«A SAN SIL­VE­STRO, VI­VA LA TRA­DI­ZIO­NE»

Mil­ly Car­luc­ci Capodanno in fa­mi­glia con len­tic­chie e spu­man­te. I pec­ca­ti di go­la? Frit­ti e cioc­co­la­to ne­ro

Oggi Cucino - - SOMMARIO - Dea Ver­na

C hi lo avreb­be mai det­to? La re­gi­na del sa­ba­to se­ra Mil­ly Car­luc­ci è un’ot­ti­ma cuo­ca e ama le gio­ie del­la ta­vo­la (pur es­sen­do in for­mis­si­ma). In at­te­sa di tor­na­re a mar­zo in Tv con

stel­le, ap­pro­fit­te­rà del­le Bal­lan­do con le fe­sti­vi­tà per ri­ca­ri­car­si e go­der­si il Capodanno in fa­mi­glia.

Mil­ly, che co­sa non può man­ca­re nel­la sua ta­vo­la di Capodanno?

«Tra i miei pec­ca­tuc­ci di go­la an­no­ve­ro si­cu­ra­men­te i frit­ti di ver­du­ra e l’agnel­lo ar­ro­sto».

Il suo piat­to pre­fe­ri­to in as­so­lu­to?

«La fo­cac­cia bian­ca con ro­sma­ri­no e sa­le. Ma an­che gli spa­ghet­ti al po­mo­do­ro e le uo­va al te­ga­mi­no. Mi piac­cio­no i sa­po­ri sem­pli­ci e sen­za trop­pi con­di­men­ti».

Il ce­no­ne di Capodanno che ri­cor­da con più af­fet­to?

«Tut­ti quel­li tra­scor­si in fa­mi­glia. Que­st’an­no per me sa­ran­no fe­ste un po’ par­ti­co­la­ri, il pri­mo an­no sen­za il mio pa­pà. Un pe­rio­do di gran­di per­di­te: una gui­da co­me Bi­bi Bal­lan­di, un fra­tel­lo co­me Fa­bri­zio Friz­zi, un sag­gio con­si­glie­re co­me San­dro Mayer, pez­zi di cuo­re che han­no la­scia­to un vuo­to enor­me. È sta­to un an­no dif­fi­ci­le e si­cu­ra­men­te ho vo­glia di pas­sa­re que­sti gior­niin­sie­meai­miei.IlCa­po­dan­no­più bel­loè­quel­lo­che­pos­sia­mo­tra­scor­re­re con le per­so­ne che amia­mo».

Un ri­to a cui non ri­nun­cia?

«Non si può fe­steg­gia­re sen­za un as­sag­gio di len­tic­chie».

Per brin­da­re a mez­za­not­te, me­glio cham­pa­gne, spu­man­te o pro­sec­co?

«So­no le­ga­ta al­le tra­di­zio­ni, quin­di si­cu­ra­men­te spu­man­te o pro­sec­co. Ab­bia­mo del­le bollicine ita­lia­ne fa­vo­lo­se che non han­no ri­va­li».

Il suo Capodanno più eso­ti­co?

«Dif­fi­cil­men­te scel­go di par­ti­re in que­sto pe­rio­do. Ho fat­to ec­ce­zio­ne qual­che vol­ta an­dan­do a scia­re con la fa­mi­glia e qual­che ami­co a Cour­mayeu­roi­nal­tre­lo­ca­li­tà­scii­sti­che­del­le nostre bel­lis­si­me Al­pi. San Sil­ve­stro sot­to una col­tre di ne­ve ha sem­pre un fa­sci­no par­ti­co­la­re, un po’ ma­gi­co».

VO­LEN­TIE­RI «CUCINO FAC­CIO UN OT­TI­MO E

ZUC­CA» RI­SOT­TO AL­LA

La di­ver­te cu­ci­na­re? È una bra­va cuo­ca?

«Mi pia­ce! Quan­do pos­so, lo fac­cio vo­len­tie­ri. An­che se io e mio ma­ri­to a ca­sa man­gia­mo piat­ti mol­to sem­pli­ci, an­che per equi­li­bra­re il fat­to che sia­mo spes­so fuo­ri per la­vo­ro. Pre­pa­ro un ri­sot­to al­la zuc­ca buo­nis­si­mo».

Per ri­ma­ne­re co­sì in­for­ma, qua­li so­no i ci­bi a cui ri­nun­cia?

«La ve­ri­tà è che so co­me as­so­cia­re i ci­bi, qua­li so­no quel­li che il mio fi­si­co tol­le­ra me­no; e bi­so­gna an­che sfa­ta­re i mi­ti po­po­la­ri: la pa­sta non fa af­fat­to in­gras­sa­re, ba­sta evi­ta­re di man­giar­la scot­ta e scon­di­ta. Le pa­ta­ti­ne frit­te non so­no un pro­ble­ma, an­zi, sti­mo­la­no il la­vo­ro del no­stro fe­ga­to. Vo­ler­si be­ne è il se­gre­to per te­ner­si in for­ma». Un pec­ca­to di go­la a cui non re­si­ste? «Chi ha viag­gia­to con me du­ran­te il tour di los a be­nis­si­mo: il cioc­co­la­to non può man­ca­re

Bal­lan­do on the road mai nel­la mia bor­sa, mi dà la ca­ri­ca. Ma, sia chia­ro, non cioc­co­la­to qual­sia­si, ama­ro al­me­no all’85%. Per­ché an­che i pec­ca­ti van­no fat­ti con un piz­zi­co di fur­bi­zia».

Mil­ly Car­luc­ci, 64, da mar­zo tor­ne­rà a con­dur­re il for­tu­na­to pro­gram­ma tv Bal­lan­do con le stel­le. Dal 1985 è spo­sa­ta con l’in­ge­gne­re An­ge­lo Do­na­ti: la coppia ha due fi­gli, An­ge­li­ca e Pa­trick.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.