Nel Me­ri­dio­ne si pen­sa sem­pre di far­la fran­ca

Libero - - Da Prima Pagina - AZ­ZUR­RA NOE­MI BARBUTO

Ca­ro di­ret­to­re, sem­bra es­se­re una na­tu­ra­le ed ir­re­fre­na­bi­le pro­pen­sio­ne di cia­scu­no di noi, non so­lo dei po­li­ti­ci, cer­ca­re i col­pe­vo­li sen­za met­ter­si mai in di­scus­sio­ne. Og­gi la re­spon­sa­bi­li­tà dei 32 mor­ti che ab­bia­mo avu­to ne­gli ul­ti­mi gior­ni è del cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, di una Na­tu­ra, «Ma­dre ma­li­gna», che ci mas­sa­cra per­ché in­sen­si­bi­le nei con­fron­ti de­gli es­se­ri uma­ni, co­me se noi non po­tes­si­mo far­ci nien­te, al mas­si­mo fa­re un po’ di ma­nu­ten­zio­ne del ver­de. Il pre­mier Con­te ha di­chia­ra­to a Pa­ler­mo: «Spes­so ab­bia­mo re­gi­stra­to qual­che in­tral­cio bu­ro­cra­ti­co per la ri­pu­li­tu­ra dei cor­si d’ac­qua, ci so­no vin­co­li pae­sag­gi­sti­ci per la ri­mo­zio­ne di un al­be­ro».

Ep­pu­re non è que­sto il pro­ble­ma, sem­mai il suo op­po­sto: è la man­ca­ta os­ser­va­zio­ne dei li­mi­ti im­po­sti dal pae­sag­gio stes­so a se­mi­na­re mor­ti. È la ma­nia di co­strui­re ovun­que e ad ogni co­sto, co­me se si fos­se pa­dro­ni in­di­scus­si del ter­ri­to­rio, in bar­ba ad ogni leg­ge e so­prat­tut­to ad uno Sta­to che si vuo­le sem­pre fot­te­re, in quan­to av­ver­ti­to co­me osti­le, ad uc­ci­de­re. Ed ec­co che si edi­fi­ca sul let­to del tor­ren­te, «ché tan­to è da de­cen­ni che è se­mi-asciut­to», (...)

(...) o sull’or­lo del pre­ci­pi­zio, «ché tan­to qui non pas­sa nes­su­no», o ad­di­rit­tu­ra sul­la spiag­gia, «ché co­sì è più co­mo­do fa­re il ba­gno a ma­re».

Co­de­sto mo­do di pen­sa­re è co­sì im­pres­so nel­le men­ti di co­lo­ro che abi­ta­no in cer­te aree del­la pe­ni­so­la, do­ve «ognu­no fa quel che gli pa­re», che ri­sul­ta ad­di­rit­tu­ra nor­ma­le ve­de­re che il vi­ci­no in­gran­di­sce il suo im­mo­bi­le, o co­strui­sce un al­tro pia­no, il tut­to sen­za au­to­riz­za­zio­ni e sen­za con­se­guen­ze. L’il­le­ga­li­tà è un mo­dus vi­ven­di, un’abi­tu­di­ne se­di­men­ta­ta. Ta­le com­por­ta­men­to vie­ne emu­la­to, an­zi chi non lo imi­ta è un idio­ta. Ed ec­co co­sa que­sto las­si­smo e que­sta mal­ver­sa­zio­ne per­pe­tra­ta al­la lu­ce del so­le han­no de­ter­mi­na­to: lo spet­ta­co­lo de­so­la­to di un ter­ri­to­rio in cui edi­fi­ci sor­go­no co­me fun­ghi, sen­za che ci sia un pia­no re­go­la­to­re, e re­sta­no in uno sta­to per­ma­nen­te di in­com­ple­tez­za, che con­tri­bui­sce a ren­de­re lo sce­na­rio ter­ri­bil­men­te tri­ste e de­gra­da­to.

La mia ama­ta ter­ra, la Ca­la­bria, è mar­to­ria­ta dal­le co­stru­zio­ni mai com­ple­ta­te, so­no pri­ve di in­to­na­co e pro­dot­te con ma­te­ria­li sca­den­ti. Re­sta­no in­com­piu­te per de­cen­ni, o per sem­pre, tan­to non im­por­ta a nes­su­no, il pia­no su­pe­rio­re non è che un ru­de­re, ep­pu­re que­gli schiz­zi so­no con­si­de­ra­ti un ni­do si­cu­ro da co­lo­ro che vi abi­ta­no. Tan­te vol­te, os­ser­van­do le ope­re mai fi­ni­te, le di­mo­re mes­se in pie­di sui bur­ro­ni, o ad­di­rit­tu­ra su quei fiu­mi­ciat­to­li che noi chia­mia­mo «fiu­ma­re», mi so­no chie­sta qua­li mo­ti­vi aves­se­ro spin­to i pro­prie­ta­ri il­le­git­ti­mi di quei be­ni il­le­git­ti­mi ad in­ve­sti­re i pro­pri ri­spar­mi nel­la ere­zio­ne di qual­co­sa che pro­ba­bil­men­te sa­reb­be sta­to ab­bat­tu­to. Al­la fi­ne mi so­no da­ta una ri­spo­sta: è la cer­tez­za del fat­to che tan­to quel­la pi­la di mat­to­ni non sa­rà di­strut­ta mai. Os­sia che lo Sta­to non ci fic­che­rà più di tan­to il na­so, per­ché sta da un’al­tra par­te. So­lo le ca­la­mi­tà na­tu­ra­li po­tran­no ab­bat­ter­le, ma è un’ipo­te­si mai con­si­de­ra­ta.

E pur­trop­po a vol­te si muo­re, per­ché l’abu­si­vi­smo uc­ci­de. E al­lo­ra ci si ac­cor­ge all’im­prov­vi­so di quel­le ca­se, che non do­vreb­be­ro sta­re lì, ma che con­ti­nua­no a sta­re lì. Quel­le ca­se da­van­ti al­le qua­li tut­ti quan­ti ab­bia­mo chiu­so un oc­chio. A vol­te an­che due.

Ta­li abi­ta­zio­ni rac­con­ta­no del­la mia ter­ra un al­tro aspet­to, che mi su­sci­ta un’estre­ma e do­lo­ro­sa te­ne­rez­za: l’ar­te di ar­ran­giar­si che il ca­la­bre­se ha do­vu­to ac­qui­si­re ed in­te­rio­riz­za­re per an­da­re avan­ti in una re­gio­ne con­ti­nua­men­te de­pre­da­ta da­gli in­va­so­ri giun­ti da ogni do­ve. Al­lo­ra ci si ri­ta­glia il pro­prio spa­zio, ag­giun­gen­do un mat­ton­ci­no qui e uno lì, per cam­pa­re.

Og­gi, pe­rò, que­sto spi­ri­to di so­prav­vi­ven­za ai dan­ni ma­ga­ri del pa­dro­ne non ha più mo­ti­vo di esi­ste­re. Es­so si è tra­dot­to ed è tra­ci­ma­to in un’ar­ro­gan­za ed in un di­sprez­zo del­la leg­ge che non pos­so­no es­se­re più tol­le­ra­ti. Chi per­pe­tra o chi ac­cet­ta l’abu­si­vi­smo fa del ma­le al suo ter­ri­to­rio, a se stes­so e al­la sua fa­mi­glia. Do­vreb­be es­se­re dif­fu­sa qual­co­sa che ades­so è del tut­to as­sen­te: la cul­tu­ra del­la si­cu­rez­za. La co­scien­za che in una zo­na a for­te ri­schio si­smi­co e non ido­nea al­la co­stru­zio­ne sia da fol­li e pe­ri­co­lo­so an­da­re a vi­ve­re po­treb­be co­sti­tui­re un de­ter­ren­te ben più for­te ri­spet­to al­la con­sa­pe­vo­lez­za di sta­re vio­lan­do la leg­ge. In fon­do, chi non ci tie­ne al­la pel­lac­cia?

(LaP)

La vil­la di Ca­stel­dac­cia (Pa) al­lu­vio­na­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.