La Cdu va a con­gres­so di­vi­sa sul fu­tu­ro can­cel­lie­re te­de­sco

Libero - - Esteri - DA­NIEL MOSSERI

■ I son­dag­gi so­no per An­ne­gret Kramp-Kar­ren­bauer, ma al con­gres­so del par­ti­to cri­stia­no de­mo­cra­ti­co (Cdu) og­gi ad Am­bur­go non sa­ran­no gli Herr e le Frau Mül­ler di Ger­ma­nia a vo­ta­re ben­sì i 1.001 de­le­ga­ti.

Per cui Akk, co­sì vie­ne ac­cor­cia­to il no­me del­la can­di­da­ta fa­vo­ri­ta per la pre­si­den­za del­la Cdu, po­treb­be en­tra­re pa­pes­sa ma usci­re car­di­na­le. Akk ha co­mun­que le car­te in re­go­la per suc­ce­de­re ad An­ge­la Mer­kel al­la te­sta del par­ti­to: è se­gre­ta­ria ge­ne­ra­le del­la Cdu ed è già sta­ta pre­mier re­gio­na­le nel­la pic­co­la Saar­land, e pri­ma an­co­ra sot­to­se­gre­ta­ria agli In­ter­ni. I te­de­schi la co­no­sco­no da an­ni e i son­dag­gi di­co­no che si fi­da­no di lei, pe­rò non le ri­co­no­sco­no do­ti di lea­der­ship. In­som­ma Kramp-Kar­ren­bauer for­se vin­ce ma non con­vin­ce. E ha un as­so nel­la ma­ni­ca: go­de del fa­vo­re di An­ge­la Mer­kel, la don­na che gui­da la Cdu da 18 an­ni. L’al­tro so­pran­no­me di Akk è «mi­ni-Mer­kel»: mo­de­ra­te sia po­li­ti­ca­men­te che nei mo­di, le due don­ne be­ne in­car­na­no il cen­tro del­lo schie­ra­men­to po­li­ti­co. A di­vi­der­le è la fe­de: la can­cel­lie­ra è pro­te­stan­te men­tre la 56en­ne Akk è cat­to­li­ca, il che aiu­ta a far­la ap­pa­ri­re un po’ più con­ser­va­tri­ce di Mer­kel. Una dif­fe­ren­za che non gua­sta per una Cdu che – fra nozze gay, l’aper­tu­ra ai pro­fu­ghi e il no all’ato­mo – la can­cel­lie­ra ha spin­to a si­ni­stra ne­gli ul­ti­mi an­ni.

L’AV­VO­CA­TO DI DE­STRA

Se Akk rap­pre­sen­ta la con­ti­nui­tà, Frie­dri­ch Merz è l’«an­ti-Mer­kel». Il 63en­ne av­vo­ca­to Merz è tor­na­to al­la po­li­ti­ca at­ti­va do­po no­ve an­ni di as­sen­za. Nel 2000 era ar­ri­va­to a gui­da­re il grup­po par­la­men­ta­re uni­fi­ca­to Cdu-Csu (la co­sto­la ba­va­re­se del par­ti­to). Tut­ta­via la sua car­rie­ra fu stron­ca­ta pro­prio da Mer­kel che nel 2002 lo so­sti­tuì al­la te­sta del­la Frak­tion par­la­men­ta­re. Con­ser­va­to­re, atlan­ti­co e al­ler­gi­co al­le tas­se, Merz non è me­no eu­ro­pei­sta del­la can­cel­lie­ra ma i suoi mo­di so­no più as­ser­ti­vi. «To­glie­rò il 50% dei vo­ti di AfD», ha det­to pro­met­ten­do di ri­por­ta­re la Cdu a de­stra. Stan­co del cer­chio ma­gi­co mer­ke­lia­no, nel 2009 Merz la­scia la po­li­ti­ca e si but­ta in fi­nan­za, di­ven­tan­do un da­na­ro­so con­su­len­te di Blac­kRock, la più gran­de so­cie­tà di in­ve­sti­men­to al mon­do. Son­dag­gi al­la ma­no, i te­de­schi lo ri­spet­ta­no ri­co­no­scen­do­gli una com­pe­ten­za ma­na­ge­ria­le

Fra i due con­ten­den­ti c’è poi Jens Spahn: il 38en­ne mi­ni­stro del­la Sa­lu­te non sem­bra ave­re trop­pe chan­ce di vit­to­ria. Il suo no­me è an­co­ra le­ga­to all’ala gio­va­ni­le del par­ti­to, vi­va­io di can­cel­lie­ri ma con po­che tes­se­re nel par­ti­to. Spahn, che è gay, ha spo­sa­to il pro­prio compagno. Dei tre can­di­da­ti è il più con­ser­va­to­re e an­ti-pro­fu­ghi. Di lui, ha det­to gior­ni fa il lea­der del­la Fdp Ch­ri­stian Lind­ner, sen­ti­re­mo an­co­ra par­la­re: «Fra 15 an­ni gui­de­rà il par­ti­to».

Da si­ni­stra, An­ne­gret Kramp Kar­ren­bauer (56 an­ni), Frie­dri­ch Merz (63) e Jens Spahn (38), i tre can­di­da­ti che si di­spu­ta­no, al con­gres­so che si svol­ge og­gi ad Am­bur­go, la gui­da del­la Cdu, il par­ti­to dei cri­stia­no-de­mo­cra­ti­ci te­de­schi (Get­ty Ima­ges)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.