CI VE­DIA­MO TRA CENT’AN­NI

“Pro­prio co­me ci vuo­le so­lo un at­ti­mo per mo­ri­re, ci vuo­le so­lo un at­ti­mo per vi­ve­re”

Marie Claire (Italy) - - LIBRI WOW -

Tom, il pro­ta­go­ni­sta di que­sto ro­man­zo (che al ci­ne­ma avrà, si sa già, la fac­cia di Be­ne­dict Cum­ber­bat­ch), è vec­chio. Di­mo­stra 40 an­ni, ma ne ha più di 400. Non è im­mor­ta­le, ha una “di­sfun­zio­ne”, per cui lui e quel­li co­me lui - sì, ce ne so­no al­tri - so­no più lon­ge­vi di Ma­tu­sa­lem­me e sem­bra­no non in­vec­chia­re mai. In­se­gna sto­ria a Lon­dra ma è sta­to in tut­ti i po­sti e in tut­te le epo­che. Per­ché per evi­ta­re che i co­mu­ni mor­ta­li (so­pran­no­mi­na­ti “le ef­fi­me­re”) si ac­cor­ga­no del­la biz­zar­ria di que­ste per­so­ne la So­cie­tà di cui lui e gli al­tri qua­si eter­ni fan­no par­te, im­po­ne che ogni ot­to an­ni cam­bi­no vi­ta, iden­ti­tà, Pae­se. Un rit­mo ser­ra­to (si pas­sa dal­la Lon­dra del ’600 all’Ame­ri­ca dell’800; dal­la cac­cia al­le stre­ghe a Sha­ke­spea­re, Fi­tz­ge­rald, Cha­plin...) e pa­gi­ne che la­vo­ra­no den­tro. Per­ché par­la­no di amo­ri per­du­ti (Ro­se ci re­sta ad­dos­so), fi­glie da ri­tro­va­re, rim­pian­ti, so­li­tu­di­ne as­so­lu­ta. E di tut­ti gli at­ti­mi vis­su­ti che, quan­do pe­sa­no trop­po, in­va­do­no il pre­sen­te e tol­go­no il fu­tu­ro. (P.S. L’au­to­re sa­rà al Fe­sti­va­let­te­ra­tu­ra di Man­to­va. Per sa­pe­re chi al­tro te­ne­re d’oc­chio, vol­ta­te pa­gi­na). HHHH CO­ME FER­MA­RE IL TEM­PO di Matt Haig, e/o € 18

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.