Ma pre­fe­ri­re le gio­va­ni è mol­to me­glio

Ognu­no dev’es­se­re li­be­ro di espri­me­re i pro­pri orien­ta­men­ti

Libero - - Da Prima Pagina - VIT­TO­RIO FELTRI

Ca­ra Eli­sa­bet­ta, ma che ti im­por­ta dell’opi­nio­ne in­sul­sa o co­mun­que di­scu­ti­bi­le di uno scrit­to­re fran­ce­se di in­cer­ta fa­ma? Il qua­le, pur aven­do su­pe­ra­to mez­zo se­co­lo di età, af­fer­ma di pre­fe­ri­re co­ri­car­si con una ven­ten­ne che non con una cin­quan­ten­ne.

Non ca­pi­sco per­ché te ne deb­ba adon­ta­re: che ti im­por­ta dei gusti ses­sua­li di Yann Moix? Cia­scu­no di noi ha il di­rit­to di espri­me­re le pro­prie con­vin­zio­ni in ma­te­ria di let­to sen­za es­se­re vi­li­pe­so. Com­pren­do. Tu hai più di cin­quan­ta an­ni e ti of­fen­de l’idea che il nar­ra­to­re in que­stio­ne non gra­di­sca le co­sid­det­te tar­do­ne, tut­ta­via se egli pen­sa che tu sia po­co ap­pe­ti­bi­le non te ne de­ve fre­ga­re un ac­ci­den­te.

O que­st’uo­mo ti pia­ce co­sì tan­to che ti ir­ri­ta l’even­tua­li­tà di es­ser­ne re­spin­ta, op­pu­re non ha sen­so la tua pre­sa di po­si­zio­ne con­tro i suoi orien­ta­men­ti ses­sua­li. Do­ve è il pro­ble­ma se a Moix van­no a ge­nio le ra­gaz­ze e non ap­prez­za (...)

(...) le si­gno­re at­tem­pa­te? Ognu­no di noi è li­be­ro di ave­re del­le de­bo­lez­ze in campo ero­ti­co e di cer­ca­re di sod­di­sfa­re le pro­prie aspi­ra­zio­ni. A te, Eli­sa­bet­ta, gar­ba­no i si­gno­ri ma­tu­ri? Sia fat­ta la tua vo­lon­tà, se rie­sci a im­por­la. Al ro­man­zie­re fran­ce­se in­ve­ce van­no a ge­nio le si­gno­ri­nel­le pal­li­de? Per­so­nal­men­te gli au­gu­ro di pe­scar­ne, co­me a te au­gu­ro di gia­ce­re con qual­che ma­tu­sa­lem­me di col­lau­da­ta espe­rien­za.

È as­sur­do pre­ten­de­re che le per­so­ne ab­bia­no tut­te gli stes­si orien­ta­men­ti; cia­scu­na di es­se ha i pro­pri obiet­ti­vi e non me la sento di cen­su­ra­re al­cu­no. Io, per esem­pio, so­no un vec­chio ba­cuc­co e non ho la pre­te­sa di fa­re l’amo­re con del­le fan­ciul­le in fio­re, non ho nem­me­no quel­la di far­lo con le lo­ro mam­me. Per me cer­ti eser­ci­zi sot­to o so­pra le len­zuo­la so­no sol­tan­to un ri­cor­do no­stal­gi­co e non rie­sco a par­te­ci­pa­re al­le tue elo­cu­bra­zio­ni nel ra­mo.

De­vo pe­rò am­met­te­re che in pas­sa­to non ho mai fat­to di­stin­zio­ni ana­gra­fi­che: se una mi af­fa­sci­na­va, a pre­scin­de­re dal­la sua car­ta di iden­ti­tà, mi im­pe­gna­vo, non trop­po, per aver­la; se vi­ce­ver­sa, spes­so, non mi andava, gio­va­ne o no che fos­se, la­scia­vo per­de­re, an­che per­ché or­ga­niz­za­re una sco­pa­ta di sfro­so, pri­ma o do­po ce­na, com­por­ta una ta­le fa­ti­ca che ra­ra­men­te è il ca­so di af­fron­ta­re.

Ca­ra Eli­sa­bet­ta, la­scia per­de­re que­ste te­ma­ti­che, cia­scu­no di noi ca­nu­ti è li­be­ro di fan­ta­sti­ca­re. Ma non è più in gra­do di rea­liz­za­re un bel nien­te sen­za inu­til­men­te sof­fri­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.