Re­gno dei cie­li me­glio di quel­lo dei pe­li

Libero - - Da Prima Pagina - VIT­TO­RIO FEL­TRI

(V.F.) - A me il re­gno dei pe­li in­te­res­sa me­no del re­gno dei Cie­li. Gli zaz­ze­ru­ti non mi fan­no né cal­do né fred­do, al mas­si­mo pro­vo­ca­no in me un sen­so di ri­brez­zo. Se an­che le don­ne de­ci­do­no di imi­ta­re gli uo­mi­ni (...)

(...) fa­cen­do­si cre­sce­re dei bo­schi sot­to le ascel­le e al­tro­ve, non pos­so che pro­va­re re­pul­sio­ne, ma so­no al­tre­sì di­spo­sto a chiu­de­re un oc­chio, an­zi due.

Re­cen­te­men­te mi ri­sul­ta che mol­te si­gno­re si ra­si­no pu­re la vul­va. Non so per­ché lo fac­cia­no, for­se per pia­ce­re mag­gior­men­te ai lo­ro cor­teg­gia­to­ri. A me la co­sa non va a ge­nio. Da­van­ti al­lo spet­ta­co­lo del ses­so fem­mi­ni­le de­pi­la­to mi sen­to a di­sa­gio, co­me al co­spet­to di una im­ma­gi­ne ri­ca­va­ta da una en­ci­clo­pe­dia me­di­ca che pun­ta sull’ana­to­mia per il­lu­stra­re la con­for­ma­zio­ne dell’ap­pa­ra­to ri­pro­dut­ti­vo fem­mi­ni­le. Non mi ec­ci­ta, ben­sì mi fa im­pres­sio­ne. Pro­vo un fa­sti­dio in­de­scri­vi­bi­le che è l’esat­to con­tra­rio del­la nor­ma­le ec­ci­ta­zio­ne che su­sci­ta la vi­sio­ne di un bel cor­po nu­do. Per­tan­to la que­stio­ne pe­li sì o pe­li no si com­pli­ca. Se de­vo es­se­re sin­ce­ro am­met­to che, sa­rà l’abi­tu­di­ne, pre­fe­ri­sco una fi­dan­za­ta pu­li­ta co­me il pal­mo di una ma­no, os­sia sen­za ce­spu­gli ascel­la­ri, tut­ta­via se il suo pu­be è to­tal­men­te pri­vo di la­nu­gi­ne mi ri­pu­gna. Sa­rò an­ti­qua­to, ma gra­di­sco che den­tro gli slip di una ra­gaz­za ci sia un mi­ni­mo di mor­bi­dez­za, di se­to­la che in­vi­ti a una ca­rez­za.

Per ciò che con­cer­ne in­ve­ce i ma­schi, i bar­bu­ti quan­to gli isla­mi­ci mi fan­no or­ro­re seb­be­ne non mi in­ti­mo­ri­sco­no: so­no brut­ti e ba­sta. Sem­bra­no e ma­ga­ri so­no spor­chi, na­scon­do­no il lo­ro vol­to in mo­do bru­ta­le e a noi oc­ci­den­ta­li si pre­sen­ta­no qua­le mi­nac­cia. Oc­cor­re pre­ci­sa­re che da qual­che tem­po an­che gli oc­ci­den­ta­li amano in­cor­ni­cia­re il lo­ro vol­to di pe­lac­ci, evi­den­te­men­te imi­ta­no quel­li dell’Isis per ap­pa­ri­re più vi­ri­li. In real­tà fan­no so­lo più schi­fo. Ma non è un pro­ble­ma. L’uo­mo ir­su­to non è evo­lu­to, tal­vol­ta pe­rò è pia­ciu­to. Al­le cre­ti­ne, che so­no la mag­gio­ran­za dell’uma­ni­tà. Ec­co il mo­ti­vo per cui an­che es­se puntano a in­co­rag­gia­re la cre­sci­ta del­la pro­pria pe­lu­ria.

La can­tan­te Ma­don­na va fie­ra del­le sue ascel­le non de­pi­la­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.