Vi­va il gom­mi­sta che ha uc­ci­so uno dei cri­mi­na­li

Do­po 38 fur­ti, spa­ra a un la­dro e si fa giu­sti­zia ma in­qui­si­sco­no lui. La gen­te l’ha già as­sol­to

Libero - - Da Prima Pagina - FI­LIP­PO FACCI

L’ipo­te­si di rea­to in­fa­sti­di­sce an­che so­lo a leg­ger­la: «Ec­ces­so col­po­so di le­git­ti­ma di­fe­sa». Può, un ec­ces­so, es­se­re le­git­ti­mo? Può, ciò che è le­git­ti­mo, es­se­re ec­ces­si­vo? L’ec­ces­so col­po­so è me­no gra­ve di quel­lo non col­po­so? Se è ve­ro che col­po­so si­gni­fi­ca «non de­ter­mi­na­to da vo­lon­tà di nuo­ce­re», co­me è pos­si­bi­le spa­ra­re col­po­sa­men­te? Si­gni­fi­ca che si può spa­ra­re, in Ita­lia, so­lo per spa­ven­ta­re e fa­re scena? Tut­te domande a cui è sem­pli­ce ri­spon­de­re so­prat­tut­to di not­te, nell’oscu­ri­tà, do­po che ti ha sve­glia­to qual­cu­no che ti è en­tra­to in ca­sa e tu non sai chi sia, se sia so­lo, se abbia un mi­tra o un mat­ta­rel­lo, (...)

(...) se vo­glia ru­ba­re un pa­ni­no o bru­cia­re tut­ti i re­si­den­ti in no­me di ma­ni­tù: ma tu sai, al­me­no, che pri­ma di fa­re qual­sia­si co­sa de­vi ve­ri­fi­ca­re che co­sa sta fa­cen­do l’in­tru­so, se c’è un pe­ri­co­lo im­mi­nen­te, che co­sa sta per fa­re: sen­nò sei un pi­sto­le­ro. La tu­te­la dell'ag­gres­so­re è pre­va­len­te su quel­la dell’ag­gre­di­to: al­la fi­ne è que­sto il mes­sag­gio che l’im­pian­to del­la leg­ge vi­gen­te (più o me­no ri­toc­ca­ta) la­scia per­ce­pi­re. Quin­di Fre­dy Pa­ci­ni, pro­fes­sio­ne gom­mi­sta, è un pi­sto­le­ro di 57 an­ni si­no a pro­va a con­tra­ria. Che cos’è un pi­sto­le­ro, del re­sto?

NIEN­TE FE­RIE

È un si­gno­re co­sì esa­spe­ra­to («esa­spe­ra­to» non man­ca in nes­sun ar­ti­co­lo) da ab­ban­do­na­re la sua ca­sa e la sua fa­mi­glia al cen­tro di Mon­te San Sa­vi­no (pro­vin­cia di Arez­zo, 9mi­la abi­tan­ti) e re­sta­re a dor­mi­re tut­te le not­ti nel ca­pan­no­ne dell’azienda, do­ve le te­le­ca­me­re di sor­ve­glian­za evi­den­te­men­te non ba­sta­no. Dal 2014 nien­te fe­rie, nien­te va­can­ze, so­prat­tut­to po­ca se­re­ni­tà: co­me non po­treb­be aver­la chi ne­gli ul­ti­mi quat­tro an­ni è sta­to vi­si­ta­to 38 vol­te. Tren­tot­to. E per 38 vol­te non ha spa­ra­to, il pi­sto­le­ro. Per 38 vol­te si è li­mi­ta­to a cal­co­la­re quan­to gli ave­va­no por­ta­to via tra bi­ci­clet­te e gom­me. Ora fi­nal­men­te la giu­sti­zia è ar­ri­va­ta: e han­no in­qui­si­to lui. In­ter­ro­ga­to­ri. Im­pron­te di­gi­ta­li. Ri­co­stru­zio­ni ba­li­sti­che e scien­ti­fi­che. L’au­top­sia sul di­sgra­zia­to ca­da­ve­re. An­che se la dinamica non sem­bra com­pli­ca­ta: Pa­ci­ni dor­mi­va, è sta­to sve­glia­to dal ru­mo­re di un ve­tro in­fran­to (a maz­za­te) e al­lo­ra ha pre­so la sua Glock (una pi­sto­la di pla­sti­ca, re­go­lar­men­te de­te­nu­ta) ed è cor­so in ma­gaz­zi­no do­ve ha in­tra­vi­sto due sa­go­me e pro­ba­bil­men­te ha ur­la­to: «Fer­mi, o ec­ce­do col­po­sa­men­te per le­git­ti­ma di­fe­sa».

Ha spa­ra­to. Cin­que col­pi. Ha pre­so un ti­zio al gi­noc­chio e a una co­scia, con la sfi­ga – re­ci­pro­ca – di bec­ca­re pro­prio l’ar­te­ria fe­mo­ra­le che fa dis­san­gua­re in un nien­te. Il la­dro, un mol­da­vo 29en­ne, è stra­maz­za­to qua­si su­bi­to, fuo­ri per stra­da. Ora il pi­sto­le­ro de­ve spe­ra­re che gli at­trez­zi usa­ti per spac­car­gli la ve­tra­ta d’in­gres­so (una maz­za, un pic­co­ne) sia­no clas­si­fi­ca­ti co­me ar­ma. De­ve spe­ra­re che i due ladri, nel mo­men­to in cui ha spa­ra­to, non fos­se­ro vol­ta­ti di schie­na, ti­po a scap­pa­re.

UNA ME­DA­GLIA O UNA STEL­LA?

De­ve spe­ra­re, in real­tà, di non di­ven­ta­re il sim­bo­lo del­la ri­scos­sa del cit­ta­di­no in­di­fe­so e nean­che il sim­bo­lo di un nuo­vo Pae­se di gom­mi­sti dal gril­let­to fa­ci­le. O ba­ri­sti, visto che il caffè lì vi­ci­no è sta­to vi­si­ta­to 13 vol­te. O ar­ti­gia­ni, eser­cen­ti, pic­co­li im­pren­di­to­ri, gen­te che – com’era già suc­ces­so a lui, a Pa­ci­ni – ogni tan­to la in­vi­ta­no in tv per di­vi­de­re gli ani­mi, son­da­re il pub­bli­co per de­ci­de­re se me­ri­ti­no una me­da­glia o una stel­la da sce­rif­fo sul pet­to. An­che se me­ri­ta­no, for­se, so­lo una leg­ge mi­glio­re, che s’ar­ren­da a un mon­do cam­bia­to ma che non ce­da a una giu­sti­zia pri­va­tiz­za­ta, do­ve an­che i gom­mi­sti so­no co­stret­ti a spa­ra­re – per vi­ve­re – e do­ve un gio­va­ne mol­da­vo va­li­ca il con­fi­ne in ot­to­bre e, in no­vem­bre, sta già fa­cen­do una ra­pi­na.

Il gom­mi­sta Fre­dy Pa­ci­ni

Fre­dy Pa­ci­ni, il com­mer­cian­te di pneu­ma­ti­ci e bi­ci­clet­te di Mon­te San Sa­vi­no, Arez­zo. A si­ni­stra, il ne­go­zio e i po­st a fa­vo­re del ne­go­zian­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.