UNA PRO­VA DA GUER­RIE­RI

Cam­pio­na­to Ita­lia­no off­sho­re

Nautica - - Croa­zia Ri­vie­ra Di Si­be­nik -

Il vin­ci­to­re ove­rall del Cam­pio­na­to Ita­lia­no Off­sho­re 2018 è “End­les­sga­me”, il Cook­son 50 di Pie­tro Mo­schi­ni, con Ga­brie­le Bru­ni co­me skip­per, che ha do­mi­na­to la clas­si­fi­ca fi­na­le del Cam­pio­na­to gra­zie al com­pu­to fi­na­le del­la Pa­ler­mo-montecarlo. Ir­rag­giun­gi­bi­le, an­che al net­to del pa­stic­cio per il qua­le l’ul­ti­ma pro­va di Trie­ste è sem­bra­ta pri­ma es­se­re sta­ta can­cel­la­ta e poi rein­se­ri­ta nel ca­len­da­rio (con con­se­guen­te spo­sta­men­to del­la pre­mia­zio­ne dal Sa­lo­ne Nau­ti­co di Ge­no­va al­la Bar­co­la­na). A te­ne­re de­sta l’at­ten­zio­ne è sta­ta dun­que la bat­ta­glia per la piaz­za d’ono­re, in­gag­gia­ta fra “Vai mo” giun­to se­con­do ove­rall, e “O Guer­rie­ro”, ter­zo, ma di­stan­zia­ti di so­li quat­tro de­ci­mi di pun­to. Una sto­ria bel­la, che sa di ve­la, for­se di quel­la d’al­tri tem­pi. Due equi­pag­gi che si ba­sa­no en­tram­bi su al­tret­tan­ti grup­pi piut­to­sto sta­bi­li, fon­da­ti su ami­ci­zia di pas­sio­ne. E se Vin­cen­zo De Fal­co, ar­ma­to­re del J112 “Vai mo” (e cu­gi­no del più no­to co­man­dan­te di CP che or­di­nò a Schet­ti­no di ri­sa­li­re sul­la Con­cor­dia), è in cir­co­la­zio­ne già da un po’ di tem­po, gli ar­ma­to­ri di “O Guer­rie­ro” so­no de­ci­sa­men­te ar­ri­va­ti da po­co nel mondo del­le com­pe­ti­zio­ni. Ales­san­dro Cio­fa­ni, 45 an­ni, e Vin­cen­zo Gal­lel­li 38, ge­sti­sco­no il Comet 41 del 2012, il pe­nul­ti­mo va­ra­to. Tre an­ni fa han­no ini­zia­to a re­ga­ta­re con più as­si­dui­tà e con il sup­por­to di Mau­ri­zio D’ami­co, in so­li tre sta­gio­ni so­no co­mun­que riu­sci­ti ad ar­ri­va­re sul ter­zo gra­di­no del po­dio del Cam­pio­na­to Off­sho­re. Tre de­ve es­se­re il lo­ro nu­me­ro ma­gi­co, per­ché ol­tre ai due no­mi uf­fi­cia­li, c’è an­che An­na, mo­glie di Ales­san­dro, ani­ma del­la bar­ca, ol­tre che driz­zi­sta, e al cen­tro del­le at­ti­vi­tà spor­ti­ve or­ga­niz­za­te dall’as­so­cia­zio­ne ve­li­ca Ane­mos. La splen­di­da per­for­man­ce por­ta­ta a ca­sa al­la Ro­ma per Tut­ti, con due pri­mi po­sti as­so­lu­ti, sia in clas­se ORC, sia in clas­se IRC, con il so­li­to “Vai mo” ter­zo in ORC (“End­les­sga­me”, pri­mo in reale, era sta­to poi mol­to pe­na­liz­za­to dal ra­ting), non è sta­ta suf­fi­cien­te a re­ga­lar­gli suc­ces­si­va­men­te la vit­to­ria del cir­cui­to. Ma so­lo la pre­sen­za in vet­ta al­la clas­si­fi­ca per al­cu­ne set­ti­ma­ne. Pe­rò ha da­to a tut­ti noi qual­co­sa di più. Ci ha ri­cor­da­to che l’altura è an­co­ra uno sport che si può ap­proc­cia­re da adul­ti, nel qua­le, con de­di­zio­ne, sa­cri­fi­cio e co­stan­za – an­che sen­za uno spon­sor – e con bud­get ge­sti­bi­li, si pos­so­no rag­giun­ge­re ri­sul­ta­ti mol­to sod­di­sfa­cen­ti. E’ una par­ti­co­la­ri­tà che fa­re­mo be­ne a pre­ser­va­re. Per­ché se “Guer­rie­ri” non si na­sce, a ve­la lo si può di­ven­ta­re. Ad ma­jo­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.