Marie Claire (Italy)

mc edi­to­ria­le

- ANTONELLA BUS­SI DI­RET­TO­RE DI MA­RIE CLAI­RE Good News · Relationships · Dating Tips · Pets · Valentine's Day · Relationships & Sex · Hobbies · Celebrations · Valentino Garavani · Valentino S.p.A · Italy · London · Meghan, Duchess of Sussex · Charles Darwin · Call Me by Your Name · Luca Guadagnino

« Ma co­me, sia­mo par­ti­ti da Dar­win e ci tro­via­mo un nu­me­ro sull’amo­re? », mi di­ce stu­pi­ta una col­le­ga guar­dan­do la no­stra co­per­ti­na. Sì, tut­to è ini­zia­to da una rif les­sio­ne sul­la no­stra ca­pa­ci­tà di adat­tar­ci al­lo spi­ri­to del tem­po, su co­me cer­chia­mo di vi­ve­re an­dan­do a col­ma­re in modo li­qui­do ogni spa­zio, pla­sman­do­ci sul cam­bia­men­to. Ma poi ci sia­mo ri­tro­va­ti a par­la­re d’amo­re. E non per­ché è il me­se di San Va­len­ti­no e il mon­do ci ri­cor­de­rà che dob­bia­mo di­re ti amo, ma per­ché la so­prav­vi­ven­za pas­sa dal ses­so e dal­le in­fi­ni­te for­me di que­sto sen­ti­men­to. L’an­no scor­so ho per­so un ami­co ca­ro. Ol­tre al do­lo­re, c’era la pre­oc­cu­pa­zio­ne per il suo com­pa­gno che do­ve­va adat­tar­si a una nuova vi­ta sen­za di lui. So­no cer­ta che do­ver­si al­za­re ogni mat­ti­na e pas­sa­re ore al par­co con Ni­na, il lo­ro ca­ne, l’ab­bia aiu­ta­to a ri­tro­va­re il cen­tro. Quel­lo sguar­do scan­zo­na­to e pie­no d’amo­re ( sa­pe­va­te che i ca­ni man­ten­go­no oc­chi grandi, co­me i neo­na­ti, per tut­ta la vi­ta?) è sta­ta la migliore te­ra­pia. A Ma­rie Clai­re ca­ni e gat­ti ab­bon­da­no, e ci ren­do­no fe­li­ci. E fe­li­ci so­no tut­ti quel­li che con­di­vi­do­no la vi­ta con un ani­ma­le. Io e mio ma­ri­to amia­mo il no­stro Dy­lan, gatto ran­da­gio pe­ren­ne­men­te fa­me­li­co. Co­me un fi­glio? Non ho fi­gli e non pos­so ri­spon­de­re, ma si­cu­ra­men­te fa par­te del­la no­stra fa­mi­glia, ci pre­oc­cu­pia­mo per lui, lo ac­cu­dia­mo e ci sia­mo. Qual­cu­no stor­ce­rà il na­so, ma l’af­fet­to per gli ani­ma­li do­me­sti­ci non è “so­sti­tu­ti­vo”, è sem­pli­ce­men­te ar­ric­chen­te e sa­lu­ta­re. E poi per­ché dob­bia­mo sin­da­ca­re su co­me le per­so­ne dan­no e ri­ce­vo­no amo­re? Va­le an­che per quel­li che an­co­ra si sca­glia­no contro il de­si­de­rio che può na­sce­re tra due ra­gaz­zi del­lo stes­so ses­so. Co­me so­no po­ten­ti le pa­ro­le di An­dré Aci­man che rac­con­ta com’è na­to il suo li­bro Chia­ma­mi col tuo no­me, ora un film di Lu­ca Gua­da­gni­no che ci au­gu­ria­mo por­ti un po’ di Ita­lia agli Oscar. Ci par­la di pri­mo amo­re, di in­ti­mi­tà, di pas­sio­ne, emo­zio­ni uni­ver­sa­li, con tan­ta bellezza. L’at­tra­zio­ne è an­che per una cit­tà che tan­ti no­stri gio­va­ni han­no scel­to. Lon­dra si pre­pa­ra all’ar­ri­vo del­la Bre­xit con una re­si­sten­za crea­ti­va fat­ta di pro­get­ti so­cia­li in­clu­si­vi e ad ac­co­glie­re nel­la fa­mi­glia reale una spo­sa che rom­pe le re­go­le del­la tra­di­zio­ne. Me­ghan Mar­kle, san­gue in par­te afroa­me­ri­ca­no, di­vor­zia­ta, è la pro­ta­go­ni­sta del­la fa­vo­la del 2018, la Ce­ne­ren­to­la che spo­sa il prin­ci­pe e sal­va la regina. Ca­pi­to per­ché Dar­win c’en­tra con l’amo­re? Non è che

Ma­rie Clai­re sia trop­po “sentimenta­le”, è che i buo­ni sen­ti­men­ti, quan­do si è ri­cet­ti­vi, ab­brac­cia­no tut­to. E poi, con­fes­sio­ne: San Va­len­ti­no sa­rà an­che una fe­sta com­mer­cia­le, ma io ogni an­no at­ten­do con tre­pi­da­zio­ne una let­te­ra, che pun­tual­men­te ar­ri­va. Un pic­co­lo ca­po­la­vo­ro di crea­ti­vi­tà che ri­chie­de tem­po e cu­ra. Il mi­glior modo per di­re ti amo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy