Chi non di­ce ne­gro è sol­tan­to ipo­cri­ta

Og­gi il ter­mi­ne ri­fe­ri­to a chi ha la pel­le scu­ra è con­si­de­ra­to raz­zi­sta e fa­sci­sta, ma il te­sto di Via­nel­lo non scan­da­liz­zò nes­su­no

Libero - - DA PRIMA PAGINA - AZZURRA BARBUTO se­gue ➔ a pa­gi­na 21

In ba­se al­le ul­ti­me pre­scri­zio­ni les­si­ca­li, in vo­ga da­gli an­ni No­van­ta ma sem­pre più dif­fu­se og­gi­gior­no nel mon­do Oc­ci­den­ta­le tut­to, il ter­mi­ne «ne­gro» co­sti­tui­sce un’of­fe­sa, pe­ral­tro gra­ve. Co­sì, al­lor­ché si in­ten­da ri­fe­rir­si ad un sog­get­to dal­la pig­men­ta­zio­ne (...)

(...) scu­ra, è be­ne che si di­ca «ne­ro», op­pu­re «di co­lo­re», al fi­ne di non ur­ta­re la sen­si­bi­li­tà col­let­ti­va bec­can­do­si al­tre­sì l’ac­cu­sa di raz­zi­smo. Co­me è ac­ca­du­to la scor­sa set­ti­ma­na all’ex pre­si­den­te fran­ce­se Ni­co­las Sar­ko­zy, il qua­le in tv è in­cap­pa­to in una tra­gi­ca gaf­fe, in oc­ca­sio­ne del­la pre­sen­ta­zio­ne del suo ul­ti­mo li­bro.

Sar­ko­zy espri­me­va un pa­re­re ne­ga­ti­vo cir­ca le éli­te che «co­me scim­mie non ascol­ta­no nes­su­no». Il ma­ri­to dell’ex top mo­del Car­la Bru­ni, fa­cen­do del sa­no sar­ca­smo sul­la fol­le dit­ta­tu­ra del po­li­ti­cal­ly cor­rect, ha do­man­da­to a chi lo in­ter­vi­sta­va: «Ab­bia­mo an­co­ra il di­rit­to di di­re scim­mie? Per­ché non ab­bia­mo più il di­rit­to di di­re…, co­me si di­ce ora, “I dieci pic­co­li sol­da­ti”? Si di­ce co­sì. Già, la so­cie­tà pro­gre­di­sce». L’ex pre­si­den­te si ri­fe­ri­va al ro­man­zo di Aga­tha Ch­ri­stie Dix pe­ti­ts nè­gre, che è sta­to ap­pe­na ri­pub­bli­ca­to in Fran­cia so­sti­tuen­do nel ti­to­lo il ter­mi­ne «nè­gre » con «sol­dat» . Per­ciò Ni­co­las è sta­to im­me­dia­ta­men­te tac­cia­to di as­so­cia­re la pa­ro­la «scim­mie» a «ne­gri», quin­di di es­se­re xe­no­fo­bo. E al di là del­le Al­pi è scop­pia­to il fi­ni­mon­do.

La lin­gua non è qual­co­sa di sta­ti­co, ben­sì vi­ta­le: es­sa è or­ga­ni­smo che mu­ta in con­ti­nua­zio­ne. Tut­ta­via, ades­so è il po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to a de­ter­mi­na­re una di­stin­zio­ne ma­ni­chea tra ciò che è am­mes­so pro­fe­ri­re e ciò che è se­ve­ra­men­te vietato pro­nun­cia­re, pe­na lo stig­ma (a vi­ta) di in­tol­le­ran­te. Nell’epo­ca del­la li­ber­tà tra­ci­ma­ta in dis­so­lu­tez­za e li­ber­ti­nag­gio pos­sia­mo es­se­re di­sin­vol­ti nei co­stu­mi ma guai ad es­ser­lo nell’uso del vo­ca­bo­la­rio, il qua­le ri­chie­de l’os­ser­van­za di ri­gi­de nor­me so­cia­li, stan­do be­ne at­ten­ti a non in­ciam­pa­re in ag­get­ti­vi o so­stan­ti­vi che fan­no per­de­re la fac­cia e dan­neg­gia­no la re­pu­ta­zio­ne. Si dia il ca­so ap­pun­to che co­lo­ro i qua­li ado­pe­ra­no la pa­ro­la «ne­gro» sia­no per ciò stes­so fa­sci­sti, raz­zi­sti, estre­mi­sti di de­stra, igno­ran­ti e in­ci­vi­li. Ep­pu­re fi­no a qual­che an­no fa can­ta­va­mo a squar­cia go­la al­le fe­ste can­zo­ni qua­li: «Sia­mo i wa­tus­si, sia­mo i wa­tus­si, gli al­tis­si­mi ne­gri» di Edoar­do Via­nel­lo, op­pu­re «El ne­gro Zum­bon» di Nil­la Piz­zi.

GLI IN­TRA­MON­TA­BI­LI

Non ci stan­ca­va­mo mai di guar­da­re film in­tra­mon­ta­bi­li che han­no fat­to la sto­ria del ci­ne­ma, qua­li Via col ven­to (1939) o In­do­vi­na chi vie­ne a ce­na (1967), do­ve «ne­gro» vie­ne ri­pe­tu­to in con­ti­nua­zio­ne e non ha al­cu­na con­no­ta­zio­ne di­spre­gia­ti­va. Una ven­ti­na di an­ni ad­die­tro la mia pro­fes­so­res­sa di la­ti­no e gre­co, in quin­ta gin­na­sio, vol­le che que­st’ul­ti­ma pel­li­co­la fos­se pro­iet­ta­ta in clas­se in quan­to la ri­te­ne­va estre­ma­men­te edu­ca­ti­va: una ra­gaz­za bian­ca di una fa­col­to­sa fa­mi­glia di San Fran­ci­sco per­de la te­sta per uno sti­ma­to me­di­co afroa­me­ri­ca­no ed i due de­ci­do­no di spo­sar­si do­po dieci gior­ni dal pri­mo in­con­tro, non sen­za pri­ma su­pe­ra­re qual­che re­si­sten­za da par­te del­le fa­mi­glie di en­tram­bi, pre­oc­cu­pa­te per i pre­giu­di­zi che i gio­va­ni do­vran­no af­fron­ta­re. La fan­ciul­la non si fa pro­ble­mi nell’af­fer­ma­re che l’uo­mo che ama è «ne­gro» e pu­re que­sti uti­liz­za nei con­fron­ti di se stes­so co­de­sto ter­mi­ne. Dun­que nul­la di scan­da­lo­so. Ep­pu­re ora ta­le ope­ra ci­ne­ma­to­gra­fi­ca ver­reb­be cen­su­ra­ta, co­me è ac­ca­du­to a Via col ven­to.

La guer­ra al di­zio­na­rio si fa sem­pre più aspra. E que­sto è sin­to­mo del­la no­stra su­per­fi­cia­li­tà non­ché di un per­be­ni­smo di fac­cia­ta, ste­ri­le, fin­to. Ec­co per­ché non si trat­ta di un pro­gres­so. Ci sia­mo con­vin­ti che le sil­la­be pos­sa­no vei­co­la­re dei giu­di­zi mo­ra­li e non sem­pli­ce­men­te in­di­ca­re o de­scri­ve­re qual­co­sa. Ec­co dun­que che di­re «ne­gro» equi­va­le, al­me­no per i se­gua­ci del po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to, ad espri­me­re una va­lu­ta­zio­ne ne­ga­ti­va, di in­fe­rio­ri­tà. È una schi­zo­fre­nia que­sta pre­te­sa di epu­ra­re il lin­guag­gio da quel­le vo­ci a cui da sem­pre ri­cor­ria­mo e al­le qua­li non ab­bia­mo mai at­tri­bui­to al­cu­na fun­zio­ne in­sul­tan­te. Ad esem­pio, «clan­de­sti­no» non si può più scri­ve­re, ep­pu­re ta­le vo­ca­bo­lo de­scri­ve una con­di­zio­ne giu­ri­di­ca e non è mi­ca una in­giu­ria. Sic­co­me ades­so ab­bia­mo tan­ti ne­ri in Ita­lia è be­ne non chia­mar­li «ne­gri» e sic­co­me ab­bia­mo tan­ti im­mi­gra­ti il­le­ga­li è be­ne non chia­mar­li «clan­de­sti­ni». Pec­ca­to che co­de­sti as­sun­ti sia­no pri­vi di sen­so lo­gi­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.