Fu­ga al­la Giu­dec­ca con Gre­ta Sca­ra­no, nel­la “ca­sa” del­le star

12 GIU­GNO, BEL­MOND HO­TEL CI­PRIA­NI, SUI­TE DOGARESSA

Marie Claire (Italy) - - SOMMARIO - fo­to So­nia Sieff ser­vi­zio Lau­ra Se­gan­ti

«MI PIA­CE­REB­BE SCRI­VE­RE UN FILM CHE POS­SA DI­VER­TI­RE LE DON­NE, UNA STO­RIA IRO­NI­CA E DI­ROM­PEN­TE»

Lun­ga chiac­chie­ra­ta con Gre­ta Sca­ra­no, che par­la a ruo­ta li­be­ra dei suoi gran­di amo­ri. In or­di­ne di ap­pa­ri­zio­ne: la re­ci­ta­zio­ne, ma non ne­ces­sa­ria­men­te la fa­ma; la fa­mi­glia, non­ni in­clu­si; il ca­ne Zed, scom­par­so da qual­che me­se; le ami­che tur­bo­len­te. Di quel­lo al pri­mo po­sto di­ce: «Ave­vo que­sta pas­sio­ne fin da bam­bi­na e quan­do è co­sì for­se è più sem­pli­ce: ve­de­vo con chia­rez­za quel­la stra­da da­van­ti a me e ho vo­lu­to se­guir­la, cer­to, sen­za con­si­de­ra­re le com­pli­ca­zio­ni che avreb­be com­por­ta­to. So­gna­vo di es­se­re ap­prez­za­ta da chi ha il mio stes­so amo­re per i film, ma non di es­se­re ri­co­no­sciu­ta per stra­da. E in­fat­ti que­sto non av­vie­ne!». E ri­de. Gre­ta, 32 an­ni, di Ro­ma, que­st’an­no, co­me so­gna­va, ha par­te­ci­pa­to al­la sua pri­ma pro­du­zio­ne in­ter­na­zio­na­le, Il no­me del­la ro­sa, che an­drà in on­da l’an­no pros­si­mo sul­la Rai, ed è sta­ta co­pro­ta­go­ni­sta del­la se­rie di suc­ces­so di Rai3 La li­nea ver­ti­ca­le, ac­can­to a Va­le­rio Ma­stan­drea. Mol­ti la ri­cor­de­ran­no co­me Ema­nue­la Loi, nel film tv sul­la scor­ta di Pao­lo Bor­sel­li­no, e la Vio­la di Suburra, ruo­lo che le è val­so il Na­stro d’ar­gen­to. Hai re­ci­ta­to in mol­te se­rie tv pri­ma di ar­ri­va­re al ci­ne­ma ( Ro­man­zo cri­mi­na­le, I li­cea­li, Squa­dra an­ti­ma a - Pa­ler­mo og­gi). So­no sta­te una buo­na pa­le­stra? Ho avu­to una ga­vet­ta mol­to for­tu­na­ta in te­le­vi­sio­ne, fin dai tem­pi di Un po­sto al so­le, set per il qua­le, a ma­lin­cuo­re, a vent’an­ni ho la­scia­to gli stu­di al Cen­tro sperimentale di ci­ne­ma­to­gra­fia. Or­mai le dif­fe­ren­ze tra le pro­du­zio­ni di se­rie di qua­li­tà e film si so­no tal­men­te as­sot­ti­glia­te che cer­co so­lo ruo­li in­te­res­san­ti. In ge­ne­ra­le, vo­glio fa­re quel­lo che poi mi pia­ce ve­de­re (il pros­si­mo set, ac­can­to ad Ales­san­dro Pre­zio­si, sa­rà quel­lo di Non men­ti­re, remake del­la se­rie in­gle­se Liar, ndr).

Qual è sta­to il mo­men­to di svol­ta nel­la tua car­rie­ra? Non ho avu­to, co­me al­tri col­le­ghi, il gran­de suc­ces­so im­prov­vi­so. In al­cu­ni mo­men­ti buo­ni pen­sa­vo

“ok, ce la pos­so fa­re”, poi pe­rò pas­sa­va­no i me­si e non ac­ca­de­va quel­lo che spe­ra­vo suc­ce­des­se. For­se, pe­rò, il cam­bia­men­to lo no­ti so­lo a po­ste­rio­ri.

Per esem­pio, quan­do ho vin­to il Na­stro d’ar­gen­to per Suburra è mu­ta­ta la per­ce­zio­ne che ave­vo di me stes­sa - mi so­no sen­ti­ta don­na e at­tri­ce - e si­cu­ra­men­te è cam­bia­ta an­che quel­la che quel­li del set­to­re ave­va­no di me. Og­gi no­to che ne­gli ul­ti­mi due an­ni è tut­to di­ver­so, per­ché ho più con­trol­lo del­la mia vi­ta la­vo­ra­ti­va. I pro­vi­ni ci so­no sem­pre, ma ser­vo­no an­che a me per “pro­vi­na­re” il film e il re­gi­sta. E pos­so es­se­re io a di­re di no: una vol­ta que­sto era im­pos­si­bi­le.

Hai scon tto il sen­so di ina­de­gua­tez­za di quan­do si vie­ne ri uta­ti per un ruo­lo? Sa­rai sem­pre ina­de­gua­ta per qual­co­sa, per­ché sa­rai ade­gua­ta per al­tro. Ho ca­pi­to che non si può es­se­re giu­sti per tut­to. Ora lo ve­do lon­ta­no un mi­glio quan­do un ruo­lo non fa per me, men­tre fi­no a qual­che an­no fa ero ac­ce­ca­ta dall’am­bi­zio­ne e dal­la vo­glia di pren­de­re par­te a un pro­get­to. Og­gi pun­to a so­prav­vi­ve­re sul­la lun­ga di­stan­za e ad al­za­re l’asti­cel­la a ogni nuo­vo la­vo­ro. Hai ap­pe­na la­scia­to il set in­ter­na­zio­na­le del­la se­rie trat­ta da Il no­me del­la ro­sa. Com’è an­da­ta? Puoi im­ma­gi­na­re quan­to sia sta­ta un’espe­rien­za me­ra­vi­glio­sa re­ci­ta­re ac­can­to a John Tur­tur­ro e Ru­pert Eve­rett. In­ter­pre­to due ruo­li: quel­lo di Mar­ghe­ri­ta da Trento, mo­glie dell’ere­ti­co fra Dol­ci­no, e quel­lo di sua fi­glia, che è un personaggio scritto ap­po­si­ta­men­te per la se­rie.

Non ar­ri­vi da una fa­mi­glia di ar­ti­sti (pa­pà me­di­co, mam­ma in­fer­mie­ra), ma di­ci che ti han­no sem­pre so­ste­nu­ta. Ho vi­sto un po­st su In­sta­gram in cui ac­com­pa­gna­vi tua non­na al ci­ne­ma... Sì, an­da­va­mo in­sie­me a ve­de­re un mio film, per­ché non era po­tu­ta ve­ni­re al­la pri­ma. È sta­ta sem­pre la mia pri­ma fan, fin da quan­do scri­ve­vo poe­sie da bam­bi­na. Og­gi non c’è più ma era co­sì fe­li­ce di aver vi­sto tan­ti miei tra­guar­di. Non ave­va po­tu­to ter­mi­na­re la scuo­la, e, co­me di­ce­va mio non­no, era “co­sì in­tel­li­gen­te che se aves­se stu­dia­to po­te­va di­ven­ta­re Pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca” (con ac­cen­to ro­ma­ne­sco, ndr). Era mol­to fie­ra dell’in­di­pen­den­za mia e di mia so­rel­la, del fat­to che pos­sia­mo con­ta­re su noi stes­se, sen­za di­pen­de­re da un uo­mo. De­di­chia­mo un pen­sie­ro an­che al tuo amo­re per Zed? Una fe­ri­ta san­gui­nan­te per cui pian­go an­co­ra. Mi ha ac­com­pa­gna­to co­me un an­ge­lo cu­sto­de ne­gli ul­ti­mi ot­to an­ni. Sul set era “il ca­ne di Gre­ta” e tut­ti se lo ri­cor­da­no. Per­der­lo mi ha spez­za­to il cuo­re, ogni co­sa che fa­ce­vo per lui era un at­to di amo­re pu­ro, in­con­di­zio­na­to, sen­za li­mi­ti. Hai di­chia­ra­to che un gior­no ti pia­ce­reb­be an­che di­ri­ge­re. Qua­le sog­get­to sce­glie­re­sti? Si­cu­ra­men­te un film con un pun­to di vi­sta fem­mi­ni­le, che è an­co­ra trop­po po­co con­si­de­ra­to. So­no cir­con­da­ta da gran­di ami­che, vi­ta­li, in­quie­te, tur­bo­len­te. Poi, co­no­sco an­che tan­ti uo­mi­ni che amo al­la fol­lia, ma so­no in nu­me­ro mi­no­re. Mi pia­ce­reb­be scri­ve­re un film che pos­sa di­ver­ti­re le don­ne, una sto­ria iro­ni­ca e di­rom­pen­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.