«Non esco più so­la cau­sa mi­gran­ti»

«È pie­no di stra­nie­ri che mi apo­stro­fa­no con bat­tu­te osce­ne. La nuo­va Re­te4? Cam­bia­re non è fa­ci­le»

Libero - - Da Prima Pagina - ALES­SAN­DRA MENZANI

Tra i suoi pri­mi la­vo­ri, quan­do era un’ado­le­scen­te che fa­ce­va il li­ceo artistico, c’era quel­lo di di­stri­bui­re vo­lan­ti­ni (...)

(...) gi­ran­do tut­ta Mi­la­no coi pat­ti­ni. A Re­te4 Ema­nue­la Fol­lie­ro è sta­ta an­nun­cia­tri­ce per 38 an­ni, fe­ce il pro­vi­no per so­sti­tui­re Cin­zia Len­zi. Si di­ce che Sil­vio Ber­lu­sco­ni l’ab­bia scel­ta per­ché at­trat­to dal suo lie­ve stra­bi­smo, e non dalle sue curve.

È sta­ta il vol­to uf­fi­cia­le del­la re­te fi­no a po­chis­si­mi me­si fa, la bel­lis­si­ma dei Bel­lis­si­mi di Re­te4, in mez­zo ci so­no sta­ti tanti pro­gram­mi, amo­ri fa­mo­si (da Ste­fa­no d’Ora­zio dei Pooh, al top ma­na­ger Ales­san­dro Sa­lem), un mi­ti­co ca­len­da­rio, un ex ma­ri­to, un fi­glio, Andrea, gio­ie e de­lu­sio­ni. Lo scor­so set­tem­bre, a 53 an­ni, Ema­nue­la ha det­to sì all’im­pren­di­to­re Giu­sep­pe (Pi­no) Oric­ci. Sta­va­no in­sie­me da 9 an­ni.

Co­me si sta da don­na spo­sa­ta?

«Be­ne, nor­ma­le. Non è cam­bia­to mol­to, pe­rò ef­fet­ti­va­men­te c’è un sen­so di ap­par­te­nen­za di­ver­so».

Quin­di il ma­tri­mo­nio ha an­co­ra un sen­so?

«Io l’ho sem­pre avu­to in men­te, ma per tanti an­ni del­la mia vi­ta mi so­no de­di­ca­ta al­la car­rie­ra. Pen­so che sia per sem­pre, non si scap­pa più».

È ve­ro che so­no sta­te sua mam­ma e la suo­ce­ra a pres­sa­re?

«Sì, io e Pi­no sia­mo sta­ti mi­nac­cia­ti fi­si­ca­men­te (ri­de, ndr). De­vo di­re che an­che Andrea, mio fi­glio, ci te­ne­va. Al­la fi­ne ab­bia­mo or­ga­niz­za­to un ma­tri­mo­nio in 20 giorni, la­st mi­nu­te. Ho fat­to le par­te­ci­pa­zio­ni con al­cu­ni vi­deo mes­sag­gi...».

Le man­ca non es­se­re più in tv ogni gior­no?

«Es­sen­do Acquario, so­no pro­iet­ta­ta ver­so il fu­tu­ro. Si è chiu­so un ci­clo du­ra­to 28 an­ni, non so­no nep­pu­re po­chi! Non è sta­ta una scel­ta mia».

Che pen­sa del­la nuo­va Re­te4?

«C’è tan­ta in­for­ma­zio­ne, ma an­che i vec­chi film. È cam­bia­ta mol­to, sta spe­ri­men­tan­do, sta cer­can­do di cam­bia­re pub­bli­co. E co­me tut­ti i cam­bia­men­ti all’ini­zio non è fa­ci­le. Tra qual­che gior­no sa­rò da Pie­ro Chiam­bret­ti, non so quel­lo che mi aspet­ta...».

È ve­ro che con­dur­rà un pro­gram­ma di sa­lu­te e be­nes­se­re?

«Do­ve­vo. Ma ve­ner­dì scor­so è ar­ri­va­ta la doc­cia fred­da: non si fa più. Bel­lo eh? Per il mo­men­to, nul­la. Ho un con­trat­to con Me­dia­set, ve­dia­mo quel­lo che suc­ce­de. Se non suc­ce­de nul­la, ho tanti im­pe­gni: an­da­re in tin­to­ria, dal frut­ti­ven­do­lo... Ho let­to che il mio no­me è sta­to as­so­cia­to al­la Pu­pa e il sec­chio­ne. Non so nul­la, ma mi di­ver­ti­reb­be con­dur­lo. È su Ita­lia 1, il mio marchio è Re­te 4, ma mi pia­ce­reb­be pas­sa­re da una re­te all’al­tra sen­za il bi­so­gno di esi­bi­re il pas­sa­por­to».

Im­ma­gi­no che le pro­pon­ga­no tanti rea­li­ty show...

«Tut­ti».

Ci di­ca.

«L’Iso­la dei fa­mo­si. Ho ri­spo­sto: “Se mi vo­le­te li­cen­zia­re o fa­re fuo­ri non è ne­ces­sa­rio che io muo­ia”. Già so­no sec­ca, se di­ma­gri­sco di­ven­to tra­spa­ren­te. Non so man­co nuo­ta­re».

E un bel di­va­no al Gran­de Fra­tel­lo Vip?

«Me lo han­no pro­po­sto. Più vol­te. Ma ho fat­to una scel­ta, per mio fi­glio. Fa la quin­ta elementare, sta per an­da­re al­le me­die. Non so­no strut­tu­ra­ta per la­sciar­lo a nes­su­no: mia ma­dre ha 90 an­ni, suo pa­dre vi­ve fuo­ri, mio ma­ri­to la­vo­ra. Non pos­so star­gli lon­ta­na tre me­si. Una scel­ta che pa­go e pa­ghe­rò, ma è co­sì. E poi so­no an­co­ra di una ge­ne­ra­zio­ne che vuo­le pre­ser­va­re la sua sfe­ra pri­va­ta, non espor­la».

Pe­rò è mol­to so­cial... cer­te sue fo­to in bi­ki­ni non so­no pas­sa­te inos­ser­va­te.

«Era estate, per for­za ero in co­stu­me. Ho im­pa­ra­to a usa­re i so­cial da quan­do le Ie­ne mi han­no fat­to uno scher­zo nel no­vem­bre scor­so, quel­lo di hac­ke­ra­re il mio pro­fi­lo. Ci so­no ora­ri in cui pub­bli­ca­re, truc­chet­ti per i sel­fie... I com­men­ta­to­ri so­no tut­ti ca­ri­ni, a par­te un grup­pet­to di cat­ti­vi per for­za, ma so­no l’1%. Tan­te fo­to me le fa Andrea. Mio ma­ri­to fo­to­gra­fa più le bar­che, le por­te...».

Lo ri­fa­reb­be quel cla­mo­ro­so ca­len­da­rio per Ca­pi­tal? Ne fu­ro­no stam­pa­te 300.000 co­pie.

«Ades­so no, al­lo­ra fe­ci be­ne. Ave­vo 37 an­ni, nel pie­no del­la car­rie­ra, non ave­vo bi­so­gno di es­se­re lan­cia­ta. Se aves­si avu­to un agen­te giu­sto ac­can­to a me for­se avrei ca­pi­ta­liz­za­to di più. In real­tà era una trap­po­la...».

In che sen­so?

«Mi chia­ma­ro­no in riu­nio­ne in Rcs di­cen­do che mi vo­le­va­no per una co­per­ti­na. In­ve­ce era la pro­po­sta del ca­len­da­rio, che ave­vo ri­fiu­ta­to mil­le vol­te. Al­lo­ra mi die­de­ro pi­le di li­bri di fo­to da sfo­glia­re, scel­si per­so­nal­men­te il fo­to­gra­fo, Bru­no Bi­sang, che era spe­cia­liz­za­to in nu­di ma an­che in fac­ce, espres­sio­ni. Ven­ne una co­sa bel­la».

In una in­ter­vi­sta, dis­se: “Po­trei fa­re ana­li­si so­cio­lo­gi­che e psi­co­lo­gi­che su­gli sguar­di che ri­vol­go­no al mio se­no”. Per esem­pio?

«Suc­ce­de an­che og­gi, sa? Non cer­to so­lo a me. Suc­ce­de a chi ha tan­to se­no e na­tu­ra­le. Una co­sa an­ce­stra­le. C’è chi sbir­cia, chi but­ta l’occhio. D’estate è la fi­ne: se non so­no ri­fat­te, si muo­vo­no. Quan­do era me­no pe­ri­co­lo­so an­da­re in gi­ro per stra­da, mi ri­vol­ge­vo di­ret­ta­men­te agli uo­mi­ni: “Scu­sa, hai per­so l’occhio?!”.

Ades­so non si sen­te si­cu­ra?

«No. Sguar­di, pa­ro­le, ti­ro dritto, fac­cio fin­ta di sta­re al te­le­fo­no. Non mi ve­sto ap­pa­ri­scen­te ma l’al­tra se­ra tor­no a ca­sa e un ex­tra­co­mu­ni­ta­rio per stra­da mi ur­la: “Bel­la boc­ca, p…i gratis?”. In al­tri momenti avrei det­to qual­co­sa, in­ve­ce so­no scap­pa­ta a ca­sa da mio ma­ri­to”.

Il te­ma è quan­to mai at­tua­le.

«Non abi­to lon­ta­no dal­la Sta­zio­ne Cen­tra­le di Mi­la­no, pri­ma scen­de­vo a por­ta­re il ca­ne a fa­re i bi­so­gni. Di so­li­to sto at­ten­ta, ma l’al­tro gior­no so­no sta­ta pre­sa al­la sprov­vi­sta e mi è sbu­ca­to da die­tro un ubria­co. Non vo-

GRAN­DE FRA­TEL­LO VIP «Me lo han­no pro­po­sto. Più vol­te. Ma ho fat­to una scel­ta, per mio fi­glio. Non so­no strut­tu­ra­ta per la­sciar­lo a nes­su­no: mia ma­dre ha 90 an­ni, suo pa­dre vi­ve fuo­ri, mio ma­ri­to la­vo­ra. Una scel­ta che pa­go e che pa­ghe­rò. E poi so­no di una ge­ne­ra­zio­ne che vuo­le pre­ser­va­re la sua sfe­ra pri­va­ta, non espor­la...»

glio fa­re di tut­ta l’erba un fa­scio, non so­no tut­ti co­sì, ma se un bic­chie­re può con­te­ne­re so­lo due di­ta d’ac­qua e tu ne ver­si un li­tro, l’ac­qua eson­da».

Quin­di il ca­ne non lo por­ta più?

«No. Lo por­ta mio ma­ri­to. La mia pro­po­sta è di au­men­ta­re i con­trol­li. Almeno vi­ci­no al­la sta­zio­ne».

Al­cu­ni giorni fa ha scrit­to un tweet di fuo­co contro Bep­pe Gril­lo.

«Sì, un cre­ti­no. Non sa di co­sa par­la a pro­po­si­to di au­ti­smo».

Ema­nue­la Fol­lie­ro, storica con­dut­tri­ce dei «Bel­lis­si­mi» di Re­te4

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.