Se que­sto è un uo­mo

Al por­ta­vo­ce del pre­mier dan­no sui ner­vi an­zia­ni, do­wn e pu­re i ne­gri Che aspet­ta­no a cac­ciar­lo?

Libero - - Da Prima Pagina - AZ­ZUR­RA NOEMI BARBUTO

Non è mai usci­to dal rea­li­ty show l’at­tua­le por­ta­vo­ce del go­ver­no, Rocco Casalino, il qua­le va in bro­do di giug­gio­le ogni­qual­vol­ta in­ter­cet­ta una vi­deo­ca­me­ra. Do­po ave­re par­te­ci­pa­to al­la pri­ma edi­zio­ne del Gran­de Fra­tel­lo, ave­re fat­to l’opi­nio­ni­sta in pro­gram­mi tra­sh non­ché l’ospi­te pseu­do-vip nel­le di­sco­te­che ita­lia­ne, me­di­tan­do se­ria­men­te di in­tra­pren­de­re la car­rie­ra por­no­gra­fi­ca (...)

(...) pur di «di­ven­ta­re mi­lio­na­rio», og­gi fa po­li­ti­ca, o me­glio, que­sta sa­reb­be la sua am­bi­zio­ne ma, non es­sen­do sta­to elet­to, si è do­vu­to ac­con­ten­ta­re di per­ma­ne­re die­tro le quin­te. Ep­pu­re Casalino, che sma­nia dal­la vo­glia di es­se­re pro­ta­go­ni­sta, fa ca­po­li­no da die­tro il ten­do­ne e pog­gia il pie­de sul pal­co­sce­ni­co che vor­reb­be cal­ca­re. Poi­ché lui pro­prio non ce la fa a non ap­pa­ri­re.

Rocco è ve­ro so­lo quan­do re­ci­ta. E re­ci­ta sem­pre. A suo di­re, sta­va in­ter­pre­tan­do un ruo­lo an­che quan­do, qual­che an­no fa, ri­pre­so da Le Ie­ne, ha di­scet­ta­to di im­mi­gra­ti e im­mi­gra­zio­ne, af­fer­man­do: «Hai mai pro­va­to a por­tar­ti a let­to un ru­me­no? Se si la­va, se gli fai fa­re die­ci doc­ce, con­ti­nua ad ave­re un odo­re agro­dol­ce. Non so che ca­vo­lo di odo­re è». E poi: «Il ve­ro pro­ble­ma de­gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri è dei me­no am­bien­ti – an­zi­ché “me­no ab­bien­ti” – che vi­vo­no nel­le zo­ne in­va­se dagli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri». «Mi era sta­to chie­sto di ve­sti­re i pan­ni di uno xe­no­fo­bo», ha pun­tua­liz­za­to più e più vol­te il por­ta­vo­ce del pre­mier. L’ex con­cor­ren­te del GF ha scio­ri­na­to la stes­sa scu­sa di re­cen­te, al­lor­ché è sta­to dif­fu­so un vi­deo ri­sa­len­te al 2004 in cui spie­ga­va agli al­lie­vi di un cor­so di gior­na­li­smo te­nu­to­si a Mi­la­no quan­to gli stia­no sul­le bal­le an­zia­ni e ra­gaz­zi con la sin­dro­me di do­wn. «Da bam­bi­no, da sem­pre, i vec­chi mi fan­no schi­fo. E tut­ti i ra­gaz­zi do­wn mi dan­no fa­sti­dio. Non ho nes­su­na vo­glia di re­la­zio­nar­mi a lo­ro, nes­su­na vo­glia di aiu­tar­li, po­ve­ret­ti che gli è ca­pi­ta­ta que­sta co­sa, ma non vo­glio oc­cu­par­me­ne. È co­me se fa schi­fo il ra­gno. Io pro­vo fa­sti­dio e im­ba­raz­zo, non vo­glio per­der­ci tem­po, non mi va di sta­re con i vec­chiet­ti, non vo­glio sta­re die­tro ai bam­bi­ni, non vo­glio fa­re bam­bi­ni, non mi va di sta­re die­tro ad uno che è do­wn, che non ca­pi­sce nien­te…», af­fer­ma Casalino da­van­ti agli stu­den­ti.

Due gior­ni fa il por­ta­vo­ce, in­di­gna­to per gli at­tac­chi su­bi­ti, sul blog del­le stel­le ha scrit­to: «La stam­pa ita­lia­na pub­bli­ca ve­re e pro­prie bu­fa­le sul mio con­to, con il so­lo obiet­ti­vo di col­pir­mi. Que­sta vol­ta è sta­to pub­bli­ca­to un vi­deo che ri­sa­le ad ol­tre 10 an­ni fa, quan­do fre­quen­ta­vo il “Cen­tro Tea­tro At­ti­vo” di Mi­la­no. In quel cor­so si svi­lup­pa­va lo studio dei per­so­nag­gi, li si in­ter­pre­ta­va, for­zan­do­ne i ca­rat­te­ri in ma­nie­ra an­che pa­ra­dos­sa­le e pro­vo­ca­to­ria. Le mie pa­ro­le so­no in­se­ri­te in quel con­te­sto e non rap­pre­sen­ta­no as­so­lu­ta­men­te il mio pen­sie­ro, né og­gi né al­lo­ra. Con­ti­nue­rò a la­vo­ra­re con serenità e pro­ce­de­rò a que­re­la­re chi ha dif­fu­so men­zo­gne sul mio con­to. Spe­ro che chi con­ti­nua ad in­sul­tar­mi chie­da scu­sa». LA PAR­TE DEL­LO STRONZO

Le pa­ro­le di Casalino, a cui il fa­to vuo­le che ven­ga sem­pre chie­sto di in­ter­pre­ta­re la par­te del­lo stronzo, so­no ad­di­rit­tu­ra con­vin­cen­ti, tan­to che ab­bia­mo vo­lu­to pren­de­re vi­sio­ne di tut­to il vi­deo in­cri­mi­na­to (del­la du­ra­ta di qua­si due ore) e non so­lo di quel­lo spez­zo­ne. Ed è co­sì che ci sia­mo ac­cor­ti che Rocco non si tro­va­va in quell’au­la in qua­li­tà di di­scen­te, ben­sì di ospi­te-do­cen­te, con il com­pi­to di in­ter­lo­qui­re con i ra­gaz­zi, aspi­ran­ti gior­na­li­sti e non aspi­ran­ti at­to­ri. Va da sé che Casalino non sta­va af­fat­to de­cla­man­do un mo­no­lo­go, ben­sì di­ce­va la sua. Im­per­so­na­va sì, ma nient’al­tro che se stes­so. Il por­ta­vo­ce por­ta­ro­gne rac­con­ta­va di co­me de­ci­se di fa­re il pro­vi­no per en­tra­re nel­la ca­sa più spie­ta­ta d’Ita­lia: «Ho vi­sto che i con­cor­ren­ti (all’este­ro) era­no di­ven­ta­ti tut­ti mi­lio­na­ri… Mi han­no pre­so per­ché bi­ses­sua­le». Du­ran­te lo stes­so in­con­tro Rocco il­lu­stra il suo rapporto con la te­le­ca­me­ra: «Rap­pre­sen­ta­va per me la co­scien­za, ve­de­va la mia bu­gia. Ho ca­pi­to di es­se­re cat­ti­vo e fal­so, ho ma­ni­po­la­to tut­ti dal pri­mo gior­no. È sta­ta una sof­fe­ren­za sco­pri­re il mio es­se­re mal­va­gio, ma ora ne so­no con­sa­pe­vo­le e fe­li­ce».

Casalino parla an­che di «ne­gret­ti», del­la suo in­te­res­se ver­so Um­ber­to Bos­si da quan­do si è tra­sfe­ri­to dal­la Pu­glia a Mi­la­no e si ri­tro­va tra i pie­di gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri. Per que­sto di­ce di ave­re pre­so ca­sa in una zo­na do­ve non cor­re il ri­schio di im­bat­ter­si in si­mi­li in­con­tri. «Pre­fe­ri­sco es­se­re one­sto e di­re che un ma­roc­chi­no ac­can­to mi dà fa­sti­dio per­ché puz­za». La stes­sa av­ver­sio­ne Rocco la ma­ni­fe­sta nei con­fron­ti di co­lo­ro che «gua­da­gna­no 700 eu­ro al me­se e si ve­sto­no al­la Stan­da», che al­la fi­ne non so­no al­tri che gli elet­to­ri del Mo­vi­men­to 5 Stel­le che spe­ra­no di in­cas­sa­re gli ago­gna­ti sol­di del red­di­to di cit­ta­di­nan­za e che per il por­ta­vo­ce del go­ver­no so­no «sfi­ga­ti». Ma Casalino sta­va re­ci­tan­do, que­sto so­stie­ne. Re­ci­ta­va la par­te del do­cen­te clas­si­sta e xe­no­fo­bo du­ran­te un cor­so rea­le di gior­na­li­smo. Per­ché egli è an­co­ra e sem­pre den­tro un rea­li­ty show. Il suo. Di­scet­ta an­che di sto­ria il gril­li­no re­vi­sio­ni­sta: «Un pe­rio­do co­me la Se­con­da guer­ra mon­dia­le sia­mo abi­tua­ti a sem­pli­fi­car­lo co­me Hi­tler=Ma­le ed Ebrei=po­ve­ret­ti, e ba­sta, sen­za com­pren­de­re la com­ples­si­tà sto­ri­ca che ha por­ta­to i te­de­schi ad odia­re gli ebrei e poi in­ce­ne­rir­li, per quan­to in­giu­sto».

È un Rocco os­ses­sio­na­to dai sol­di, dal­la fa­ma, dal­la ce­le­bri­tà. Non im­por­ta co­me sia ac­qui­si­ta, ciò che con­ta è gua­da­gna­re e mo­strar­si. «Pri­ma una ve­li­na non la sa­lu­ta­vo nean­che, ora la ve­do in un’al­tra ot­ti­ca per­ché so che pren­de 50 mila eu­ro al me­se», con­ti­nua. «Gua­da­gno tan­tis­si­mo e la­vo­ro po­chis­si­mo. Se mi chie­do­no di fa­re la cre­ti­na in tv, la fac­cio per­ché con­vie­ne. Se mi chie­do­no di fa­re la chec­ca iste­ri­ca, la fac­cio. Ho scelto di sta­re dal­la par­te giu­sta». La «par­te giu­sta» per Casalino so­no i sa­lot­ti di cui parla, quel­li do­ve «ven­go­no pre­se le de­ci­sio­ni im­por­tan­ti», fre­quen­ta­ti dal­la gen­te che con­ta, mi­ca dai po­ve­rac­ci. LE REAZIONI

«Io ho i sol­di, non co­me voi che pren­de­te 800 eu­ro al me­se. Io pos­so an­da­re in va­can­za, voi no. La vi­ta co­sì è una ve­ra fi­ga­ta… Es­se­re nel­la mia po­si­zio­ne mi dà so­lo van­tag­gi, pos­so da­re il cur­ri­cu­lum di mia cu­gi­na e di mia so­rel­la ad una ce­na, per­ché so­no im­por­tan­te. Con lo sno­bi­smo in­tel­let­tua­le non si ar­ri­va da nes­su­na par­te», sot­to­li­nea Rocco, gon­fio co­me un pe­sce pal­la. Ed ec­co che qual­che stu­den­te in­sor­ge: «Che ne sai tu do­ve so­no an­da­to in va­can­za io?». Uno chie­de: «Fa­re il co­glio­ne è un pri­vi­le­gio quin­di?». A chi lo con­te­sta Rocco ri­spon­de: «Tu sei il pe­ri­co­lo. Di­ci ba­na­li­tà».

Un al­tro lo in­ter­ro­ga: «Non ri­schi di di­ven­ta­re la ca­ri­ca­tu­ra di te stes­so, la gen­te ma­ga­ri si stan­ca di te?». Rocco re­pli­ca: «Co­lo­ro che spa­ri­sco­no han­no una po­chez­za, ma se uno è fur­bo, una stra­da la tro­va, quin­di so­no mol­to spe­ran­zo­so su me stes­so». Ed in ef­fet­ti Casalino una via al­ter­na­ti­va l’ha in­di­vi­dua­ta ed im­boc­ca­ta, quel­la che por­ta a palazzo Chi­gi. Col­po di sce­na che ha stu­pi­to an­che il suo ex agen­te, Le­le Mo­ra che ha di­chia­ra­to a Li­be­ro: «Non lo avrei mai im­ma­gi­na­to. Rocco ha la­vo­ra­to per me, non è uno stu­pi­do, sa quel­lo che vuo­le e ha di­mo­stra­to di riu­sci­re a pas­sa­re da un set­to­re ad un al­tro. Non è una per­so­na che mi in­te­res­sa fre­quen­ta­re, ma non si può ne­ga­re che ab­bia del­le do­ti». Do­ti in­ter­pre­ta­ti­ve di si­cu­ro. Ogni vol­ta che re­ci­ta lo pren­dia­mo sul se­rio.

È ri­sul­ta­to cre­di­bi­le non so­lo a noi, ma an­che all’As­so­cia­zio­ne ita­lia­na per­so­ne con sin­dro­me di do­wn (Aipd), che ri­tie­ne inac­cet­ta­bi­li le af­fer­ma­zio­ni del por­ta­vo­ce pen­ta­stel­la­to, all’Aniep, as­so­cia­zio­ne che di­fen­de i di­rit­ti dei di­sa­bi­li, che ha an­nun­cia­to per mar­te­dì pros­si­mo un sit-in di pro­te­sta da­van­ti al par­la­men­to, non­ché al­la Co­mu­ni­tà ebrai­ca di Ro­ma, che ha chie­sto a Rocco un «chia­ri­men­to più con­vin­cen­te del­le mo­ti­va­zio­ni fi­no­ra ad­dot­te» ri­guar­do le pa­ro­le che sem­bra­no giu­sti­fi­ca­re l’olo­cau­sto.

(Fo­to­gram­ma)

SEN­ZA FRENI Rocco Casalino, 46 an­ni, ha par­te­ci­pa­to nel 2000 al­la pri­ma edi­zio­ne del Gran­de Fra­tel­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.