L’al­lea­to oc­cul­to

Libero - - Lelettere -

Non si può ne­ga­re che il mi­glior al­lea­to di Sal­vi­ni sia sta­to e con­ti­nua ad es­se­re il Pd as­sie­me a quel­li che ne con­di­vi­do­no al­cu­ne im­po­sta­zio­ni ol­tran­zi­ste, tra i qua­li pu­re al­cu­ni che oc­cu­pa­no scran­ni di gran­de ri­lie­vo. Spia­ce ve­de­re che nes­su­no di co­sto­ro rie­sce a ca­pi­re che se in­ve­ce di osta­co­la­re an­che le pic­co­le idee giu­ste la­scias­se­ro la­vo­ra­re in pa­ce se non ad­di­rit­tu­ra col­la­bo­ra­re per le gran­di ini­zia­ti­ve (il red­di­to di cit­ta­di­nan­za non è fra que­ste, a scan­so di equi­vo­ci) per il be­ne del­la Na­zio­ne nes­su­no si scan­da­liz­ze­reb­be se al ter­mi­ne del­la le­gi­sla­tu­ra vi po­trà es­se­re un

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.