Fi­ni­te le ele­men­ta­ri cam­bia tut­to

PRO­FES­SO­RI AL PO­STO DEI MAE­STRI, TAN­TE MA­TE­RIE E NUO­VI AMI­CI. LE DRIT­TE PER AF­FRON­TA­RE L’AV­VEN­TU­RA

Oggi - - In Famiglia - di Ali­ce Cor­ti

A ppro­da­re al­le scuo­le me­die, si sa, è un po’ co­me at­ter­ra­re su Mar­te. Nel gi­ro di tre me­si, do­po la fi­ne del­le ele­men­ta­ri, cam­bia tut­to: al po­sto del­le mae­stre c’è un eser­ci­to di pro­fes­so­ri, si mol­ti­pli­ca­no le ma­te­rie da stu­dia­re, in clas­se ci so­no nuo­vi com­pa­gni. La pa­ro­la d’or­di­ne è af­fron­ta­re con en­tu­sia­smo que­sta av­ven­tu­ra sen­za farsi pren­de­re dal pa­ni­co. Per pre­pa­rar­si al me­glio, ab­bia­mo chie­sto aiu­to ad An­na­li­sa Stra­da, in­se­gnan­te di ita­lia­no al­le me­die, au­tri­ce di 101 co­se da fa­re per an­da­re al­le me­die e uscir­ne vi­vi (DeA­go­sti­ni) e vin­ci­tri­ce del pre­mio Andersen 2014 nel­la ca­te­go­ria li­bri ol­tre i 15 an­ni. Ec­co i suoi consigli per a chi va al­le me­die.

CONOSCI TE STES­SO

Pre­sen­ta­ti, se vuoi, in un mo­do nuo­vo, pur­ché sia il me­glio di te: vie­ta­to bluf

fa­re, non fa­re il du­ro se in­ve­ce sei fra­gi­le. Spe­ri­men­ta sen­za pau­ra il tuo po­sto nel mon­do: per esem­pio, se vuoi cam­bia­re gu­sti­mu­si­ca­li, cam­bia­li, sen­za pre­oc­cu­par­ti del giudizio de­gli al­tri.

CON I DO­CEN­TI

Stu­dia­li e cer­ca di ca­pi­re co­me re­la­zio­nar­ti con lo­ro per da­re il me­glio sui ban­chi. Ot­ti­miz­za il tuo tem­po: vi­sto che ti do­vrai al­za­re al­le 7, sta­re in clas­se e fa­re i com­pi­ti, for­za!, fai fa­ti­ca e “as­sor­bi” tut­te le no­zio­ni che puoi.

CON I COM­PA­GNI

Di­ver­si com­pa­gni del­le ele­men­ta­ri sa­ran­no in un’al­tra clas­se: ri­cor­da­ti che l’ami­ci­zia va ol­tre lo sta­re nel­la stes­sa au­la, con al­cu­ni ri­mar­rai ami­co a vi­ta. Tra i nuo­vi com­pa­gni, ce ne sa­ran­no di sim­pa­ti­ci e an­ti­pa­ti­ci. Ec­co la “stra­te­gia” con gli an­ti­pa­ti­ci: pro­va ad av­vi­ci­nar­li e a ca­pi­re un po’ più di lo­ro, an­ch’es­si han­no de­gli aspet­ti in­te­res­san­ti da sco­pri­re. Vi­sto che do­vrai con­di­vi­de­re tre an­ni di scuo­la, fo­ca­liz­za­ti sui lo­ro aspet­ti po­si­ti­vi: se ti con­cen­tre­rai sui lo­ro pre­gi, an­ch’es­si sa­ran­no più fe­li­ci di con­di­vi­de­re del tem­po con te.

SE TI SENTI A DI­SA­GIO

Pen­sa che è un’età di cam­bia­men­to ed evol­ve­rai. Quin­di, tro­va i tuoi pun

ti di for­za da 11en­ne: per esem­pio, ave­re i ca­pel­li ric­ci, o far ri­de­re più de­gli al­tri, o sa­per di­se­gna­re be­ne, o che la­mam­ma si­fi­da­di te­per­por­ta­re fuo­ri il ca­gno­li­no, o ave­re tan­ti ami­ci... Ini­zia a scri­ver­ne uno e, quan­do ne in­di­vi­dui un al­tro, ag­giun­gi­lo al­la li­sta. Al­la fi­ne dell’an­no sco­la­sti­co, ve­drai co­me sei cam­bia­to.

LA PRI­MA IN­SUF­FI­CIEN­ZA

Ri­cor­da­ti che il vo­to di un com­pi­to in clas­se è il giudizio da­to al­la pro­va svol­ta, una mi­su­ra­zio­ne per ca­pi­re co­me ti sei pre­pa­ra­to, non è il vo­to da­to a te co­me per­so­na. Sa­per per

de­re è fon­da­men­ta­le, an­che ar­ri­va­re se­con­di o ter­zi in una ga­ra non è un fal­li­men­to: è una per­for­man­ce per pre­pa­rar­si a ec­cel­le­re in fu­tu­ro.

PEN­SA PO­SI­TI­VO Nei rap­por­ti con gli al­tri e con te stes­so.

L’ESPER­TA Nel ton­do, An­na­li­sa Stra­da. A si­ni­stra, il suo 101 co­se da fa­re per an­da­re al­le me­die e uscir­ne vi­vi (DeA­go­sti­ni)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.