La di­fe­sa di Roc­co non sta in pie­di

Libero - - Primo Piano - AZ­ZUR­RA NOE­MI BARBUTO

Ur­go­no del­le pre­ci­sa­zio­ni a pro­po­si­to del­la vi­cen­da Ca­sa­li­no. Leg­gen­do le mo­ti­va­zio­ni che il por­ta­vo­ce del pre­mier ha ad­dot­to al­la sua im­ba­raz­zan­te dis­sen­te­ria ver­ba­le non­ché le di­chia­ra­zio­ni dei gior­na­li­sti che lo di­fen­do­no in­vi­tan­do i col­le­ghi che in­ve­ce han­no ri­te­nu­to i di­scor­si di Roc­co in­com­pa­ti­bi­li con il suo ruo­lo a por­ge­re le pro­prie scu­se, si de­du­ce – ed è que­sto il mes­sag­gio che sta pas­san­do – che il gior­na­li­smo va­da a brac­cet­to con la re­ci­ta­zio­ne, set­to­ri che tut­ta­via stan­no agli an­ti­po­di co­me il gior­no e la not­te. Il pri­mo in­fat­ti è il rac­con­to di fat­ti rea­li, la se­con­da, dal can­to suo, seb­be­ne sia ar­te no­bi­le, si ba­sa sul­la si­mu­la­zio­ne, os­sia sul­la fin­zio­ne.

Non ho avu­to la for­tu­na di fre­quen­ta­re dot­ti ed uti­li cor­si di gior­na­li­smo, ho im­pa­ra­to, e con­ti­nuo a far­lo, di­ret­ta­men­te sul­la stra­da, cac­cian­do no­ti­zie da ol­tre un de­cen­nio e se­guen­do il con­si­glio che Gae­ta­no Afel­tra ri­pe­te­va al di­ret­to­re Vit­to­rio Feltri: «Con­su­ma le scar­pe e ri­spar­mia l’in­tel­li­gen­za».

Tut­ta­via, mi ri­sul­ta dif­fi­ci­le cre­de­re che all’in­ter­no di un cor­so di gior­na­li­smo ven­ga in­se­gna­to agli stu­den­ti a re­ci­ta­re, o si pos­sa in­vi­ta­re un per­so­nag­gio chie­den­do­gli di in­ter­pre­ta­re un ruo­lo nel cor­so di una si­mu­la­zio­ne di con­fe­ren­za stam­pa, la qua­le do­vreb­be es­se­re il più pos­si­bi­le ve­ro­si­mi­le. Ep­pu­re que­sto so­stie­ne il por­ta­vo­ce del pre­mier: «Sta­vo re­ci­tan­do, mi era sta­to chie­sto di re­ci­ta­re».

La so­li­ta scu­sa, quel­la che Ca­sa­li­no ci ave­va pro­pi­na­to già an­ni fa in oc­ca­sio­ne del­la dif­fu­sio­ne di un vi­deo in cui egli so­ste­ne­va le stes­se iden­ti­che te­si: «Gli im­mi­gra­ti – in quel ca­so i ru­me­ni – puz­za­no». «Sul fat­to che il vi­deo di Ca­sa­li­no fos­se fin­zio­ne o me­no, con­ta la pa­ro­la di Fe­doc­ci, il gior­na­li­sta che con­fer­ma che quel­la era una par­te da re­ci­ta­re da­ta a Ca­sa­li­no e nel mo­men­to in cui si ac­cer­ta que­sta ve­ri­tà bi­so­gne­reb­be che le te­sta­te ed i po­li­ti­ci chie­des­se­ro scu­sa», ha det­to il gior­na­li­sta An­drea Scan­zi.

Pur­trop­po, non con­ta so­lo la pa­ro­la di Fe­doc­ci, ma an­che quel­la de­gli stu­den­ti pre­sen­ti al cor­so di gior­na­li­smo (non di re­ci­ta­zio­ne). E con­ta al­tre­sì quel­lo che noi ve­dia­mo ed ascol­tia­mo, os­sia il vi­deo del­la du­ra­ta di ol­tre un’ora e mez­za, in cui Ca­sa­li­no non sta met­ten­do in sce­na un per­so­nag­gio, ben­sì parla di se stes­so in mo­do ine­qui­vo­ca­bi­le, os­sia del­le sue espe­rien­ze, am­bi­zio­ni, aspet­ta­ti­ve, ol­tre che del­le sue opi­nio­ni cir­ca im­mi­gra­ti, olo­cau­sto, per­so­ne an­zia­ne e con sindrome di do­wn. Quin­di né la sot­to­scrit­ta né Li­be­ro si sen­to­no in do­ve­re di in­vo­ca­re il per­do­no del mi­se­ro Ca­sa­li­no, ber­sa­glia­to in­giu­sta­men­te dal­la stam­pa ma­li­gna. Per co­sa poi? Per ave­re scrit­to la ve­ri­tà, cioè che le sue pa­ro­le so­no espres­sio­ne del suo sen­ti­re e non una dram­ma­tiz­za­zio­ne?

In una si­mu­la­zio­ne di con­fe­ren­za stam­pa non è ri­chie­sto che l’in­ter­vi­sta­to re­ci­ti, ben­sì che gli al­lie­vi si eser­ci­ti­no nel por­re do­man­de e nel­lo scri­ve­re poi il pez­zo, con­cen­tran­do­si ognu­no su­gli aspet­ti ri­te­nu­ti sa­lien­ti. En­ri­co Fe­doc­ci ha di­chia­ra­to: «Roc­co per la si­mu­la­zio­ne di con­fe­ren­za stam­pa non è sta­to in­vi­ta­to per in­ter­pre­ta­re Mac­be­th op­pu­re Otel­lo. Roc­co Ca­sa­li­no è sta­to in­vi­ta­to per par­la­re di se stes­so. Il mio in­vi­to a pro­vo­ca­re non si­gni­fi­ca che do­ves­se far­lo per un’ora e mez­za (e non lo ha fat­to!) fa­cen­do fin­ta di es­se­re un’al­tra per­so­na. In­fat­ti, ha par­la­to dei suoi stu­di, del Gran­de Fra­tel­lo, del­la sua fa­mi­glia, di Buo­na Do­me­ni­ca».

Ec­co, dun­que è pa­ci­fi­co: Ca­sa­li­no non sta­va re­ci­tan­do né gli era sta­to chie­sto di far­lo. Pun­to. Fe­doc­ci con­ti­nua a pro­po­si­to di quel­la che egli stes­so de­fi­ni­sce «in­ter­vi­sta ve­ri­tà» e non «in­ter­vi­sta fin­zio­ne» di Ca­sa­li­no: «Poi ha fat­to del­le pro­vo­ca­zio­ni che sap­pia­mo, im­prov­vi­sa­te da lui».

Il gior­na­li­sta spe­ci­fi­ca di ave­re spie­ga­to al suo ospi­te: «Roc­co, è una si­mu­la­zio­ne di in­ter­vi­sta, quin­di nul­la ver­rà pub­bli­ca­to, ma fam­mi la gen­ti­lez­za di sol­le­ci­tar­mi i ra­gaz­zi, af­fin­ché ab­bia­no una no­ti­zia. Pro­vo­ca­li». Pro­vo­ca­re gli al­lie­vi du­ran­te l’in­ter­vi­sta af­fin­ché ab­bia­no ma­te­ria­le su cui la­vo­ra­re non do­vreb­be im­pli­ca­re so­ste­ne­re per ore ciò che non si pen­sa, sem­mai espri­me­re in mo­do for­te ciò che si pen­sa.

In­som­ma, le giu­sti­fi­ca­zio­ni di Ca­sa­li­no non stan­no in pie­di. E la di­fe­sa del por­ta­vo­ce of­fer­ta da Fe­doc­ci fa ac­qua da tut­te le par­ti. In ef­fet­ti, del­le scu­se qui so­no pro­prio ne­ces­sa­rie. Ma non le no­stre. Ben­sì quel­le di Ca­sa­li­no a tut­ti co­lo­ro che ha of­fe­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.