tjol e alla dot­to­res­sa San­dri­ne Va­le­rie Ot­tou Te­m­goua, che pre­sta ser­vi­zio pres­so l’ospe­da­le Spal­lan­za­ni del­la ca­pi­ta­le, tra i sog­get­ti in­for­ma­ti sui fat­ti, sem­pre stan­do al do­cu­men­to che ab­bia­mo vi­sio­na­to, in­di­riz­za­to al co­man­do ge­ne­ra­le dei Ca­ra­bi­nie­ri di Roma e al presidente del­la Cor­te d’As­si­se ro­ma­na dal­la co­mu­ni­tà ca­me­ru­nen­se del La­zio.

Il mu­ro di omer­tà che ab­bia­mo in­con­tra­to nel rac­co­glie­re in­for­ma­zio­ni è qua­si ine­spu­gna­bi­le. «La gen­te te­me ri­per­cus­sio­ni. Io la ca­pi­sco, non la giu­di­co. Tut­ta­via, non pos­sia­mo più chiu­der­ci nel si­len­zio, poi­ché il vi­rus Hiv con­ti­nua ad espan­der­si a macchia d’olio. Io non vo­glio es­se­re com­pli­ce di que­sto cri­mi­ne», spie­ga la no­stra fon­te.

REAZIONI

«È una no­ti­zia fal­sa e dif­fa­ma­to­ria che è sta­ta bloc­ca­ta tem­po fa e co­no­scia­mo chi l’ha dif­fu­sa», ci fa sa­pe­re la con­so­le di Milano tra­mi­te la sua se­gre­ta­ria. Quan­do chie­dia­mo alla por­ta­vo­ce chi ab­bia mes­so in gi­ro que­ste in­for­ma­zio­ni in­fa­man­ti, non ri­ce­via­mo al­cu­na ri­spo­sta. «Lo­ro san­no». A noi non è da­to sa­per­lo, in­ve­ce. Ab­bia­mo pro­va­to a chia­ma­re l’am­ba­scia­to­re, ma sen­za suc­ces­so. Una del­le se­gre­ta­rie, il cui no­me ri­sul­ta tra le per­so­ne con­ta­gia­te, pri­ma ci ha ri­fe­ri­to che en­tro un’ora ci avreb­be da­to no­ti­zie in me­ri­to a que­sta vi­cen­da, do­po un po’, quan­do l’ab­bia­mo ri­con­tat­ta­ta, ci ha det­to che «par­la­re con il ca­po non è così fa­ci­le». Ci au­gu­ria­mo che Es­sa­ma fac­cia lu­ce su que­ste in­si­sten­ti e pe­san­ti ac­cu­se che gli ven­go­no mos­se da per­so­nag­gi di spic­co e an­che da per­so­ne qua­lun­que del­la sua stes­sa co­mu­ni­tà. For­se al Ca­me­run non in­te­res­sa co­sa fa il suo rap­pre­sen­tan­te in Ita­lia. Ma a noi sì, e tan­to. Vo­glia­mo dei chia­ri­men­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.