- La­vez­zi, star del­le Boc­che

Nautica - - In Que­sto Nu­me­ro - di Ste­fa­no Na­var­ri­ni

Le roc­ce di La­vez­zi, un pic­co­lo sco­glio per­so nel­le Boc­che di Bo­ni­fa­cio, por­ta­no l’an­ti­co ri­cor­do di una del­le più gran­di tra­ge­die del no­stro ma­re, ma og­gi si pre­sen­ta­no co­me una me­ta di pri­mo li­vel­lo per il di­por­ti­sta e co­me un’in­cre­di­bi­le me­ra­vi­glia per il su­bac­queo.

Le roc­ce di La­vez­zi, un pic­co­lo sco­glio per­so nel­le Boc­che di Bo­ni­fa­cio, por­ta­no l’an­ti­co ri­cor­do di una del­le più gran­di tra­ge­die del no­stro ma­re, ma og­gi si pre­sen­ta­no co­me una me­ta di pri­mo li­vel­lo per il di­por­ti­sta e co­me un’in­cre­di­bi­le me­ra­vi­glia per il su­bac­queo.

Una mac­chia di gra­ni­to, mor­bi­do e le­vi­ga­to, re­si­duo di quel­le roc­ce che una de­ci­na di mi­lio­ni di an­ni fa (an­no più, an­no me­no) uni­va­no Cor­si­ca e Sar­de­gna. La­vez­zi ha og­gi un po­sto d’ono­re nei way­point di di­por­ti­sti e su­bac­quei: ai pri­mi of­fre la bel­lez­za del suo ma­re, che si in­si­nua fra i gra­ni­ti in un de­da­lo di pic­co­le vie d’ac­qua, ai se­con­di la spet­ta­co­la­ri­tà di fon­da­li che, stret­ta­men­te pro­tet­ti, of­fro­no un’idea di co­me do­ve­va es­se­re il Me­di­ter­ra­neo cin­quan­ta e pas­sa an­ni fa. C’è pe­rò qual­cos’al­tro che al­cu­ni an­co­ra non san­no, e an­che quei po­chi che san­no ne co­no­sco­no so­la­men­te la par­te più su­per­fi­cia­le di quel­la che an­cor og­gi vie­ne con­si­de­ra­ta la più gran­de tra­ge­dia del­la ma­ri­ne­ria ve­li­ca nel Me­di­ter­ra­neo. Chiun­que si sia fer­ma­to a La­vez­zi avrà si­cu­ra­men­te no­ta­to i due piccoli ci­mi­te­ri po­sti all’in­ter­no dell’iso­la, an­che se ben po­che per­so­ne sem­bra­no ren­der­si con­to del lo­ro si­gni­fi­ca­to por­tan­do il do­vu­to ri­spet­to a un luo­go che è co­mun­que un sa­cra­rio. Un mu­ret­to ab­brac­cia po­che povere tom­be, ul­ti­ma tra­gi­ca te­sti­mo­nian­za di una sto­ria che ri­sa­le a due se­co­li fa, e ini­zia l’11 di­cem­bre del 1826, quan­do il go­ver­no fran­ce­se or­di­na la co­stru­zio­ne di una fre­ga­ta di pri­ma clas­se, e la bat­tez­za con il no­me di un’al­tra na­ve da guer­ra che si di­stin­se nel­la pre­ce­den­te cam­pa­gna d’india del pri­mo im­pe­ro: la Sé­mil­lan­te. Lun­ga 54 me­tri per 14 di lar­ghez­za, que­sto splen­di­do va­scel­lo da guer­ra pre­se il ma­re il 6 feb­bra­io 1841, ar­ma­to di 56 can­no­ni, ma pri­ma di es­se­re uti­liz­za­to son­nec­chiò - chis­sà per­ché - per 13 an­ni nel por­to di Lo­rient. Poi, quasi d’im­prov­vi­so, ne fu com­ple­ta­to l’ar­ma­men­to e nel 1854 la na­ve fu de­sti­na­ta a tra­spor­ta­re un im­por­tan­te con­tin­gen­te di sol­da­ti in Cri­mea (375 fan­ti e 18 ar­ti­glie­ri), do­ve la Fran­cia con i suoi al­lea­ti era im­pe­gna­ta in un con­flit­to bel­li­co con­tro l’im­pe­ro rus­so. Più che il suo pri­mo viaggio, ci in­te­res­sa pe­rò il se­con­do, per­ché pur­trop­po fu an­che l’ul­ti­mo.

Dal­la brez­za al­la tem­pe­sta

Il 20 gen­na­io 1855 la Sé­mil­lan­te la­scia il por­to di To­lo­ne sot­to una leg­ge­ra brez­za di mae­stra­le al co­man­do del Ca­pi­ta­no di Fre­ga­ta Ga­briel Au­gu­ste Ju­gan, non cer­to un pi­vel­li­no aven­do sul­le spal­le, no­no­stan­te la sua gio­va­ne età (48 an­ni), ol­tre trent’an­ni di na­vi­ga­zio­ne in Me­di­ter­ra­neo, di cui die­ci pro­prio al co­man­do di gran­di

fre­ga­te. E la Sé­mil­lan­te era una gran­de fre­ga­ta, pre­vi­sta per un equi­pag­gio di 515 uni­tà, una po­ten­za di fuo­co por­ta­ta a 60 can­no­ni e una po­ten­zia­le ca­pa­ci­tà di ca­ri­co di 1250 ton­nel­la­te. Al­la par­ten­za da To­lo­ne con me­ta Co­stan­ti­no­po­li, la na­ve era in per­fet­te con­di­zio­ni, il suo ca­ri­co reale di 400 ton­nel­la­te era no­te­vol­men­te in­fe­rio­re al­lo stan­dard pre­vi­sto (per gli aman­ti del det­ta­glio era­no sta­ti ca­ri­ca­ti a bor­do: quat­tro can­no­ni da cam­pa­gna da 24, sei mor­tai da 32, die­ci mor­tai da 27, ven­ti af­fu­sti da mor­ta­io, cen­to­ven­ti ba­ri­li di pol­ve­re da 50 chi­li cia­scu­no, mil­le­cin­que­cen­to bom­be da 27, più ac­qua e vi­ve­ri). I ma­te­ria­li più pe­san­ti, in­clu­si mol­ti can­no­ni, era­no sta­ti sti­va­ti nel­la par­te più bas­sa del­la na­ve per as­si­cu­ra­re la mas­si­ma sta­bi­li­tà. Tut­ti det­ta­gli da con­si­de­ra­re nel­lo svol­ger­si dei fat­ti che av­ven­ne­ro do­po, da­to che tut­to fa­ce­va pre­sa­gi­re una tra­ver­sa­ta tran­quil­la e pri­va di pro­ble­mi. La mi­glio­re rot­ta, per una na­ve che par­ten­do da To­lo­ne do­ve­va rag­giun­ge­re l’e- era con­si­de­ra­ta quel­la che, par­ten­do dal­la Fran­cia, pas­sa­va a sud del­la Sar­de­gna per poi im­boc­ca­re il ca­na­le fra Mal­ta e Tu­ni­sia pun­tan­do su Ca­po Ma­ta­pan, estre­mo sud del Pe­lo­pon­ne­so. Ed è que­sta la rot­ta che si era pre­fis­so di se­gui­re il co­man­dan­te Ju­gan. All’al­tez­za del­le Ba­lea­ri, tut­ta­via, un cam­bia­men­to del me­teo e l’an­da­men­to dei ven­ti co­min­ciò a osta­co­la­re la rot­ta, fa­cen­do inol­tre pre­sa­gi­re pos­si­bi­li tem­pe­ste da ove­st. Por­ta­to dai ven­ti stes­si ver­so la Sar­de­gna, Ju­gan, a cui co­me ab­bia­mo vi­sto non man­ca­va cer­to l’espe­rien­za, de­ci­se di ac­co­sta­re an­cor di più per poi pas­sa­re le Boc­che di Bo­ni­fa­cio e tro­va­re una si­tua­zio­ne più tran­quil­la nel Tir­re­no. Un er­ro­re che fu pur­trop­po fa­ta­le. All’al­ba del 15 feb­bra­io il ra­pi­do rin­for­za­re del ven­to si tra­sfor­mò ra­pi­da­men­te in una bur­ra­sca di estre­ma vio­len­za, qual­co­sa di mai vi­sto pri­ma, e tale da la­scia­re dram­ma­ti­ca­men­te af­fa­sci­na­to chi la os­ser­va­va da ter­ra, con la schiu­ma del ma­re che spaz­za­ta dal ven­to co­pri­va le Boc­che im­pe­den­do la vi­sta da una co­sta all’al­tra.

La for­za de­va­stan­te del ven­to ave­va già sco­per­chia­to di­ver­se case a Bo­ni­fa­cio, un’al­tra ca­sa crol­lò la­scian­do un mor­to e due fe­ri­ti, un do­ga­nie­re che si tro­va­va sul mo­lo fu let­te­ral­men­te spaz­za­to via e but­ta­to a ma­re da una raf­fi­ca di ven­to, e poi ri­pe­sca­to for­tu­no­sa­men­te da un ma­ri­na­io che per al­lun­gar­gli una ma­no dal­la ban­chi­na si do­vet­te sdra­ia­re ven­tre a ter­ra. Nes­su­no, né all’epo­ca né suc­ces­si­va­men­te, ri­cor­de­rà una tem­pe­sta di quel­la de­va­stan­te vio­len­za.

Un de­sti­no im­pre­ve­di­bi­le

È in que­ste con­di­zio­ni che, in­tor­no al­le 11.00, il fa­ri­sta di Ca­po Te­sta, men­tre cer­ca­va fa­ti­co­sa­men­te di man­te­ne­re pu­li­ti i ve­tri del­la lan­ter­na dai cri­stal­li di sa­le che vi si am­muc­chia­va­no, vi­de ap­pa­ri­re da nord-ove­st, in quell’in­fer­no di ma­re e ven­to, la sa­go­ma di una na­ve che a sec­co di ve­le pun­ta­va drit­ta ver­so il fa­ro. Quan­do già la di­stan­za fa­ce­va pre­sa­gi­geo,

un di­sa­stro­so nau­fra­gio, la Sé­mil­lan­te al­zò una ve­la di trin­chet­ta nel ten­ta­ti­vo di­spe­ra­to di pog­gia­re, ri­gua­da­gna­re ac­qua e pas­sa­re in­den­ne le Boc­che. La fu­ria del­la tem­pe­sta spin­ge­va da ove­st sud-ove­st e, sem­pre stan­do al­le pa­ro­le dei te­sti­mo­ni (i cui rap­por­ti so­no con­ser­va­ti nel Mu­seo di To­lo­ne), la Sé­mil­lan­te sem­bra­va co­mun­que non es­se­re in gra­do di go­ver­na­re, ine­so­ra­bil­men­te spin­ta at­tra­ver­so le Boc­che ver­so il suo de­sti­no: quel­lo di sfra­cel­lar­si sul­le roc­ce di La­vez­zi. Co­sa ac­cad­de nel­le ul­ti­me ore re­ste­rà per sem­pre nel­la me­mo­ria del ma­re, per­ché, in­go­ia­ta dal­la tem­pe­sta, la Sé­mil­lan­te spa­rì al­la vi­sta di chiun­que.

An­toi­ne Li­mie­ri, un pa­sto­re che vi­ve­va a La­vez­zi in una ca­pan­na con la fi­glia e la com­pa­gnia di po­che ca­pre, te­sti­mo­niò in se­gui­to di aver sen­ti­to ver­so mez­zo­gior­no un ter­ri­fi­can­te boa­to che su­pe­ra­va il fra­stuo­no del­la tem­pe­sta fa­cen­do quasi tre­ma­re la ter­ra. Quan­do pro­vò a usci­re dall’ovi­le si re­se con­to che il ven­to non con­sen­ti­va di fare che po­chi me­tri a ri­dos­so del­le roc­ce, e fu so­lo ver­so se­ra, quan­do la tem­pe­sta ca­lò leg­ger­men­te d’in­ten­si­tà, che riu­scì a gua­da­gna­re la ri­va op­po­sta dell’iso­la, an­che per ve­ri­fi­ca­re il pur pro­tet­to ri­fu­gio del­la sua bar- chet­ta. La sce­na che si tro­vò da­van­ti, nel­la sua stes­sa te­sti­mo­nian­za, fu ter­ri­fi­can­te: le on­da­te an­co­ra pos­sen­ti del ma­re con­ti­nua­va­no a get­ta­re e ad am­mon­tic­chia­re sul­le roc­ce scon­quas­sa­ti re­lit­ti di una gran­de na­ve e, in­sie­me ai re­lit­ti, de­ci­ne e de­ci­ne di ca­da­ve­ri ma­ciul­la­ti da­gli sco­gli. Scioc­ca­to da quel­la si­tua­zio­ne di cui non po­te­va es­se­re che pas­si­vo spet­ta­to­re, Li­mie­ri tor­nò al­la sua ca­pan­na, e so­lo il gior­no do­po, con il ma­re in sca­du­ta, riu­scì, ac­cen­den­do dei fuo­chi, a far ac­co­sta­re dal la­to ri­dos­sa­to dell’iso­la una bar­ca di pe­sca­to­ri a cui spet­tò il com­pi­to di av­ver­ti­re le au­to­ri­tà di Bo­ni­fa­cio. La sto­ria del­la Sé­mil­lan­te ter­mi­nò quin­di sul­le roc­ce di Pun­ta dell’ac­cia­ri­no, estre­mi­tà sud-ove­st di La­vez­zi, do­ve per gior­ni e gior­ni sol­da­ti e vo­lon­ta­ri, e l’equi­pag­gio dell’“aver­ne”, una na­ve fran­ce­se che da Li­vor­no ac­cor­se ra­pi­da­men­te, fu­ro­no chia­ma­ti al tri­ste com­pi­to di re­cu­pe­ra­re le vit­ti­me del nau­fra­gio, ca­da­ve­ri spes­so ir­ri­co­no­sci­bi­li e quasi tut­ti to­tal­men­te nu­di. L’uni­ca cer­tez­za fu il ri­co­no­sci­men­to del co­man­dan­te Ju­gan, do­vu­ta a una no­ta dif­for­mi­tà del suo pie­de de­stro, ma an­che al fat­to di aver an­co­ra in­dos­so la sua uni­for­me, se­gno for­se del fat­to di es­se­re ri­ma­sto al po­sto di co­man­do del­la sua na­ve fino all’ul­ti­mo mi­nu­to. Ad Au­gu­ste Ga­briel Ju­gan e a una ses­san­ti­na di cor­pi re­cu­pe­ra­ti fu da­ta ra­pi­da se­pol­tu­re ra co­struen­do ra­pi­da­men­te due ci­mi­te­ri a bre­ve di­stan­za l’uno dall’al­tro, ma su un to­ta­le di 695 uo­mi­ni a bor­do del­la Sé­mil­lan­te i ca­da­ve­ri re­cu­pe­ra­ti fu­ro­no so­lo 592, men­tre il ma­re si pre­se gli al­tri 103. Per sem­pre.

Dal­la tra­ge­dia al­la vi­ta

Og­gi La­vez­zi è un’ir­ri­nun­cia­bi­le me­ta per un in­ten­so traf­fi­co di­por­ti­sti­co, a cui si af­fian­ca­no l’an­di­ri­vie­ni del­le na­vet­te pro­ve­nien­ti da Bo­ni­fa­cio e i nu­me­ro­si di­ving che por­ta­no cen­ti­na­ia di su­bac­quei a sco­pri­re le me­ra­vi­glie dei suoi fon­da­li. È un traf­fi­co sin­ce­ra­men­te fa­sti­dio­so, che can­cel­la la gran­de sug­ge­stio­ne che può da­re una vi­si­ta dell’iso­la. Evi­ta­te quin­di, se pos­si­bi­le, di vi­si­tar­la nei pe­rio­di di pun­ta esti­vi… In­de­le­bi­le il ri­cor­do di una for­te mae­stra­la­ta ben an­nun­cia­ta dal me­teo, che ave­va fat­to scap­pa­re dal ri­dos­so di Ca­la Gre­cu tut­te le bar­che pre­sen­ti. Con gran­de fi­du­cia nel mio or­meg­gio, con l’an­co­ra pra­ti­ca­men­te quasi in co­sta, pen­sai di re­sta­re: una straor­di­na­ria espe­rien­za. Con il ven­to che fa­ce­va vi­bra­re l’al­be­ro del­la bar­ca co­me in pre­da a in­con­trol­la­bi­li bri­vi­di, l’iso­la re­stò a mia to­ta­le di­spo­si­zio­ne per tre gior­ni e, gi­ro­va­gan­do per i suoi sen­tie­ri o af­fac­cian­do­mi sul­le roc­ce di Pun­ta dell’ac­cia­ri­no, se da un la­to era fa­ci­le evo­ca­re il ri­cor­do del­la tra­ge­dia, dall’al­tro era pos­si­bi­le vi­ve­re un senso di

a di­ret­to con­tat­to con la natura. Un’espe­rien­za me­mo­ra­bi­le.

Ca­la Gre­cu è il ri­dos­so più af­fi­da­bi­le dell’iso­la ma, al di là del­la quan­ti­tà di bar­che che vi si or­meg­gia­no in al­ta sta­gio­ne, è sot­to­po­sta al pas­sag­gio in­ces­san­te e tutt’al­tro che di­scre­to del­le na­vet­te tu­ri­sti­che pro­ve­nien­ti da Bo­ni­fa­cio, che al­za­no on­de in gra­do di far vo­la­re il vo­stro piat­to di spa­ghet­ti, se­gui­to da tut­te le ma­le­di­zio­ni del ca­so. Ca­la dell’ac­cia­ri­no è in­dub­bia­men­te più tran­quil­la, ma an­che mol­to più fre­quen­ta­ta, ol­tre che dai di­por­ti­sti an­che da un tu­ri­smo ter­re­stre (por­ta­to dal­le na­vet­te) che ap­prez­za mol­to la sua spiag­gia. Per in­ci­so, uno dei due ci­mi­te­ri di­sta me­no di cen­to me­tri dal­la spiag­gia, su cui si af­fac­cia an­che la pi­ra­mi­de eret­ta in me­mo­ria del­le vit­ti­me del­la Sé­mil­lan­te. Con tem­po sta­bi­le ci so­no ov­via­men­te al­tre pos­si­bi­li­tà d’or­meg­gio, e gi­ra­re con il ten­der fra le ca­let­te è de­ci­sa­men­te pia­ce­vo­le e di­ver­ten­te.

L’in­cre­di­bi­le “Mé­rou­vil­le”

La­vez­zi è una ri­ser­va in­te­gra­le con un re­go­la­men­to se­ve­ro e pre­ci­so sia a ter­ra sia in ma­re, e già nuo­tan­do fra le bar­che all’or­meg­gio con maschera e boc­ca­glio è fa­ci­le ren­der­si con­to che quel­lo stes­so ma­re che vi­de la tra­ge­dia del­la Sé­mil­lan­te ospi­ta og­gi un ri­fio­ri­re di vi­ta dif­fi­cil­men­te ri­scon­tra­bi­le su al­tri fon­da­li. Più che la co­sta, tut­ta­via, ciò che ha re­so fa­mo­sa que­st’iso­la nel mondo del­la su­bac­quea è quel­la che non a ca­so i fran­ce­si han­no bat­tez­za­to “Mé­rou­vil­le”, la cit­tà del­le cer­nie, ov­ve­ro una sec­ca che sor­ge a me­no di un mi­glio da Ca­la Gre­cu e che rac­con­ta una sto­ria di vi­ta, vis­su­ta e pre­ser­va­ta an­cor og­gi con no­te­vo­le se­ve­ri­tà. È la vi­ta del Me­di­ter­ra­neo di una vol­ta, una sec­ca sco­per­ta agli ini­zi de­gli an­ni ’80 da un su­bac­queo di Bo­ni­fa­cio, il mi­ti­co “Gé­rard”, che fino a po­chi an­ni fa era an­che ti­to­la­re di un di­ving, il “Bar­ra­cu­da”, ora tut­ta­via chiu­so. Ma co­sa ren­de co­sì par­ti­co­la­re que­sta sec­ca?

Par­lia­mo di un’as­som­ma­ta roc­cio­sa che da un fon­da­le di 30-40 me­tri ri­sa­le fino a un pic­co di 16, con una mor­fo­lo­gia mol­to mo­vi­men­ta­ta e un’esten­sio­ne con­te­nu­ta, so­prat­tut­to con­si­de­ran­do che i pun­ti d’im­pri­mor­dia­li­tà mer­sio­ne pre­fe­ren­zia­li e scel­ti dai di­ving so­no con­cen­tra­ti in una pic­co­la area. La sec­ca è ov­via­men­te fre­quen­ta­bi­le an­che dai pri­va­ti, e tro­var­la non è dif­fi­ci­le an­che sen­za l’aiu­to del­la stru­men­ta­zio­ne elet­tro­ni­ca, se non al­tro per­ché fa­cil­men­te in­di­vi­dua­bi­le gra­zie al­le bar­che che vi so­sta­no in con­ti­nua­zio­ne. L’an­co­rag­gio non è fa­ci­lis­si­mo, in quan­to il cap­pel­lo dei 16 me­tri è pra­ti­ca­men­te un mo­no­li­te di gra­ni­to li­scio, quin­di oc­cor­re ca­la­re in­tor­no ai 20-25 me­tri con con­se­guen­te cal­co­lo del ca­lu­mo e la do­vu­ta at­ten­zio­ne al­lo sban­die­ra­men­to che po­treb­be in­te­res­sa­re le bar­che pre­sen­ti e so­prat­tut­to quel­le che vi ar­ri­va­no in con­ti­nua­zio­ne. Esi­sto­no an­che tre boe d’or­meg­gio, per lo più oc­cu­pa­te dai di­ving, se non al­tro per­ché so­no som­mer­se a cin­que me­tri di pro­fon­di­tà. Il fa­sci­no di que­sta sec­ca è lo spet­ta­co­lo che ci si pre­sen­ta sott’ac­qua. In­nan­zi tut­to una mor­fo­lo­gia del fon­da­le mol­to mo­vi­men­ta­ta e per giun­ta ar­ric­chi­ta da­gli straor­di­na­ri colori di gor­go­nie e or­ga­ni­smi ben­to­ni­ci va­ri, poi na­tu­ral­men­te la gran­de pre­sen­za

di pe­sci, gi­gan­te­sche cer­nie in pri­mis; e po­co to­glie che lo spet­ta­co­lo sia un po’ vi­zia­to, per­ché è co­mun­que un mu­seo a ma­re aper­to che ci da un’idea di co­me po­treb­be es­se­re il no­stro ma­re, e di co­me pro­ba­bil­men­te era. Sul fat­to che lo spet­ta­co­lo sia co­me det­to un po’ vi­zia­to van­no spe­se due pa­ro­le.

Co­me in al­tre ce­le­bri ri­ser­ve ma­ri­ne, an­che a La­vez­zi i pe­sci all’ini­zio so­no sta­ti pre­si per la go­la, nel senso che po­co a po­co si so­no abi­tua­ti a ve­de­re il su­bac­queo non co­me un pe­ri­co­lo ma piut­to­sto co­me un di­spen­sa­to­re di ci­bo, se­con­do quel­la re­go­la del fi­sh-fee­ding che da qual­che an­no è sta­ta pe­rò vie­ta­ta: non so­lo per­ché que­sta dipendenza fi­ni­va per ave­re va­ria­zio­ni com­por­ta­men­ta­li sul­le va­rie spe­cie, ma an­che per­ché pur di fare una ca­rez­za a un cer­nio­ne di 20 chi­lo­gram­mi i sub si por­ta­va­no die­tro di tut­to: dai wur­stel al­le uova so­de, ci­bi che cer­to non rien­tra­no nel­la die­ta abi­tua­le dei pe­sci. Cu­rio­so pe­rò, nell’ana­li­si di quel­lo che era il fi­sh-fee­ding, os­ser­va­re il di­ver­so com­por­ta­men­to del­le va­rie spe- cie di fron­te a que­sta pra­ti­ca. Le cer­nie, pez­zi da 20 chi­lo­gram­mi in­clu­si, era­no di cer­to le più sen­si­bi­li, ca­pa­ci di met­ter­si da­van­ti al­la vo­stra maschera in at­te­sa che una ma­no si por­tas­se al­la ta­sca del jac­ket per ti­rar fuo­ri un suc­co­so pezzo di ca­la­ma­ro: a quel pun­to le si ve­de­va agi­ta­re le pin­ne e al­za­re la dor­sa­le in un chia­ro sta­to di ec­ci­ta­zio­ne pri­ma di get­tar­si sul­la pre­da… e occhio al­le ma­ni per­ché c’è chi con­ser­va un brut­to ri­cor­do del­la “ra­spa­ta” di un cer­nio­ne. Nel lo­ro pic­co­lo an­co­ra più fa­me­li­che le oc­chia­te, co­sì co­me i sa­ra­ghi, men­tre del tut­to in­dif­fe­ren­ti e inav­vi­ci­na­bi­li i ban­chi di sal­pe e so­prat­tut­to le splen­di­de cor­vi­ne mol­to pre­sen­ti sul­la sec­ca. Que­stio­ne di gu­sti, que­stio­ne di pe­sci. Il che nul­la to­glie a que­sto splen­di­do an­go­lo di Me­di­ter­ra­neo, che per la sua sto­ria di mor­te e di vi­ta è un as­so­lu­to must nel cur­ri­cu­lum di qua­lun­que aman­te del ma­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.