Co­me si di­ven­ta un mi­to I se­gre­ti di Or­son Wel­les

Libero - - Cultura - PI­NO FARINOTTI

■ Ar­ri­va nel­la sa­le Lo sguar­do di Or­son Wel­les, il do­cu­men­ta­rio di Mark Cou­sins, re­gi­sta, so­prat­tut­to stu­dio­so di ci­ne­ma, dav­ve­ro for­tu­na­to nel­la cir­co­stan­za , se è ve­ro che ro­vi­stan­do fra vec­chie sca­to­le, ne ha sco­va­ta una pie­na di di­se­gni del re­gi­sta, gra­zie ai qua­li è riu­sci­to a tro­va­re una for­mu­la per una ri­let­tu­ra, una del­le tan­te che ri­guar­da­no Wel­les, il ci­nea­sta più rac­con­ta­to del­la sto­ria del ci­ne­ma. Wel­les nel­le sa­le è un even­to be­ne­me­ri­to e vir­tuo­so, rien­tra nel­la cor­ren­te di que­sta fa­se re­cen­te che ri­pro­po­ne i mae­stri. Mi so­no espres­so in que­sto sen­so nei miei due ul­ti­mi in­ter­ven­ti in que­sta se­de, che ri­guar­da­va­no Ing­mar Berg­man e Bil­ly Wil­der: la ne­ces­si­tà, in que­sta epo­ca do­ve la qua­li­tà – di ci­ne­ma e di tan­to al­tro- qua­si non tro­va cit­ta­di­nan­za, di re­pe­ri­re qual­co­sa di al­to e di buo­no, che ser­va a ri­far­ci la boc­ca. In que­sto con­te­sto Wel­les è per­fet­to. Ci so­no al­cu­ni vo­lu­mi sul ci­ne­ma che do­ven­do se­le­zio­na­re un’uni­ca im­ma­gi­ne a rap­pre­sen­tar­lo, han­no scel­to il fac­cio­ne di Or­son, più o me­no gio­va­ne. In real­tà Wel­les gio­va­ne, an­zi gio­va­nis­si­mo, avreb­be una pre­ci­sa e in­di­scu­ti­bi­le le­git­ti­ma­zio­ne, per­ché a 26 an­ni era già il più po­po­la­re ci­nea­sta ame­ri­ca­no, con una de­fi­ni­zio­ne at­tri­bui­ta­gli, non ba­na­le ,“the Ge­nius”.

Tor­nan­do al­lo “Sguar­do”, dav­ve­ro nien­te di strano che Wel­les sa­pes­se di­se­gna­re, è una vo­ca­zio­ne che fa par­te di mol­ti che la­vo­ra­no sull’im­ma­gi­ne. Ku­brick e Fel­li­ni di­se­gna­va­no be­nis­si­mo, co­sì co­me Lin­ch – che fa del­le mo­stre- e Wen­ders. Sem­pre ca­den­za­ti dai di­se­gni, il film rac­con­ta epi­so­di dell’in­fan­zia di Or­son, quan­do si li­mi­ta­va a fa­re im­paz­zi­re ge­ni­to­ri e go­ver­nan­ti, per poi con­si­de­ra­re le ope­re, che ar­ri­va­ro­no, ap­pun­to mol­to pre­sto, co­me quan­do, nel 1938, 23en­ne, spa­ven­tò l’Ame­ri­ca col suo gran­de scher­zo ra­dio­fo­ni­co La guer­ra dei mon­di, ri­pe­ten­do­si nel 1941, quan­do di­res­se Quar­to po­te­re, da mol­ti ri­te­nu­to la più gran­de ope­ra ci­ne­ma­to­gra­fi­ca di sem­pre. A le­git­ti­ma­re un al­tro da­to: la piat­ta­for­ma Si­gh& Sound che fa par­te del Bri­ti­sh Film In­sti­tu­te e sti­la, pe­rio­di­ca­men­te, una clas­si­fi­ca che fa(reb­be) te­sto, ha po­sto il ti­to­lo al pri­mo po­sto, scal­zan­do, fi­nal­men­te, la stuc­che­vo­le su­pre­ma­zia del­la Co­raz­za­ta Po­tën­kin. Cou­sins si ap­pro­pria di un co­di­ce di­ret­to, si ri­vol­ge “all’ami­co Or­son” co­me in una let­te­ra aper­ta, con mol­ta si­cu­rez­za, che gli de­ri­va da suoi im­pe­gni pre­ce­den­ti, co­me la sua The Sto­ry of Film, una ri­cer­ca di qua­li­tà. Con Wel­les, se vuoi rac­con­ta­re, vai sul si­cu­ro, non hai che l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta. Nel suo sba­glia­re e ri­pro­va­re, nell’am­bi­gui­tà che lo ac­com­pa­gna­va nell’ar­te e nel pri­va­to, è una fon­te in­fi­ni­ta e non sa­rà cer­to “Lo sguar­do” l’ul­ti­mo li­bro su di lui.

Co­me ne­gli “ac­tion” di que­sta epo­ca do­ve da un epi­so­dio al Cai­ro, ti tro­vi ca­ta­pul­ta­to a Vien­na, Wel­les sal­ta­va da una lo­ca­li­tà all’al­tra. «Po­te­va es­se­re che un mio per­so­nag­gio des­se uno schiaf­fo a Or­vie­to e l’al­tro lo ri­ce­ves­se ad Ate­ne». Emer­ge, nel rac­con­to la sua ge­nia­le im­per­fe­zio­ne, co­me quan­do in Quar­to po­te­re una fi­la di bal­le­ri­ne vie­ne il­lu­mi­na­ta dal bas­so, da una fon­te di lu­ce che non po­te­va esi­ste­re. Era un re­tag­gio dell’espres­sio­ni­smo e di quel­le in­ven­zio­ni di lu­ci e om­bre.

E poi gli amo­ri. An­che lì en­tu­sia­smi e ca­du­te. Ri­ta Hay­wor­th, for­se la don­na più bel­la del mon­do, vis­se cin­que an­ni di ma­tri­mo­nio in una pe­ren­ne cri­si di ner­vi, di­vor­ziò ap­pe­na in tem­po pri­ma che ac­ca­des­se il peg­gio. E sem­pre in chia­ve di pa­ra­dos­si al­la Wel­les, in Ita­lia l’ar­ti­sta si in­na­mo­rò di Lea Pa­do­va­ni, don­na cer­to in­te­res­san­te ma non era... Ri­ta. Eb­be­ne, Or­son... fu re­spin­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.