Marie Claire (Italy)

La dan­za di Hai­ley

Fa par­te del clan Bald­win ed è cre­sciu­ta re­spi­ran­do ci­ne­ma. So­gna­va una car­rie­ra da bal­le­ri­na e in­ve­ce ora vol­teg­gia nel­la mo­da. E nei so­cial, do­ve le mo­del­le han­no tro­va­to «il po­te­re»

- foto Da­vid Bel­le­mè­re ser­vi­zio Eli­sa­bet­ta Mas­sa­ri

(Bald­win). So­gna­va un fu­tu­ro da bal­le­ri­na, ora vol­teg­gia tra i so­cial e la mo­da

A-LI­ST FAMILY, DI­CO­NO GLI AME­RI­CA­NI. Par­lia­mo di quel­la di Hai­ley Bald­win, un co­gno­me che ri­ve­la l’abi­tu­di­ne al­la no­to­rie­tà. Mem­bro di un clan in­fluen­te, Hai­ley ha pe­rò tro­va­to una sua di­men­sio­ne nel­la ce­le­bri­tà: fa la mo­del­la, ha 21 anni e 11 mi­lio­ni di fol­lo­wer su In­sta­gram. È fi­glia di Ste­phen, at­to­re e pro­dut­to­re, e ni­po­te del più no­to Alec Bald­win, due fra­tel­li che han­no oc­cu­pa­to i talk show sta­tu­ni­ten­si dell’ul­ti­mo an­no, ma ai la­ti op­po­sti del­la bar­ri­ca­ta. Il pri­mo, fer­ven­te re­pub­bli­ca­no, a so­ste­gno di Trump, il se­con­do vin­cen­do un Em­my per la ca­ri­ca­tu­ra del pre­si­den­te al Sa­tur­day Night Li­ve. Na­ta in Ari­zo­na e cre­sciu­ta a Nyack, pic­co­la lo­ca­li­tà nel­lo sta­to di New York, Hai­ley ha stu­dia­to a casa: «A es­se­re sin­ce­ra avrei vo­lu­to che i miei ge­ni­to­ri mi iscri­ves­se­ro a una ve­ra scuo­la, so­prat­tut­to ne­gli anni del­la hi­gh school, ma la ra­gio­ne del­la scel­ta era ave­re una gior­na­ta fles­si­bi­le per po­ter­mi de­di­ca­re al­la dan­za». L’agen­da di Hai­ley è de­gna di un pri­mo mi­ni­stro e in­ter­cet­tar­la non è sta­to fa­ci­le, tra uno shooting e l’al­tro, di ri­tor­no dal su­per par­ty di com­plean­no, ce­le­bra­to in­sie­me al­le ami­che Bel­la Ha­did e Ken­dall Jen­ner, tra Miami e le Ba­ha­mas. Co­me lo­ro è par­te del­la nuova schie­ra di mo­del­le che avan­za­no a suon di fol­lo­wer, e che, più o me­no in­giu­sta­men­te, so­no sta­te ascrit­te al­la generazion­e del­lo “scat­to sel­fie dun­que so­no”. Ep­pu­re, quan­do le chie­do di no­mi­na­re una col­le­ga che am­mi­ra ci­ta la “vec­chia scuo­la”: «Gi­se­le, me­ra­vi­glio­sa e gen­ti­le». Sa­rà che è bra­si­lia­na co­me la mam­ma di Hai­ley, Ken­nya, fi­glia del maestro di bos­sa no­va Eu­mir Deo­da­to. HA INI­ZIA­TO, QUA­SI PER CA­SO, A 16 ANNI. «Non pos­so di­re fos­se ve­ra­men­te il mio so­gno, fin­ché le co­se non han­no ini­zia­to a far­si se­rie e ho rea­liz­za­to che po­te­va di­ven­ta­re la mia car­rie­ra. Mio pa­dre fin dall’ini­zio mi ha da­to il con­si­glio più sag­gio, ov­ve­ro ri­cor­dar­mi di es­se­re sempre me stes­sa, per­ché mo­strar­si in modo di­ver­so per im­pres­sio­na­re qual­cu­no al­la fi­ne non fun­zio­na mai. Le per­so­ne vo­glio­no ve­de­re la par­te più ve­ra di te». Que­sta sem­bra es­se­re an­che la fi­lo­so­fia del suo in­sta-profilo, do­ve pre­di­li­ge mo­stra­re il lavoro, ma non man­ca di in­se­ri­re qual­che mas­si­ma d’ispi­ra­zio­ne cri­stia­no-evan­ge­li­ca che de­ri­va dall’edu­ca­zio­ne famigliare. Sui so­cial non si è espo­sta po­li­ti­ca­men­te in modo de­ci­so co­me l’ami­ca Bel­la Ha­did (che da­te le ori­gi­ni pa­le­sti­ne­si ha espres­so di­sap­pun­to ver­so la de­ci­sio­ne di Trump di di­chia­ra­re Ge­ru­sa­lem­me ca­pi­ta­le di Israe­le), ma ha pre­so po­si­zio­ne un an­no fa con una foto d’ad­dio per gli Oba­ma e po­stan­do la gran­de manifestaz­ione per le stra­de di Wa­shing­ton: «THIS, is our coun­try», re­ci­ta­va la di­da­sca­lia. L’opi­nio­ne po­li­ti­ca, in­som­ma, sem­bra es­se­re più in­fluen­za­ta dal­lo zio Alec che dal pa­dre. RI­FIU­TA L’ETICHETTA DI IN­STA-MO­DEL­LA, ma è in­dub­bio che il po­te­re di mi­lio­ni di se­gua­ci ab­bia ri­vo­lu­zio­na­to gli equi­li­bri del fa­shion system. Og­gi mol­ti mar­chi se­le­zio­na­no le ra­gaz­ze an­che sul­la base dei fol­lo­wer, nu­me­ro mo­ne­tiz­za­bi­le con una cer­ta pre­ci­sio­ne ai fi­ni di un con­trat­to pub­bli­ci­ta­rio e che a vol­te per­met­te di sfi­la­re a chi non cor­ri­spon­de ai ca­no­ni pre­vi­sti per la pas­se­rel­la. «Il po­te­re è nel­le ma­ni del­le mo­del­le: i so­cial me­dia so­no una piat­ta­for­ma al ser­vi­zio di chiun­que per mo­stra­re la pro­pria vi­ta e per­so­na­li­tà in un modo che pri­ma non era possibile. So be­ne che la so­vrae­spo­si­zio­ne non è un van­tag­gio. Mo­strar­si ovun­que, e trop­po spes­so in po­co tem­po, può es­se­re un dan­no per la car­rie­ra». Hai­ley do­cet: uno, due, mas­si­mo tre po­st al gior­no. Que­sto non ren­de le vo­ci di Hai­ley e del­le col­le­ghe me­no in­fluen­ti e li­be­re di espri­mer­si su ar­go­men­ti che tra­scen­do­no la mo­da. Le più sag­ge tra le in­sta-fa­mo­se con­tem­po­ra­nee so­no con­sa­pe­vo­li dell’im­pe­gno ne­ces­sa­rio per co­strui­re una fa­ma du­ra­tu­ra: «Per ave­re suc­ces­so co­me mo­del­la og­gi bi­so­gna da­re qual­co­sa di più. Non ba­sta ave­re una fac­cia ca­ri­na, ci so­no cen­ti­na­ia di per­so­ne bel­lis­si­me là fuo­ri, ma bi­so­gna di­stin­guer­si». Qual è il pre­giu­di­zio mag­gio­re ver­so i suoi coe­ta­nei? «Sia­mo la generazion­e dei so­cial me­dia, non c’è al­cun dub­bio, ma que­sto non ci ren­de me­no in­tel­li­gen­ti». E tra cin­quant’anni, Hai­ley Bald­win sa­rà ri­cor­da­ta co­me... «Quel­la su cui tut­ti si era­no sba­glia­ti». Per­lo­me­no, tut­ti quel­li che pen­sa­va­no di ave­re a che fa­re “so­lo” con una mo­del­la da In­sta­gram. For­te di una cer­ta si­cu­rez­za, Hai­ley non si è po­sta nem­me­no la que­stio­ne se sta­re­mo an­co­ra par­lan­do di lei.

 ??  ??
 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy