Una cit­tà tra pas­sa­to e pre­sen­te

Mi­ra­bi­li uni­ci­tà, dal­le vil­le pal­la­dia­ne al­la produzione di al­to ar­ti­gia­na­to fi­no al­la Fie­ra di Vicenza, fanno di Vicenza una de­sti­na­zio­ne clas­si­ca e al con­tem­po mo­der­na. Idea­le per even­ti Mi­ce

Master Meeting - - FOCUS VICENZA - di Lu­cia­na Si­da­ri

Do­ve ini­zia e in quan mo­di si pre­sen­ta e si de­fi­ni­sce il ca­ra ere di Vicenza? Il viag­gia­to­re che in A4 per­cor­re l’au­to­stra­da da Pa­do­va ver­so Mi­la­no, tra i due ca­sel­li Vicenza est e Vicenza ove­st, può sco­pri­re un mon­do di con­tras : il pas­sa­to rap­pre­sen­ta­to dal­le Vil­le Ve­ne­te, tra le qua­li la fa­mo­sa Vil­la

Al­me­ri­co Ca­pra de a La Ro­ton­da, e il pre­sen­te, rap­pre­sen­ta­to dal­le mol­te in­du­strie e dal­la Fie­ra di Vicenza, em­ble­ma dell’ope­ro­si­tà del­la ci à.

Vicenza, il cuo­re del Ve­ne­to

Co­sì re­ci­ta il lo­go del Con­sor­zio di pro­mo­zio­ne tu­ris ca, sia per­ché la ci à è in po­si­zio­ne ba­ri­cen­tri­ca sia per­ché, nel XVI se­co­lo, ac­co­glien­do An­drea Pal­la­dio, fi­glio di Pie­tro del­la Gon­do­la ci adi­no del­la Re­pub­bli­ca di Venezia, nato a Pa­do­va nel 1508 e mor­to a Ma­ser, nel tre­vi­gia­no, Vicenza ha tro­va­to, nel­le re­go­le di que­sto gran­de ar sta, una ci­fra, un lin­guag­gio co­mu­ne, quel­lo dell’ele­gan­za clas­si­ca, im­pe­ri­tu­ra. Mor­to nel 1580, quin­di una vi­ta lun­ghis­si­ma, An­drea Pal­la­dio fu il più gran­de ar­chi­te o, sce­no­ gra­fo e teo­ri­co dell’ar­chi­te ura del Ri­na­sci­men­to. Di lui Goe­the, due se­co­li più tar­di, du­ran­te un sog­gior­no a Vicenza

scris­se: “V’è dav­ve­ro al­cun­ché di divi­no nei suoi pro­ge , né meno del­la for­za del gran­de poe­ta, che dal­la ve­ri­tà e dal­la fin­zio­ne trae una ter­za real­tà, af­fa­sci­nan­te nel­la sua fi zia esi­sten­za”. Com­pli­ca­to ma ve­ro.

Il Pal­la­dia­ne­si­mo

An­drea Pal­la­dio è sta­to il più im­por­tan­te ar­chi­te o del­la Re­pub­bli­ca Ve­ne­ta. Pro­ge ò, per il ter­ri­to­rio, nu­me­ro­se Vil­le che lo re­se­ro fa­mo­so, ol­tre a chie­se e pa­laz­zi, ques ul mi pre­va­len­te­men­te a Vicenza do­ve si for­mò e vis­se. Pub­bli­cò il tra ato “I qua ro li­bri dell’ar­chi­te ura” nel 1570 a ra­ver­so il qua­le i suoi mo­del­li han­no avu­to una pro­fon­da in­fluen­za sull’ar­chi­te ura oc­ci­den­ta­le ma an­che nel nuo­vo mon­do, in America, in Rus­sia, in Ger­ma­nia già nel 700. L’imi­ta­zio­ne del suo s le, per­pe­tua­to da­gli al­lie­vi co­me Vin­cen­zo Sca­moz­zi, diede ori­gi­ne ad un mo­vi­men­to des nato a du­ra­re per tre se­co­li, il Pal­la­dia­ne­si­mo che si ri­chia­ma ai prin­ci­pi clas­si­co­ro­ma­ni. Pal­la­dio ha la­scia­to l’im­

pron­ta del suo ge­nio sia nel cen­tro del­la ci à che nel­la pro­vin­cia, da Venezia al­la Ri­vie­ra del Bren­ta, da Venezia a Tre­vi­so e Belluno e ver­so il Friu­li, da Vicenza a Ve­ro­na, ad­di­ri ura fi­no a Ber­ga­mo. Non ci fu famiglia no­ta­bi­le del­la Se­re­nis­si­ma che non de­si­de­ras­se mo­stra­re il suo sta­tus a ra­ver­so la pro­pria do­mus, Vil­la o Pa­laz­zo di ci à. Og­gi il cen­tro sto­ri­co di Vicenza e le Vil­le pal­la­dia­ne so­no uno dei pa­tri­mo­ni dell’uma­ni­tà Une­sco, so­no tu­te­la da di­ver­si or­ga­ni­smi, or­go­glio in par co­la­re dei Vi­cen ni e vi­si­ta ogni an­no da mi­glia­ia di vi­si­ta­to­ri. Il cuo­re del­le ope­re di Pal­la­dio è rap­pre­sen­ta­to si­cu­ra­men­te dal­la Ba­si­li­ca pal­la­dia­na e dal Tea­tro Olim­pi­co, ope­re straor­di­na­rie, re­stau­ra­te eu­lizz ate per mo­stre d’ ar­te, spe aco­li, even Mi­ce.

Ter­ra di no­ti brand ma­de in Ita­ly

Vicenza, co­me mol­te al­tre pro­vin­ce italiane, ol­tre al cen­tro sto­ri­co of­fre mol­te al­tre mi­ra­bi­li uni­ci­tà, in cam­po sto­ri­coar s co, eno­ga­stro­no­mi­co, pae­sag­gis ­ co, ma si dis ngue an­che per la sua produzione in­du­stria­le e ar gia­na­le. Al­cu­ne ma­ni­fe­sta­zio­ni co­me Vi­cen­zaO­ro so­no co­no­sciu­te in tu o il mon­do, van­to del Ma­de in Ita­ly e pun­to di ri­fe­ri­men­to ine­gua­glia­to per gli ope­ra­to­ri di se ore. An­che real­tà co­me la produzione del­la Grap­pa han­no fa o di Bas­sa­no, con il fa­mo­so pon­te di le­gno di­se­gna­to da Pal­la­dio, un’ele­gan­te ci adi­na del­la pe­de­mon­ta­na, una des na­zio­ne tu­ris ca do­ve ar­te­sto­ria­gu­sto­tra­di­zio­ne re­ga­la­no pia­ce­vo­li espe­rien­ze per ar­ric­chi­re di con­te­nu i mo­men po­st con­gres­sua­li. Bas­sa­no ha un’al­tra ec­cel­len­za che me­ri­ta di

es­se­re no­mi­na­ta, la produzione del­la ce

ra­mi­ca, in par co­la­re quel­la di No­ve, un tem­po so­la­men­te di po tra­di­zio­na­le, og­gi a ua­liz­za­ta nel­lo s le e nel­la de­co­ra­zio­ne. Ma­ros ca, do­ve si svol­ge ogni due an­ni la fa­mo­sa “Par ta a scac­chi” con le pe­di­ne vi­ven , è no­ta an­che per­le “ma­ros ca­ne”: la Ci­lie­gia di Ma­ros ca è sta­ta la pri­ma in Ita­lia ad aver o enu­to il mar­chio IGP di ri­co­no­sci­men­to eu­ro­peo che iden fi­ca le ca­ra eris che pe­cu­lia­ri di un pro­do o la cui produzione av­vie­ne esclu­si­va­men­te in una de­ter­mi­na­ta area geo­gra­fi­ca. Un tem­po Vicenza era la ca­pi­ta­le dei fi­la di la­na – chi non co­no­sce i mar­chi La­ne­ros­si, Mar­zo o, Die­sel, Pe­se­ ri­co, Ma­lo, Bo ega Ve­ne­ta, Bel­ve­st? – ma ec­cel­le­va an­che in al­tri se ori, si pen­si per esem­pio al brand Li­ma, quel­lo dei tre­ni­ni ele ri­ci? Og­gi mol­te azien­de vi­cen ne sof­fro­no del­la cri­si in­do a dal­la glo­ba­liz­za­zio­ne e dal­la con­cor­ren­za asia ca. Ed è un pec­ca­to. For­se po­chi san­no che la con­ce­ria vi­cen na è tra le mi­glio­ri e più raf­fi­na­te del mon­do e che mol­te azien­de apro­no i lo­ro spac­ci, ou­tlet, per shop­ping gui­da .

I din­tor­ni da sco­pri­re

Vicenza è dif­fi­ci­le da “ca­ta­lo­ga­re” e que­sta sua di­ver­si­tà è an­che la sua ricchezza: tra le me­te che val­go­no una va­can­za o un’espe­rien­za ci so­no Asia­go, uno dei set­te co­mu­ni dell’Al pia­no, fa­mo­so per il for

mag­gio Asia­go, e per il Vez­ze­na, per la Tor­ta Car­li, ini­mi­ta­bi­le, e, in tem­pi più re­cen , per le marmellate e mie­li Ri­go­ni. Vie­ne qua­si da sor­ri­de­re per­ché ques co­gno­mi so­no gli stes­si di al­cu­ni sto­ri­ci mae­stri di sci che han­no in­se­gna­to que­sto

sport a ge­ne­ra­zio­ni di bam­bi­ni. Asia­go è sta­to im­mor­ta­la­to da Ma­rio Ri­go­ni Stern e da Er­man­no Ol­mi, e d’esta­te, è una ter­ra ri­den­te, do­ve il ver­de dei pra en­tra nel­le ve­ne e nel cuo­re, li­be­ran­do me­te e cor­po da stress e tos­si­ne. È una ter­ra an­ che ca­ra al­la Pa­tria, vi si tro­va un fa­mo­so Sa­cra­rio in ri­cor­do dei ca­du del­le due Guer­re Mon­dia­li (da leg­ge­re “Un an­no sull’Al pia­no di Lus­su”); qui non c’è la sma­nia del­le pi­ste ne­re, ma ci so­no la quie­te, il si­len­zio e i bei ri­fu­gi, co­me quel­lo di Val For­mi­ca, e al­cu­ne del­le pi­ste di fon­do più lun­ghe d’Ita­lia. Al­lo sta­dio, di po­me­rig­gio, si pa na sul ghiac­cio, e di se­ra, le squa­dre di hoc­key se le dan­no di san­ta ra­gio­ne, men­tre gli spe ato­ri si ri­scal­da­no con il vin bru­lé. Qui un tem­po nes­su­no chiu­de­va la por­ta di ca­sa né tan­to­me­no to­glie­va le chia­vi dall’au­to. An­che

Re­coa­ro, con le sue fa­mo­se Ter­me si­tua­te all’in­ter­no di un par­co ter­ma­le di 22.000 mq, cos tui­to da edi­fi­ci di ri­le­van­za sto­ri­co­ar s ca e la fa­mo­sa Ac­qua Lo­ra me­ri­ta­no una ci­ta­zio­ne. A ra­ver­so di­ver­si pi di per­cor­si cu­ra vi è pos­si­bi­le ri­tro­va­re il be­nes­se­re per­du­to, con pro­po­ste che si so­no a ua­liz­za­te al­le esi­gen­ze di un pub­bli­co sem­pre più “vi­zia­to” ed esi­gen­te.

Po­li Mu­seo del­la Grap­pa con le due se­di di Bas­sa­no del Grap­pa e Schiavon. So o, Bas­sa­no del Grap­pa, Il pon­te vec­chio co­strui­to in le­gno sul pro­ge o del 1569 di An­drea Pal­la­dio

Cen­tro sto­ri­co di Ma­ros ca. La piaz­za de­gli scac­chi do­ve ogni due an­ni si di­spu­ta la par ta a scac­chi a per­so­nag­gi vi­ven in co­stu­me. So o, Mon­tec­chio Mag­gio­re, il ca­stel­lo di Ro­meo e Giu­lie a

Vicenza, Piaz­za dei Si­gno­ri. Il log­gia­to del­la Ba­si­li­ca Pal­la­dia­na. A si­ni­stra, for­me di Asia­go in sta­gio­na­tu­ra. In basso, la Vil­la pal­la­dia­na Go­di Ma­lin­ver­ni: a Lu­go di Vicenza

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.