Che co­sa ho im­pa­ra­to dai li­bri, di Cristina Gua­ri­nel­li

Marie Claire (Italy) - - SOMMARIO - di Cristina Gua­ri­nel­li

Bor­sa del­le va­can­ze, ul­ti­me co­se da met­ter­ci, e qua­si fuo­ri tem­po mas­si­mo (è il vi­zio di for­ma dei pro­cra­sti­na­to­ri) quel­le fon­da­men­ta­li, per esem­pio i li­bri. È co­sì che per ca­so m’im­bat­to nel ro­man­zo non an­co­ra let­to di uno scrit­to­re che mi pia­ce mol­to: bel­lo, que­sto lo por­to via senz’al­tro. Gli do una sfo­glia­ta di­strat­ta, e ve­do sot­to­li­nea­tu­re qui e là. In­cre­du­li­tà, sgo­men­to, rac­ca­pric­cio. Quei se­gni li ho fat­ti io! Quel li­bro l’ho let­to io! E non mi ri­cor­do nul­la? Al net­to del mio rim­bam­bi­men­to, co­sa c’è da ca­pi­re da que­st’in­cre­scio­sa sco­per­ta? A co­sa ser­ve leg­ge­re se poi nem­me­no ti ri­cor­di d’aver­lo fat­to? Mi guar­do in­tor­no. In ca­sa ci so­no mol­te li­bre­rie, vo­lu­mi in se­con­da/ter­za fi­la, e un or­di­ne (or­di­ne?) do­ve so­lo io pos­so fin­ge­re di rac­ca­pez­zar­mi. Ma al­cu­ni ar­chi­tra­vi dell’orien­ta­men­to so­no ben sal­di. Se per esem­pio di­co XY, so be­nis­si­mo che tut­ti i suoi ro­man­zi so­no lì, e so per­fi­no chi gli fa com­pa­gnia di fian­co e die­tro: in­tor­no ai 17-19 an­ni l’ho let­to pra­ti­ca­men­te tut­to, XY, in­car­ta­men­ti mi­no­ri, ope­re gio­va­ni­li e sag­gi cri­ti­ci com­pre­si, e l’ho ama­to paz­za­men­te. YZ in­ve­ce se ne sta là: che me­ra­vi­glia, che sor­pre­sa, che in­na­mo­ra­men­to, e che ra­di­ca­le cam­bio di pro­spet­ti­va sco­prir­lo. For­se è per que­sto che è fi­ni­to in quell’al­tra li­bre­ria a mar­ca­re il ter­ri­to­rio. Be­ne. An­zi non lo so, se va tan­to be­ne. Co­sa ri­cor­do dav­ve­ro di tut­ti que­sti li­bri che mi stan­no spian­do e che ho ama­to nel cor­so de­gli an­ni? A co­sa mi so­no ser­vi­ti? E quel­li che ho com­pra­to ma non an­co­ra let­to, e che mi guar­da­no con quell’aria mi­nac­cio­sa e col­pe­vo­liz­zan­te, e quel­li che ho let­to e ado­ra­to 30 an­ni fa e che ri­let­ti og­gi mi rac­con­te­reb­be­ro tut­ta un’al­tra sto­ria? Sa­rà il cal­do, sa­rà la fret­ta, sa­rà la ne­vro­si, giuro che sto per soc­com­be­re a que­ste do­man­de truf­fal­di­ne quan­do ve­do due li­bri usci­ti qual­che tem­po fa e che mi stan­no fis­san­do da quel ta­vo­li­no lag­giù. Due li­bri pre­zio­si che ri­ve­la­no mol­to di più di quel che pro­met­to­no già dai bei ti­to­li: Co­me di­ven­ta­re vi­vi - Un va­de­me­cum per let­to­ri sel­vag­gi di Giu­sep­pe Mon­te­sa­no (Bom­pia­ni) e Il ma­ni­fe­sto del li­be­ro let­to­re - Ot­to scrit­to­ri di cui non so fa­re a me­no di Ales­san­dro Pi­per­no (Mon­da­do­ri). Ec­co­le le ra­gio­ni per cui si leg­ge: per sen­tir­si vi­vi, sel­vag­gi, li­be­ri. Per an­da­re da qual­che par­te do­ve da so­li non ci si sa­reb­be mai av­ven­tu­ra­ti. Per oriz­zon­tar­si un po’ me­glio nel ca­si­no che è la vi­ta. Per riu­sci­re a ma­neg­gia­re sen­za pau­ra pen­sie­ri, emo­zio­ni, sen­ti­men­ti, fat­ti, ma­gni­fi­ci e or­ri­bi­li. Per ono­ra­re il pia­ce­re e l’im­ma­gi­na­zio­ne. E per in­na­mo­rar­si di chi sa tro­va­re le pa­ro­le, pro­prio quel­le pa­ro­le lì e mes­se in fi­la in quel mo­do, per rac­con­ta­re co­sa ci stia­mo a fa­re su que­sta ter­ra. Non si leg­ge per pas­sa­re il tem­po, ci di­ce in estre­ma sin­te­si Mon­te­sa­no, per quel­lo c’è di me­glio da fa­re. Si leg­ge per­ché «è es­sen­zia­le a vi­ve­re una vi­ta più vi­va, più esal­ta­ta, più ric­ca di espe­rien­za e di pos­si­bi­li­tà». E per Pi­per­no «il li­be­ro let­to­re è un di­let­tan­te, e co­me ta­le aspi­ra al di­let­to. La so­la clas­si­fi­ca­zio­ne che lo in­te­res­sa è quel­la che se­pa­ra i po­chi ro­man­zi che cam­bia­no la vi­ta dai trop­pi che non cam­bia­no nien­te». N.B. Se non tro­va­te un li­bro ini­zia­to ma non an­co­ra fi­ni­to pa­zien­za: ora de­vo pro­prio par­ti­re e Saul Bel­low si è vo­la­ti­liz­za­to in­sie­me al suo Trop­pe

co­se a cui pen­sa­re (Sur). Ri­tro­ve­rò quel­la ma­gni­fi­ca rac­col­ta di sag­gi a set­tem­bre. E non ve­do l’ora. Leg­ge­re è un po’ co­me ama­re: at­te­sa e gra­ti­tu­di­ne (e an­che de­lu­sio­ne) fan­no par­te del gio­co. Uno dei più ec­ci­tan­ti in cir­co­la­zio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.