SEGUI SEM­PRE LA TUA VO­CE

LO DI­CE BRADLEY COO­PER CHE POR­TA A VE­NE­ZIA IL SUO PRI­MO FILM DA RE­GI­STA: È NA­TA UNA STEL­LA. REMAKE TEMERARIO DI DUE CULT DEL PAS­SA­TO E LUI È AN­CHE IL PRO­TA­GO­NI­STA. SE­CON­DA SFI­DA: CAN­TA­RE DAL VI­VO CON LA­DY GA­GA

Marie Claire (Italy) - - HOLLYWOOD IN MOSTRA - di Fa­bian Wain­tal

È uno di que­gli at­to­ri che no­ti in un film, poi lo ve­di in un al­tro e ti tro­vi co­stret­to a ri­con­si­de­rar­ne la so­stan­za, e ap­pe­na ri­sbu­ca in una nuo­va pro­du­zio­ne, c’è da mo­di­fi­car­ne da ca­po il pro­fi­lo. Per amo­re di sin­te­si, ci pia­ce fis­sa­re la sua pa­ra­bo­la con due pre­ci­si pun­ti car­di­na­li: il suo fa­sci­no si­tua­zio­ni­sta e sgan­ghe­ra­to in Una not­te da leo­ni di Todd Phil­lips, e quel­la fac­cia pu­li­ta, mar­zia­le che lot­ta in­de­fes­sa­men­te con­tro la de­ri­va in­te­rio­re in Ame­ri­can Sni­per di Clint Ea­st­wood. Ma ades­so toc­ca ri­co­min­cia­re per­ché aver di­ret­to ol­tre­ché in­ter­pre­ta­to A Star is Born ac­can­to a La­dy Ga­ga, fuo­ri con­cor­so al pros­si­mo fe­sti­val di Ve­ne­zia, de­no­ta evi­den­te­men­te una fol­lia da fuo­ri­clas­se. Le ver­sio­ni pre­ce­den­ti del­la sto­ria, due cult, una con Ju­dy Gar­land fir­ma­ta da Geor­ge Cu­kor e una di Frank Pier­son con Bar­bra Strei­sand e Kris Kri­stof­fer­son, avreb­be­ro ini­bi­to chiun­que. E dun­que:

Quan­ta am­bi­zio­ne ci vuo­le per far­ce­la a Hol­ly­wood?

Tan­ta. Io so­no cre­sciu­to con la pas­sio­ne del ci­ne­ma, guar­da­vo un sac­co di film, ho sem­pre sa­pu­to che vo­le­vo far par­te di quel mon­do ma mi ter­ro­riz­za­va. Da bam­bi­no ave­vo pau­ra di par­la­re in pub­bli­co e da ra­gaz­zo ero piut­to­sto ti­mi­do. Ma so­no mol­to cu­rio­so, mi pia­ce spe­ri­men­ta­re, pro­va­re co­se nuo­ve, e ado­ro rac­con­ta­re sto­rie. È quel­lo che spe­ra­vo di fa­re. Era il mio obiet­ti­vo.

Qual è sta­to il ve­ro pun­to di svol­ta nel­la sua car­rie­ra di at­to­re?

Pen­so a com’ero quan­do ho ini­zia­to e a do­ve so­no og­gi, a 43 an­ni. Nei pri­mi die­ci di que­sto me­stie­re mi pre­oc­cu­pa­vo so­lo di es­se­re il più na­tu­ra­le pos­si­bi­le sul­lo scher­mo, sta­re da­van­ti al­la mac­chi­na da pre­sa e di­re le bat­tu­te scrit­te nel co­pio­ne. Ma non mi ero spin­to in ter­ri­to­ri più in­si­dio­si, non ave­vo an­co­ra in­ter­pre­ta­to per­so­nag­gi con un mo­do di­ver­so di espri­mer­si e che ve­ni­va­no da real­tà di­ver­se dal­le mie. Ho avu­to l’op­por­tu­ni­tà di far­lo a co­min­cia­re da Ame­ri­can Sni­per. E mi so­no det­to: «A par­te il fat­to che sia­mo en­tram­bi de­gli uo­mi­ni, e ab­bia­mo la stes­sa età e lo stes­so nu­me­ro di scar­pe, io non so­no co­me Ch­ris Ky­le. E al­lo­ra co­me fac­cio, da do­ve ini­zio?». Mi ri­cor­do di ave­re an­nun­cia­to a Clint Ea­st­wood: «Se non rie­sco a di­ven­ta­re Ky­le, a es­se­re dav­ve­ro lui, non pos­so fa­re il film». Quan­do ti met­ti al­la pro­va ti ser­ve più tem­po per pre­pa­rar­ti, mi ci è vo­lu­to un an­no. Il personaggio del mio nuo­vo film, A Star is Born, è an­co­ra più lon­ta­no da me di quan­to fos­se Ky­le, e di an­ni ce ne so­no vo­lu­ti tre. Chis­sà co­me sa­rà in fu­tu­ro. ( Ri­de) Ma­ga­ri per il pros­si­mo ce ne met­te­rò 10, in fon­do per fa­re The Ele­phant Man in tea­tro ne ho im­pie­ga­ti... be’, ho ini­zia­to a 12 an­ni.

E co­sa fa sbloc­ca­re la si­tua­zio­ne?

Più in­vec­chio e più tro­vo che tut­to stia nel­la vo­ce, è la co­sa più im­por­tan­te. Quan­do rie­sci a sin­to­niz­zar­ti con quel­la del tuo personaggio, e poi ci la­vo­ri su per pre­ci­sar­la e per­fe­zio­nar­la, al­lo­ra di­ven­ta una co­sa or­ga­ni­ca, una par­te di te.

Un ruo­lo che le pia­ce­reb­be ot­te­ne­re e che an­co­ra non ha avu­to l’oc­ca­sio­ne di in­ter­pre­ta­re?

È buf­fo che lei mi fac­cia que­sta do­man­da per­ché in ef­fet­ti ce n’è uno. Sta­vo pro­prio pen­san­do che ci so­no sei per­so­nag­gi che ho sem­pre vo­lu­to in­ter­pre­ta­re, e so­no riu­sci­to a ca­lar­mi pra­ti­ca­men­te in tut­ti tran­ne que­sto... E di re­cen­te, ti­po una set­ti­ma­na fa, è ve­nu­to fuo­ri che c’è un film in cui po­trei far­ce­la. So­no sca­ra­man­ti­co

«DE NIRO MI HA CAM­BIA­TO LA VI­TA. ORA CHE MIO PA­DRE SE NE È AN­DA­TO, HO PO­TU­TO USA­RE LA PA­RO­LA PA­PÀ SO­LO CON LUI»

e non vo­glio par­lar­ne, ma sa­reb­be fan­ta­sti­co.

Per­ché si è da­to al­la re­gia?

Ho avu­to il gran­de ono­re di la­vo­ra­re con re­gi­sti in­cre­di­bi­li co­me Da­vid O. Rus­sell, Clint Ea­st­wood e Todd Phil­lips. Quan­do fa­ce­vo un film con lo­ro non ho mai pen­sa­to che avrei do­vu­to gi­rar­lo io, pe­rò ho sem­pre sa­pu­to di es­se­re un po’ di­ver­so da­gli al­tri at­to­ri che re­ci­ta­no e ba­sta, per­ché mi ha sem­pre in­te­res­sa­to ca­pi­re co­me si co­strui­sce un film, co­me si rac­con­ta una sto­ria.

Quan­do ha de­ci­so che avreb­be di­ret­to A Star is Born?

Avreb­be do­vu­to far­lo Clint Ea­st­wood, do­ve­va­mo la­vo­ra­re in­sie­me, ma se­con­do me io ero trop­po gio­va­ne e non ero giu­sto per quel ruo­lo. Quel­la tra­gi­ca sto­ria d’amo­re, pe­rò, non mi si le­va­va dal­la te­sta. Mi ve­ni­va­no in men­te del­le sce­ne, op­pu­re la so­gna­vo, in­som­ma ho ca­pi­to che in qual­che mo­do do­ve­vo li­be­rar­me­ne. La gen­te era stu­fa di con­ti­nua­re a sen­tir­mi di­re che avrei vo­lu­to di­ri­ge­re un film. Do­ve­vo pro­var­ci. E mi è pia­ciu­to da mat­ti. Per­ché A Star is Born è una com­me­dia mu­si­ca­le, e quan­do can­ti non puoi na­scon­der­ti. Se vuoi par­la­re d’amo­re, il mi­glior mo­do per far­lo è at­tra­ver­so la mu­si­ca, suo­nan­do e can­tan­do, e sa­pe­vo che, se fos­si riu­sci­to a met­te­re tut­to que­sto in­sie­me, il ri­sul­ta­to sa­reb­be sta­to spe­cia­le. Ho spe­so mol­to tem­po in sa­la mon­tag­gio, il film sa­reb­be do­vu­to usci­re in mag­gio, ma è sta­to me­glio co­sì.

Quan­to so­no du­ra­te le ri­pre­se?

42 gior­ni. Ma l’ul­ti­ma vol­ta che ho la­vo­ra­to, pri­ma di pre­pa­ra­re que­sto film, è sta­to l’8 ago­sto del 2015, a tea­tro, a Lon­dra.

In A Star is Born La­dy Ga­ga è più bra­va di Bar­bra Strei­sand ?

De­vo di­re che Ste­fa­ni è sta­ta una ri­ve­la­zio­ne (il ve­ro no­me di La­dy Ga­ga è Ste­fa­ni Ger­ma­not­ta e lui l’ha sem­pre chia­ma­ta co­sì, ndr). Ap­pe­na ab­bia­mo ini­zia­to mi ha det­to: «Fac­cia­mo un patto: con­to su di te per riu­sci­re a re­ci­ta­re be­ne», non ave­va mai fat­to un film, «e io ti ga­ran­ti­sco che ti tra­sfor­me­rò in un mu­si­ci­sta, per­ché can­te­re­mo tut­to li­ve». Le ho det­to: «Ehi, aspet­ta un mo­men­to». E lei: «No, fa­re­mo co­sì, non sop­por­to i film mu­si­ca­li in cui si ca­pi­sce che can­ta­no in play­back». Ha ra­gio­ne. Con ter­ro­re, mi so­no fi­da­to di lei.

È riu­sci­ta a tra­sfor­mar­la in un mu­si­ci­sta?

Per for­tu­na ho avu­to mol­to tem­po, ho pre­so le­zio­ni di can­to per cir­ca un an­no e mez­zo, e poi mi so­no esi­bi­to in pub­bli­co. Una del­le co­se fan­ta­sti­che di que­sto film è che, gi­ran­do tut­to li­ve, sia­mo an­da­ti a dei ve­ri con­cer­ti, a del­le esi­bi­zio­ni dal vi­vo, e ab­bia­mo suo­na­to sul pal­co per quat­tro o cin­que mi­nu­ti. Al­lo Sta­ge­coa­ch Fe­sti­val ho can­ta­to da­van­ti a 20mi­la per­so­ne, poi ci sia­mo esi­bi­ti a Gla­ston­bu­ry, il più gran­de fe­sti­val pri­va­to di mu­si­ca all’aper­to del mon­do, e io ero lì, su quel pal­co a for­ma di pi­ra­mi­de, a can­ta­re da­van­ti a 80mi­la per­so­ne. Paz­ze­sco. L’esta­te scor­sa, per un ca­so, si esi­bi­va a Gla­ston­bu­ry an­che Kris Kri­stof­fer­son, che ne­gli an­ni Set­tan­ta ha in­ter­pre­ta­to una fa­mo­sa ver­sio­ne di A Star is Born. È gra­zie a lui che ho po­tu­to can­ta­re. Mi ha da­to 4 mi­nu­ti dei 12 che ave­va a sua di­spo­si­zio­ne.

Ha fat­to lm con tan­ti re­gi­sti im­por­tan­ti. Ha pre­so qual­co­sa del lo­ro mo­do di la­vo­ra­re quan­do si è ri­tro­va­to die­tro la mac­chi­na da pre­sa?

Sì. Mi ri­cor­do di un’in­ter­vi­sta in cui Mi­ke Ni­chols, po­co pri­ma di mo­ri­re, parlava di quan­do ave­va di­ret­to il suo pri­mo film, Chi ha pau­ra di Vir­gi­nia Woolf? Cre­do fos­se sta­to un at­to­re e ascol­tan­do­lo mi so­no re­so con­to che fa­re il re­gi­sta è pro­prio co­me re­ci­ta­re, ti de­vi pre­pa­ra­re; ma poi quan­do ini­zi a gi­ra­re de­vi di­men­ti­car­te­ne e im­prov­vi­sa­re. Ero con­ten­to di ave­re vi­sto que­sta in­ter­vi­sta pri­ma del­le ri­pre­se del mio pri­mo film. Per­ché co­me at­to­re so­no al me­glio pro­prio quan­do fac­cio co­sì. L’ho no­ta­to quan­do la­vo­ra­vo con Da­vid O. Rus­sell, lui os­ser­va tut­to quel­lo che suc­ce­de sul set ed è ca­pa­ce di pren­de­re ispi­ra­zio­ne da un par­ti­co­la­re mo­men­to e poi fon­der­la nel­la sto­ria che vuo­le rac­con­ta­re.

Fa­re il re­gi­sta l’ha re­sa mi­glio­re?

Di si­cu­ro ho no­ta­to che re­ci­to me­glio quan­do ho an­che al­tre co­se da

fa­re o a cui pen­sa­re. Mi è suc­ces­so con The Ele­phant Man. La de­for­mi­tà fi­si­ca del personaggio mi as­sor­bi­va a tal pun­to il cor­po e la men­te che era fa­ci­le es­se­re nel­lo sta­to emo­ti­vo che la sto­ria ri­chie­de­va, non era una que­stio­ne di te­sta. Co­sì, quan­do in un film sei an­che il re­gi­sta, de­vi oc­cu­par­ti di tal­men­te tan­te co­se che ti di­men­ti­chi di do­ver re­ci­ta­re, non ci ba­di. Par­ti­vo e ba­sta, riu­sci­vo a sor­pren­de­re con­ti­nua­men­te me stes­so. La co­sa più im­por­tan­te che ha im­pa­ra­to co­me at­to­re? La de­vo so­prat­tut­to a Ro­bert De Niro: «Non for­za­re trop­po, non cer­ca­re di stra­fa­re». Qual­sia­si co­sa ti suc­ce­da in una sce­na. Poi quan­do sei in sa­la mon­tag­gio rea­liz­zi quan­to pa­ghi la na­tu­ra­lez­za: «Wow, non mi ero ac­cor­to di que­sta par­ti­co­la­re sfu­ma­tu­ra quan­do gi­ra­va­mo quel­la sce­na». È ve­nu­to fuo­ri per la pri­ma vol­ta in Ame­ri­can Sni­per. Ci so­no sce­ne in cui il pro­ta­go­ni­sta si com­muo­ve e sa­pe­vo che nel film sa­reb­be ar­ri­va­to il mo­men­to in cui crol­la e va in pez­zi, ma non sa­pe­vo esat­ta­men­te che co­sa sa­reb­be suc­ces­so quan­do lui chia­ma lei da un bar. Mi ri­cor­do mol­to be­ne quel mo­men­to, ero ter­ro­riz­za­to e mi so­no co­per­to la fac­cia con una ma­no, per im­pe­di­re al­la mac­chi­na da pre­sa di ri­pren­der­mi men­tre pian­ge­vo, ho pen­sa­to che a Ch­ris non sa­reb­be pia­ciu­to che lo aves­se­ro vi­sto in la­cri­me. Ho po­tu­to far­lo per­ché so che se sul set sen­to di do­ver fa­re qual­co­sa, è okay. L’ho im­pa­ra­to da Bob. Com’è sta­ta la pri­ma vol­ta in cui lo ha in­con­tra­to? De Niro mi ha cam­bia­to la vi­ta. Lo ha fat­to due vol­te, sen­za nep­pu­re sa­per­lo. Do­po es­ser­mi lau­rea­to fre­quen­ta­vo l’Ac­tors Stu­dio a New York. Un gior­no, in tea­tro, io ero tra il pub­bli­co e gli ho fat­to una do­man­da. Ero ter­ro­riz­za­to, per­ché era una do­man­da un po’ stra­na su Ri­sve­gli, su quan­do un cer­to far­ma­co co­min­cia a non ave­re più ef­fet­to e nel film lui ri­co­min­cia ad ave­re dei tic. Gli ho chie­sto: «Quei tic era­no nel co­pio­ne o no?». E lui: «È una bel­la do­man­da». È co­me se un ful­mi­ne mi aves­se at­tra­ver­sa­to lo sto­ma­co, per­ché a nes­sun al­tro ave­va det­to una co­sa co­sì. «È una bel­la do­man­da». Ho fat­to ve­de­re a tut­ti il vi­deo di quell’in­con­tro. «Guar­da, Ro­bert De Niro mi ha det­to: “È una bel­la do­man­da”», e quel­la sua ri­spo­sta per tre an­ni mi ha da­to la for­za per an­da­re avan­ti. E non sto scher­zan­do. Glie­lo ha mai det­to? Sì. Un gior­no so­no a New York, lui sta fa­cen­do

Stan­no tut­ti be­ne, do­ve nel­la par­te di suo fi­glio ci sa­rà poi Sam Roc­k­well. Gi­ro un vi­deo con il pro­vi­no per quel­la par­te, lo man­do e lui, mi­ra­co­lo, lo guar­da, e il mio agen­te mi chia­ma: «Ro­bert De Niro vuo­le ve­der­ti». Ho pen­sa­to: «Oh my God». E pen­sa­re che quel vi­deo l’ave­vo fat­to in ca­sa, con mia ma­dre che fa­ce­va De Niro, no­no­stan­te io le di­ces­si: «No, mam­ma, par­la in mo­do nor­ma­le, non cer­ca­re di es­se­re Ro­bert De Niro». Era una co­sa as­sur­da, esi­la­ran­te, ma lui l’ha guar­da­to, e co­sì io so­no an­da­to in ca­me­ra sua all’ho­tel Bel Air di Los An­ge­les. Era il 2008, me lo ri­cor­do per­ché sul­la Cnn c’era Hil­la­ry Clin­ton, c’era­no le pri­ma­rie del Par­ti­to De­mo­cra­ti­co. Non riu­sci­vo a cre­de­re che avrei in­con­tra­to De Niro in per­so­na, l’ave­vo vi­sto so­lo quel­la vol­ta in tea­tro. Lui mi ha det­to: «Quel­la par­te non l’avrai, ma vo­le­vo in­con­trar­ti per­ché nel tuo vi­deo ho vi­sto qual­co­sa di spe­cia­le e lo ve­do an­che ades­so, tut­to qui. Ab­brac­cia­mi». Ci sia­mo ab­brac­cia­ti e me ne so­no an­da­to. ( Ri­sa­ta) Do­po un po’ di tem­po ero nel­la giu­ria del Tri­be­ca Film Fe­sti­val e ci sia­mo ri­vi­sti: si era com­ple­ta­men­te di­men­ti­ca­to di quell’in­con­tro, co­sa fan­ta­sti­ca per­ché non ha nem­me­no rea­liz­za­to che co­sa aves­se fat­to per me: mi ave­va cam­bia­to la vi­ta. E poi ave­te fat­to quat­tro lm in­sie­me. Sì, ab­bia­mo fi­ni­to per la­vo­ra­re in­sie­me quat­tro vol­te. Si ri­cor­da Li­mi­tless? Io so­gna­vo di la­vo­ra­re con De Niro, e lui ave­va ac­cet­ta­to. Quan­do l’ho in­con­tra­to mio pa­dre si era am­ma­la­to, han­no la stes­sa età e quan­do gi­ra­va­mo pa­pà sta­va ma­le. È mor­to tra le ri­pre­se di Li­mi­tless e quel­le de Il la­to po­si­ti­vo e pen­so che Il la­to po­si­ti­vo sia pro­ba­bil­men­te il mo­ti­vo per cui io e Bob sia­mo di­ven­ta­ti ami­ci e gli vo­glio co­sì be­ne. Per­ché, do­po che mio pa­dre se ne è an­da­to, ho po­tu­to con­ti­nua­re a pro­nun­cia­re spes­so la pa­ro­la “pa­pà”, ed era Bob che chia­ma­vo co­sì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.