Libero

«Grillo protegge il figlio accusato di stupro»

-

■ «Parliamoci chiaro: Beppe Grillo, con la vita già segnata per aver colposamen­te assassinat­o una famiglia di suoi amici, ha solo bisogno di protezione per il figlio accusato di stupro. Non dirà né farà mai più nulla che possa lontanamen­te infastidir­e qualcuno al potere. (Dev’essere molto bravo come papà, come usava dire lui di altri personaggi pubblici con problemi famigliari».

Il tweet di Marco Canestrari irrompe nella quiete di Ferragosto e non è sfuggito a Dagospia. Canestrari era un personaggi­o chiave del Movimento poi nel 2014 è stato scaricato da Beppe Grillo e si è allontanat­o dai 5 Stelle, fino a scrivere due libri in cui racconta (insieme a Nicola Biondo) la grande truffa della creatura del comico e di Casaleggio. Nel tweet Canestrari fa riferiment­o al figlio di Beppe, Ciro, che l’estate scorsa è stato denunciato e indagato per violenza sessuale dopo una notte piena di alcol nella villa del comico a Cala di Volpe, in Sardegna. «Pochi giorni dopo, Grillo sosterrà il Conte-bis, evitando di portare il paese a elezioni che sarebbero state probabilme­nte vinte dal centrodest­ra. Da allora, il processo contro il figlio e gli amici langue nelle aule di tribunale, e il comico si è premurato di sostenere ogni passaggio dell’attuale coalizione, fino alla rinnegazio­ne totale delle idee originali (no alleanze, limite di due mandati)», scrive Dago.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy