Do you speak amo­re? Ne­gli an­ni 80 a Lon­dra tut­ti so­gna­va­no lo Stal­lo­ne Ita­lia­no. E ades­so?

Marie Claire (Italy) - - Contents - Di Na­ta­sha Fra­ser-Ca­vas­so­ni

Ne­gli an­ni 80 a Lon­dra tut­ti so­gna­va­no lo Stal­lo­ne Ita­lia­no. Mi­to ali­men­ta­to an­che dai gran­di se­dut­to­ri del ci­ne­ma. Un’in­gle­se, che da sem­pre ne su­bi­sce il fa­sci­no, rac­con­ta la sua pas­sio­ne e pen­sa che i no­stri uo­mi­ni sia­no an­co­ra hot. Di­ce: so­no più sin­ce­ri... Mah!

L’esta­te scor­sa mi è tor­na­to in men­te uno dei miei slo­gan da t-shirt pre­fe­ri­ti: “Ba­cia­mi, so­no ita­lia­no”. Ero sta­ta due gior­ni a Ro­ma e non mi ca­pa­ci­ta­vo di quan­to gli uo­mi­ni fos­se­ro bel­li e gen­ti­li. La ti­po­lo­gia era va­ria: un bion­do mol­to ab­bron­za­to che in com­ple­to di li­no blu da­va in­di­ca­zio­ni per la Gal­le­ria Bor­ghe­se, un’ani­ma buo­na con ca­pel­li scu­ri e oc­chi ver­di che rac­co­glie­va fir­me per una ma­ra­to­na di be­ne­fi­cen­za, un gio­va­ne sa­lu­mie­re - ca­pel­li cor­ti e brac­cia to­ni­che - che af­fet­ta­va del cru­do di Par­ma.

Sul­le pri­me mi so­no chie­sta se ca­pi­ta­va so­lo a me. Ma in una gran­de fe­sta a Vil­la Me­di­ci - pie­na di al­tre sin­gle sui 50 che vi­vo­no a Pa­ri­gi - ho rea­liz­za­to di es­se­re in com­pa­gnia. «Ti ren­di con­to di quan­to so­no stra­fi­ghi i ro­ma­ni?», sus­sur­ra­va una mer­can­te d’ar­te mol­to, mol­to cool. «Rie­sco­no a es­se­re se­xy per­fi­no ve­sti­ti da ce­ri­mo­nia. E di so­li­to tro­vo gli abi­ti da uo­mo po­co se­xy». Un’al­tra ami­ca, che fa la beauty exe­cu­ti­ve, dis­ser­ta­va su co­me «la car­na­gio­ne oli­va­stra» con­tra­sta con «i den­ti di un bian­co ab­ba­glian­te», una ti­zia romantica e un po’ let­te­ra­ria di­chia­ra­va che nei suoi pia­ni c’era un «Ita­lian Lo­ver». «Non im­por­ta se si trat­ta di una re­la­zio­ne mol­to bre­ve, gli ita­lia­ni so­no co­sì al­le­gri e di­ver­ten­ti. Ed è pro­prio quel­lo di cui ho bi­so­gno ora». Al­lo­ra è uf­fi­cia­le, ho pen­sa­to: gli ita­lia­ni so­no di nuo­vo hot.

TUT­TO FAN­TA­STI­CO, fin­ché ho in­con­tra­to un’ami­ca mi­la­ne­se che ha si­bi­la­to: «Gli uo­mi­ni ita­lia­ni? Se so­no co­sì a pez­zi è col­pa lo­ro». È se­gui­ta una dia­tri­ba su quan­to sia­no in­fe­de­li, os­ses­sio­na­ti dal look, su co­me gli im­por­ti dell’au­to nuo­va o dell’ul­ti­mo ag­geg­gio tec­no­lo­gi­co più di ogni al­tra co­sa, su co­me pas­si­no an­ni a sco­pa­re in gi­ro per poi di­ven­ta­re i ma­schi più tra­di­zio­na­li del pia­ne­ta, e sia­no ir­ri­me­dia­bil­men­te Ma­ma Boys, mam­mo­ni.

Io, che ho 55 an­ni e so­no in­gle­se, na­tu­ral­men­te ho fat­to l’elen­co del­le “so­li­te la­men­te­le” sugli uo­mi­ni bri­tan­ni­ci: pas­sa­no trop­po tem­po al pub, pre­fe­ri­sco­no star­se­ne tra di lo­ro, tra uo­mi­ni, non han­no la mi­ni­ma idea di co­me si fac­cia un com­pli­men­to e di che co­sa sia l’ele­gan­za fem­mi­ni­le. Non c’è nien­te al mon­do che ti fac­cia sen­ti­re me­glio di la­gnar­ti de­gli uo­mi­ni con cui sei cre­sciu­ta. Pe­rò mi chie­do se gli ita­lia­ni ab­bia­no suc­ces­so pro­prio per­ché, con quel lo­ro bo­na­rio nar­ci­si­smo, al­la fi­ne so­no piut­to­sto one­sti cir­ca le lo­ro in­ten­zio­ni. Non so­no am­bi­gui. Ho di­vor­zia­to, so­no sin­gle da cin­que an­ni e so che la ro­vi­na del­le re­la­zio­ni tra uo­mo e don­na og­gi sta pro­prio nell’am­bi­gui­tà. Am­bi­gui­tà su­pre­ma, ri­fiu­to di im­pe­gnar­si in qual­sia­si mo­do, per­ciò dub­bi e con­fu­sio­ne.

CRE­DO CHE GLI IN­GLE­SI SIA­NO CAM­PIO­NI nel «fac­cia­mo ses­so, ma tra noi c’è so­lo ami­ci­zia», mol­to più de­gli ita­lia­ni. È ve­ro? Sa­rà per­ché so­no sta­ti ve­ne­ra­ti dal­le mam­me, ma i vo­stri uo­mi­ni so­no ab­ba­stan­za sin­ce­ri e non te­mo­no di di­re «stia­mo in­sie­me» op­pu­re «no, la no­stra non è una re­la­zio­ne». Ho ra­gio­ne? Può es­se­re che io sia po­si­ti­va­men­te pre­ve­nu­ta, vi­sto che ho rea­liz­za­to mol­to pre­sto che gli ita­lia­ni so­no il mio ti­po fi­si­co. Più de­gli in­gle­si, che per me so­no trop­po pal­li­di e no­io­si (del re­sto lo­ro mi con­si­de­ra­va­no “trop­po”, tut­ta cur­ve e me­lo­dram­ma­ti­ca co­me so­no). Sì, ado­ra­vo mio pa­dre, il mio pa­tri­gno e i miei tre fra­tel­li, ma ho sem­pre sa­pu­to che avrei spo­sa­to un ita­lia­no. E mia ma­dre, don­na di mon­do, di­ce­va: « Well, so­no at­traen­ti e pie­ni di char­me». ERA UNA CO­SA AB­BA­STAN­ZA SCANDALOSA per­ché quan­do io ero pic­co­la a Lon­dra gli ita­lia­ni era­no off-li­mi­ts. Non per via di qual­che no­me o di qual­che im­ma­gi­ne in par­ti­co­la­re. Era per via del co­sid­det­to Stal­lo­ne Ita­lia­no. Tra la fi­ne de­gli an­ni 60 e 70 i ma­schi in­gle­si era­no spa­ven­ta­ti da que­gli ita­lia­ni fo­co­si e raf­fi­na­ti che sfrec­cia­va­no su au­to spor­ti­ve. Io, in­ve­ce, ero paz­za di lo­ro. Le mie so­rel­le mag­gio­ri di­vo­ra­va­no i ro­man­zi di Barbara Car­tland, ma io pre­fe­ri­vo le sto­rie più au­da­ci di Ha­rold Rob­bins e di Sid­ney Shel­don per­ché a un cer­to pun­to com­pa­ri­va sem­pre qual­che play­boy ita­lia­no as­so­lu­ta­men­te ir­re­si­sti­bi­le. Al­la fi­ne, at­tra­ver­so un fi­dan­za­to ame­ri­ca­no che era più gran­de di me e si man­te­ne­va gio­can­do a back­gam­mon, ho co­no­sciu­to al­cu­ni Stal­lo­ni Ita­lia­ni. Una de­lu­sio­ne, dei de­bo­scia­ti e ri­di­co­li don­na­io­li che si pren­de­va­no ter­ri­bil­men­te sul se­rio. Ed­mon­do di Ro­bi­lant, il gal­le­ri­sta e col­le­zio­ni­sta d’ar­te, era più il mio ti­po. Gen­ti­le, af­fa­bi­le, sa­pe­va se­dur­re e far­si se­dur­re, e ave­va il sen­so del ri­di­co­lo. E poi c’era­no i ve­sti­ti. Ed­mon­do è sta­to il mio pri­mo dan­dy ita­lia­no. Ave­va una stu­pe­fa­cen­te col­le­zio­ne di golf di cash­me­re di ogni co­lo­re e di giac­che di tweed, ma la co­sa che più mi di­ver­ti­va era­no le sue ca­mi­cie che ave­va­no ti­pi di­ver­si di col­let­to, in­clu­si quel­li dal no­me Li­do.

È gra­zie a Ed­mon­do che, a Lon­dra, all’ini­zio de­gli an­ni 80 so­no sta­ta al San Lo­ren­zo, a La Fa­mi­glia e in al­tri ri­sto­ran­ti del ge­ne­re, e ho fre­quen­ta­to gli ari­sto­cra­ti­ci ita­lia­ni. Non mi ri­cor­do con­ver­sa­zio­ni par­ti­co­lar­men­te bril­lan­ti. Ma a dif­fe­ren­za dei lo­ro omo­lo­ghi bri­tan­ni­ci che all’amo­re pre­fe­ri­sco­no l’ec­ces­so di al­col, i so­fi­sti­ca­ti ita­lia­ni sa­pe­va­no cu­ci­na­re, fa­re com­pli­men­ti e man­da­re fio­ri. So­lo uno l’ho co­no­sciu­to in sen­so bi­bli­co. Ave­va mol­to char­me e due cu­sci­ni bian­chi sul let­to.

Su uno c’era ri­ca­ma­to il suo no­me, sull’al­tro - in ro­sa - la pa­ro­la dar­ling. Ri­di­co­lo e te­ne­ro. Ma, co­me i suoi ami­ci, poi è tor­na­to a ca­sa, per spo­sa­re la ra­gaz­za giu­sta ap­pro­va­ta da mam­mà.

THE ITA­LIAN MA­MA È CON­VIN­TA CHE NIEN­TE E NES­SU­NO SIA AB­BA­STAN­ZA PER IL FI­GLIO. Lo vi­zia da mo­ri­re ed è il tor­men­to del­le fi­dan­za­te e del­le nuo­re del mon­do. La ma­dre del fi­dan­za­to di una mia ami­ca si tor­men­ta­va sem­pre la col­la­na di per­le pri­ma di an­nien­tar­la con una raf­fi­ca di cri­ti­che de­va­stan­ti. Le ho chie­sto co­me fa­ces­se a sop­por­tar­la. «Io pre­go ogni gior­no che quel­la col­la­na va­da in pez­zi. E ogni gior­no lei pre­ga che io non spo­si suo fi­glio » . Al­la fi­ne, la mia ami­ca è scap­pa­ta. Quan­do un fi­dan­za­to ita­lia­no ha co­min­cia­to a tra­di­re, so­no scap­pa­ta an­ch’io. Era fa­ti­co­so, il ti­po che ti re­ga­la un Ro­lex «co­sì pen­se­rai sem­pre a me», e mi man­da­va fax quat­tro vol­te al gior­no (suc­ce­de­va pri­ma dell’era email): di col­po ha smes­so e quan­do par­la­va­mo sem­bra­va mol­to an­no­ia­to. Era chia­ro che, per lui, ero già in sa­la par­ten­ze. Quin­di ho la­scia­to il Ro­lex nel­la sua por­ti­ne­ria con un bre­ve mes­sag­gio in cui gli au­gu­ra­vo ogni be­ne. È an­da­to su tut­te le fu­rie per­ché non me lo so­no te­nu­to (a quel pun­to ero io che non vo­le­vo più “pen­sa­re” a lui!), e più tar­di ha am­mes­so che in un im­pe­to d’ira ha ven­du­to l’oro­lo­gio of­fen­si­vo. Og­gi sia­mo ami­ci. Ma vi­sto che ha con­ti­nua­to a mal­trat­ta­re le don­ne, di­rei che so­no mol­to con­ten­ta di non far più par­te del­la sua li­sta. SÌ, AT­TRAEN­TE: MA NON AL­LA FRAN­CO NE­RO. Ri­cor­do quan­do, a 19 an­ni, ho ri­spo­sto a una sua te­le­fo­na­ta in un’agen­zia di at­to­ri lon­di­ne­se do­ve la­vo­ra­vo. Era fa­mo­so per film co­me Il mer­ce­na­rio, Tri­sta­na e For­za 10 da Na­va­ro­ne, e sta­va con Va­nes­sa Red­gra­ve, gran­de at­tri­ce e gran­de bel­lez­za bri­tan­ni­ca. Al te­le­fo­no gli ave­vo cor­te­se­men­te chie­sto co­me sta­va. «Io? So­no bel­lis­si­mo», mi ha ri­spo­sto. E vi­sto che era a Lon­dra, era pas­sa­to in uf­fi­cio in tut­ta la sua de­va­stan­te bel­lez­za, i ca­pel­li neri e quei pe­ne­tran­ti oc­chi az­zur­ri, an­che se un po’ ag­gres­si­vo. Mar­cel­lo Ma­stro­ian­ni era mol­to di­ver­so da Fran­co Ne­ro. Par­la­va a bas­sa vo­ce, e quel suo es­se­re un po’ va­go e un po’ di­strat­to era una le­zio­ne vi­ven­te di co­me se­dur­re con ele­gan­za. Ave­va­mo pran­za­to in­sie­me e, men­tre lui par­la­va, mi era ve­nu­to in men­te quan­do ne­gli an­ni 70 si de­streg­gia­va sen­ti­men­tal­men­te tra Ca­the­ri­ne De­neu­ve e Faye Du­na­way. La bel­lis­si­ma at­tri­ce ame­ri­ca­na ne era in­na­mo­ra­ta paz­za e con­ti­nua­va a chia­mar­lo con un te­le­fo­no sa­tel­li­ta­re co­sto­sis­si­mo dal­lo ya­cht del suo pro­dut­to­re, ar­rab­bia­tis­si­mo. Le ge­ne­ra­zio­ni cam­bia­no, lo char­me ita­lia­no re­sta. L’ho ca­pi­to a Lon­dra, a Ca­po­dan­no del 2009, con le mie ge­mel­le, che ave­va­no 7 an­ni. È ar­ri­va­ta una Fiat che suo­na­va a palla pop ita­lia­no. «Cer­ta gen­te ha una ta­le man­can­za di ri­spet­to», ho det­to al­le mie fi­glie che si so­no stu­pi­te quan­do han­no vi­sto che co­no­sce­vo fin da bam­bi­no l’uo­mo al­la gui­da: era La­po El­kann, ni­po­te di Gian­ni Agnel­li. Ci ha tra­sci­na­to al Na­tu­ral Hi­sto­ry Mu­seum. Ha chiac­chie­ra­to con le mie fi­glie, le ha fat­te ri­de­re. Se lo ri­cor­da­no an­co­ra, lui e i suoi ve­sti­ti. Le ave­va col­pi­te. Pro­prio co­me que­gli uo­mi­ni ita­lia­ni a Ro­ma. Mol­ti so­sten­go­no che l’amo­re e il cor­teg­gia­men­to sia­no su­pe­ra­ti. Pe­rò, ri­tro­van­do­mi nel­la ca­pi­ta­le, ho ca­pi­to che l’Ita­lia fa be­ne all’amo­re e, se sei una stra­nie­ra, puoi con­ti­nua­re a so­gna­re.

«Ave­va due cu­sci­ni sul let­to. Su uno c’era il suo no­me, sull’al­tro, in ro­sa, la pa­ro­la dar­ling »

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.