Marie Claire (Italy)

Scrit­to­ri sen­za fil­tri

SFACCIATO CO­ME IL PRI­MO AMO­RE

- di Mar­ta Cer­vi­no Entertainment · Arts · Books · Movies · Milan · United States of America · Rome · U.S. Alessandria Calcio 1912 · Alessandria · Egypt · Gamal Abdel Nasser · Italy · Call Me by Your Name · Luca Guadagnino · Timothée Chalamet · Armie Hammer · Mio, Michigan

Ora il suo Chia­ma­mi col tuo no­me è un film da Oscar: par­la An­dré Aci­man

PAR­LA UN ITA­LIA­NO PER­FET­TO.

«Buon­gior­no, so­no An­dré». L’intervista con lo scrit­to­re An­dré Aci­man da cui ci se­pa­ra­no 6 ore e 6.473 chi­lo­me­tri in linea d’aria (noi sia­mo a Milano, lui a New York) ini­zia co­sì, con lui che ri­spon­de nel­la no­stra lin­gua all’al­tro ca­po del­la cor­net­ta. Per­ché an­che se da anni vi­ve ne­gli Sta­ti Uni­ti, An­dré e la sua fa­mi­glia (gli Aci­man so­no ebrei se­far­di­ti di ori­gi­ni tur­che, e la lo­ro storia me­ri­te­reb­be un pez­zo a par­te) han­no vis­su­to a Roma do­po aver la­scia­to Ales­san­dria d’Egit­to per le per­se­cu­zio­ni di Nas­ser. An­dré Aci­man ama l’Ita­lia, e pro­prio in una zo­na in­de­fi­ni­ta del­la Liguria ha am­bien­ta­to Chia­ma­mi col tuo no­me, il ro­man­zo che l’ha re­so fa­mo­so - da cui è trat­to l’omo­ni­mo film di Lu­ca Gua­da­gni­no, che sta mie­ten­do pre­mi, pe­rò gi­ra­to a Cre­ma. Una storia d’amo­re e se­du­zio­ne tra due ra­gaz­zi: Elio, 17 anni, col­to e in­tro­ver­so che pas­sa le gior­na­te tra li­bri e mu­si­ca, e Oli­ver, 24 anni, stu­den­te ame­ri­ca­no che pas­sa l’estate con la fa­mi­glia di Elio per ter­mi­na­re la te­si di dot­to­ra­to. Una storia di sguar­di, cor­pi, sco­per­te. Un ro­man­zo poe­ti­co ed espli­ci­to - la sce­na del­la ma­stur­ba­zio­ne con la pe­sca ha una car­na­li­tà che qua­si ur­ta -, qua­si un pia­no se­quen­za sul de­si­de­rio. Com’è na­to que­sto li­bro? Da un’idea che mi è ve­nu­ta nel 2005. Quell’an­no avrem­mo do­vu­to af­fit­ta­re una casa in Toscana, ma poi non se ne è fat­to nul­la. E sta­vo la­vo­ran­do a un ro­man­zo dif­fi­ci­le, Not­ti bian­che. De­lu­so com’ero, mi so­no mes­so a scri­ve­re di un sog­get­to che mi af­fa­sci­na­va, la casa che Mo­net ave­va di­pin­to quan­do era an­da­to a Bor­di­ghe­ra. Ho im­ma­gi­na­to que­sta casa, un viale con dei pi­ni. Mi so­no mes­so a scri­ve­re ed è ve­nu­to fuo­ri il ro­man­zo. Non ave­vo idea di do­ve mi avreb­be por­ta­to. Non im­ma­gi­na­vo nem­me­no che l’avrei fi­ni­to. In­ve­ce l’ho scrit­to in quat­tro me­si. Co­sa pen­sa del film di Lu­ca Gua­da­gni­no? Mi è pia­ciu­to mol­to, l’ho vi­sto quat­tro vol­te. Per me ha fat­to un bel l is­si­mo lavoro. Era un’im­pre­sa dif­fi­ci­le, è un ro­man­zo mol­to in­te­rio­re, un

ro­man d’ana­ly­se ri­cal­ca­to sui fran­ce­si. L’in­te­rio­ri­tà l’ho vista sul vi­so dei pro­ta­go­ni­sti. E de­gli at­to­ri? Timothée Chalamet e Armie Hammer ri­spec­chia­no il suo Elio e il suo Oli­ver? Mi so­no pia­ciu­ti mol­to, ora non pos­so im­ma­gi­na­re Elio e Oli­ver se non con i lo­ro vol­ti. L’idea che ne ave­vo io è spa­ri­ta com­ple­ta­men­te. Quel­la tra Elio e Oli­ver è una storia d’amo­re o di de­si­de­rio? Non ho mai usa­to la pa­ro­la amo­re nel ro­man­zo, per­ché pa­ro­le co­sì di­ven­ta­no mat­to­ni, e i mat­to­ni non so­no de­li­ca­ti, non ca­pi­sco­no l’am­bi­gui­tà. Mi pia­ce­va la­scia­re al let­to­re la pos­si­bi­li­tà di im­ma­gi­na­re da so­lo co­sa stes­se suc­ce­den­do. Cer­to i due pro­ta­go­ni­sti si in­na­mo­ra­no ma non se l’aspet­ta­va­no e for­se non si ren­do­no con­to che quel­lo che pro­va­no è amo­re. Per­ché tra due uo­mi­ni? Ave­vo del­le dif­fi­col­tà a rac­con­ta­re l’amo­re tra un uo­mo e una don­na, co­sa che co­no­sco ab­ba­stan­za be­ne per­ché l’ho pro­va­ta pa­rec­chie vol­te in vi­ta mia. Il per­cor­so mi sem­bra­va ov­vio. L’amo­re tra due uo­mi­ni era più in­te­res­san­te, più nuovo ed

«TRA DUE MA­SCHI L’IDEN­TI­FI­CA­ZIO­NE DI­VEN­TA AU­TO­MA­TI­CA. AB­BIA­MO LO STES­SO COR­PO, GLI STES­SI ISTIN­TI. QUEL­LO CHE PRO­VO IO, LO PRO­VA AN­CHE LUI»

ec­ci­tan­te da esplo­ra­re co­me scrit­to­re. Tan­to più che non pen­sa­vo l’avrei pub­bli­ca­to. E mi so­no la­scia­to an­da­re. Per for­tu­na! Quan­to la ri­guar­da que­sta storia? Le con­nes­sio­ni so­no tan­tis­si­me. Mio pa­dre, per esem­pio, è mol­to si­mi­le al pa­dre di Elio, non avrei po­tu­to in­ven­ta­re un per­so­nag­gio co­me lui. Que­sto li­bro esce dal mio cuo­re, dal­le mie “trip­pe”, se vuo­le. Il rac­con­to è ve­ro per­ché tut­to è ve­ro, ma non tut­ti gli epi­so­di so­no sta­ti vis­su­ti. Sa­reb­be inu­ti­le pen­sa­re a Elio e Oli­ver co­me per­so­ne rea­li a cui mi so­no ispi­ra­to. Non pen­sa che i 17 anni di Elio pos­sa­no es­se­re un pro­ble­ma? No, non cre­do. L’ho pen­sa­to co­sì, l’ho im­ma­gi­na­to co­sì. E poi è un ro­man­zo, par­lia­mo­ci chia­ro. Cos’ha di spe­cia­le il pri­mo amo­re? Quel­la pri­ma vol­ta in cui ci tro­via­mo a es­se­re com­ple­ta­men­te os­ses­sio­na­ti da una per­so­na, chia­mia­mo­la amo­re, ri­ma­ne lì per sempre. Di­ven­ta il no­stro modo per­so­na­le di ama­re e de­si­de­ra­re che tra­ce le par­cours de tou­te une vie, trac­cia la stra­da di tut­ta una vi­ta. Ma non è che que­sto ci im­pe­di­sce di vi­ve­re nuovi amori? No. Ne ca­pi­ta­no al­tri, a vol­te an­che più po­ten­ti. Ma so­no con­vin­to che il no­stro modo di ama­re na­sca da quel­la pri­ma vol­ta e che tut­ti gli al­tri ne se­gua­no il sen­tie­ro. Co­sa c’è tra due uo­mi­ni di dif­fe­ren­te da quel­lo che c’è tra una don­na e un uo­mo? Cre­do che tra due ma­schi l’iden­ti­fi­ca­zio­ne di­ven­ti au­to­ma­ti­ca. Ab­bia­mo tut­ti e due lo stes­so cor­po, gli stes­si de­si­de­ri. Sap­pia­mo che quel­lo che pro­vo io, lo pro­va an­che lui, nel­lo stes­so modo. Che co­sa vuol di­re “Chia­ma­mi col tuo no­me”? Fam­mi di­ven­ta­re chi sei tu pur­ché an­che tu pos­sa di­ven­ta­re chi so­no io. A vol­te ac­ca­de che di­ven­tia­mo l’al­tra per­so­na. L’es­se­re e l’ave­re si con­fon­do­no e pro­prio que­sto, se­con­do me, è il gran­de amo­re o sem­pli­ce­men­te la gran­de in­ti­mi­tà. A lei è mai suc­ces­so? Non ri­spon­do! Cos’è per lei l’in­ti­mi­tà? Una co­sa dif­fi­ci­le. Ho vo­lu­to nar­rar­la nel modo più sem­pli­ce, co­me in­ti­mi­tà dei cor­pi. Per­ché è lì che co­min­cia. Se non si pro­va in­ti­mi­tà in tut­to quel­lo che si può fa­re con il cor­po, l’in­ti­mi­tà non esi­ste. È per quel­lo che ho vo­lu­to de­scri­ve­re sce­ne co­me quel­la del ba­gno, del vo­mi­to. Mo­men­ti in cui fai quel­lo che vuoi e puoi fa­re con il cor­po dell’al­tro. Se ci la­scia­mo an­da­re a un rap­por­to com­ple­ta­men­te fi­si­co si­gni­fi­ca che ci sen­tia­mo a no­stro agio, che pos­sia­mo aprir­ci, che esi­ste la ve­ri­tà. E que­sta per me è in­ti­mi­tà. Un rap­por­to in cui sia­mo com­ple­ta­men­te aper­ti all’al­tro, vul­ne­ra­bi­li, la ver­go­gna non esi­ste più. A pro­po­si­to di ver­go­gna, com’è na­ta la sce­na del­la pe­sca? Non so ri­spon­de­re. An­co­ra non so be­ne co­me e per­ché mi è ca­pi­ta­to di scri­ver­la. L’idea mi è pas­sa­ta per la men­te quan­do Elio af­fer­ra il frut­to e lo porta in ca­me­ra, ma chis­sà per­ché poi mi so­no sof­fer­ma­to a rac­con­tar­la. Que­sta flui­di­tà ses­sua­le maschile, que­sta spe­ri­men­ta­zio­ne, c’en­tra con le sue ra­di­ci me­di­ter­ra­nee? In realtà tut­ti spe­ri­men­tia­mo, non è una co­sa me­di­ter­ra­nea. Suc­ce­de nel­la te­sta di ognu­no e vi­sto che que­sto è un ro­man­zo mol­to in­te­rio­re, non mi pa­re che il sal­to dall’im­ma­gi­na­zio­ne al fa­re sia co­sì ra­di­ca­le. Tut­ti pen­sia­mo co­se proi­bi­tis­si­me, ver­go­gno­se. Ho sempre det­to che se sco­pris­si­mo la ses­sua­li­tà sen­za aver let­to nien­te, vi­sto nien­te, sen­za che i ge­ni­to­ri ci di­ces­se­ro nien­te, chis­sà co­sa in­ven­te­rem­mo. La no­stra ses­sua­li­tà sa­reb­be paz­za e sen­za confini. Quel­lo che suc­ce­de nel­la te­sta fa par­te del­la vi­ta. Vi­via­mo trop­po con la te­sta e po­co con il cor­po? Pur­trop­po sì. Di­cia­mo che si ini­zia con il cor­po ma ci ri­fu­gia­mo nel­la te­sta. All’ini­zio di un rap­por­to il cor­po è sempre pre­va­len­te. Poi man ma­no che si sta in­sie­me co­min­cia­mo a ri­ti­rar­ci un po­co, di­ven­tia­mo più ca­sti, più ti­mi­di. So­prav­vi­ve l’amo­re o il de­si­de­rio? L’amo­re. Il de­si­de­rio spa­ri­sce, pur­trop­po. E lo di­co da uo­mo spo­sa­to. La gen­te fa fin­ta. Le fac­cio un esem­pio: in pa­le­stra i ma­ri­ti si la­men­ta­no che le mo­gli non vo­glio­no più fa­re ses­so ma nes­su­no am­met­te che la vo­glia non ce l’ha nem­me­no lui. C’è qual­co­sa che in­vi­dia ai 17 anni di Elio? Cer­to! L’ener­gia, la li­bi­do. Quel de­si­de­rio per cui si vuo­le la don­na, l’uo­mo e poi an­co­ra l’uo­mo e poi la don­na. Che bel­lo es­se­re co­sì li­be­ri, sfac­cia­ti! Lei è mai sta­to sfacciato nei con­fron­ti del suo de­si­de­rio? Sì, lo so­no sta­to. Ho fat­to del­le paz­zie in vi­ta mia. Gra­zie a Dio.

«TUT­TI PEN­SIA­MO CO­SE PROI­BI­TIS­SI­ME, VER­GO­GNO­SE. SE SCO­PRIS­SI­MO LA SES­SUA­LI­TÀ SEN­ZA AVER LET­TO E VI­STO NIEN­TE, CHIS­SÀ CHE CO­SA IN­VEN­TE­REM­MO»

 ??  ?? NO­TE DI SE­DU­ZIO­NE
ELIO ( TIMOTHÉE CHALAMET) AL PIA­NO E OLI­VER ( ARMIE HAMMER) , PRO­TA­GO­NI­STI DEL PLURIPREMI­ATO CHIA­MA­MI COL TUO NO­ME. DIRET TO DA LU­CA GUA­DA­GNI­NO, CON LA SCE­NEG­GIA­TU­RA DI JAMES IVORY, SA­RÀ NEL­LE SA­LE ITA­LIA­NE DAL 25 GEN­NA­IO.
NO­TE DI SE­DU­ZIO­NE ELIO ( TIMOTHÉE CHALAMET) AL PIA­NO E OLI­VER ( ARMIE HAMMER) , PRO­TA­GO­NI­STI DEL PLURIPREMI­ATO CHIA­MA­MI COL TUO NO­ME. DIRET TO DA LU­CA GUA­DA­GNI­NO, CON LA SCE­NEG­GIA­TU­RA DI JAMES IVORY, SA­RÀ NEL­LE SA­LE ITA­LIA­NE DAL 25 GEN­NA­IO.
 ??  ?? «IL FILM DI LU­CA GUA­DA­GNI­NO MI È PIA­CIU­TO MOL­TO», DI­CE LO SCRIT­TO­RE AN­DRÉ ACI­MAN, «E QUAN­DO PEN­SO A ELIO E OLI­VER, I MIEI PRO­TA­GO­NI­STI, ORA LI IM­MA­GI­NO CON IL VOL­TO DI TIMOTHÉE CHALAMET E ARMIE HAMMER ».
«IL FILM DI LU­CA GUA­DA­GNI­NO MI È PIA­CIU­TO MOL­TO», DI­CE LO SCRIT­TO­RE AN­DRÉ ACI­MAN, «E QUAN­DO PEN­SO A ELIO E OLI­VER, I MIEI PRO­TA­GO­NI­STI, ORA LI IM­MA­GI­NO CON IL VOL­TO DI TIMOTHÉE CHALAMET E ARMIE HAMMER ».
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy