Libero

Trent’an­ni fa fa­ce­va più cal­do

Nel 1990 ci fu­ro­no 7-8 gra­di so­pra la me­dia. E dal IX al XIV se­co­lo il cli­ma fu tor­ri­do

- AZ­ZUR­RA BARBUTO Weather · Science · Ecology · Greta Thunberg · Alps · Europe · Americas

Era da trent’an­ni, os­sia dal 1990, che non ave­va­mo un inverno co­sì mi­te, con tem­pe­ra­tu­re di 7-8 gra­di so­pra la me­dia. Ma se tre de­cen­ni or­so­no il te­po­re era quan­to quel­lo odier­no, co­me si fa a di­re che il cli­ma og­gi è mu­ta­to? Stu­pi­dag­gi­ne as­so­lu­ta, fio­ri­sco­no già nei giardini o nel ce­men­to gli alberi di pe­sco, con i lo­ro sof­fi­ci fio­rel­li­ni ro­sa, il cielo è azzurro, sen­za nuvole, l’aria pia­ce­vol­men­te tie­pi­da, al Sud (...)

(...) (in Si­ci­lia si toc­ca­no i 25 gra­di) già qual­cu­no az­zar­da il tuffo in ma­re e per­si­no all’estre­mo Nord del­la pe­ni­so­la, ad­di­rit­tu­ra a Ber­ga­mo, si re­gi­stra­no 18 gra­di.

Gon­go­la­no i gre­ti­ni, i qua­li ri­ten­go­no di po­te­re sven­to­la­re que­sto da­to e co­de­ste evi­den­ze in fac­cia a quan­ti si mo­stra­no scet­ti­ci da­van­ti al­le teo­rie am­bien­ta­li­ste tan­to di mo­da og­gi­gior­no. In ba­se ad es­se il cri­mi­na­le uo­mo, che ha abu­sa­to sen­za ri­te­gno del pia­ne­ta, sa­reb­be spac­cia­to: en­tro 10 an­ni si estin­gue­rà in quan­to la Ter­ra di­ven­te­rà una sor­ta di de­ser­to in cui si schiat­te­rà di cal­do. Lo di­ce l’at­ti­vi­sta sve­de­se Greta Thun­berg. E guai a voi a con­trad­dir­la, poi­ché l’eco­lo­gi­smo og­gi non è una sem­pli­ce mania, ben­sì una ve­ra e pro­pria re­li­gio­ne. Bi­so­gna ri­por­re fede nel­la ca­ta­stro­fe pla­ne­ta­ria. Del re­sto le grandi re­li­gio­ni, cat­to­li­ce­si­mo in­clu­so, so­no in cri­si e gli es­se­ri uma­ni ri­vol­go­no il pro­prio bi­so­gno di cre­de­re in qual­co­sa di tra­scen­den­te orien­tan­do­si ver­so nuo­vi pseu­do-cre­di, da cui sca­tu­ri­sco­no re­go­le com­por­ta­men­ta­li, ali­men­ta­ri ed eti­che ri­go­ro­se ed as­so­lu­te. Chi non le os­ser­va è un ne­mi­co, un idio­ta, o al­me­no un sog­get­to da con­ver­ti­re.

AFA NEL ME­DIOE­VO

In­som­ma, se fa cal­do a febbraio è a cau­sa del sur­ri­scal­da­men­to glo­ba­le. Se fa fred­do a giugno, idem. Non vi è scampo. Ep­pu­re la scien­za e la sto­ria ci rac­con­ta­no che il cli­ma va­ria a pre­scin­de­re dai fat­to­ri uma­ni. Non che que­sti ul­ti­mi non stia­no in­fluen­zan­do l’eco­si­ste­ma, pu­re ab­ba­stan­za ne­ga­ti­va­men­te, tut­ta­via non in mo­do co­sì de­ter­mi­nan­te co­me pro­cla­ma­no i fa­na­ti­ci gre­ti­ni, dal mo­men­to che è pro­va­to che nei se­co­li cal­do e fred­do in­ten­si si so­no suc­ce­du­ti.

Ad esem­pio, il las­so di tem­po che va dal IX al XIV se­co­lo (quin­di cir­ca 500 an­ni) fu ca­rat­te­riz­za­to nel­la regione del nord Atlan­ti­co da un inu­sua­le cli­ma re­la­ti­va­men­te tor­ri­do e per­ciò que­sta fa­se sto­ri­ca è co­no­sciu­ta con il no­me di “Pe­rio­do cal­do me­die­va­le” (PCM). Poi, dal 1300, av­ven­ne un gra­dua­le avan­za­men­to dei ghiacci pre­ce­den­te­men­te ri­ti­ra­ti­si o ad­di­rit­tu­ra scom­par­si. Ta­le ci­clo, che va dal­la me­tà del XIV al­la me­tà del XIX se­co­lo, è no­to co­me “pic­co­la era gla­cia­le” e vide un vio­len­to ab­bas­sa­men­to del­la tem­pe­ra­tu­ra me­dia ter­re­stre, ac­com­pa­gna­to da ca­re­stie e ma­lat­tie. Gli in­ver­ni fu­ro­no ter­ri­bil­men­te ri­gi­di, tan­to che in­tor­no al 1650 il ghiac­cio del­le Al­pi sviz­ze­re avan­zò a tal pun­to da in­glo­ba­re in­te­ri vil­lag­gi di pa­sto­ri. In par­ti­co­la­re l’inverno del 1709 è con­si­de­ra­to da nu­me­ro­si esper­ti il più ge­li­do de­gli ul­ti­mi 500 an­ni. Al­lo­ra non si mo­ri­va di fred­do sol­tan­to in Eu­ro­pa, ma an­che in Ame­ri­ca. La gla­cia­zio­ne, pur­trop­po, era destinata a pro­se­gui­re per al­tri 200 an­ni, ov­ve­ro fi­no al 1850, an­no in cui le tem­pe­ra­tu­re tor­na­ro­no a lie­vi­ta­re pro­vo­can­do, nuo­va­men­te, la ri­du­zio­ne dei ghiacci. Sta­dio che stia­mo tut­to­ra at­tra­ver­san­do.

AL­TER­NAN­ZA

In­som­ma, è da cir­ca 150 an­ni che ci stia­mo ri­scal­dan­do e, di con­se­guen­za, i ghiac­ciai ar­re­tra­no. L’azio­ne dell’uo­mo sull’am­bien­te, di sicuro, ac­cen­tua il fe­no­me­no ep­pu­re non ne è la cau­sa, in quan­to è ac­cla­ra­to che da sem­pre ge­lo e ca­lo­re, raf­fred­da­men­to e ri­scal­da­men­to, si al­ter­na­no. Al­cu­ni scien­zia­ti ri­ten­go­no che a de­ter­mi­na­re la pic­co­la era gla­cia­le pos­sa es­se­re sta­ta la di­mi­nu­zio­ne dell’at­ti­vi­tà so­la­re, pe­rò re­si­sto­no nu­me­ro­se do­man­de sul per­ché il cli­ma mu­ti in ma­nie­ra tal­vol­ta bru­sca nel cor­so dei se­co­li.

Pu­re gli an­ti­chi ro­ma­ni do­vet­te­ro mi­su­rar­si con ter­ri­bi­li on­da­te di ca­lo­re. Se­con­do uno stu­dio ap­par­so su En­vi­ron­men­tal Rea­se­ra­ch Let­ters Jour­nal, le lo­ro esta­ti non fu­ro­no me­no bol­len­ti del­le no­stre. Tut­ta­via a noi va meglio: al­me­no ab­bia­mo il con­di­zio­na­to­re. E pu­re il fri­go­ri­fe­ro.

 ??  ?? La ma­sche­ra di Greta sul car­ro di Car­ne­va­le; l’at­ti­vi­sta pen­sa che la ter­ra sa­rà di­strut­ta dal sur­ri­scal­da­men­to glo­ba­le. Sot­to l’al­ter­nan­za del cli­ma nei se­co­li
La ma­sche­ra di Greta sul car­ro di Car­ne­va­le; l’at­ti­vi­sta pen­sa che la ter­ra sa­rà di­strut­ta dal sur­ri­scal­da­men­to glo­ba­le. Sot­to l’al­ter­nan­za del cli­ma nei se­co­li
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy