- Real­tà ibri­da

La spe­ri­men­ta­zio­ne di nuo­ve pro­pul­sio­ni co­min­cia a far­si stra­da an­che su im­bar­ca­zio­ni di me­die e pic­co­le di­men­sio­ni, co­me di­mo­stra l’ul­ti­mo pro­get­to fir­ma­to dal de­si­gner ro­ma­no Mas­si­mo Pa­pe­ri­ni, il cui pri­mo esemplare è già sta­to ven­du­to ne­gli USA. Ma anc

Nautica - - In Que­sto Nu­me­ro - di Ro­ber­to Ne­glia

La spe­ri­men­ta­zio­ne di nuo­ve pro­pul­sio­ni co­min­cia a far­si stra­da an­che su im­bar­ca­zio­ni di me­die e pic­co­le di­men­sio­ni, come di­mo­stra l’ul­ti­mo pro­get­to fir­ma­to dal de­si­gner ro­ma­no Mas­si­mo Pa­pe­ri­ni, il cui primo esemplare è già sta­to ven­du­to ne­gli USA. Ma an­che il no­stro mer­ca­to è pron­to per que­sta ti­po­lo­gia di pro­dot­to?

Elet­tri­ca, ma non trop­po. La so­lu­zio­ne della mo­to­riz­za­zio­ne ibri­da è una via pos­si­bi­le ver­so una (fu­tu­ra) pro­pul­sio­ne 100% green - che nel­la nau­ti­ca da di­por­to og­gi tro­va an­co­ra più dif­fi­col­tà ap­pli­ca­ti­ve che nell’au­to­mo­ti­ve - e rap­pre­sen­ta un buon com­pro­mes­so per il clien­te al­la ri­cer­ca del­le mas­si­me no­vi­tà tec­no­lo­gi­che. Più che della per­for­man­ce, in­fat­ti, in que­sta fa­se di svi­lup­po, que­sto ti­po di of­fer­ta si at­te­sta sul pia­no dell’esclu­si­vi­tà, di un pro­dot­to spes­so an­co­ra ab­ba­stan­za co­sto­so, ma cer­ta­men­te fuo­ri dal co­ro. Non man­ca­no esem­pi ec­cel­len­ti, come il San­lo­ren­zo 106 Hy­brid o le nuo­ve tra­smis­sio­ni IPS ibri­de di Vol­vo Pen­ta, at­tual­men­te in fa­se di svi­lup­po, che do­vreb­be­ro fa­re il lo­ro in­gres­so sul mer­ca­to fra due an­ni. Tut­ta­via si trat­ta di un’of­fer­ta ge­ne­ral­men­te con­fi­na­ta nell’alto di gam­ma con for­se la so­la ec­ce­zio­ne del Ba­va­ria E40, il 12 me­tri e mez­zo se­mi­di­slo­can­te del po­po­la­re co­strut­to­re te­de­sco. Per que­sto ci ha col­pi­to il co­rag­gio­so pro­get­to di Ca­nard Ya­ch­ts “emo­tion 36”. Un ve­ro apri­pi­sta, che por­ta il te­ma della mo­to­riz­za­zio­ne ibri­da, e non so­lo, nel seg­men­to dei na­tan­ti. Il pro­get­to si de­ve all’ar­chi­tet­to Mas­si­mo Pa­pe­ri­ni (de­si­gn Mi­che­le Bac­cet­ti) e la co­stru­zio­ne a Ric­car­do Ca­po­ciu­chi, en­tram­bi ro­ma­ni, due vol­ti mol­to noti non so­lo a li­vel­lo na­zio­na­le del mon­do della ve­la. E que­sto già in­cu­rio­si­sce. La bar­ca è sta­ta rea­liz­za­ta a Fiu­mi­ci­no, do­ve il Te­ve­re sfo­cia nel mar Tir­re­no. Si trat­ta del pro­to­ti­po di una se­rie che sot­to il mar­chio Ca­nard Ya­ch­ts pren­de­rà il via a par­ti­re dal 2019. Il primo esemplare è già sta­to ven­du­to ne­gli USA - fa­rà bel­la mo­stra di sé al pros­si­mo boa­tshow di Fort Lau­der­da­le - e por­ta il no­me del mo­del­lo “emo­tion” del qua­le è già in fa­se di

avan­za­ta pro­get­ta­zio­ne un mo­del­lo mag­gio­re di 45 pie­di. L’emo­tion 36 of­fre mol­ti spun­ti di ri­fles­sio­ne, non so­lo cir­ca la pro­pul­sio­ne, ma re­la­ti­va­men­te al­la pro­get­ta­zio­ne e al­la rea­liz­za­zio­ne del­lo sca­fo. La bar­ca è il primo 36 pie­di in Eu­ro­pa ad ave­re ot­te­nu­to la Pla­ti­num Green Plus del Ri­na, la mas­si­ma cer­ti­fi­ca­zio­ne am­bien­ta­le pos­si­bi­le.

Scel­ta ibri­da

Par­tia­mo dal­la scel­ta della mo­to­riz­za­zio­ne ibri­da. Ve­de un’al­tra ac­cop­pia­ta tutta ita­lia­na fra il pro­pul­so­re en­do­ter­mi­co FPT - il brand di CNH In­du­strial de­di­ca­to al­lo svi­lup­po, pro­du­zio­ne, ven­di­ta e as­si­sten­za di mo­to­ri, an­che ma­ri­ni, e per la ge­ne­ra­zio­ne di ener­gia – e la pro­pul­sio­ne elet­tri­ca di Tran­sfluid S.P.A. - azien­da di Gal­la­ra­te (VA) che da 60 an­ni pro­du­ce ap­pa­rec­chia­tu­re di tra­smis­sio­ne di po­ten­za e più re­cen­te­men­te ha svi­lup­pa­to una gam­ma com­ple­ta di si­ste­mi ibri­di ed elet­tri­ci e ha ini­zia­to la pro­get­ta­zio­ne e pro­du­zio­ne di mac­chi­ne elet­tri­che a ma­gne­ti per­ma­nen­ti.

Que­st’ul­ti­ma ha re­cen­te­men­te ac­qui­si­to il 100% del­le quo­te di Id­tech­no­lo­gy B.V. - pro­prie­ta­ria del no­to mar­chio olan­de­se “Bell­ma­ri­ne”, che da di­ver­si an­ni è lea­der nel­la pro­pul­sio­ne elet­tri­ca nei Pae­si Bas­si - pro­prio per espan­de­re e svi­lup­pa­re la gam­ma di pro­dot­ti green. L’ope­ra­zio­ne con­sen­te og­gi a Tran­sfluid di pre­sen­ta­re al mer­ca­to una se­rie com­ple­ta di so­lu­zio­ni, che co­pro­no tut­te le esi­gen­ze dei pro­pul­so­ri elet­tri­ci e ibri­di per le ap­pli­ca-

zio­ni na­va­li e da di­por­to. L’emo­tion 36 mon­ta una so­la li­nea d’as­se, “che pe­rò” - pre­ci­sa su­bi­to il pro­get­ti­sta – “non va con­fu­sa con il tra­di­zio­na­le con­cet­to di mo­no mo­to­re”. In real­tà i mo­to­ri so­no ben tre: il primo è quel­lo die­sel, il se­con­do è elet­tri­co, il ter­zo è un ge­ne­ra­to­re asin­cro­no raf­fred­da­to ad ac­qua Fi­scher Pan­da, con il qua­le è sem­pre pos­si­bi­le ali­men­ta­re le bat­te­rie. La bar­ca può na­vi­ga­re so­lo con il primo, con la pro­pul­sio­ne elet­tri­ca, pro­ce­den­do a 7,5 no­di, con i due si­ste­mi com­bi­na­ti (mo­da­li­tà boo­ster), riu­scen­do co­sì a sfio­ra­re i 40 no­di di ve­lo­ci­tà. Qua­lo­ra si ri­man­ga in pan­ne con il die­sel e an­che sen­za suf­fi­cien­te ener­gia nel­le bat­te­rie, è co­mun­que pos­si­bi­le at­ti­va­re il ge­ne­ra­to­re con il qua­le sfrut­ta­re il mo­to­re elet­tri­co. “Que­sta con­fi­gu­ra­zio­ne of­fre il mas­si­mo dell’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca, il mag­gior con­te­ni­men­to dei pe­si, il me­glio della tec­no­lo­gia per il ri­spet­to dell’am­bien­te e la qua­li­tà della vi­ta a bor­do e la mas­si­ma ef­fi­cien­za in na­vi­ga­zio­ne” - com­men­ta Pa­pe­ri­ni – “non è un ca­so che il primo esemplare sia sta­to ven­du­to ne­gli Sta­ti Uni­ti, do­ve la sen­si­bi­li­tà a que­sti aspet­ti è for­se mag­gio­re. Inol­tre, han­no mol­ti ca­na­li e la pro­pul­sio­ne si­len­zio­sa è per­fet­ta per na­vi­gar­vi all’in­ter­no, sal­vo poi ave­re un ca­val­lo di razza quan­do ci si tro­va in ma­re aper­to”.

La na­vi­ga­zio­ne in mo­da­li­tà 100%

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.