Da­go­spia ha in­ven­ta­to l’in­ter­net po­po­la­re

Se­le­zio­na no­ti­zie, pro­du­ce scoop e an­ti­ci­pa ten­den­ze: dal­la fi­nan­za pa­dro­na al­le ce­ne ro­ma­ne. Di D’Ago­sti­no non si può più fa­re a me­no

Libero - - CULTURA - FI­LIP­PO FACCI

■ Da­go­spia ha com­piu­to vent'an­ni (ie­ri) e lo scri­ven­te è ami­co per­so­na­le del suo crea­to­re Ro­ber­to D’Ago­sti­no, che è sim­pa­ti­co a Vit­to­rio Feltri, è ado­ra­to da Me­la­nia Riz­zo­li, in redazione pia­ce a un sac­co di gen­te (ol­tre­ché es­se­re uti­le) e quin­di po­che bal­le, que­sto non è un ar­ti­co­lo, è una ce­le­bra­zio­ne, un pea­na, una mar­chet­ta, un sof­fiet­to, in ger­go un cla­mo­ro­so pom­pi­no. Mi pia­ce D’Ago­sti­no, mi pia­ce sua mo­glie An­na Fe­de­ri­ci, mi pia­ce il lo­ro fi­glio Roc­co (con cui ho gio­ca­to a pal­lo­ne, a ca­sa lo­ro, quan­do era an­co­ra uno gno­mo) e quin­di gi­ra­te al lar­go se in­ve­ce non gra­di­te il per­so­nag­gio o il suo si­to, o man­co sa­pe­te che co­sa sia: l’ar­ti­co­lo non fa per voi. Gi­ra­te al lar­go an­che se cre­de­te che il suo sia me­ra­men­te «un si­to di gos­sip» (ciò che an­che è, be­nin­te­so) per­ché qui non tro­ve­re­te nep­pu­re i clas­si­ci «sì ma pe­rò» che s’in­fi­la­no sem­pre ne­gli ar­ti­co­li che fin­go­no di guar­da­re le due fac­ce del­la me­da­glia: qui la me­da­glia è una so­la, e la af­fig­gia­mo vo­len­tie­ri al pet­to di D’Ago­sti­no spe­ran­do pu­re di pun­ger­lo, che tan­to lui non fa al­tro con l’uni­ver­so mon­do.

IL CAPODANNO DA LUI

La pa­ren­te­si per­so­na­le la apro e chiu­do in un se­con­do. Mi fi­do di lui, pun­to. Ag­giun­go che in ge­ne­re mi con­ce­do due so­le usci­te mon­da­ne all’an­no, pe­ral­tro rav­vi­ci­na­te: una è la Pri­ma del­la Sca­la a Mi­la­no, la se­con­da è la fe­stic­cio­la di Capodanno di Ro­ber­to D’Ago­sti­no a Ro­ma. Non mi ser­ve al­tro, per ca­pi­re che aria ti­ra nel­le quo­te al­te o al­tis­si­me di que­sto Pae­se. Per il re­sto, per com­pren­de­re e in­da­ga­re le quo­te me­dio bas­se, in stra­da o al su­per­mer­ca­to, ho tut­to il re­sto dell’an­no. Non po­trei cer­to ca­pi­re leg­gen­do i gior­na­li, che non ba­sta­no. Fi­gu­ra­ti dai gior­na­li­sti fi­gu­ra­ti, che vi­vo­no nel­la lo­ro bol­la (co­me al­tre ca­te­go­rie) e del­le al­tre bol­le ap­pren­do­no da in­ter­net, ma qua­le in­ter­net? Qua­le si­to me­sco­la in­com­pa­ra­bil­men­te al­to e bas­so, an­zi bas­sis­si­mo e al­tis­si­mo? Do­man­da re­to­ri­ca. An­che per­ché frat­tan­to tra al­tis­si­mo e bas­sis­si­mo, più o me­no in tut­to il Pia­ne­ta, han­no abo­li­to la me­die­tà: non so­lo la clas­se co­sid­det­ta me­dia, ma an­che quei cor­pi in­ter­me­di che in due de­cen­ni han­no av­vi­ci­na­to ine­so­ra­bil­men­te e or­ri­bil­men­te (se­con­do me) po­te­re e po­po­lo, e que­sto a di­sca­pi­to del­le isti­tu­zio­ni, del­le com­pe­ten­ze, de­gli esper­ti, di chi ha stu­dia­to e su­da­to. L’in­ter­net po­po­la­re, in­te­so co­me web, è na­to giu­sto vent’an­ni fa (co­me Da­go­spia) e da al­lo­ra la per­ce­zio­ne, an­zi il per­ce­pi­to, ha avu­to la me­glio sul­la real­tà: tut­to è a di­spo­si­zio­ne di tut­ti, e pe­rò - per dir­la con una mia col­le­ga a cui Da­go­spia non pia­ce per nien­te – se tut­ta la co­no­scen­za del mon­do è gra­tis, beh, non fre­ga più nien­te a nes­su­no di im­pa­ra­re qual­co­sa. E al­lo­ra, per far­la bre­ve, la se­le­zio­ne è tut­to. E su Da­go­spia c’è una se­le­zio­ne che mi è pre­zio­sis­si­ma, non so co­me fa­rei sen­za, c’è un sac­co di ro­bac­cia che non m’in­te­res­sa e che sal­to sal­to (co­me su ogni gior­na­le, co­me in tv) ma il co­sid­det­to – per­do­na­te­mi – spi­ri­to del tem­po aleg­gia tut­to lì, su Da­go­spia. Non sui co­sto­sis­si­mi si­ti dei gior­na­lo­ni, non sui quo­ti­dia­ni on­li­ne che vor­reb­be­ro «spie­ga­re be­ne» le co­se agli anal­fa­be­ti fun­zio­na­li in un Pae­se do­ve il si­to di cu­ci­na «Gial­lo Zaf­fe­ra­no» ha più uten­ti del So­le 24 ore.

Quin­di, da vent’an­ni, piac­cia o no, Da­go­spia fa que­sto: se­le­zio­ne, un bol­let­ti­no di in­for­ma­zio­ni su qual­sia­si co­sa, e il suo va­lo­re ag­giun­to in­com­pa­ra­bi­le è da­to dal­la qua­li­tà di chi lo fre­quen­ta e leg­ge.

Poi, se vo­le­te, chia­ma­te­lo «ag­gre­ga­to­re» di no­ti­zie: se non fos­se che Da­go­spia ha an­che una vo­ca­zio­ne all’in­for­ma­zio­ne in­di­pen­den­te (i da­go­re­port) e fa un sac­co di scoop che spes­so i gior­na­lo­ni ri­pren­do­no sen­za ci­ta­re la fon­te. E, a pro­po­si­to di fon­ti, Ro­ber­to D’Ago­sti­no ne ha di in­cre­di­bi­li per nu­me­ro e qua­li­tà: uno dei pri­mi fu il pre­si­den­te eme­ri­to del­la Re­pub­bli­ca Fran­ce­sco Cos­si­ga, e via via a scen­de­re. Poi nel tem­po il si­to è an­che cam­bia­to, co­me tut­te le co­se: il di­vor­zio tra D’Ago­sti­no e il mi­ti­co fo­to­gra­fo Um­ber­to Piz­zi ha se­gna­to il pas­sag­gio dal­la qua­li­tà pro­fes­sio­na­le all'epo­ca in cui ogni pir­la può scat­ta­re con un cel­lu­la­re, en­ne­si­mo esem­pio di dis-in­ter­me­dia­zio­ne. La ce­le­bre ru­bri­ca «Ca­fo­nal» era que­sto: il ve­ro ri­to so­cia­le del­la co­mu­ni­ca­zio­ne tra­sfor­ma­to in tra­vol­gen­te e pac­chia­no esi­bi­zio­ni­smo, lo sfor­zo so­vru­ma­no di cer­ca­re di co­mu­ni­ca­re che co­sa vor­reb­be­ro es­se­re (sem­bra­re) ma che or­mai è sta­to so­sti­tui­to dall’au­to­ri­trat­to ri­ve­du­to e cor­ret­to, il sel­fie, i fin­ti e fin­te «in­fluen­cer» in­te­si co­me pro­ie­zio­ne dell'im­ma­gi­na­rio al­trui, spe­ran­za di co­me ci pos­sa­no per­ce­pi­re. Trop­pi pa­ro­lo­ni. Re­sta che, nel tem­po, è cre­sciu­ta l'im­por­tan­za di Da­go­spia e quin­di an­che le que­re­le, i i ne­mi­ci, i fin­ti snob­ba­to­ri col de­men­zia­le at­teg­gia­men­to «Da­go­spia non esi­ste».

LE CE­NE RO­MA­NE

Do­po­di­ché, det­to que­sto, l’ar­ti­co­lo è fi­ni­to. Tra al­tri diec’an­ni vi rac­con­te­re­mo di quan­do D’Ago­sti­no sco­prì che l’eco­no­mia e la fi­nan­za ave­va­no pre­so il so­prav­ven­to sul­la po­li­ti­ca, quan­do sco­prì l’im­por­tan­za del­le ce­ne ro­ma­ne di po­te­re, la sua mal­ce­la­ta an­ti­pa­tia per le ina­mi­da­te sciu­re mi­la­ne­si, la dif­fe­ren­za tra look e bel­lez­za, il su­per­fi­cia­le co­me uni­co es­sen­zia­le (co­py­right Leo Lon­ga­ne­si) e il suo amo­re per Ren­zo Al­bo­re, Gian­ni Bon­com­pa­gni, Bar­ba­ra Pa­lom­bel­li, le sue straor­di­na­rie qua­li­tà di ti­to­li­sta, il «fe­no­me­no Da­go­spia» di­ven­ta­to og­get­to di di­bat­ti­ti do­ve non si ca­pi­sce un caz­zo (è es­sen­zia­le) e la pas­sio­ne per l’ar­te mo­der­na, la ca­sa mu­seo, i cro­ce­fis­si, i ta­tuag­gi, il suo «noi sia­mo la no­stra fic­tion» che un gior­no mi fol­go­rò, il per­ché per fa­re Da­go­spia – e spes­so an­che per leg­ger­lo – oc­cor­re es­se­re un po’ vec­chi. Poi ba­sta. Per­ché D’Ago­sti­no è an­che un po’ stron­zo, se ser­ve. È ira­sci­bi­le. Ed è pu­re ven­di­ca­ti­vo, se le se­gna per an­ni, ed è for­se la sua co­sa che mi pia­ce di più. Non ci cre­de­re­te, ma D’Ago­sti­no è un uo­mo d’ono­re.

(Ftg)

Qui so­pra la co­per­ti­na del li­bro “Ca­fo­nal. Gli «ita­lio­ni» nel mi­ri­no di «Da­go­spia»” di Ro­ber­to D’Ago­sti­no e Um­ber­to Piz­zi (2008, Mon­da­do­ri). A fian­co D’Ago­sti­no in Trien­na­le, a Mi­la­no, do­ve lo scor­so gen­na­io ha te­nu­to una lec­tio ma­gi­stra­lis sul­la cul­tu­ra del­lo ska­te­board

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.