Se la don­na è pe­lo­sa tor­ne­rà pre­sto di mo­da

Libero - - Da Prima Pagina - ELI­SA­BET­TA DE DOMINIS

Ca­ro di­ret­to­re,

so già che mi di­rai: «Che bar­ba, Eli­sa­bet­ta!», ma il trend è il pe­lo e ti chie­do di far­ci lu­ce nel­la fo­re­sta pe­lo­sa di uo­mi­ni e don­ne. (...)

(...) Ie­ri se­ra ti ho sen­ti­to al­la tra­smis­sio­ne La Zan­za­ra di Ra­dio 24 ri­spon­de­re che pre­fe­ri­sci le don­ne de­pi­la­te dap­per­tut­to ma, che se la mo­da è di non de­pi­lar­si più le ascel­le, col tem­po ti po­tre­sti an­che ade­gua­re. So­no ammirata da que­sta tua qua­li­tà di adat­ta­men­to, in­ve­ce io non ci rie­sco: a me gli uo­mi­ni con la bar­ba e cor­po per giun­ta de­pi­la­to mi fan­no ri­brez­zo, ma og­gi ho sco­per­to che fac­cio par­te di un’esi­gua mi­no­ran­za. So­no an­ti­qua­ta, co­me di­re­sti tu.

Se­con­do l’identikit trac­cia­to da Ani­ma Se­lect, il 78 per cen­to del­le don­ne ita­lia­ne pre­di­li­ge gli uo­mi­ni con la bar­ba pos­si­bil­men­te in­col­ta per­ché espri­mo­no for­za, vi­ri­li­tà e puntano a con­cre­tiz­za­re piut­to­sto che a de­si­de­ra­re un rap­por­to ses­sua­le. Ov­via­men­te que­sto ste­reo­ti­po è dif­fi­ci­le da in­con­tra­re nel­la real­tà, men­tre po­po­la le fic­tion te­le­vi­si­ve da Thor, il dio del tuo­no al Tro­no di Spa­de. In que­st’ul­ti­mo se­rial fan­ta­sy l’at­to­re Ja­son Mo­moa dai mu­sco­li scol­pi­ti è Dro­go, ca­po dei guer­rie­ri Do­th­ra­ki, che pren­de e sbat­te sul pa­glie­ric­cio l’or­go­glio­sa ma­dre dei Dra­ghi. E lei se ne in­na­mo­ra per­du­ta­men­te. Qual­sia­si uo­mo dal­la fac­cia a uo­vo di Pa­squa, fa­cen­do­si cre­sce­re la bar­ba, ha la pos­si­bi­li­tà di tra­sfor­mar­si in Bab­bo Na­ta­le, men­tre è con­vin­to di es­se­re un guer­rie­ro Do­th­ra­ki. Per ben che gli va­da, se ha an­co­ra il pe­lo scu­ro, sem­bra un ta­le­ba­no pron­to ad in­fol­ti­re i grup­pet­ti di ex­tra­co­mu­ni­ta­ri che cion­do­la­no per le vie.

L’ago­sto scor­so mi chie­se ri­pe­tu­ta­men­te l’ami­ci­zia su Fa­ce­book un cer­to Da­li Da­ly: apro e mi ap­pa­re un pre­stan­te guer­ri­glie­ro dell’Isis, con la bar­ba ne­ra co­me la pe­ce, che mi pun­ta il mi­tra con­tro. Ho vi­sto so­lo l’as­sas­si­no, non il bel te­ne­bro­so, e ho chia­ma­to la po­li­zia po­sta­le.

A fer­ra­go­sto è poi pas­sa­ta qua­si in sor­di­na la no­ti­zia che un grup­po di ri­cer­ca­to­ri sviz­ze­ri ha pub­bli­ca­to sul­la ri­vi­sta Eu­ro­pean

Ra­dio­lo­gy: «Nel­la bar­ba de­gli uo­mi­ni ci so­no più bat­te­ri pe­ri­co­lo­si per noi che nei pe­li di un ca­ne». Il che non è una bel­la no­ti­zia per tut­ti que­gli uo­mi­ni che puntano sul­la bar­ba per con­qui­sta­re le don­ne. Te­mo che le don­ne scel­ga­no in­con­scia­men­te gli uo­mi­ni per il pe­lo, co­me fan­no con i ca­ni; in­fat­ti si va af­fer­man­do la ‘mo­da bar­bon­ci­no’ che per i qua­dru­pe­di pre­ve­de te­sta da leo­ne e cor­po de­pi­la­to da ca­pret­ta. La bar­ba non può evo­ca­re la zaz­ze­ra di un ca­ne, da ac­ca­rez­za­re. Per­tan­to io pre­fe­ri­sco cor­po da leo­ne e vi­so ra­sa­to da uo­mo.

At­ten­do che tu fac­cia il pe­lo e con­tro­pe­lo a que­sta pe­no­sa que­stio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.