L’im­por­tan­te è ri­de­re al mo­men­to giu­sto: Jen­ni­fer La­w­ren­ce e il suo pro­fu­mo

Marie Claire (Italy) - - SOMMARIO - di Antonella Bussi

A 28 AN­NI, DO­PO AVER LA­VO­RA­TO PER ME­TÀ DEL­LA SUA VI­TA, SE LA PREN­DE CO­MO­DA. E, MEN­TRE PRO­MUO­VE IL “SUO” PRO­FU­MO, JEN­NI­FER LA­W­REN­CE PAR­LA DELL’IM­PE­GNO PER UN’AME­RI­CA PIÙ DE­MO­CRA­TI­CA E UNA HOL­LY­WOOD PIÙ EQUA. MA AN­CHE DEL­LA GIO­IA DI STA­RE CON LE AMI­CHE. IN­CLU­SA UNA MOL­TO SPE­CIA­LE. VE­RO PIP­PI?

QUAL­CU­NO RICORDERÀ LA RA­GAZ­ZI­NA BION­DA

e dan­neg­gia­ta che ave­va con­qui­sta­to la cri­ti­ca del­la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia die­ci an­ni fa. Era nel film di esor­dio di Guil­ler­mo Ar­ria­ga, The Bur­ning Plain - Il confine del­la so­li­tu­di

ne, una dram­ma­ti­ca in­ter­pre­ta­zio­ne che ri­ve­lò Jen­ni­fer La­w­ren­ce fa­cen­do­le vin­ce­re il Pre­mio Mar­cel­lo Ma­stro­ian­ni. Nel film la pro­ta­go­ni­sta era Char­li­ze The­ron e, a par­te il ta­len­to, le due at­tri­ci han­no in co­mu­ne an­che una liai­son spe­cia­le con Dior. La mai­son fran­ce­se non fal­li­sce mai nel­la scel­ta del­le sue te­sti­mo­nial. Per fiu­to o per for­tu­na le at­tri­ci fi­ni­sco­no per vin­ce­re un Oscar o pre­mi im­por­tan­ti (ol­tre a lo­ro: Na­ta­lie Port­man e Ma­rion Co­til­lard). Con Dior, Jen­ni­fer ha un le­ga­me da an­ni: era lo­ro il ve­sti­to che in­dos­sa­va quan­do è in­ciam­pa­ta sul­le scale men­tre an­da­va a pren­de­re la sta­tuet­ta per

Il la­to po­si­ti­vo - Sil­ver Li­nings Play­book, nel 2013. E ora ar­ri­va Joy by Dior, il nuovo pro­fu­mo, un in­no al­la po­si­ti­vi­tà e al­la gio­ia di vi­ve­re, di cui lei sa­rà il vol­to. Pro­get­to che le è sta­to cu­ci­to ad­dos­so: Joy è un suo film del 2015, la bio­gra­fia del­la donna che ha fon­da­to un im­pe­ro mi­lio­na­rio crean­do il “Mi­ra­cle Mop”, un mo­cio per i pa­vi­men­ti. Jen­ni­fer è sta­ta can­di­da­ta all’Oscar. Que­sto è un pe­rio­do cal­mo per l’at­tri­ce che ha ini­zia­to a 14 an­ni e a 28 ha già avu­to quat­tro no­mi­na­tion agli Oscar, vin­cen­do­ne uno, e tre Gol­den Glo­be. La sa­ga di Hun­ger Ga­mes, in cui è l’eroina Kat­niss Ever­deen, l’ha in­co­ro­na­ta star in­ter­na­zio­na­le dei film di azio­ne, con il mag­gior in­cas­so di tut­ti i tem­pi. È una del­le at­tri­ci più re­tri­bui­te di Hol­ly­wood, la più pa­ga­ta nel 2015 e 2016, ed è con­si­de­ra­ta la mi­glio­re del­la sua ge­ne­ra­zio­ne. Ha la­vo­ra­to per me­tà del­la sua vi­ta, in teo­ria può ri­las­sar­si e pre­pa­rar­si al­la fa­se ma­tu­ra del­la car­rie­ra. Già ini­zia­ta con le sce­ne di nu­do di Red Spar­row, do­ve in­ter­pre­ta­va una spia rus­sa. Re­gi­sta, an­che di Hun­ger Ga­mes, era Fran­cis La­w­ren­ce, che l’ha di­ret­ta nel­lo spot di Dior.

“IN TEO­RIA” È UNA DEL­LE ESPRES­SIO­NI

che la La­w­ren­ce ri­pe­te spes­so du­ran­te il no­stro in­con­tro a Los An­ge­les. Non sta pro­muo­ven­do un film, ma ha a cuo­re il pro­get­to Dior per­ché lo sen­te «per­so­na­le». An­che se que­ste in­ter­vi­ste ten­do­no a es­se­re mi­su­ra­te, sem­bra dif­fi­ci­le con­trol­la­re la spon­ta­nei­tà di que­sta ra­gaz­za del Kentucky. Ha hu­mour, è la ti­pi­ca ame­ri­ca­na del Sud che sor­ri­de e ti guar­da ne­gli oc­chi men­tre par­la. Ri­spon­de al­le do­man­de men­tre ha con­ver­sa­zio­ni se­pa­ra­te con Pip­pi (da Pip­pi Cal­ze­lun­ghe), una dol­cis­si­ma ba­star­di­na che l’ac­com­pa­gna ovun­que e la fis­sa ado­ran­te tut­to il tem­po. Che co­sa le dà gio­ia? «Ado­ro an­da­re al par­co con Pip­pi. Ti piac­cio­no gli scoiattoli, ve

ro Pip­pi? Ri­de­re con gli ami­ci… Que­sto è un pe­rio­do in cui mi dà gio­ia la cal­ma men­tre pri­ma la cer­ca­vo nel caos, nel la­vo­ra­re tan­to. Ap­prez­zo il far nien­te, sta­re tran­quil­la e sen­tir­mi se­re­na. Ho la­vo­ra­to per ot­to an­ni sen­za so­ste e que­sta è la pri­ma vol­ta che mi di­co: “Ehi, è ok an­che se non leg­gi tut­te le trame di film che ar­ri­va­no sul­la tua scri­va­nia”. Pos­so go­de­re

i frut­ti del mio la­vo­ro, in teo­ria. Sì, un po’ di an­sia ri­ma­ne sem­pre, ma pos­so far­lo. In teo­ria». Suo­na un te­le­fo­no: «È il mio? Non pos­so cre­der­ci, non mi chia­ma mai nes­su­no…». Ri­tor­nia­mo al pen­sie­ro po­si­ti­vo: è rea­le o è un pla­ce­bo per sta­re me­glio? «Non so. Ma è im­por­tan­te dar­si de­gli obiet­ti­vi. Quan­do ero più gio­va­ne mi di­ce­vo: de­vi fa­re que­sto en­tro un an­no. Co­sì hai più pos­si­bi­li­tà di riu­sci­re a far­lo in­ve­ce di sta­re se­du­ta ad aspet­ta­re che le co­se suc­ce­da­no».

LA DIF­FE­REN­ZA TRA UN FILM E UNO SPOT

è che nel se­con­do Jen­ni­fer si met­te in gio­co in pri­ma per­so­na, non co­me per­so­nag­gio. «La co­sa più pe­ri­co­lo­sa che un at­to­re pos­sa fa­re men­tre la­vo­ra è pen­sa­re al­la fac­cia, ma se sto gi­ran­do una cam­pa­gna pub­bli­ci­ta­ria al­lo­ra sì che ci pen­so». An­che per un’at­tri­ce de­ve es­se­re stra­no fi­ni­re sul­le ri­vi­ste e i car­tel­lo­ni di tut­to il mon­do. «Mi abi­tue­rò, cre­do. Lo so che è una paz­zia, ma ce la si fa, e ri­ce­ve­rò un ca­si­no di mes­sag­gi vo­ca­li e fo­to dai miei ami­ci che mi fa­ran­no il di­to me­dio…. Pip­pi ti ho ac­ca­rez­za­ta trop­po for­te? Ti do un po’ del

pol­lo avan­za­to? Dov’è l’in­sa­la­ta con il pol­lo? L’ho or­di­na­ta per­ché, in teo­ria, fa be­ne. E poi ho ag­giun­to de­gli spa­ghet­ti per­ché mi piac­cio­no… Ora de­vo da­re qual­co­sa a Pip­pi, gliel’ho pro­mes­so!». La im­boc­ca, si lec­ca le di­ta e cer­ca un to­va­glio­lo. Che di­sa­stro sa­reb­be sta­to se le aves­se pu­li­te sul­la bel­lis­si­ma gon­na che in­dos­sa og­gi, di­se­gna­ta da Ma­ria Gra­zia Chiu­ri, il di­ret­to­re crea­ti­vo di Dior. «Amo mol­to il suo la­vo­ro e pen­so sia una donna fan­ta­sti­ca, so­no d’ac­cor­do con il mes­sag­gio po­li­ti­co che sta man­dan­do. Quan­do, ap­pe­na ar­ri­va­ta, ha fat­to la t-shirt con la scrit­ta We should all be fe­mi­nists, mi è sta­ta su­bi­to fa­mi­lia­re». Chiu­ri par­la del po­te­re ma­gi­co del­le don­ne, ma ce l’ab­bia­mo? «Il no­stro ve­ro po­te­re è la ca­pa­ci­tà di nu­tri­re le re­la­zio­ni e la cu­ra che met­tia­mo. Ma per­ché far­lo in un le­ga­me se dall’al­tra par­te c’è qual­cu­no che non vuo­le ri­ce­ve­re? È in­cre­di­bi­le quan­to sia ar­ric­chen­te lo scam­bio tra noi don­ne, ab­bia­mo la ca­pa­ci­tà di por­ta­re le amicizie a un li­vel­lo dav­ve­ro pro­fon­do. Gli uo­mi­ni ten­do­no a “fa­re qual­co­sa” per in­trat­te­ner­si. In­ve­ce quan­do va­do dalle mie ami­che pos­so sta­re ore sol­tan­to a chiac­chie­ra­re, ad apri­re il cuo­re. Riu­scia­mo ad ave­re le­ga­mi stret­ti per­ché li nu­tria­mo». E chi so­no le don­ne che la ispi­ra­no? «Tan­te. Jo­die Fo­ster è sta­ta mia men­to­re da quan­do ave­vo 19 an­ni (l’ha scel­ta per il film Mr.

Bea­ver, ndr). Ca­me­ron Diaz mi è mol­to vi­ci­na. Mi in­se­gna a cu­ci­na­re e mi dà con­si­gli di vi­ta im­pre­scin­di­bi­li. Mia ma­dre è im­por­tan­te per me. E le mie ami­che, tra cui Em­ma Sto­ne, so­no il mio Swat Team (le uni­tà spe­cia­li di po­li­zia ne­gli Sta­ti Uni­ti, ndr). Il po­te­re fem­mi­ni­le è una con­sa­pe­vo­lez­za che ognu­no di noi do­vreb­be ave­re. Per me il femminismo è mol­to chia­ro, si­gni­fi­ca ugua­glian­za. Ma in­ten­dia­mo­ci: ci so­no tan­te co­se su cui si può an­che ri­de­re, scherzare, sen­za met­ter­la giù du­ra. Femminismo non si­gni­fi­ca es­se­re iper­sen­si­bi­li. Io vo­glio sol­tan­to es­se­re trat­ta­ta in mo­do equo, vo­glio es­se­re pa­ga­ta in mo­do equo, vo­glio pa­ri op­por­tu­ni­tà. E lo vo­glio per tut­te».

È UN RI­SVE­GLIO PO­LI­TI­CO

che ha por­ta­to l’im­pe­gno. Ol­tre al­le at­ti­vi­tà di be­ne­fi­cen­za, ora Jen­ni­fer La­w­ren­ce fa par­te di Re­pre­sen­tUs, un’as­so­cia­zio­ne no pro­fit e no par­ti­san. «Ci bat­tia­mo per un vo­to re­go­la­re in un am­bien­te re­go­la­re. Per me non è una que­stio­ne di par­te, la mia at­ten­zio­ne è sul­la cor­ru­zio­ne po­li­ti­ca nel­la no­stra Am­mi­ni­stra­zio­ne e nel Con­gres­so. Vor­rei del­le leg­gi che pre­ven­ga­no la cor­ru­zio­ne le­ga­le, fat­ta at­tra­ver­so do­na­zio­ni e lob­by, e non mi in­te­res­sa chi sia il pre­si­den­te in quel

«PER ME FEMMINISMO SI­GNI­FI­CA UGUA­GLIAN­ZA E LA VO­GLIO PER TUT­TE. MA CI SO­NO CO­SE SU CUI SI PUÒ SCHERZARE, SEN­ZA MET­TER­LA GIÙ DU­RA»

«GLI UO­MI­NI TEN­DO­NO A “FA­RE QUAL­CO­SA” PER IN­TRAT­TE­NER­SI. QUAN­DO VA­DO A CA­SA DEL­LE MIE AMI­CHE, IN­VE­CE, POS­SIA­MO STA­RE ORE A CHIAC­CHIE­RA­RE, AD APRI­RE IL CUO­RE»

mo­men­to. Gli Sta­ti Uni­ti non so­no una ve­ra de­mo­cra­zia, ci so­no del­le fal­le. L’idea è di so­ste­ne­re leg­gi che dia­no vo­ce agli elet­to­ri e non ai do­na­to­ri». Jen­ni­fer La­w­ren­ce ha un’opi­nio­ne for­te an­che sul mo­vi­men­to #MeToo. A un an­no di di­stan­za mol­ti si do­man­da­no se a Hol­ly­wood sia­no sta­te ve­ra­men­te ri­scrit­te le re­go­le. «Cre­do di sì. Pen­so sia suc­ces­so qual­co­sa di im­por­tan­te. Gli uo­mi­ni de­vo­no ca­pi­re che cer­ti com­por­ta­men­ti de­vo­no cam­bia­re. Al­cu­ne nor­me non so­no più nor­ma­li. E pen­so si deb­ba par­la­re quan­do non ci sen­tia­mo a no­stro agio. A vol­te mi so­no tro­va­ta a ri­de­re per to­glier­mi da si­tua­zio­ni sco­mo­de, in­ve­ce bi­so­gna dir­lo che non ci va. Ma è un pro­ces­so lun­go, que­sti cam­bia­men­ti non suc­ce­do­no nel gi­ro di una not­te. Rin­gra­zia­mo le don­ne co­rag­gio­se che si so­no fat­te avan­ti. Ne ave­va­mo tut­ti bi­so­gno». Lei è pro­tet­ta da una ras­si­cu­ran­te gang di ami­ci con cui ten­de a la­vo­ra­re. È una scel­ta? «Oh, cer­to. Ho un le­ga­me spe­cia­le con il re­gi­sta Da­vid O. Rus­sell ( Il la­to po­si­ti­vo, Ame­ri­can Hu­stle e Joy: un Oscar e due no­mi­na­tion per lei). Quan­do ave­vo 21 an­ni mi ha fat­to sco­pri­re qual­co­sa che ave­vo e che non sa­pe­vo esi­stes­se. Le mie per­for­man­ce mi­glio­ri le ha ti­ra­te fuo­ri lui. Lo stes­so con Fran­cis La­w­ren­ce, con cui ho un grande rap­por­to. Per lui fa­re que­sto spot è sta­to im­por­tan­te per­ché co­no­sce le sfac­cet­ta­tu­re del­la mia per­so­na­li­tà, sa co­me ren­der­mi fe­li­ce». Quin­di le ha pro­cu­ra­to lei que­sto la­vo­ro? «No, ma l’ho rac­co­man­da­to!».

È MOL­TO BEL­LA, PER­CHÉ È NA­TU­RA­LE.

È no­ta la sua re­si­sten­za al­le die­te (ca­so uni­co a Hol­ly­wood) e di­ce di non cu­rar­si trop­po a me­no che non deb­ba en­tra­re in una par­te. «La per­so­na più bel­la al mon­do può es­se­re mol­to in­si­cu­ra. De­vi tro­va­re quel­lo che ti fa sta­re be­ne. Per me è riu­sci­re a non can­cel­la­re la pa­le­stra, a es­se­re di­sci­pli­na­ta. Ma per il re­sto, com­pro un’enor­me quan­ti­tà di co­sme­ti­ci che non use­rò mai. Uso solo la pro­te­zio­ne so­la­re tut­ti i gior­ni e l’esfo­lian­te ogni se­ra. In teo­ria. Ah, ec­co, tra le co­se com­pra­te e fi­ni­te nell’ar­ma­diet­to del ba­gno c’è per­si­no una ro­ba per pu­li­re le den­tie­re. Ma non ho una den­tie­ra. Ho do­vu­to spie­gar­lo a un pa­io di boy­friend…». In una vec­chia in­ter­vi­sta ha an­che det­to che il suo pro­fu­mo pre­fe­ri­to era l’odo­re del vi­no ros­so, per­ché le usci­va il ca­ber­net sau­vi­gnon dai po­ri. Scop­pia a ri­de­re: « Cool! Ora pe­rò è Joy che sa di fio­ri, san­dal­wood, mu­schio e agru­mi, nes­su­na trac­cia di vi­no ros­so», ma fa l’oc­chio­li­no men­tre ri­spon­de. «Bat­tu­te a par­te, in real­tà il mio pri­mo pro­fu­mo è sta­to Miss Dior, che mia ma­dre por­ta­va. Quin­di mi è sem­bra­to per­fet­to po­ter ave­re un pro­fu­mo “mio”. Ho in­vi­ta­to mia mam­ma a Pa­ri­gi, per 24 ore, sia­mo sta­te nei la­bo­ra­to­ri e ab­bia­mo sco­per­to co­me si fa una fra­gran­za. Ne par­lia­mo an­co­ra». A Pa­ri­gi è tor­na­ta an­che que­st’esta­te, con il nuovo fi­dan­za­to, Coo­ke Ma­ro­ney, un gal­le­ri­sta di New York con il qua­le sem­bra es­se­re fe­li­ce do­po la rot­tu­ra con il re­gi­sta Dar­ren Aro­nof­sky.

CO­ME SI PRO­TEG­GE DAL­LA CE­LE­BRI­TÀ?

«Que­sto per me è solo la­vo­ro. Non so co­sa po­trei fa­re sen­za la re­ci­ta­zio­ne, ne sen­to il bi­so­gno. So che de­vo pro­muo­ve­re i miei film e ge­sti­re mol­te co­se. È una sfi­da man­te­ne­re il mas­si­mo del­la pri­va­cy pos­si­bi­le e a vol­te de­vi la­scia­re an­da­re. Ho pas­sa­to an­ni ar­rab­bia­ta e pie­na di ri­sen­ti­men­to, non usci­vo nean­che di ca­sa (per via di al­cu­ne fo­to nu­de in­di­riz­za­te al suo ra­gaz­zo di al­lo­ra, Ni­cho­las Hoult, hac­ke­ra­te dal suo te­le­fo­no nel 2014, ndr). Bi­so­gna tro­va­re l’equi­li­brio tra il vo­ler con­ti­nua­re a fa­re la pro­pria vi­ta e mol­la­re il con­trol­lo. Ma non è una buo­na ra­gio­ne per com­por­tar­mi da stron­za, e per cam­bia­re. Lo so, è un la­vo­ro stra­no».

SCUO­LA DI VI­TA JEN­NI­FER LA­W­REN­CE HA INI­ZIA­TO A LA­VO­RA­RE A 14 AN­NI E A 20 AN­NI HA RI­CE­VU­TO LA PRI­MA NO­MI­NA­TION AGLI OSCAR PER UN GELIDO IN­VER­NO. HA LA­SCIA­TO LA SCUO­LA PRE­STO E SEN­ZA RIMPIANTI, MA HA CON­TI­NUA­TO A STU­DIA­RE DA SO­LA PUN­TAN­DO SUL­LA CAR­RIE­RA.

DA LOS AN­GE­LES A PA­RI­GI LA CAM­PA­GNA DEL­LA NUO­VA FRA­GRAN­ZA JOY BY DIOR (IN VEN­DI­TA DA SET­TEM­BRE), È AM­BIEN­TA­TA IN UNA VIL­LA DI HOL­LY­WOOD. REA­LIZ­ZA­TA DAL RE­GI­STA FRAN­CIS LA­W­REN­CE (OMO­NI­MO, MA NON PARENTE). DO­PO CHAR­LI­ZE THE­RON PER J’ADO­RE E NA­TA­LIE PORT­MAN PER MISS DIOR, JEN­NI­FER LA­W­REN­CE È L’EN­NE­SI­MO PRE­MIO OSCAR A DA­RE IL VOL­TO A UN PRO­FU­MO DIOR. JOY BY DIOR È UNA CREA­ZIO­NE DI FRA­NÇOIS DE­MA­CHY.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.