Marie Claire (Italy)

GLI IM­PER­DI­BI­LI

-

VENDETTE MO­DER­NE An­che se non si par­la di Isis ma di neo­na­zi­sti bion­di che met­to­no bom­be nei quar­tie­ri mul­tiet­ni­ci di Am­bur­go, c’è tut­ta la se­quen­za del ca­so: fa­mi­glia fe­li­ce, esplo­sio­ne, una don­na a pez­zi che pian­ge la mor­te di fi­glio e ma­ri­to, un pro­ces­so che non le ren­de giu­sti­zia, lei che ini­zia a or­ga­niz­za­re la ven­det­ta. Ma qui vie­ne il bel­lo (e il senso del pre­mio co­me mi­glior at­tri­ce a Can­nes per la Kru­ger?). È tut­to pron­to. Ka­t­ja è a un se­con­do dal rag­giun­ge­re il suo obiet­ti­vo ma co­min­cia a pen­sa­re. A chie­der­si se è la so­lu­zio­ne migliore. E do­lo­ro­sa­men­te la tro­va, una migliore. HHH OL­TRE LA NOT­TE di Fa­tih Akin, con Dia­ne Kru­ger, De­nis Mo­schit­to, Jo­han­nes Kri­sch, Sa­mia Mu­riel Chan­crin

UO­MI­NI CO­SÌ NON SE NE FAN­NO PIÙ Quan­ti Chur­chill si so­no già vi­sti? Ma que­sto di Ga­ry Old­man, ah sì, li fa ca­de­re tut­ti a gam­be all’aria. Idio­sin­cra­ti­co, al­co­li­sta, te­na­ce co­me il ma­sti­ce mil­le chio­di, con una pro­pen­sio­ne smi­su­ra­ta all’ira e al­la ri­sa­ta, lu­po so­li­ta­rio che az­zan­na con i suoi me­mo­ra­bi­li di­scor­si il Par­la­men­to in­gle­se al­lo sban­do quan­do si do­ve­va de­ci­de­re se ne­go­zia­re con Hi­tler o an­dar­gli ad­dos­so a qua­lun­que prezzo. Que­sto film ci ri­cor­da di che stof­fa può es­se­re un uo­mo di Sta­to. E che la re­to­ri­ca pri­ma di di­ven­ta­re ste­ri­le è sta­ta il mez­zo più ef­fi­ca­ce per cam­bia­re il cor­so del­la Storia. HH­HH L’ORA PIÙ BUIA di Joe Wright, con Ga­ry Old­man, Li­ly James, Ben Men­del­sohn, Kri­stin Scott Tho­mas

IMPEDIMENT­I NUZIALI Du­ra la vi­ta del wed­ding plan­ner. Lo sa be­ne Max, che per or­ga­niz­za­re la fe­sta più im­por­tan­te del­la vi­ta di clien­ti in­con­ten­ta­bi­li non fa al­tro che ge­sti­re ca­me­rie­ri pro­ble­ma­ti­ci, band e can­tan­ti inap­pro­pria­ti, fo­to­gra­fi uf­fi­cia­li sull’or­lo di una cri­si di iden­ti­tà ai tem­pi dei sel­fie. Per­si­no Adè­le, la sua as­si­sten­te di fi­du­cia, ha un ca­rat­te­re in­cen­dia­rio che non aiu­ta l'or­ga­niz­za­zio­ne. E du­ran­te il ri­ce­vi­men­to nu­zia­le in una villa del XVII se­co­lo tut­te que­ste cri­ti­ci­tà man­da­no in tilt il fa­ti­co­so in­gra­nag­gio. Uno dei film più friz­zan­ti e di­ver­ten­ti dell'an­no, so­ste­nu­to da dia­lo­ghi di clas­se che ce­le­bra­no de­gna­men­te la com­me­dia uma­na. HHH ½ C’EST LA VIE di Eric To­le­da­no e Oli­vier Na­ka­che, con Jean-Pierre Ba­cri, Jean-Paul Rou­ve, Gil­les Lel­lou­che

CO­ME PO­TREM­MO ES­SE­RE Non vo­le­va­mo più es­se­re To­po­li­no, ma per­so­ne . Di­ce­va­mo: « »« “Sia­mo qui, que­sta è la no­stra so­cie­tà e non ce ne an­dia­mo” . » Non ci man­da­va­mo sms ma ci par­la­va­mo guar­dan­do­ci, e que­sto « ali­men­ta­va la crea­ti­vi­tà». Che oc­ca­sio­ne im­per­di­bi­le Mi­chael Cai­ne che rac­con­ta i Six­ties e la Swin­gin’ Lon­don, la sua fiam­man­te generazion­e, una ri­vo­lu­zio­ne so­cia­le che ha aper­to squar­ci di cie­lo per an­da­re più su. A 84 anni, ci porta in do­te una gio­vi­nez­za fuo­ri dal­la no­stra por­ta­ta. O qual­co­sa pos­sia­mo im­pa­ra­re? HHH MY GENERATION di Da­vid Bat­ty, con Mi­chael Cai­ne, Joan Col­lins, Paul McCart­ney, Twig­gy, Ro­ger Dal­trey

 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy