Non ci so­no più frontiere sta­bi­li tra l’im­ma­gi­na­zio­ne e il mon­do.

Marie Claire (Italy) - - Editoriale - Ben Okri

Quan­do ero pic­co­la non mi per­de­vo una pun­ta­ta di Gio­chi sen­za frontiere. Mi pia­ce­va ve­de­re ra­gaz­zi di na­zio­ni di­ver­se com­pe­te­re con en­tu­sia­smo e spi­ri­to di squa­dra. Si sfi­da­va­no ma al­la fi­ne si ab­brac­cia­va­no: ai miei oc­chi quel­la era l’Unio­ne Eu­ro­pea.

Cre­scen­do ho ca­pi­to che ero or­go­glio­sa di es­se­re ita­lia­na, ma mi sta­va stret­to. L’Eu­ro­pa ci ha re­si co­smo­po­li­ti an­che sen­za at­tra­ver­sa­re gli oceani, dan­do­ci un sen­so di li­ber­tà. L’idea di vi­ve­re sen­za frontiere, di po­ter la­vo­ra­re ovun­que, di usa­re la stes­sa mo­ne­ta (non ho rim­pian­ti per i cam­bi di va­lu­ta in cui la li­ra era sem­pre de­bo­le). Ep­pu­re og­gi tut­to è mes­so in di­scus­sio­ne da na­zio­na­li­smi, cattive po­li­ti­che e gio­chi di po­te­re. Ma so­no an­co­ra ot­ti­mi­sta, e pen­so al­le per­so­ne.

Pen­so a un bi­gliet­to In­ter­rail che que­st’esta­te è ar­ri­va­to gra­tui­ta­men­te a 15 mi­la di­ciot­ten­ni eu­ro­pei, al viag­gio ini­zia­ti­co di tan­te ge­ne­ra­zio­ni per sco­pri­re le ca­pi­ta­li, le cit­tà stu­dia­te sui libri di sto­ria, sen­ti­te in una can­zo­ne o vi­ste in un film (quan­te ra­gaz­ze han­no pre­so il tre­no per Vien­na spe­ran­do di in­con­tra­re Ethan Ha­w­ke, co­me Ju­lie Del­py in Pri­ma dell’al­ba?). In tan­ti si so­no in­na­mo­ra­ti ar­ra­bat­tan­do­si in una lin­gua di­ver­sa, han­no con­di­vi­so bir­re, stan­ze e so­gni. Fer­di­nan­do Co­tu­gno ha fat­to il suo pri­mo viag­gio nel 2002 e l’ha re­pli­ca­to il mese scor­so per ve­de­re co­me so­no cam­bia­te le fac­ce e gli umo­ri dei po­sti che lo ave­va­no con­qui­sta­to quan­do an­co­ra non c’era­no Facebook e Goo­gle Maps.

Sia­mo sta­ti an­che ad Amburgo, cit­tà che mol­ti con­si­de­ra­no la nuo­va Ber­li­no. L’in­te­gra­zio­ne del 40% di stra­nie­ri fun­zio­na, il vec­chio por­to si è tra­sfor­ma­to in un’at­tra­zio­ne tu­ri­sti­ca, la sce­na mu­si­ca­le è vi­ta­le. E a que­sta si è ispi­ra­to an­che Karl La­ger­feld per la bella col­le­zio­ne Cha­nel de­di­ca­ta al­la cit­tà in cui è na­to.

Mol­te don­ne eu­ro­pee, in­ve­ce, so­no at­trat­te dall’Ita­lia. O me­glio: da­gli Stal­lo­ni Ita­lia­ni. Na­ta­sha Fra­ser-Ca­vas­so­ni (lon­di­ne­se, vi­ve a Pa­ri­gi da an­ni) ha da sem­pre una pas­sio­ne per gli uo­mi­ni ita­li­ci e con mol­ta iro­nia rac­con­ta per­ché li pre­fe­ri­sce agli in­gle­si. Va­le il det­to che l’erba del vi­ci­no…

L’erba del vi­ci­no fa rosicare e Sil­via Vec­chi­ni si è fat­ta do­man­de sull’in­vi­dia del suc­ces­so che si sfo­ga sui so­cial. Per­ché non riu­scia­mo a fa­re a me­no di de­ni­gra­re le al­tre don­ne, di non ri­co­no­sce­re chi si è af­fer­ma­to sem­pli­ce­men­te per­ché è mi­glio­re o ha col­to del­le op­por­tu­ni­tà con in­tel­li­gen­za? Poi ma­ga­ri que­ste ra­gaz­ze in ap­pa­ren­za mi­ra­co­la­te (dal­la bel­lez­za, dai ma­tri­mo­ni) re­sti­tui­sco­no la lo­ro for­tu­na: leg­ge­te che co­sa stan­no fa­cen­do le mo­del­le co­me Elisa Sed­naoui e Na­ta­lia Vo­dia­no­va con le lo­ro fon­da­zio­ni per l’in­fan­zia. Più che in­vi­diar­le, unia­mo­ci a lo­ro. La mo­da e lo shop­ping che gra­ti­fi­ca pos­so­no con­tri­bui­re.

Una del­le sto­rie che più mi sta a cuo­re, pe­rò, è quel­la che rac­con­ta Sa­ra Del Co­ro­na che è an­da­ta nel­le zo­ne col­pi­te dal ter­re­mo­to in Cen­tro Ita­lia due an­ni fa. Ha in­con­tra­to gio­va­ni e fa­mi­glie che han­no fat­to pa­ce con quel­la ter­ra che li ave­va tra­di­ti. Co­rag­gio­si, so­no ri­par­ti­ti dal­la cam­pa­gna: col­ti­va­no fa­ve e zaf­fe­ra­no, or­ga­niz­za­no trek­king a ca­val­lo o al­le­va­no pe­co­re e muc­che. Bi­so­gna so­ste­ner­li. Aiu­ta­re le no­stre co­mu­ni­tà ed es­se­re ac­co­glien­ti ver­so il nuo­vo: sì, ci ren­de mi­glio­ri.

Buo­na let­tu­ra, buo­na esta­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.