Marie Claire (Italy)

La storia

MA­TRI­MO­NIO ALLARGATO

- te­sti­mo­nian­za rac­col­ta da Ce­ci­lia Fal­co­ne

Ho “spo­sa­to” an­che la sua ex

AL MIO MA­TRI­MO­NIO GUARDAVANO TUT­TI LEI.

Ca­pel­li ro­sa, abi­to fluo­re­scen­te e un’enor­me ra­gna­te­la sul brac­cio, uno dei suoi 14 ta­tuag­gi. È co­sì Va­le­ria, la don­na fuo­ri dal co­mu­ne che ho scel­to co­me testimone di noz­ze. Va­le­ria, la ex com­pa­gna dell’uo­mo che ho ap­pe­na spo­sa­to. Ri­cor­do la pri­ma vol­ta che l’ho in­tra­vi­sta, per ca­so ot­to anni fa, su un tre­no re­gio­na­le del­la Liguria, do­ve vi­vo. Fa­bri­zio e io ci fre­quen­ta­va­mo da po­co, lo­ro non sta­va­no più in­sie­me, abi­ta­va­no in due cit­tà di­ver­se, e lei era sa­li­ta a tro­var­lo da An­co­na con il lo­ro bam­bi­no. Non sa­pe­vo che aspet­to aves­se, ma l’ho ri­co­no­sciu­ta all’istan­te: in mez­zo a quel­le fac­ce no­te e tut­te ugua­li, Va­le­ria ha at­tra­ver­sa­to il cor­ri­do­io co­me una scos­sa elet­tri­ca, una ven­ta­ta d’aria fre­sca. «È il tuo op­po­sto», mi ave­va det­to Fa­bri­zio. Lei con­fu­sio­na­ria, im­pre­ve­di­bi­le, vulcanica, li­be­ra, la ra­gaz­za con la fa­mi­glia dif­fi­ci­le che si era in­ven­ta­ta una vi­ta nuova e sre­go­la­ta a Lon­dra, in­sie­me a Fa­bri­zio. Io la don­na “co­me si de­ve”, pre­ci­sa, ce­re­bra­le, con una fa­mi­glia im­pe­gna­ta nel so­cia­le, ri­ma­sta in­gab­bia­ta in un ma­tri­mo­nio - il pri­mo - so­lo in su­per­fi­cie per­fet­to. Va­le­ria la punk, io al mas­si­mo la mo­der­ni­sta. All’ap­pa­ren­za, il dia­vo­lo e l’acqua santa. La no­stra pre­sen­ta­zio­ne uf­fi­cia­le è sta­ta al­la fe­sta di noz­ze del fra­tel­lo di Fa­bri­zio, per me era il de­but­to da nuova fi­dan­za­ta in fa­mi­glia, mi sen­ti­vo sot­to esa­me. «Dài, spu­tia­mo su­bi­to il ro­spo», mi ha det­to Va­le­ria por­tan­do­mi da­van­ti al ban­co­ne del­la vo­d­ka. Il suo “ro­spo” era lo stes­so di cui mi ave­va par­la­to da su­bi­to Fa­bri­zio: la con­cen­tra­zio­ne di en­tram­bi sul be­ne del bam­bi­no, la vo­lon­tà di dar­gli una fa­mi­glia, an­che non vi­ven­do più in­sie­me. «Mi fi­do del giu­di­zio di mio fi­glio, e lui mi ha par­la­to be­nis­si­mo di te», ha ag­giun­to poi con un sor­ri­so che non di­men­ti­co. Ni­co, che ave­vo in­con­tra­to qual­che vol­ta, sei anni di amo­re pu­ro, è sta­to il no­stro col­lan­te. Ab­bia­mo ini­zia­to a sen­tir­ci spes­so, a fa­re le va­can­ze in­sie­me, noi quat­tro e il fi­dan­za­to di tur­no di Va­le­ria, e an­che i suoi ca­ni. A di­spet­to dei miei ami­ci che stor­ce­va­no il na­so, che im­ma­gi­na­va­no chis­sà qua­le re­la­zio­ne mor­bo­sa tra gli ex aman­ti, che con­si­de­ra­va­no lei una don­na stra­bor­dan­te e pe­ri­co­lo­sa, non so­no mai sta­ta ge­lo­sa di Va­le­ria. Pe­rò men­tre il no­stro le­ga­me si fa­ce­va più stret­to mi ac­cor­ge­vo che ero ge­lo­sa del­la sua ma­ter­ni­tà. Di co­me era­no bel­li lo­ro due con il bim­bo, del­le de­ci­sio­ni che giu­sta­men­te pren­de­va­no a pre­scin­de­re da me, del ruo­lo di ge­ni­to­ri che era una realtà pre­sen­te e so­lo lo­ro.

POI SO­NO RI­MA­STA IN­CIN­TA. Al te­le­fo­no Va­le­ria ha pian­to. For­se an­che lei, co­me me, ha avu­to pau­ra. Tre me­si do­po Ni­co can­ta­va fi­la­stroc­che con il na­so in­col­la­to al mio om­be­li­co, im­pa­zien­te di co­no­sce­re il fra­tel­li­no. Ades­so i no­stri fi­gli han­no sei e quat­tor­di­ci anni. So­no i no­stri fi­gli e noi sia­mo le mam­me di que­sta fa­mi­glia gran­de, e stra­na, e fe­li­ce. L’ap­pa­ren­te op­po­si­zio­ne di ca­rat­te­re tra me e Va­le­ria si è tra­sfor­ma­ta in una ri­sor­sa: ci com­pen­sia­mo in un com­pi­to dif­fi­ci­le e me­ra­vi­glio­so. La con­si­de­ro una com­pa­gna di vi­ta. Quan­do mi so­no in­na­mo­ra­ta di Fa­bri­zio mi sem­bra­va di aver per­so tut­to, mi so­no tro­va­ta all’im­prov­vi­so sen­za il mio ex ma­ri­to, la mia casa, i no­stri ami­ci. In­na­mo­ra­ta ma, fuo­ri dal­la cop­pia, so­la. Va­le­ria, que­sta scheg­gia im­paz­zi­ta che scor­da gli ap­pun­ta­men­ti, ri­de sempre e crea caos, ha ag­giun­to al­la mia vi­ta si­cu­rez­za. E io al­la sua: di­ce che so­no sta­ta con Fa­bri­zio la pri­ma per­so­na a non giu­di­car­la. Per que­sto tra noi ha fun­zio­na­to. Per que­sto l’ho vo­lu­ta in pie­di al mio fian­co il gior­no del­le noz­ze. L’ab­bia­mo de­ci­so il gior­no di San Va­len­ti­no e l’ho chia­ma­ta per dir­glie­lo: an­che que­sta vol­ta ha pian­to.

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy