«Cu­ci­no, la­vo e sti­ro Mai sta­to me­glio di co­sì»

Fio­ren­zo Bre­scia­ni ha fon­da­to il sin­da­ca­to dei ma­ri­ti che la­vo­ra­no fra le mu­ra do­me­sti­che e sve­la tut­ti i truc­chi del me­stie­re

Libero - - Da Prima Pagina - MAS­SI­MO SANVITO

«Sta­mat­ti­na mi so­no sve­glia­to al­le 5 per pre­pa­ra­le la co­la­zio­ne. Co­min­cia­va il tur­no al­le 6...». Fio­ren­zo Bre­scia­ni, to­sca­nac­cio di Luc­ca, par­la da ve­te­ra­no. So­no vent’an­ni (...)

(...) che sul­la sua car­ta d’iden­ti­tà, al­la vo­ce pro­fes­sio­ne, c’è scrit­to ca­sa­lin­go. «Bea­ta te», di­co­no le ami­che al­la mo­glie con una cer­ta in­vi­dia. Già, per­ché non è mi­ca da tut­te sve­gliar­si e tro­va­re il caf­fè pron­to nel­la taz­zi­na. O tor­na­re a ca­sa la se­ra con la ta­vo­la ap­pa­rec­chia­ta e la ce­na pron­ta in un mi­nu­to.

Quel­lo dei ca­sa­lin­ghi uo­mi­ni, in real­tà, non è un fe­no­me­no di co­stu­me ma una ve­ra e pro­pria evo­lu­zio­ne so­cia­le. Nel 2018 so­no sta­ti 25mi­la, in tut­ta Ita­lia, a pa­ga­re il bol­let­ti­no dell’Inail per gli in­for­tu­ni do­me­sti­ci. Di que­sti, ol­tre 6.500 so­no iscrit­ti all’Asuc, l’As­so­cia­zio­ne uo­mi­ni ca­sa­lin­ghi fon­da­ta dal pre­si­den­te Bre­scia­ni nel 2003 a Pie­tra­san­ta, in Ver­si­lia. «All’ini­zio era­va­mo mo­sche bian­che, ora con­ti­nuia­mo a cre­sce­re. E se il no­stro la­vo­ro fos­se pa­ga­to so­no con­vin­to che il nu­me­ro de­gli as­so­cia­ti au­men­te­reb­be an­co­ra di più».

BUCATO E CU­CI­NA

Del re­sto, chi l’ha det­to che le fac­cen­de do­me­sti­che sia­no pre­ro­ga­ti­va fem­mi­ni­le? Che un uo­mo non deb­ba fa­re il bucato? Che so­lo le don­ne pos­sa­no pas­sa­re l’aspi­ra­pol­ve­re, pu­li­re i ve­tri, spol­ve­ra­re i mo­bi­li, fa­re la spe­sa e cu­ci­na­re? Gli uo­mi­ni non so­no mi­ca im­bra­na­ti per de­fi­ni­zio­ne: san­no rim­boc­car­si le ma­ni­che e met­ter­si a di­spo­si­zio­ne per la cu­ra del­la ca­sa.

C’è chi di­ven­ta ca­sa­lin­go per ne­ces­si­tà e de­ci­de di de­di­car­si al­le fac­cen­de do­me­sti­che do­po aver per­so il la­vo­ro e chi lo fa per scel­ta co­me Fio­ren­zo. «Ave­vo un’at­ti­vi­tà com­mer­cia­le e quan­do l’ho ven­du­ta, nell’at­te­sa di tro­va­re un al­tro la­vo­ro, ho co­min­cia­to a oc­cu­par­mi del­la ca­sa: fa­re il ca­sa­lin­go mi ha ap­pas­sio­na­to sem­pre di più. Pri­ma ero le­ga­to agli ora­ri men­tre ora pos­so ge­sti­re tut­to da so­lo. È un me­stie­re che mi dà tran­quil­li­tà».

Ma co­me fun­zio­na la gior­na­ta ti­po del ca­sa­lin­go? Esat­ta­men­te co­me quel­la di tut­ti gli al­tri: con gli ora­ri a scan­di­re le va­rie fa­si del la­vo­ro, con la fa­ti­ca e le pre­oc­cu­pa­zio­ni. «Al­la mat­ti­na si pre­pa­ra la co­la­zio­ne, si ri­fan­no i let­ti, si dà una spol­ve­ra­ta ai mo­bi­li, si pas­sa l’aspi­ra­pol­ve­re, si fa la spe­sa e si cu­ci­na. Nel po­me­rig­gio toc­ca a la­va­tri­ce e fer­ro da sti­ro, ma ca­pi­ta an­che di aver il po­me­rig­gio li­be­ro da pas­sa­re con gli ami­ci», spie­ga Bre­scia­ni.

Che nei fi­ne set­ti­ma­na sa­le in cat­te­dra al ma­ster di “Ho­me ma­na­ge­ment” per in­se­gna­re sti­ro­lo­gia ed epi­ste­mo­lo­gia del bucato agli aspi­ran­ti ca­sa­lin­ghi. Spie­ga i se­gre­ti del­la la­va­tri­ce e co­me im­pu­gna­re il fer­ro, due ar­ne­si sco­no­sciu­ti al­la mag­gior par­te dei ma­schi ita­li­ci e pro­ba­bil­men­te non so­lo ai no­stri.

I SE­GRE­TI

«Al gior­no d’og­gi stu­dia­no tan­to, ma nel­le co­se pra­ti­che fan­no mol­to fa­ti­ca. Nel­lo scaf­fa­le di un per­fet­to ca­sa­lin­go non pos­so­no man­ca­re bi­car­bo­na­to di so­dio e aci­do ci­tri­co per scon­fig­ge­re il cal­ca­re».

I con­si­gli più pre­zio­si? «Bi­so­gna fa­re at­ten­zio­ne al de­ter­si­vo che si usa, ma è fon­da­men­ta­le te­ne­re pu­li­ta la la­va­tri­ce con un li­tro di ace­to co­me sgras­san­te. Per quan­to ri­guar­da lo sti­ra­re, è im­por­tan­te per gli uo­mi­ni pren­der­si uno sga­bel­lo e ap­pog­giar­ci una del­le due gam­be fa­cen­do cam­bio ogni ven­ti mi­nu­ti. So­lo co­sì, ri­po­san­do an­che i mu­sco­li del­le spal­le, sa­ran­no me­no stan­chi a fi­ne sti­ra­tu­ra».

Non che sia tut­to ro­sa e fio­ri so­lo per­ché si la­vo­ra a ca­sa. I pro­ble­mi e le re­spon­sa­bi­li­tà non man­ca­no, co­me san­no al­tret­tan­to be­ne i mi­lio­ni di col­le­ghe fem­mi­ne di Fio­ren­zo. «Bi­so­gna sta­re at­ten­ti a far qua­dra­re i con­ti per­ché si vi­ve con un so­lo sti­pen­dio. Io ri­spar­mio più sui de­ter­si­vi che sul ci­bo: l’im­por­tan­te è evi­ta­re spre­chi. Da un pun­to di vi­sta psi­co­lo­gi­co, ri­spet­to a mia mo­glie, a fi­ne gior­na­ta so­no me­no stan­co. Spes­so la aspet­to con la ta­vo­la ap­pa­rec­chia­ta a lu­me di can­de­la, ma è ca­pi­ta­to di sen­tir­mi di­re “scu­sa ma non è se­ra­ta”. So­no co­se nor­ma­li che pos­so­no suc­ce­de­re a tut­ti».

SCO­GLI DA SU­PE­RA­RE

Già, le don­ne. Se al­cu­ne pun­ta­no il di­to con­tro i ca­sa­lin­ghi per­ché ve­do­no in­tac­ca­to il lo­ro ruo­lo di re­gi­ne del­la ca­sa, al­tre sguaz­za­no in que­sta si­tua­zio­ne che ro­ve­scia i ruo­li e lo­da­no i ma­ri­ti ope­ro­si. Tor­na­no a ca­sa dal la­vo­ro e non de­vo­no pen­sa­re a nul­la: me­glio di co­sì? Di sco­gli da su­pe­ra­re, pe­rò, ce ne so­no an­co­ra tan­ti. Sa­ran­no i re­tag­gi del pas­sa­to, che vo­glio­no la don­na col grem­biu­le e non il con­tra­rio, ma og­gi è an­co­ra dif­fi­ci­le es­se­re ca­sa­lin­ghi al ma­schi­le. «C’è chi pen­sa che fac­cia­mo i man­te­nu­ti, ma stia­mo scher­zan­do? Noi non per­ce­pia­mo sti­pen­dio, ma non dob­bia­mo as­so­lu­ta­men­te ver­go­gnar­ci per que­sto: è un ono­re col­la­bo­ra­re col pro­prio part­ner. Al­tri pen­sa­no che sia­mo ef­fem­mi­na­ti: ca­sa­lin­go pe­rò non è si­no­ni­mo di omo­ses­sua­le. È as­sur­do, nel 2019, sentire dei ra­gaz­zi­ni che par­la­no di la­vo­ri da uo­mi­ni e la­vo­ri da don­na. Le fac­cen­de do­me­sti­che van­no fat­te, non im­por­ta da chi», spie­ga Fio­ren­zo Bre­scia­ni.

In Ita­lia, il per­cor­so per un pie­no ri­co­no­sci­men­to del­la pro­fes­sio­ne è an­co­ra lun­go. I 13 eu­ro da pa­ga­re all’Inail ogni an­no co­me as­si­cu­ra­zio­ne ser­vo­no a po­co, no­no­stan­te i ri­schi del me­stie­re. Un ta­glio col col­tel­lo, una scot­ta­tu­ra col fer­ro da sti­ro, una ca­du­ta ac­ci­den­ta­le sul pa­vi­men­to ba­gna­to. «Ve­nia­mo tu­te­la­ti so­lo in ca­si gra­vis­si­mi, per tut­to il re­sto pren­dia­mo ci­fre ir­ri­so­rie. Ci sta be­ne pa­ga­re una quo­ta, è un ini­zio nel­la spe­ran­za che le co­se cam­bi­no. Il no­stro è un la­vo­ro che non por­ta reddito ed è per que­sto, pur­trop­po, che nes­su­no si in­te­res­sa a noi».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.