Sia­mo tut­ti a sud di qual­cun al­tro E fe­li­ci «fi­gli del­la no­stra ter­ra»

È as­sur­da la cor­sa a bo­ni­fi­ca­re il lin­guag­gio usa­to dal­la gen­te e con iro­nia da­gli stes­si emi­gra­ti dal­la «Ter­ro­nia». Che si ri­co­no­sco­no in que­sta iden­ti­tà e ci scher­za­no con gu­sto

Libero - - Primo Piano - GIAN­LU­CA VENEZIANI

Ma smet­te­te­la col vo­stro ter­ro­ri­smo, o for­se ter­ro­ni­smo, psi­co­lo­gi­co. Smet­te­te­la di de­ni­gra­re il no­stro gior­na­le o di au­spi­car­ne la chiu­su­ra, co­me ha fat­to Di Ma­io, so­lo per­ché ab­bia­mo osa­to usa­re in un ti­to­lo la pa­ro­la «terroni». E smet­te­te­la di ven­ti­la­re san­zio­ni di­sci­pli­na­ri, co­me ha fat­to l’Or­di­ne dei gior­na­li­sti se­gna­lan­do­ci al con­si­glio di di­sci­pli­na.

Fi­ni­te­la di bia­si­mar­ci so­lo per­ché ab­bia­mo ri­le­va­to una co­sa piut­to­sto evi­den­te, os­sia che tre del­le quat­tro più im­por­tan­ti ca­ri­che isti­tu­zio­na­li del Pae­se so­no me­ri­dio­na­li. E so­prat­tut­to pian­ta­te­la di bo­ni­fi­ca­re il lin­guag­gio e di con­si­de­ra­re al­cu­ni ter­mi­ni ta­bù, per­ché quel­le pa­ro­le mar­chia­te da voi co­me in­fa­man­ti so­no le stes­se che usa la gen­te nel les­si­co quo­ti­dia­no, fre­gan­do­se­ne del po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to. E una di que­sta è si­cu­ra­men­te «terroni» che esi­ste ec­co­me nel­le chiac­chie­ra­te tra ami­ci, sui so­cial, in film, ti­to­li di li­bri e te­sti di can­zo­ni; e che, la­scia­te­me­lo di di­re da ter­ro­ne, non ha al­cun­ché di of­fen­si­vo.

Or­mai l’espres­sio­ne «ter­ro­ne» è una fie­ra au­to­rap­pre­sen­ta­zio­ne del me­ri­dio­na­le, una di­chia­ra­zio­ne di or­go­glio su­di­sta, a mag­gior ra­gio­ne se a pro­nun­ciar­la è un cit­ta­di­no del Sud tra­sfe­ri­to­si a Nord. Quel­la pa­ro­la evo­ca il le­ga­me con le pro­prie ra­di­ci, l’amo­re per la pro­pria ter­ra e il de­si­de­rio di tor­nar­vi: la Ter­ro­nia è uno sta­to idea­le, un Pa­ra­di­so Ter­re­stre, e a vol­te Per­du­to, al qua­le vor­rem­mo ac­ce­de­re, quan­do ne sia­mo lon­ta­ni. E con­tie­ne in sé l’umil­tà di chi è più vi­ci­no all’hu­mus, al­la ter­ra, ben con­sa­pe­vo­le che de­gli umi­li è il re­gno dei cie­li. Il Ter­ro­ne è uno che ha i pie­di ben pian­ta­ti per ter­ra ma la te­sta ri­vol­ta a co­se al­te e no­bi­li… E poi «ter­ro­ne» è un con­cet­to re­la­ti­vo per­ché ognu­no di noi è ter­ro­ne di qual­cun al­tro: nel Do­po­guer­ra era­no det­ti “terroni del Nord” i ve­ne­ti che si tra­sfe­ri­va­no a Mi­la­no, ma terroni so­no gli stes­si lom­bar­di ri­spet­to ai cit­ta­di­ni dell’Eu­ro­pa con­ti­nen­ta­le; in Fran­cia terroni so­no gli abi­tan­ti del Nord an­zi­ché quel­li del Sud, co­sì co­me so­no terroni gli scoz­ze­si ri­spet­to agli in­gle­si, o i ba­va­re­si in con­fron­to agli abi­tan­ti di Ber­li­no.

ABA­TAN­TUO­NO E ZA­LO­NE IN­SE­GNA­NO

E non è un ca­so che quel ter­mi­ne og­gi sia abu­sa­tis­si­mo (e ap­prez­za­tis­si­mo) su In­ter­net, tra pa­gi­ne Fa­ce­book, in­fluen­cer e pro­dut­to­ri di vi­deo vi­ra­li. Voi cen­so­ri, che ci giu­di­ca­te per l’uso del­la pa­ro­la «terroni», da­te­vi un’oc­chia­ta ai con­te­nu­ti de «Il ter­ro­ne fuo­ri se­de», che mot­teg­gia ma al con­tem­po glo­ri­fi­ca tut­ti i cli­ché sui me­ri­dio­na­li, dal­le espres­sio­ni («è usci­to il caf­fè») ai mi­ti e ri­ti (il ri­tor­no a Sud per Na­ta­le e il dram­ma del rien­tro a Nord a va­can­ze fi­ni­te) fi­no al­le con­vin­zio­ni dif­fu­se (la ne­ve, se ar­ri­va a Nord, è fred­da, a Sud è sem­pre cal­da).

Op­pu­re spul­cia­te­vi la pa­gi­na di Ca­sa Su­ra­ce, do­ve com­pren­de­re­te com’è di­ver­sa la vi­ta «con un ter­ro­ne» e «sen­za un ter­ro­ne», e ma­ga­ri vi con­vin­ce­re­te a pren­de­re un ter­ro­ne con voi in ca­sa, per ren­de­re le vo­stre gior­na­te più di­ver­ten­ti. O, pun­tan­do su no­mi e vol­ti più pop, pen­sa­te al va­lo­re ag­giun­to da­to al­la pa­ro­la «ter­ro­ne» da Chec­co Za­lo­ne, che ha co­strui­to un film sul­la ca­pa­ci­tà di un ter­ro­ne di scon­fig­ge­re il ter­ro­re. O, an­co­ra, al­la fi­gu­ra del «ter­run­ciel­lo» im­mor­ta­la­ta (e ri­scat­ta­ta) da Die­go Aba­tan­tuo­no.

E al­lo­ra, non ac­ca­ni­te­vi sull’uti­liz­zo di una pa­ro­la che, nel peg­gio­re dei ca­si, è iro­ni­ca, nel mi­glio­re in­di­ca­ti­va di un or­go­glio di ap­par­te­nen­za. Non cer­ca­te di col­pe­vo­liz­zar­la, at­tac­can­do­vi ad al­cu­ne sen­ten­ze del­la Cas­sa­zio­ne che l’han­no san­zio­na­ta co­me in­giu­rio­sa, so­lo per­ché con­no­ta­ta dell’ul­te­rio­re epi­te­to «di mer­da». Per ca­pir­ci, un con­to è di­re «Co­man­da­no i terroni», co­me ab­bia­mo fat­to noi, al­tro è di­re «Ehi, ter­ro­ne di mer­da», do­ve evi­den­te­men­te «di mer­da» sa­reb­be of­fen­si­vo an­che se ri­vol­to a un pa­da­no o a uno stra­nie­ro.

A ve­nir­ci in­con­tro sull’inof­fen­si­vi­tà in ge­ne­ra­le del ter­mi­ne è un’il­lu­stre giu­ri­sta ter­ro­na, il mi­ni­stro Giulia Bon­gior­no, la qua­le in una tra­smis­sio­ne tv di un pa­io di an­ni fa spie­ga­va co­me l’espres­sio­ne «ter­ro­ne» è dif­fa­ma­to­ria so­lo se ri­vol­ta a qual­cu­no in par­ti­co­la­re e in sua as­sen­za, ma non se non de­sti­na­ta a un grup­po di per­so­ne pre­sen­ti, co­me ca­pi­ta ne­gli sta­di. Do­ve, tra l’al­tro, so­no sta­ti ri­pre­si sfot­tò che in ori­gi­ne era­no in­ve­ce di­chia­ra­zio­ni di amo­re, co­me la can­zo­ne Ita­lia­no ter­ro­ne che amo de­gli Skian­tos.

In­som­ma, Terroni di tut­to il mon­do, unia­mo­ci. An­che per­ché tro­ve­re­mo sem­pre qual­cu­no più a Sud (o più a Nord) di noi a cui da­re, be­ne­vol­men­te, del ter­ro­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.