Con­tror­di­ne, fa be­ne man­gia­re pa­ta­ti­ne frit­te

Se­con­do gli scien­zia­ti se ne man­gi sei a pa­sto non hai pro­ble­mi di pe­so e colesterolo. In­som­ma van­no con­su­ma­te con mo­de­ra­zio­ne

Libero - - Da Prima Pagina - TOM­MA­SO FA­RI­NA

Sei al gior­no: non cin­que o set­te, sei. Se­con­do un su­pe­re­sper­to ame­ri­ca­no, per non pre­giu­di­ca­re la no­stra sa­lu­te è con­si­glia­bi­le man­gia­re non più di sei pa­ta­ti­ne frit­te (...)

(...) al gior­no, na­tu­ral­men­te co­me con­tor­no. Soltanto sei, ma a quel­le sei pos­sia­mo tran­quil­la­men­te non ri­nun­cia­re. Ri­ba­den­do dun­que un con­cet­to che può sem­bra­re ov­vio, ma per chi si lan­cia ogni gior­no in cro­cia­te ali­men­ta­ri non lo è: un ali­men­to non ve­le­no­so non fa ma­le di per sé, ma so­lo per co­me e quan­to lo si man­gia.

La sen­ten­za è ar­ri­va­ta dal pro­fes­sor Eric Rimm, dell’uni­ver­si­tà di Har­vard. L’il­lu­stre cat­te­dra­ti­co, in­ter­prel­la­to dal New York Ti­mes,

ha ri­ve­la­to: «Le pa­ta­ti­ne frit­te so­no una bom­ba di ami­do, che si tra­sfor­ma in zuc­che­ro ve­lo­ce­men­te nel san­gue. Pen­so sa­reb­be me­glio che il piat­to prin­ci­pa­le ar­ri­vas­se con un’in­sa­la­ta e sei pa­ta­ti­ne». La ve­ra bom­ba, a giu­di­ca­re da cer­te rea­zio­ni, è quel­la che ha lan­cia­to lui. In Ame­ri­ca, su twit­ter, è tut­to un fioc­ca­re di iro­nie e di in­sur­re­zio­ni.

Ma per­ché? Per­ché tut­ti han­no vi­sto il bic­chie­re mez­zo vuo­to. I di­vo­ra­to­ri se­ria­li di ci­bo spaz­za­tu­ra e di patate frit­te con­ge­la­te, che ol­treo­cea­no rap­pre­sen­ta­no una per­cen­tua­le non pic­co­la, si so­no sen­ti­ti pre­si di mi­ra. E han­no pro­cla­ma­to, al­le­gra­men­te, che se ne fre­ga­no. Ta­le Bet­ty, per esem­pio, scri­ve in in­gle­se: «Uno scien­zia­to di Har­vard di­ce che do­vrei man­gia­re so­lo sei patate frit­te per pa­sto. Quan­do ho la sin­dro­me pre­me­strua­le po­trei fa­cil­men­te di­vo­rar­mi sei pro­fes­so­ri di Har­vard in un’uni­ca ce­na». Per ri­ba­di­re il con­cet­to, cor­re­da il suo tweet con un sac­chet­to­ne az­zur­ro di fren­ch fries sur­ge­la­te. Co­me di­re: guai a chi me le toc­ca.

Ep­pu­re, se Bet­ty e mol­ti al­tri sa­la­ci com­men­ta­to­ri si fos­se­ro sof­fer­ma­ti a pen­sa­re, a ri­flet­te­re, avreb­be­ro ca­pi­to che il dot­tor Rimm apre le por­te a una mol­to più gra­de­vo­le ve­ri­tà: nel­la giu­sta quan­ti­tà, le patate frit­te si pos­so­no man­gia­re, sen­za grat­ta­ca­pi sa­lu­ti­sti­ci, an­che tut­ti i gior­ni. Nien­te di più lon­ta­no dal­la vo­ra­ci­tà ti­pi­ca­men­te ame­ri­ca­na, che ama in ma­nie­ra smo­da­ta l’ab­buf­fa­ta in­di­scri­mi­na­ta.

Ol­tre­tut­to, ci so­no patate e patate. Le patate frit­te in ca­sa so­no di­ver­se da quel­le sur­ge­la­te, da quel­le dei fa­st food e so­prat­tut­to da quel­le già frit­te che si man­gia­no dal sac­chet­to. Que­ste ul­ti­me so­no, ca­lo­ri­ca­men­te, le più mi­ci­dia­li: con­ten­go­no me­no ac­qua e più grassi. Due no­te mar­che ita­lia­ne, co­me si può con­sta­ta­re al su­per­mer­ca­to, co­mu­ni­ca­no un ap­por­to ca­lo­ri­co che va dal­le 487 al­le 546 ki­lo­ca­lo­rie per 100 gram­mi di pro­dot­to. Di­ver­sa la si­tua­zio­ne per le patate da fa­st food e per quel­le sur­ge­la­te pron­te da frig­ge­re. Mc Do­nald’s sul suo si­to web ren­de no­ti i va­lo­ri nu­tri­zio­na­li del­le pa­ta­ti­ne che ven­de: 289 kcal ogni 100 gram­mi. Po­co più di un ter­zo di me­no.

Se in­ve­ce le patate ve le frig­ge­te voi dal fre­sco, sbuc­cian­do­le, ta­glian­do­le e but­tan­do­le nell’olio (si rac­co­man­da quel­lo d’ara­chi­di, che ha pun­to di fu­mo più al­to e con­sen­te frit­tu­ra più leg­ge­ra, a più ele­va­te tem­pe­ra­tu­re), è an­co­ra me­glio. Le patate ca­sa­lin­ghe, in me­dia, of­fro­no 188 kcal all’et­to. Un va­lo­re enor­me­men­te in­fe­rio­re ri­spet­to agli snack, ma an­che ri­spet­to al­le patate sur­ge­la­te, che spes­so ven­go­no pre-frit­te pri­ma del­la sur­ge­la­zio­ne. Con­si­de­ran­do che la sti­ma di Rimm si ri­fe­ri­sce al mer­ca­to ame­ri­ca­no, do­mi­na­to dal­la pa­ta­ta già pron­ta, pro­ba­bil­men­te la do­se quo­ti­dia­na di patate frit­te “di ca­sa” po­treb­be es­se­re per­fi­no lie­ve­men­te mag­gio­re di quel­la con­si­glia­ta.

Il sen­so co­mun­que non cam­bia: è la do­se che fa il ve­le­no. Quan­te vol­te sen­tia­mo di­re che lo zuc­che­ro, la cioc­co­la­ta, il sa­la­me, il pro­sciut­to fan­no ma­le? E che agru­mi, ver­du­re ec­ce­te­ra fan­no be­ne? Ep­pu­re, se ti di­vo­ri tut­ti i gior­ni tre chi­li di aran­ce, non stai cer­to fa­cen­do un pa­sto equi­li­bra­to. Se sei dia­be­ti­co, la frut­ta la de­vi man­gia­re con mo­de­ra­zio­ne. Quin­di, le co­se che “fan­no be­ne” si tro­va­no, ina­spet­ta­ta­men­te, a “far ma­le”. E in­ve­ce no: un po­co di tut­to, in se­re­ni­tà, e si pos­so­no man­gia­re pu­re quel­le co­se che so­no buo­nis­si­me, ma mes­se all’in­di­ce per l’ap­por­to ener­ge­ti­co o al­tri da­ti del ge­ne­re. E un po’ di patate frit­te fat­te in ca­sa, an­che se po­che, so­no ca­pa­ci di al­lie­ta­re un ham­bur­ger cot­to sul­la pia­stra sen­za grassi. L’equi­li­brio, sia nel man­gia­re che nel sen­ten­zia­re, sal­ve­rà l’uma­ni­tà.

FAT­TE IN CA­SA Se le patate le frig­ge­te fre­sche, ta­glian­do­le e but­tan­do­le nell’olio è an­co­ra me­glio. Cu­ci­na­te in ca­sa valgono 188 Kcal all’et­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.