FI­LIP­PO FAC­CI

Il dram­ma di Ver­di è am­bien­ta­to nel ’40 in uno sce­na­rio na­zi­sta-co­mu­ni­sta: il po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to qui è da vol­ta­sto­ma­co

Libero - - Da Prima Pagina - FI­LIP­PO FAC­CI

■ Ci si abi­tua a tut­to (qua­si) e fi­gu­ria­mo­ci se non ci si abi­tua an­che al­la Pri­ma del­la Sca­la, che que­sta se­ra ri­nun­ce­rà al­la mia fon­da­men­ta­le pre­sen­za – al so­li­to age­vo­la­ta da un uf­fi­cio stam­pa cor­dia­le ed ef­fi­cien­te – per­ché nel­la vi­ta, ogni tan­to, ca­pi­ta di aver­ne le sca­to­le pie­ne. Vor­rei spie­ga­re per­ché, ma non so­no si­cu­ro che sia in­te­res­san­te.

In­tan­to re­stia­mo sul per­so­na­le. Vi­ve­re è una fa­ti­cac­cia an­che quan­do de­vi fa­re qual­co­sa di pia­ce­vo­le, ti­po an­da­re a scia­re, pren­de­re un ae­reo per i Ca­rai­bi o an­da­re nel tea­tro più pre­sti­gio­so del mon­do: se poi non è la pri­ma vol­ta, ma la ven­te­si­ma, tut­to è ri­ca­ri­ca­to di una lus­suo­sa rou­ti­ne che pe­rò re­sta una rou­ti­ne: os­sia il co­me - per La Sca­la - ve­stir­si, co­me non mo­ri­re di fred­do fuo­ri sen­za cre­pa­re di cal­do den­tro, co­me ag­gi­ra­re il traf­fi­co d’in­fer­no, sen­za con­ta­re un det­ta­glio che ho qua­si ver­go­gna a di­re, ora: che io, in teo­ria, al­la Sca­la va­do a la­vo­ra­re. Che poi non è teo­ria per nien­te, an­zi, la se­ra stes­sa di so­li­to spe­di­sco a Li­be­ro l’ar­ti­co­lo più im­pe­gna­ti­vo dell’an­no: que­sto per­ché, per ve­de­re tut­ta l’ope­ra e poi scri­ve­re e poi spe­di­re il chi­lo­me­tri­co ar­ti­co­lo en­tro l’ora­rio di chiu­su­ra del gior­na­le, l’uni­ca è pre­pa­rar­si gior­ni e gior­ni pri­ma, cioè sa­pe­re tut­to il pos­si­bi­le, fa­re raf­fron­ti, chiac­chie­ra­re con gli ami­ci or­che­stra­li, con spie che han­no vi­sto le pro­ve, fa­re ascol­ti, at­tin­ge­re a li­bri, in­som­ma, non è so­lo per sno­bi­smo se ho sem­pre di­ser­ta­to quel­lo schiaf­fo al­la mi­se­ria che è la suc­ces­si­va ce­na di ga­la al­la So­cie­tà del Giar­di­no – che per mol­ti è tut­to – do­ve ogni por­ta­ta va­le un pez­zet­to di Fi­nan­zia­ria. Ma que­sto è il me­no. È che – con­fes­so – gli ar­ti­co­li che scri­vo so­no pu­re mol­to ap­pas­sio­na­ti, na­sco­no da una com­pe­ten­za di fre­quen­ta­to­re dei mi­glio­ri tea­tri del mon­do – i me­lo­ma­ni non pro­fes­sio­ni­sti re­sta­no i più gran­di in­ten­di­to­ri – e quin­di mi­ca ci scher­zo, non me ne fot­te di scri­ve­re au­to­ma­ti­cam­nen­te di «suc­ces­so» e di «scro­scian­ti ap­plau­si»: non scri­vo sul Cor­rie­re, ho una di­gni­tà e una li­ber­tà per­so­na­le da di­fen­de­re.

AM­MIS­SIO­NE DI PARZIALITÀ

Ec­co per­ché può ca­pi­ta­re spes­so (ca­pi­ta­re a me) di scri­ve­re ma­le di re­gi­sti cre­ti­ni e di or­che­stra­zio­ni un po’ ti­ra­te via, ade­gua­te ai li­mi­ti di un’or­che­stra mi­glio­ra­tis­si­ma ma non an­co­ra ec­cel­sa. Non è che scri­ve­re «ma­le» sia pe­rò sem­pre di­ver­ten­te, ben­ché fa­ci­le. An­zi. L’an­no scor­so è sta­to me­ra­vi­glio­so la­sciar­si an­da­re nell’elo­gio di una re­gia e sce­no­gra­fia a co­stu­mi fi­nal­men­te nor­ma­li sen­za ere­sie ver­go­gno­se al­la Da­mia­no Mi­chie­let­to (per ca­pir­ci) che è l’uni­co ca­so mon­dia­le ad aver­mi fat­to pen­sa­re, per un istan­te, che il ri­tor­no del­la pe­na ca­pi­ta­le non sa­reb­be un cat­ti­va idea.

Ec­co: que­st’an­no le pre­mes­se per scri­ve­re «ma­le» di un’ope­ra (nep­pu­re vi­sta) c’era­no e ci so­no dav­ve­ro tut­te. La mia è un’am­mis­sio­ne di uma­ni­tà e di as­so­lu­ta parzialità. C’è un’ope­ra di Giu­sep­pe Ver­di, que­sta se­ra: e a me, Ver­di, fon­da­men­tal­men­te, non pia­ce. Mi piac­cio­no an­cor me­no gli ap­pas­sio­na­tis­si­mi di Ver­di, che so­no co­me quei ga­stro­no­mi che poi in­tra­ve­di sem­pre nel­la stes­sa piz­ze­ria. Pe­rò Ver­di ha fat­to tan­te co­se, tan­te ope­re an­che di­ver­sis­si­me tra lo­ro, pas­sag­gi da la­cri­me agli oc­chi, op­pu­re ope­re sco­piaz­za­te che mi in­ge­ne­ra­no un ef­fet­to las­sa­ti­vo: per esem­pio l’At­ti­la, l’ope­ra di que­sta se­ra. Vi ba­sta? D’ac­cor­do.

PO­LE­MI­CHE CRETINE

Ag­giun­gia­mo – per­do­na­te se non sto a mo­ti­va­re, ad ar­go­men­ta­re tec­ni­ca­men­te – che il rap­por­to tra il mae­stro Ric­car­do Chail­ly e Giu­sep­pe Ver­di non mi ha con­vin­to mai. Chail­ly fa il suo la­vo­ro, dio ce lo pre­ser­vi, non è che ci sia mol­to di me­glio: ma, al­la Sca­la, si è ade­gua­to al­la Sca­la e a un re­per­to­rio che non è esat­ta­men­te la sua taz­za di te: opi­nio­ne per­so­na­lis­si­ma. Non lo di­rei se non l’aves­si se­gui­to e ascol­ta­to per mol­ti an­ni, pri­ma, quand’era orien­ta­to più a nord e le scel­te mu­si­ca­li e il suo­no del­le sue or­che­stre era­no tutt’al­tre co­se. Er­go, rias­sun­to par­zia­le: non amo Ver­di, amo an­cor me­no l’At­ti­la di Ver­di, so­no con­vin­to che Chail­ly su­bi­sca il re­per­to­rio sca­li­ge­ro. Vi sem­bra po­co per – una so­la vol­ta – ri­nun­cia­re al­la Pri­ma?

Nel ca­so, mi­ca è fi­ni­ta. Dun­que. La ge­ne­si del­la Pri­ma, in ge­ne­re, è ac­com­pa­gna­ta da po­le­mi­cuc­ce im­pro­ba­bi­li o ar­ti­fi­cio­se che sia­no, è una tra­di­zio­ne: ma cretine co­me que­st’an­no non le ho vi­ste mai. An­zi­tut­to l’idea che un po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to di se­rie B aleg­gi per­si­no sul­la Sca­la fa ve­ni­re il vol­ta­sto­ma­co: per­ché non stia­mo par­lan­do, ches­sò, di una re­gia di Pa­tri­ce Che­reau e di tut­te le de­ge­ne­ra­zio­ni che ne se­gui­ro­no, ma del fat­to in­con­tro­ver­ti­bi­le che un’ope­ra che si chia­ma At­ti­la, am­bien­ta­ta nel quin­to se­co­lo e cioè quan­do c’era l’Im­pe­ro Ro­ma­no oc­ci­den­ta­le, pos­sa es­se­re riam­bien­ta­ta nel 1940, in uno sce­na­rio pe­ral­tro ine­si­sten­te (na­zi­sta-co­mu­ni­sta, che co­sa ori­gi­na­le) con la pre­te­sa che «l’idea sa­reb­be pia­ciu­ta a Ver­di», ha det­to qual­che cre­ti­no. No com­ment. Dav­ve­ro: non c’è più nien­te da ag­giun­ge­re, su que­sto.

I DUE CA­VAL­LI

Cre­ti­na­ta nu­me­ro due: la «As­so­cia­zio­ne Ita­lia­na Di­fe­sa Ani­ma­li ed Am­bien­te» (boh) ha pro­te­sta­to per­ché sul pal­co sa­rà pre­sen­te un ca­val­lo ve­ro – che poi, scoop di Li­be­ro, i ca­val­li sa­ran­no due: uno bian­co e uno scu­ro – e in­som­ma: an­che al­la Sca­la dob­bia­mo ave­re tra i co­glio­ni gli animalisti che par­la­no di «stress che po­treb­be con­fi­gu­ra­re il rea­to di mal­trat­ta­men­to». Vie­ne vo­glia di ri­spon­de­re che di ani­ma­li, al­la Pri­ma, ce ne so­no mol­tis­si­mi al­tri an­che tra il pub­bli­co. E vie­ne vo­glia di ri­pri­sti­na­re l’or­to­dos­sia che si­no agli an­ni Tren­ta, nel tea­tro wag­ne­ria­no di Bay­reu­th, ob­bli­ga­va (ob­bli­ga­va) al­la pre­sen­za di ani­ma­li ve­ri e vi­vi nel­le sce­ne in cui Wa­gner li ave­va pre­vi­sti.

Cre­ti­na­ta nu­me­ro tre: l’ec­ci­tan­te in­di­scre­zio­ne se­con­do la qua­le l’al­le­sti­men­to, pa­re, du­ran­te un fac­cia a fac­cia tra At­ti­la e un al­tro ti­zio (Ezio) ri­nun­ce­rà al­la tra­di­zio­na­le ca­du­ta del pon­te «per ri­spet­to del­le vit­ti­me di Ge­no­va». Che sce­men­za. Che gran­dis­si­ma sce­men­za. Com­men­ti? Nes­su­no. Ma sto a ca­sa.

Cre­ti­na­ta nu­me­ro quat­tro: il sin­da­co di Ce­na­te di Sot­to (pro­vin­cia di Ber­ga­mo, 3800 abi­tan­ti, da non con­fon­de­re con la vi­ci­na Ce­na­te di So­pra, 2400 abi­tan­ti: non è una bat­tu­ta) che ha scrit­to al­la so­vrin­ten­den­za del­la Sca­la per­ché, es­sen­do lui un cre­den­te im­pal­li­na­to, e sic­co­me Ver­di ha pre­vi­sto una sce­na am­bien­ta­ta in un bor­del­lo do­ve una don­na sca­ra­ven­ta a ter­ra una sta­tua del­la Ma­don­na, pre­ten­de­va – il sin­da­co – che la sce­na fos­se com­ple­ta­men­te eli­mi­na­ta. An­che qui: no com­ment. Peg­gio­re di lui, for­se, so­lo la ri­spo­sta del so­vrin­ten­den­te, che ac­cen­na a un At­ti­la «fe­de­le al­le in­ten­zio­ni del com­po­si­to­re». Cer­to: am­bien­ta­to du­ran­te la Se­con­da guer­ra mon­dia­le, quan­do Ver­di era mor­to da qua­rant’an­ni. E ri­pro­po­sto, in com­pen­so, ora che gli Un­ni ci so­no dav­ve­ro, per­ché es­si vi­vo­no. So­no al go­ver­no.

(Bre­scia/Ami­sa­no - Tea­tro al­la Sca­la)

Una del­le sce­ne dell’At­ti­la di Ver­di du­ran­te le pro­ve ge­ne­ra­li al Pier­ma­ri­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.