MAR­CO ROSSATO, MOL­TO PIÙ CHE UN GI­RO D’ITA­LIA

Nautica - - Gi­ri Di Bussola - Mar­co Troc­co­li

l’atle­ta pa­ra­o­lim­pi­co che com­pie il Gi­ro d’ita­lia in so­li­ta­ria men­tre si prepara ad at­tra­ver­sa­re l’atlan­ti­co. Par­la­ci del tuo Gi­ro d’ita­lia e di co­sa “c’è die­tro”. Ve­ra­men­te all’ini­zio non era nean­che pre­vi­sto come “gi­ro d’ita­lia”. Par­te tut­to da un mio sogno, nel’98, quan­do mi tro­va­vo nei Ca­rai­bi al lar­go della co­sta cu­ba­na e ci fu il mio bat­te­si­mo della ve­la, da al­lo­ra ho ini­zia­to a svi­lup­pa­re il pro­get­to di tor­na­re ai Ca­rai­bi in bar­ca a ve­la, at­tra­ver­san­do l’atlan­ti­co in so­li­ta­ria per ren­de­re il tut­to più en­tu­sia­sman­te. Da al­lo­ra ve­li­sta per sem­pre, dun­que… Pra­ti­ca­men­te sì. Do­po tan­ta gavetta du­ran­te la qua­le so­no sta­to istrut­to­re per 12 an­ni, ho fat­to un mon­dia­le e di­ver­si ita­lia­ni con un’im­bar­ca­zio­ne che si chia­ma Han­sa 303, nuo­va clas­se ve­li­ca che si af­fac­cia sul mon­do pa­ra­o­lim­pi­co della qua­le so­no an­che il pre­si­den­te dal primo gen­na­io di que­st’an­no. Quan­do hai realizzato di es­se­re pron­to per il Gi­ro d’ita­lia? Rag­giun­to il mio qua­ran­te­si­mo an­no di età, ho co­min­cia­to a pen­sa­re “o ades­so o mai più” e al­la fi­ne ho ria­per­to quel cas­set­to do­ve cu­sto­di­vo que­sto mio sogno e mi so­no det­to “ok, fac­cia­mo­lo”. Ci ho pen­sa­to e ri­pen­sa­to per me­si, ho cer­ca­to di ca­pi­re se fos­si in gra­do di af­fron­ta­re un’im­pre­sa di que­sto ge­ne­re e poi, for­te dell’espe­rien­za, mi so­no det­to “pro­via­mo”. Que­sta pe­rò sa­rà so­lo la prima di una se­rie di im­pre­se? Sì, di­cia­mo che il ca­len­da­rio del­le at­ti­vi­tà è ab­ba­stan­za lun­go. Que­sta im­pre­sa, a dif­fe­ren­za della tra­ver­sa­ta atlan­ti­ca che com­por­ta del­le spe­se con­si­de­re­vo­li, era eco­no­mi­ca­men­te più ge­sti­bi­le e idea­le per ini­ziar­ne un ci­clo. È an­che un ro­dag­gio per un’im­pre­sa più gran­de e one­ro­sa come la tra­ver­sa­ta atlan­ti­ca in so­li­ta­ria, per la qua­le bi­so­gna co­strui­re ap­po­si­ta­men­te una bar­ca, vi­ver­ci per un an­no con mol­te spe­se di ogni ge­ne­re. Par­la­ci del tuo tri­ma­ra­no. Ho sco­per­to que­sto tri­ma­ra­no Dra­gon Fly di ot­to me­tri, una bar­ca nor­ma­lis­si­ma sen­za al­cun ac­cor­gi­men­to tec­ni­co se non il pa­ran­co che mi per­met­te di sa­li­re e scen­de­re e di tra­sfe­rir­mi dal poz­zet­to a prua e tor­na­re a pop­pa. L’uni­ca dif­fe­ren­za qui a bor­do so­no i tem­pi, se uno di so­li­to ci met­te 2 se­con­di per an­da­re a prua, io ce ne met­to 30, tut­to qui. Vuoi spie­ga­re in che mo­do è dav­ve­ro spe­cia­le que­sta tua na­vi­ga­zio­ne? È una na­vi­ga­zio­ne che non ri­chie­de pa­ten­te nau­ti­ca poi­ché na­vi­go all’in­ter­no del­le 6 mi­glia dal­la co­sta, con tut­te le pro­ble­ma­ti­che re­la­ti­ve al­la na­vi­ga­zio­ne co­stie­ra come, ad esem­pio, coz­za­re, al­le­va­men­ti it­ti­ci, boe, ora an­che il traf­fi­co del di­por­to esti­vo, quin­di una na­vi­ga­zio­ne con gli oc­chi co­stan­te­men­te pun­ta­ti avan­ti per an­ti­ci­pa­re e ge­sti­re qual­sia­si in­cro­cio o pro­ble­ma. Inol­tre, non uti­liz­zo pi­lo­ta automatico. È du­ra im­ma­gi­no e pie­na di im­pre­vi­sti… È un viag­gio mol­to du­ro e ho avu­to già del­le brut­te espe­rien­ze in Adria­ti­co. Già nel­la prima tap­pa mi è suc­ces­so un po’ di tut­to. Si è ad­di­rit­tu­ra strap­pa­to il sup­por­to del fuo­ri­bor­do quan­do ave­vo ap­pe­na am­mai­na­to le ve­le a 500 me­tri dal­la sco­glie­ra all’in­gres­so del por­to di Ra­ven­na, ma è an­da­to tut­to be­ne. Na­vi­gan­do da so­lo, come te la ca­vi con i pro­ble­mi or­di­na­ri e straor­di­na­ri? Ad esem­pio in quell’occasione l’ho ri­sol­ta come l’avreb­be fat­to qua­lun­que ve­li­sta e quan­do ho vi­sto il mo­to­re spe­gner­si e anè

da­re giù, sic­co­me la sco­glie­ra era vi­ci­na, ho quin­di ve­lo­ce­men­te aper­to il fiocco, pog­gia­to, gi­ra­to la bar­ca e pre­so il lar­go per poi chia­ma­re i miei per l’as­si­sten­za. Ri­guar­do al mal­tem­po in­ve­ce? Tra Va­sto e Ischi­tel­la ho fat­to 13 ore in ma­re con ven­to fi­no a 25 no­di con on­de che in­cro­cia­va­no e lì è esta­to più com­pli­ca­to, poi­ché io non uti­liz­zo pi­lo­ta automatico e an­che ti­ra­re su la ran­da non è pro­prio sem­pli­cis­si­mo, in con­di­zio­ni at­mo­sfe­ri­che av­ver­se è tut­to de­ci­sa­men­te peg­gio­re, in­fat­ti ho im­pie­ga­to quasi un’ora per da­re l’ul­ti­ma ma­no di ter­za­ro­li. Par­lia­mo di animali a bor­do. Quan­to ti ha aiu­ta­to il tuo ami­co e pas­seg­ge­ro? Il mio com­pa­gno di viag­gio, Mut­tley, mi se­gue dall’ini­zio del viag­gio e, in quell’occasione, mi guar­da­va ab­ba­stan­za spa­ven­ta­to. C’è sta­ta una so­la tap­pa, pe­ral­tro ab­ba­stan­za bre­ve, in cui non l’ho avu­to a bor­do con me. L’ho fat­to an­da­re con il cam­per di ap­pog­gio per­ché era pre­vi­sta piog­gia e lui sa­reb­be do­vu­to stare tut­to il tem­po sot­to co­per­ta, co­sa che non ama mol­to. Non aver­lo a bor­do mi ha fat­to sen­ti­re vuo­to, come se quel­la trat­ta fos­se pri­va di ogni sen­so. Lui vi­ve con me da 4 an­ni, 7 gior­ni su 7, è una mia co­sto­la. Ti pro­teg­ge e ti fa la guar­dia… È il cane più buo­no del mon­do pe­rò è mol­to ter­ri­to­ria­le, con tutti i pro e i con­tro del ca­so, so­prat­tut­to quan­do sia­mo nei por­ti. Pe­rò è come un fi­glio, c’è un le­ga­me in­cre­di­bi­le tra noi. Come si ge­sti­sco­no gli animali a bor­do? Spe­cie in tra­ver­sa­te lun­ghe e in so­li­ta­ria… Prima di par­ti­re, io e la mia com­pa­gna ci sia­mo po­sti mol­te domande, ab­bia­mo cer­ca­to quan­do lo por­ta­va­mo fuo­ri la se­ra di abi­tuar­lo a fa­re le sue cose su un te­lo per cer­ca­re di in­se­gnar­gli a far­le in con­di­zio­ni si­mi­li a quel­le della na­vi­ga­zio­ne. Una volta par­ti­ti poi, è sta­to un po’ un “vi­vi e la­scia vi­ve­re”, all’ini­zio non vo­le­va scen­de­re sot­to co­per­ta per­ché non ha mai ama­to le cuc­ce, poi si è do­vu­to adat­ta­re e ci è riu­sci­to be­ne. Sem­bre­reb­be un com­pa­gno di viag­gio per­fet­to…

Sì, in na­vi­ga­zio­ne è for­mi­da­bi­le. Con il ma­re in­cre­spa­to si met­te fer­mo in un an­go­lo nel poz­zet­to, do­ve lui ha ca­pi­to che io non va­do mai, quan­do è cal­mo in­ve­ce pas­seg­gia tran­quil­la­men­te sul­la bar­ca. Al­cu­ne vol­te non lo ve­do e ho pau­ra di aver­lo per­so in ma­re ma non è mai suc­ces­so. Quan­do le si­tua­zio­ni so­no estre­me gli met­to an­che il suo giub­bet­to, al­tri­men­ti, di so­li­to, lo ten­go so­lo con la pet­to­ri­na che in ca­so ma­lau­gu­ra­to di ca­du­ta mi per­met­te­reb­be di re­cu­pe­rar­lo. Par­la­ci dei tuoi pros­si­mi pro­get­ti. Nel 2019 per­cor­re­rò il pe­ri­plo della Sar­de­gna e della Si­ci­lia per­ché l’ita­lia non è so­la­men­te lo sti­va­le, poi l’obiet­ti­vo è quel­lo di por­ta­re in bar­ca 140 per­so­ne che ab­bia­no tut­te qual­che ti­po di di­sa­bi­li­tà mo­to­ria, crean­do equi­pag­gi 100% di­ver­sa­men­te abi­li, met­ten­do lo­ro al­le ma­no­vre sot­to il mio co­man­do e sti­mo­lar­li ad an­da­re ol­tre i pro­pri li­mi­ti, ren­den­do­li co­scien­ti di quan­to sia­no più al­ti di quan­to cia­scu­no di lo­ro cre­de. È im­por­tan­te so­prat­tut­to sco­pri­re le ener­gie sup­ple­men­ta­ri a di­spo­si­zio­ne di cia­scu­no di noi. E il viag­gio di Ulis­se? Quel­lo è il pro­get­to im­me­dia­ta­men­te suc­ces­si­vo: nel 2020 ri­per­cor­re­re­mo il viag­gio di Ulis­se. Lo fa­re­mo a bor­do della no­stra am­mi­ra­glia “Ca­da­mà”, un ket­ch di 22 me­tri equi­pag­gia­to per tra­spor­ta­re per­so­ne in car­roz­zi­na con la qua­le ini­zie­re­mo at­ti­vi­tà di char­ter e scuola ve­la d’al­tu­ra per tra­sfor­ma­re co­lo­ro che han­no ini­zia­to con le de­ri­ve in ma­ri­nai a tutti gli ef­fet­ti; per fa­re que­sto ab­bia­mo ri­te­nu­to de­ci­sa­men­te più af­fa­sci­nan­te far­lo a bor­do di una bar­ca sto­ri­ca. Poi, fi­nal­men­te, l’atlan­ti­co. Sì, al­la fi­ne del 2020 do­vrem­mo ter­mi­na­re i pre­pa­ra­ti­vi per l’al­le­sti­men­to dell’im­bar­ca­zio­ne che mi por­te­rà a rea­liz­za­re il mio sogno. Su que­sta bar­ca vi­vrò per cir­ca un an­no prima di par­ti­re e ten­te­rò la tra­ver­sa­ta in so­li­ta­ria per poi ri­ma­ne­re ne­gli USA an­co­ra un an­no cir­ca, du­ran­te il qua­le cer­che­rò di crea­re al­tri equi­pag­gi com­po­sti al 100% da di­ver­sa­men­te abi­li, dan­do la pos­si­bi­li­tà ad al­tre per­so­ne di uti­liz­za­re le nostre im­bar­ca­zio­ni. Che ti­po di im­bar­ca­zio­ne uti­liz­ze­rai per la tra­ver­sa­ta? Pro­ba­bil­men­te un mo­no­sca­fo, tra i 41 e i 45 pie­di, la stia­mo stu­dian­do an­che un po’ per­for­man­te per­ché se de­vo fa­re una fa­ti­ca vor­rei che por­tas­se a più di un ri­sul­ta­to, qual­co­sa che ri­man­ga nei li­bri di sto­ria per qual­che an­no, vor­rei che fos­se un re­cord sul re­cord, ec­co. Par­lia­mo dell’at­ti­vi­tà della tua as­so­cia­zio­ne. La mia spe­ran­za è quel­la di tro­va­re nuo­vi ve­li­sti che vo­glia­no far­si coin­vol­ge­re da que­sto me­ra­vi­glio­so sport. Nel cor­so di que­sti 12 an­ni ab­bia­mo por­ta­to a bor­do per­so­ne con le più di­spa­ra­te di­sa­bi­li­tà, ov­via­men­te io ho ini­zia­to con i pa­ra­ple­gi­ci poi­ché per me più sem­pli­ci da ge­sti­re; poi ho av­ver­ti­to la ne­ces­si­tà di am­plia­re, ho sen­ti­to sem­pre più for­te il de­si­de­rio di far provare ad al­tri la sen­sa­zio­ne di es­se­re co­man­dan­ti di un’im­bar­ca­zio­ne che tra­spor­tas­se ter­zi, spro­nan­do­li a non es­se­re più dei sem­pli­ci tra­spor­ta­ti, quin­di mi so­no de­di­ca­to poi a te­tra­ple­gi­ci e ho avu­to espe­rien­ze con pa­zien­ti di ma­lat­tie neu­ro­ve­ge­ta­ti­ve, di­stro­fia, SLA, SMA, ra­gaz­zi con sin­dro­me di Do­wn, non ve­den­ti, ognu­no di lo­ro mi ha da­to tan­tis­si­mo. Hai da­to cer­ta­men­te an­che tu mol­to a lo­ro. Og­gi la ve­la è più ac­ces­si­bi­le an­che gra­zie a te, spie­ga­ci come.

Sì, in pra­ti­ca ora con un ser­vo­mec­ca­ni­smo che io ho mol­to de­si­de­ra­to, fi­nan­zia­to da fon­da­zio­ne Vo­da­fo­ne e Hua­wei, po­tran­no na­vi­ga­re an­che per­so­ne con di­ver­se di­sa­bi­li­tà. Ne di­stri­bui­re­mo 30 ad al­tret­tan­te scuo­le ve­la sul ter­ri­to­rio na­zio­na­le, il mio sogno è quel­lo di ren­de­re ac­ces­si­bi­le ve­ra­men­te a tutti lo sport e in par­ti­co­la­re quel­lo della ve­la.

Cer­chia­mo di coin­vol­ge­re tutti ma nel­la mas­si­ma si­cu­rez­za. La pru­den­za e la si­cu­rez­za, sin da quan­do ab­bia­mo ini­zia­to a pro­get­ta­re que­sto gi­ro d’ita­lia, le ab­bia­mo mes­se al cen­tro di tut­te le nostre at­ten­zio­ni: co­sì la na­vi­ga­zio­ne not­tur­na, che non era pre­vi­sta, come nean­che la na­vi­ga­zio­ne con ol­tre 18 no­di di ven­to, so­no sta­te evi­ta­te in ogni mo­do, per quan­to in un tra­git­to co­sì lun­go poi mi è co­mun­que ca­pi­ta­to di af­fron­tar­le, ma il tut­to è sta­to ge­sti­to con la mas­si­ma pru­den­za, pro­prio come noi rac­co­man­dia­mo di fa­re sia ai no­stri as­so­cia­ti e sia a tutti co­lo­ro che, a qual­sia­si li­vel­lo, de­ci­do­no di av­vi­ci­nar­si al mon­do della ve­la. Mar­co Rossato pro­muo­ve da ol­tre un de­cen­nio il pro­get­to “Sail4all” per sen­si­bi­liz­za­re le aree por­tua­li e can­tie­ri­sti­che ma so­prat­tut­to apri­re nuo­ve op­por­tu­ni­tà a tut­te quel­le per­so­ne con dif­fi­col­tà mo­to­rie più o me­no gra­vi.

Il pro­get­to TRI di­mo­stra che, se at­trez­za­ti ed esper­ti, tutti pos­so­no vi­ve­re il ma­re al­lo stes­so mo­do. Per ul­te­rio­ri in­for­ma­zio­ni è pos­si­bi­le con­tat­ta­re l’as­so­cia­zio­ne Tri Sail 4 All all’in­di­riz­zo: http://www.sail­fo­rall.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.