Marie Claire (Italy)

Cro­na­che bal­dan­zo­se di VI­TE DI­VER­SE dal­la no­stra in­via­ta al cen­tro del­le co­se e dei sen­ti­men­ti

- United Nations · Kahlil Gibran

L’AL­TRA NOT­TE HO FAT­TO UN GRAN SO­GNO. C’era un uo­mo, pre­po­ten­te, che mi di­ce­va can­cel­la, can­cel­la tut­to, can­cel­la le pa­ro­le che scri­vi al ri­sve­glio, con l’an­sia di una son­nam­bu­la che fru­ga in una mi­nie­ra. E io, nel so­gno, a quell’uo­mo di­ce­vo hai tor­to, io vo­glio in­ci­de­re quei se­gni, con l’un­ci­net­to, co­me fa­ce­va mia non­na, che con mos­se sa­pien­ti con un fi­lo in­trec­cia­va ma­glie pre­zio­se, pre­zio­se e bel­le. Nel so­gno mi sen­ti­vo una paz­za, e al ri­sve­glio pen­sa­vo cos’è una paz­za, se non una che par­la una lin­gua che gli al­tri non ca­pi­sco­no. E mi ve­ni­va­no in men­te dei ver­si del poe­ta li­ba­ne­se Kha­lil Gi­bran, an­zi, no, era un rac­con­to, co­me si chia­ma­va? Lo scioc­co. Nel rac­con­to, Gi­bran ar­ri­va­va in un vil­lag­gio che gli sem­bra­va non sul­la Ter­ra, pa­re­va un vil­lag­gio ex­tra­ter­re­stre, e lì la gen­te fa­ce­va co­se stra­ne e be­ve­va un li­qui­do den­so, che estrae­va da un pozzo. E GI­BRAN CHE FE­CE? Gi­bran pen­sò che la gen­te fos­se paz­za, e che l’uni­co modo per ca­pir­la, fos­se di be­re an­che lui il li­qui­do che si be­ve­va in quel vil­lag­gio di ex­tra­ter­re­stri. Ec­co, quan­do pen­so al tem­po e al­lo spa­zio, e agli in­con­tri e al­le sco­per­te, le pen­so sempre con l’idea che nien­te sia quel­lo che sem­bra e che per ca­pi­re ciò che le co­se e le per­so­ne so­no ve­ra­men­te, sia ne­ces­sa­rio cam­bia­re il pun­to di vista e be­re da quel pozzo fon­do. E se pen­so al­le sto­rie che ho pro­va­to a rac­con­ta­re, su que­st a pa­gi­na, in­se­guen­do i l di­sor­di­ne del mon­do, mi vie­ne in men­te che in tut­ti que­sti anni ho fat­to pro­prio que­sto, ho guar­da­to nel pozzo, e ho sco­per­to co­me Gi­bran che il lin­guag­gio dei fol­li è so­lo un idio­ma che non co­no­sco. E for­se, quel­lo che re­sta, di que­sto tem­po ve­lo­ce, che non la­scia tem­po, è que­sta idea di fon­do, l’idea che noi sia­mo i sa­ni, e gli al­tri i paz­zi, che noi si ab­bia ra­gio­ne e gli al­tri tor­to, che il mon­do sia in bian­co e ne­ro e i dub­bi sia­no per i paz­zi che han­no trop­po tem­po e so­gna­no e be­vo­no un in­tru­glio ex­tra­ter­re­stre. HO PEN­SA­TO A QUE­STE CO­SE, do­po il so­gno dell’uo­mo che mi di­ce­va can­cel­la. Mi è ve­nu­ta in men­te una zin­ga­ra che ho co­no­sciu­to nel Si­nai, un tem­po ter­ra di pro­fe­ti, og­gi en­cla­ve di ter­ro­ri­sti. La zin­ga­ra si chia­ma­va Ma­li­ka, e si muo­ve­va tra quei pic­chi bi­bli­ci, brul­li e ros­si, in­naff ian­do pian­te me­di­ci­na­li, da­va l’acqua a quei ce­spu­gli in­tri­ca­ti odo­ro­si di mir­ra e di in­cen­so. Era­va­mo sdra­ia­te sot­to le stel­le, e Ma­li­ka mi dis­se una fra­se me­mo­ra­bi­le, che ri­cor­de­rò sempre: non esi­sto­no i sag­gi e gli stol­ti, sia­mo tut­ti un po’ sag­gi e un po’ stol­ti, su que­sta Ter­ra. E al­lo­ra se pen­so a quel­la zin­ga­ra, mi di­co che fru­ga­re nei se­gni, e be­re l’acqua del pozzo dei di­ver­si, sia l’uni­ca cu­ra per que­sto tem­po che non ha tem­po e che re­le­ga gli al­tri nel­la ga­las­sia de­gli scioc­chi. E se c’è una co­sa che au­gu­ro a tut­ti, in que­sto nuovo 2018, è dun­que que­sto: in­ter­pre­ta­te i so­gni e i se­gni, e poi in­trec­cia­te­li, con l’un­ci­net­to.

«Non esi­sto­no sag­gi e stol­ti, sia­mo tut­ti un po’ sag­gi e un po’ stol­ti. E l’uni­ca cu­ra, per que­sto tem­po che non la­scia tem­po, è be­re l’acqua del pozzo dei di­ver­si»

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy