«Vo­glio la­scia­re l’Ita­lia, qui l’ar­te è in­com­pre­sa»

Le ac­cu­se di Mor­gan: la pan­de­mia ha mes­so in gi­noc­chio i crea­ti­vi, ma nes­su­no in que­sto Pae­se se ne pre­oc­cu­pa

Libero - - ATTUALITÀ - GIO­VAN­NI TERZI

■ Una te­le­fo­na­ta che si tra­sfor­ma in un’in­ter­vi­sta; Mor­gan è co­sì, sem­pre. Un fiu­me in pie­na ca­pa­ce di pas­sa­re dal­la mu­si­ca al­la cul­tu­ra al so­cia­le in un bat­ter di ci­glio ap­pro­fon­den­do con un pun­to di vi­sta ter­zo ogni ar­go­men­to.

Mar­co, po­chi gior­ni fa è man­ca­ta una per­so­na im­por­tan­te del mon­do del­la cul­tu­ra ita­lia­na, un suo ami­co, Phi­lip­pe Da­ve­rio. Che ri­cor­do ha di lui ?

«Da­ve­rio è il pro­fes­so­re, l’uo­mo di let­te­re e di di­vul­ga­zio­ne, po­co tem­po do­po Giu­lio Gio­rel­lo se ne va un al­tro pi­la­stro del­la cul­tu­ra ita­lia­na. Con lui con­di­vi­de­vo la pas­sio­ne per i pa­pil­lon che lui chia­ma­va ri­go­ro­sa­men­te cra­vat­ta, per­ché ave­va una pre­ci­sio­ne les­si­ca­le sba­lor­di­ti­va. La cra­vat­ta non è quel­la co­sa lun­ga che han­no tut­ti, ma un og­get­to d’ab­bi­glia­men­to da an­no­da­re che ha una for­ma di far­fal­la e che og­gi nes­su­no sa più fa­re per­ché le ven­do­no già an­no­da­te chia­man­do­le far­fal­li­no».

Tu ami il pa­pil­lon co­sì co­me Da­ve­rio?

«Ne­gli ul­ti­mi tem­pi ci scam­bia­va­mo le cra­vat­te, co­sì ap­pa­ga­va­mo la no­stra va­ni­tà co­me bam­bi­ni. Te­mo che sa­rà du­ra tro­va­re un ami­co di pa­ri li­vel­lo per­ché Phi­lip­pe ave­va col­le­zio­na­to la cul­tu­ra in mo­do non con­ven­zio­na­le, pro­prio co­me la cra­vat­ta, e si era tro­va­to ad es­se­re uno scri­gno di eti­mo­lo­gie e di sve­la­men­ti. Mi­la­no e l’Ita­lia lo ri­cor­de­ran­no sem­pre con no­stal­gia ed or­go­glio».

Da­ve­rio, co­me lei, non era un aman­te del lin­guag­gio dei so­cial...

«I so­cial so­no sem­pli­ce­men­te il main­stream, lo stan­dard del rap­por­to tra gli in­di­vi­dui e il mon­do at­tor­no a lo­ro, ed è mol­to re­strit­ti­vo no­no­stan­te si pro­pon­ga co­me un pro­lun­ga­men­to del tuo oriz­zon­te vi­si­vo. Quel­lo che non è main­stream è crea­ti­vi­tà pu­ra che, se da una par­te in­go­lo­si­sce, dall’al­tra spa­ven­ta. A me spia­ce che in Ita­lia si fac­cia an­co­ra fa­ti­ca a ca­pi­re quan­to era­va­mo for­ti, ca­pa­ci di pri­meg­gia­re nel mon­do co­me po­ten­za cul­tu­ra­le pri­ma nel Ri­na­sci­men­to e poi nel ba­roc­co».

E poi?

«Sia­mo sta­ti to­tal­men­te su­pe­ra­ti ma, fi­no all’Ot­to­cen­to, ab­bia­mo com­bat­tu­to fie­ra­men­te ot­te­nen­do gran­di ri­sul­ta­ti». Di­men­ti­ca il fu­tu­ri­smo... «Ha ra­gio­ne, for­se ar­ri­via­mo fi­no ai pri­mi del No­ve­cen­to se in­ten­dia­mo il fu­tu­ri­smo ita­lia­no co­me l’ul­ti­ma gran­de avan­guar­dia, poi pe­rò ci sia­mo ad­dor­men­ta­ti com­ple­ta­men­te».

E per quan­to ri­guar­da in­ve­ce il ci­ne­ma e la mu­si­ca?

«Il ci­ne­ma de­gli an­ni 50/60 e la mu­si­ca de­gli an­ni ’60 tra Ge­no­va e Na­po­li han­no per­mes­so di far usci­re dal tor­po­re cul­tu­ra­le il no­stro Pae­se (ec­ce­zio­ne fat­ta per Giu­sep­pe Ver­di che è sta­to il più gran­de com­po­si­to­re del mon­do ai suoi tem­pi). So­no pe­rò epi­so­di spo­ra­di­ci che nul­la han­no a che ve­de­re con il Ri­na­sci­men­to do­ve ba­ste­reb­be ci­ta­re Dan­te, Leo­nar­do, Ca­ra­vag­gio, Pe­trar­ca, Tas­so, Ario­sto, Mi­che­lan­ge­lo, Pie­ro del­la Fran­ce­sca, Vi­val­di, Giot­to, Ga­li­leo e tan­ti al­tri an­co­ra».

Quel­la era l’Ita­lia che co­man­da­va!

«Il di­scor­so è che l’ar­te è il sen­so del mon­do».

In che sen­so, Mar­co? «Non ci si pen­sa mai che la sto­ria è fat­ta da due co­se, edi­fi­ca­zio­ne e di­stru­zio­ne, ov­ve­ro ar­te e guer­ra, non pa­ce e guer­ra: ar­te e guer­ra, per­ché è l’ar­te ciò che fa l’uo­mo quan­do è in pa­ce con se stes­so, quan­do ama, quan­do è li­be­ro. E l’ar­te è il rac­con­to di que­sta li­ber­tà. Poi c’è an­che la guer­ra per­ché è ov­vio che quan­do l’ar­ti­sta è co­stret­to e non ha al­tra pos­si­bi­li­tà al­lo­ra cer­ca an­che nel­la guer­ra di fa­re quel­lo che può stan­do an­che at­ten­to a non ve­ni­re uc­ci­so, pen­si che Un­ga­ret­ti fos­se con­ten­to di com­bat­te­re? Di­rei di no, ha scrit­to in trin­cea per­ché lì era, e ha scrit­to co­se di una pro­fon­di­tà inau­di­ta co­me: «Uni­ver­so: col ma­re mi so­no fat­to una ba­ra di fre­schez­za». Ma quan­ta li­ber­tà c’è qui den­tro? C’è la mor­te ma c’è l’in­fi­ni­to e un’eter­ni­tà pa­ra­di­sia­ca, la fre­schez­za. Co­mun­que il di­scor­so è che noi stia­mo sem­pre di più in un tor­po­re che or­mai mi sta de­pri­men­do. Sia­mo di­ven­ta­ti sol­da­ti­ni ob­be­dien­ti in­te­res­sa­ti so­lo ai sol­di quan­do non ca­pia­mo che è pro­prio nell’ar­te che c’è la ve­ra ric­chez­za».

E se­con­do lei il loc­k­do­wn ha peg­gio­ra­to le co­se?

«As­so­lu­ta­men­te sì. Nel­la qua­ran­te­na, che è sta­to il gran­de ma­gna ma­gna dei si­gno­ri dei so­cial e dei net­work, gli ar­ti­sti so­no sta­ti mes­si in gi­noc­chio, e so­lo il Pa­pa una vol­ta nel­la Mes­sa ha det­to due pa­ro­le su­gli ar­ti­sti, per il re­sto cal­ma piat­ta».

Lei ave­va par­la­to del­la sua ca­sa, da cui è sta­to sfrat­ta­to. Era un’ope­ra d’ar­te. Che co­sa poi è ac­ca­du­to?

«Ma lo sa che la vi­cen­da del­la di­stru­zio­ne per ma­no del­lo Sta­to del­la mia ca­sa, che più che una ca­sa era una cen­tra­le nu­clea­re di pro­du­zio­ne ar­ti­sti­ca, all’este­ro fa inor­ri­di­re e nean­che ci cre­do­no che sia po­tu­to suc­ce­de­re una co­sa si­mi­le? Sa per­ché? Per­ché all’este­ro han­no an­che lo­ro i ma­gi­stra­ti, mi­ca vi­vo­no nell’anar­chia i te­de­schi o gli in­gle­si, an­zi, so­lo che non si per­met­te­reb­be­ro mai di met­te­re le grin­fie sul­la sa­cra­li­tà di un luo­go di ar­te. Que­sta è ci­vil­tà! Quel tri­bu­na­le che co­sì con leg­ge­rez­za ha det­to ap­pli­co so­lo le leg­gi ha fat­to un’azio­ne in­ci­vi­le».

Co­sa pen­sa di fa­re?

«Di an­dar­me­ne fuo­ri dal­le sca­to­le per sem­pre. In Ita­lia l’ar­te non è com­pre­sa a nes­sun li­vel­lo; qui o ti ade­gui al tor­po­re o de­vi scap­pa­re. Guar­da per esem­pio co­sa è ac­ca­du­to a San­re­mo...».

An­che a San­re­mo c’è sta­to un ge­sto ar­ti­sti­co?

«A San­re­mo non han­no ca­pi­to nul­la del mio ge­sto. Sì: nul­la. Si so­no so­lo scan­da­liz­za­ti, e que­sto è buo­no per­ché è giu­sto che un ge­sto poe­ti­co stu­pi­sca ma non san­no il per­ché. Qual­cu­no si è do­man­da­to per­ché ses­san­ta mi­lio­ni di per­so­ne san­no a me­mo­ria i miei ot­to ver­si o no? Con un’azio­ne di quel­la po­ten­za che ab­brac­cia tut­te le età, tut­te le fa­sce cul­tu­ra­li e tut­te le fa­sce eco­no­mi­che e le pren­de tut­te in qua­ran­ta se­con­di di per­for­man­ce all’una di not­te, in Ame­ri­ca io sa­rei già can­di­da­to al­le pre­si­den­zia­li».

E se­con­do lei per­ché la gen­te si è scan­da­liz­za­ta?

«Per­ché quel ge­sto con­tie­ne ve­ri­tà, e cre­di­mi non si è più abi­tua­ti a que­sta. La ve­ri­tà fa tre­ma­re i ve­tri, ed è ri­vo­lu­zio­na­ria. Per tor­na­re al main­stream dei so­cial, il nuo­vo mo­del­lo è quel­lo di im­pa­ra­re a fin­ge­re. La ve­ri­tà al­la fi­ne ci toc­ca nel pro­fon­do e ci com­muo­ve».

Mol­ti han­no ac­cu­sa­to di aver fat­to il ge­sto di San­re­mo per fi­ni com­mer­cia­li. È ve­ro?

«Non ci ho gua­da­gna­to un cen­te­si­mo, di­co un quat­tri­no, da quel­la co­sa».

Su un si­to in cui si fir­ma­no pe­ti­zio­ni qual­cu­no ha av­via­to una rac­col­ta fir­me per chie­de­re, al­la di­ri­gen­za Rai, di dar­ti un pro­gram­ma mu­si­ca­le. Che ne pen­si?

«Sa­reb­be un ge­sto an­che que­sto ri­vo­lu­zio­na­rio se la Rai ac­cet­tas­se di da­re un pro­gram­ma ac­co­glien­do una pe­ti­zio­ne po­po­la­re. Sia­mo gia a ol­tre due­mi­la fir­me ed è sta­ta una co­sa che mi ha fat­to pia­ce­re. Chis­sà se po­trà ac­ca­de­re di da­re vo­ce al­la li­ber­tà».

Mar­co Ca­stol­di, per tut­ti Mor­gan, ha 47 an­ni. Già lea­der dei Blu­ver­ti­go, è un can­tau­to­re, mu­si­ci­sta e per­so­nag­gio te­le­vi­si­vo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.