«IL NA­TA­LE DOL­CIS­SI­MO DEL­LA MIA IN­FAN­ZIA»

LA SHOWGIRL SALENTINA RI­COR­DA LE FE­STE PAS­SA­TE IN FA­MI­GLIA («CON I MIEI FRA­TEL­LI CI ARRAMPICAVAMO PER RU­BA­RE LEC­COR­NIE») E A CELLINO SAN MAR­CO: «IO E I MIEI FI­GLI PASSAVAMO IL PO­ME­RIG­GIO A FA­RE LE CARTELLATE, I NO­STRI DOL­CI NA­TA­LI­ZI, DA RE­GA­LA­RE A TUT­TI»,

Oggi Cucino - - SOMMARIO -

Lo­re­da­na Lec­ci­so: È ca­pa­ce di pre­pa­ra­re mon­ta­gne di cartellate, ma il suo piat­to for­te so­no le orec­chiet­te

Da quan­do le sue vi­cen­de amo­ro­se con Al Ba­no han­no mo­no­po­liz­za­to at­ten­zio­ni e gior­na­li, il Na­ta­le di Lo­re­da­na Lec­ci­so è di­ven­ta­to quel pe­rio­do dell’an­no in cui tut­ti le chie­do­no: «Ma lo pas­sa­te in­sie­me? E Ro­mi­na? E i bam­bi­ni?». Ma non è sem­pre sta­to co­sì. A ca­sa Lec­ci­so, quan­do Lo­re­da­na e i suoi fra­tel­li Aman­da, Raf­fael­la e Lu­ca era­no pic­co­li, il Na­ta­le era una fe­sta dav­ve­ro.

«Mio pa­dre, pe­dia­tra, ci vie­ta­va tut­to l’an­no di man­gia­re dol­ci e ca­ra­mel­le. Ma quan­do il Na­ta­le si av­vi­ci­na­va, la ca­sa si riem­pi­va di ce­sti­ni, lec­cor­nie di ogni ti­po, do­ni che i pa­zien­ti fa­ce­va­no a pa­pà. Sem­bra­va un su­per­mer­ca­to, ar­ri­va­va ogni ben di Dio e so­prat­tut­to una mon­ta­gna di dol­ci. Mia ma­dre li met­te­va in al­to sui mo­bi­li, ma noi fa­ce­va­mo una spe­cie di tor­re con mio fra­tel­lo per rag­giun­ger­li e “ru­bar­li”», rac­con­ta Lo­re­da­na.

Che ti­po di dol­ci?

«A Lec­ce si usa re­ga­la­re pesci di pa­sta di man­dor­le, con pal­li­ne di cioc­co­la­to al po­sto de­gli oc­chi. Ne ar­ri­va­va­no tan­tis­si­mi e gli oc­chi era­no la no­stra pri­ma pre­da: mia mam­ma si ri­tro­va­va tut­ti i pesci cie­chi. Di quel pe­rio­do, ri­cor­do an­che la cu­ra con cui mio pa­dre fa­ce­va il Pre­se­pe».

Lo aiu­ta­va­te?

«Co­min­cia­va a far­lo 20 gior­ni pri­ma e noi, che pu­re do­ve­va­mo es­se­re a let­to al­le ot­to, pri­ma di an­da­re a dor­mi­re an­da­va­mo al­me­no mezz’oret­ta a os­ser­va­re co­me lo fa­ce­va. Era ac­cu­ra­tis­si­mo. So­lo che una vol­ta mia so­rel­la Raf­fael­la, nel ti­mo­re che Ge­sù Bam­bi­no aves­se fred­do, per scal­dar­lo die­de fuo­co al­la pa­glia del Pre­se­pe e da lì all’in­te­ra stan­za di ca­sa dei miei…».

E in cu­ci­na co­sa ac­ca­de­va?

«Mam­ma pre­pa­ra­va la par­mi­gia­na di me­lan­za­ne. Le pa­na­va, le frig­ge­va, poi le met­te­va tra i to­va­glio­li per to­glie­re l’olio in ec­ces­so. E noi le ru­ba­va­mo da lì sot­to. Per­ché an­che le co­se frit­te le man­gia­va­mo so­lo a Na­ta­le».

Lo­re­da­na Lec­ci­so, 46. Per 18 an­ni è sta­ta la com­pa­gna di Al­ba­no Car­ri­si, da cui ha avu­to due fi­gli, Ja­smi­ne, 17, e Al­ba­no Jr, det­to Bi­do, 16. Da un an­no, la cop­pia si è se­pa­ra­ta, dap­pri­ma in mo­do tur­bo­len­to. Col pas­sa­re dei me­si, han­no ri­tro­va­to una ar­mo­nia per amo­re dei lo­ro due fi­gli e ora si com­por­ta­no co­me per­fet­ti “ex”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.